giovedí, 13 maggio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

sport    regate    manifestazioni    persico 69f    rolex capri sailing week    pesca    circoli velici    velista dell'anno    j24    ambiente    meteor    m32    assonat    nomine    vele d'epoca   

VENDÉE GLOBE

Vendée Globe, Capo Horn: l'urlo di Bestaven

vend 233 globe capo horn urlo di bestaven
redazione

Da solo, navigando verso nord est in preda a venti e mari burrascosi, passando 85 miglia a sud della famosa solitaria isoletta rocciosa, Yannick Bestaven ha finalmente superato Capo Horn questo pomeriggio, segnando in un istante la fine della sua vittoriosa cavalcata negli Oceani del Sud e l'inizio delle 7.000 miglia di risalita verso casa, a Les Sables d'Olonne.

 

Quando Bestaven ha doppiato il mitico faro, alle 13:42 ore UTC questo sabato pomeriggio 55 giorni e 22 minuti dopo la partenza del Vendée Globe di domenica 8 novembre, ha concluso anche la sua prima navigazione negli oceani del Sud con un grande successo. Già vincitore della Mini-Transat e due volte vincitore della Transat Jacques Vabre in Class 40, Bestaven, che non aveva mai corso a sud del Brasile meridionale prima d'ora, è stato tra i primi tre della flotta fin dalle Isole Kerguelen e ha preso il comando poco prima della Tasmania. Ha sempre navigato veloce con il suo progetto VPLP Verdier 2015 ben preparato e affidabile, che ha conservato per assicurarsi di iniziare la scalata atlantica con la sua barca ed essere al 100% del potenziale o vicino ad esso.

 

Mentre passava l’Horn era più di 160 miglia davanti al secondo classificato, Charlie Dalin (Apivia), con il terzo classificato Thomas Ruyant a circa 458 miglia. Per Bestaven è stata una liberazione oltre che un successo, dopo un paio di giorni molto intensi e duri di regata sulla parte anteriore di un sistema a bassa pressione,  con il suo vantaggio conservato e la sua barca intatta. Il passaggio attraverso il Pacifico è stato punteggiato da quattro giorni intorno a Natale con venti molto leggeri, quando sembrava esserci la possibilità che Bestaven e Dalin potessero essere ripresi, ma lui ha navigato in modo impeccabile, spingendo sempre con forza su percorsi veloci e diretti lungo la zona di esclusione antartica.

 

E senza dubbio l'enorme urlo di Bestaven al terzo dei tre Grandi Capi del percorso ha esorcizzato ulteriormente il fantasma del suo unico e precedente tentativo al Vendée Globe, quando è stato messo fuori gioco subito, in una brutale tempesta nel Golfo di Biscaglia a sole 24 ore circa dalla partenza del 2008.

 

Yannick è anche uno dei tre skipper rimasti in gara che hanno aiutato nella ricerca di Kevin Escoffier quando ha dovuto abbandonare PRB il 30 novembre. E così, mentre il suo vantaggio su Dalin è di 160 miglia in questo momento, Bestaven ha anche altre 10 ore e 15 minuti in più per l'assegnazione da parte della Giuria Internazionale del compenso per il tempo impiegato per aiutare nella ricerca.

 

Il tempo di passaggio di Bestaven dalla partenza delle Sables d'Olonne è più di otto giorni più lento del record di 47 giorni stabilito da Armel Le Cléac'h nel 2016 e tre giorni più lento dei 52 giorni del 2012 di François Gabart e di un giorno e 15 ore più veloce di Michel Desjoyeaux nel 2008.

 

"Sono testardo, questo è uno dei miei grandi difetti, ma anche una delle mie qualità" ha rivelato l'ingegnere di Arcachon sui pontoni di Les Sables d'Olonne qualche giorno prima della partenza. "Sono anche molto resistente. E ho una mente forte in condizioni difficili". Come ha dimostrato nell'ultimo mese nell'Oceano del Sud, dove è cresciuto in abilità e statura.

 

Bestaven ha detto questa mattina "Ho dovuto credere nelle mie opzioni e nel mio percorso senza preoccuparmi troppo di ciò che i miei concorrenti potevano fare. Ho dovuto essere testardo, soprattutto quando sono rimasto lungo la barriera di ghiaccio. Ma non pensavo che si potesse andare così lontano nel corpo umano per superare fisicamente e mentalmente tutto lo stress, il freddo, l'umidità, la solitudine. Ci sono stati dei momenti magici e dei momenti molto duri, come quando ero sul ponte nel cuore della notte a chiedermi cosa diavolo ci facessi lì".

 

@font-face {font-family:"MS 明朝"; panose-1:0 0 0 0 0 0 0 0 0 0; mso-font-charset:128; mso-generic-font-family:roman; mso-font-format:other; mso-font-pitch:fixed; mso-font-signature:1 134676480 16 0 131072 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:"Cambria Math"; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:Cambria; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}.MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}div.WordSection1 {page:WordSection1;}


02/01/2021 19:07:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

FIV e SailGP I dettagli del programma "Inspire" a Taranto

Nel week end del 5 e 6 giugno, Taranto sarà lo stadio nautico dell’Italy Sail Grand Prix. Già dal primo giugno partirà nel capoluogo ionico ‘Inspire’, il programma di iniziative collaterali che SailGP dedica a tutti i territori toccati dal circuito

Meteor: in corso a Santa Marinella il Trofeo del Timoniere

Trofeo del Timoniere è giunto a Santa Marinella. Diavolo a 4 conduce vince la classifica provvisoria dell’ultima tappa. Oggi i vincitori anche del Trofeo Carlo d’Amelio

XXVII Campionato Italiano Este24: Ricca D’Este 27 mantiene la rotta

La seconda giornata di regate a Porto Ercole ha ribadito la consistenza di Lorenzo Rossi ed il team di Ricca D’Este27, che con due terzi ed un secondo posto, primeggia in classifica, scartando già una prova

Windsurf: 25 nodi di garbino inaugurano il Memorial Ballanti-Saiani

Il primo evento ufficiale della futura classe olimpica iQFoil al Memorial Ballanti-Saiani viene battezzato con 25 nodi di garbino: spettacolo, ma anche diversi ritiri per i più giovani il bilancio della prima giornata di gare

Il "Triplete" di Giovanni Soldini

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini conquistano il primato sulla rotta originale del Fastnet. Tris di record nella Manica per il trimarano italiano. 595 miglia in 23 ore, 51 minuti e 16 secondi

Portofino: spettacolo alla Splendido Mare Cup

Regate di Primavera – Portofino. Splendido Mare Cup - 5 - 9 maggio 2021. Giornata memorabile in mare per il primo giorno di regate

A Porto Corsini (RA) iniziata la Coppa Italia Techno 293 per il Memorial Ballanti-Saiani

Ancora forte garbino a Ravenna: iniziata la II tappa di Coppa Italia della classe giovanile Techno 293; concludono le prime tre regate solo gli atleti della categoria Techno Plus

Italiano Este 24: Ricca d'Este 26 si conferma campione

XXVII Campionato Italiano Este24 : Lorenzo Rossi con Ricca d’Este 27 è ancora Campione . Medaglia d’argento a Alessandro M. Rinaldi con il suo team CCANIENE e medaglia di bronzo a Marco Flemma con il suo Ricca d’Este 37

Coppa Regina d’Olanda: Luduan 2.0 Asso Pigliatutto

Dopo una lunga astinenza, le barche d’altura del medio Tirreno sono tornate a regatare, sfidandosi nella 44°edizione della Coppa Regina d’Olanda

Soldini, altro giro altro record

Nel mirino di Giovanni ora c'è il record sul percorso originale del Fastnet. Tempo da battere:25 ore, 4 minuti e 18 secondi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci