lunedí, 16 dicembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

campionati invernali    campionato invernale riva di traiano    moth    maltempo    porti    vele d'epoca    solidarietà    circoli velici    j70    press    optimist    regate    vela olimpica   

NAUFRAGIO

Velisti scomparsi, appello a Mattarella: "Sono vivi, cercateli"

velisti scomparsi appello mattarella quot sono vivi cercateli quot
redazione

La famiglia di Aldo Revello, lo skipper italiano scomparso da mercoledì scorso in Atlantico insieme al suo coskipper Antonio Voinea, ha lanciato un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, affinché chieda alle autorità portoghesi di riprendere le ricerche in mare, tra le isole Azzorre e la costa portoghese. Sabato sera è scattato lo stop previsto dai protocolli dopo 72 ore, ma la moglie, Rosa Cilano, ha affermato che secondo lei il marito e Antonio "si trovano sulla zattera di salvataggio, con ami, cibo e tutto l'occorrente per sopravvivere diversi giorni". 

"Faccio un appello al presidente della Repubblica, alla Farnesina, ad Amnesty International, a chiunque possa darci una mano per far riprendere subito le ricerche. Sono sicura che sono ancora vivi -  ha dichiarato Rosa Cilano – e spero con tutto il cuore che qualcuno mi ascolti perché qui ci sono anche una bambina di quattro anni e mezzo una ragazza di 17 che attendono che il loro papà torni a casa. L'unica cosa che ci hanno detto è che avrebbero ripreso le ricerche solo ed esclusivamente se ci fosse stato un avvistamento reale di qualcosa di concreto – ha detto Rosa Cilano - che potrebbe essere la zattera oppure un pezzo di barca. E' l'unica maniera. Noi lanciamo un appello al presidente del Consiglio, al presidente della Repubblica, alla Farnesina, a Emergency e a chiunque ci possa aiutare a poter far riprendere queste ricerche". 

"La situazione è ferma a ieri - ha aggiunto la moglie di Revello - Noi chiediamo che queste ricerche vengano riaperte perché siamo convinti che loro sono ancora lì, sono in mare. Dall'ambasciata e dalla Farnesina non abbiamo avuto allo stato attuale nessun'altra notizia tranne che ormai le ricerche sono state chiuse e ci sono le indagini di routine in corso. Ci potrebbe magari essere la possibilità che abbiano urtato un container piuttosto che una balena. Di conseguenza a questo punto torniamo al fatto che loro sono certamente sulla zattera. Perché, anche se scontri un container, hai tutto il tempo per riuscire a tirare giù la zattera che oltretutto è in un posto accessibilissimo, accedervi e metterti in salvo. Mio marito ha sempre avuto sangue freddo a gestire situazioni faticose e problemi. Se hanno urtato qualcosa sono su quella zattera". 

 

Dei due velisti e della loro barca, il Bright di ritorno dalla Martinica, non si hanno più notizie da mercoledì scorso quando è stato registrato l'ultimo segnale satellitare pervenuto dal largo delle Azzorre, dove i due avevano fatto tappa ripartendo verso Gibilterra in condizione di mare considerate favorevoli e con buona visibilità. All'improvviso, poco prima delle 14 del 2 maggio, l'Epirb, il trasmettitore di soccorso a bordo del Bright, si è attivato e dopo circa 1 minuto e mezzo ha smesso di trasmettere il segnale. Da lì si sono attivate le ricerche, da parte del coordinamento di Soccorso Marittimo Portoghese competente sulla zona, con mezzi aerei e marittimi ma fino ad ora senza esito. Mentre si cerca di capire cosa possa essere accaduto all'imbarcazione, le ipotesi circolanti riguardano un possibile urto con rifiuti o un container a pelo d'acqua.

 A bordo dell'imbarcazione è presente una zattera di salvataggio come sottolinea la moglie si trova in un'area accessibile. Una volta gettata in mare si apre automaticamente: secondo la donna in caso di urto con un container ci sarebbe stato il tempo per i due skipper di mettersi in salvo prima dell'avaria della barca, proprio a bordo del mezzo di sicurezza dotato di cibo e sostentamento per 10 persone. Sull'ipotesi invece non confermata di una possibile collisione con una nave la moglie di Revello sottolinea: "Non credo, non è una notizia chiara e certa. Torniamo al fatto che erano le 2 del pomeriggio, è impossibile che tutti e due in quel momento si fossero appisolati, era orario di pranzo, non c'è ragione. In più la visibilità era ampia". "Una barca a vela - conclude Rosa Cilano - è molto lenta, va a 7 nodi. Se anche vai giù a dormire ogni ora ti alzi e vai a vedere. Mio marito è sempre stato una persona che ogni ora in qualsiasi circostanza esce fuori a controllare. E se ogni ora esci fuori e controlli l'orizzonte, se non vedi nulla non fai in tempo in un'ora a raggiungere una nave, non c'è possibilità. C'è qualcosa che non torna".

 


06/05/2018 13:10:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Argentario: per l'Invernale è stato un bel week-end di regate

Sabato 7 e domenica 8 dicembre si sono disputate le regate della quarta e quinta giornata del XII Campionato Invernale di Porto Santo Stefano

Claudia Rossi e Petite Terrible vincono il J70 South American Championship

La barca italiana ha infatti conquistato il titolo Sud Americano di questo performante monotipo, superando l'agguerrita concorrenza di una nutrita serie di avversari

Al Circolo Surf Torbole il pensiero è già alla nuova tavola olimpica iFoil

Circolo Surf Torbole: bilancio sportivo 2019 pensando al 2020 e già proiettati nella nuova tavola olimpica iFoil

La Lega Navale di Napoli al fianco di Telethon

Anche quest’anno, la Lega Navale di Napoli e la Marina Militare Italiana insieme a dare il loro contributo a Telethon per la raccolta di fondi contro le malattie genetiche

Otranto: IV regata "Più Vela Per Tutti"

Dopo circa un mese dall’ultima regata – uno stop dovuto alle avverse condizioni meteo – torna nelle acque di Otranto la flotta di ‘Più Vela Per Tutti’

Varese: aperte le iscrizioni al 7° Convegno di Barche d’Epoca

Torna a Varese il più importante appuntamento annuale dedicato al mondo della marineria tradizionale e delle barche in legno aperto alla partecipazione di tutti

Arcadia Yachts al BOOT 2020 con lo SHERPA XL

Sono trascorsi dieci anni da quando per la prima volta venne presentato al pubblico, proprio durante il BOOT Düsseldorf 2010, il primo A85, introducendo così un nuovo concetto di yacht.

Après le déluge…la regata!

Ancora un allerta meteo per Riva di Traiano (e non solo), ma domenica le regate dovrebbero essere regolari

Invernale Fiumicino: assegnato il Trofeo Aldo De Musis

Assegnato sabato scorso il Trofeo De Musis. Le 80 imbarcazioni di nuovo in acqua il 12 gennaio

Invernale Tigullio: tre prove nel week-end

Week end ricco di emozioni tra Rapallo, Portofino e Santa Margherita Ligure, con un sabato caratterizzato da uno scirocco di 10-15 nodi e una domenica con una quasi totale assenza di vento

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci