mercoledí, 18 settembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

giancarlo pedote    guardia costiera    star    ambiente    ferretti group    attualità    barche d'epoca    press    aziende    este 24    regate    windsurf    vele d'epoca    roma giraglia    circoli velici    gc32    j24   

YACHT CLUB COSTA SMERALDA

Una Loro Piana Superyacht Regatta orfana di My Song

una loro piana superyacht regatta orfana di my song
redazione

Si aprirà lunedì 3 giugno con le registrazioni e i briefing la dodicesima edizione della Loro Piana Superyacht Regatta, uno degli eventi di maggior spicco dello Yacht Club Costa Smeralda. Tra regate ed eventi sociali si proseguirà fino a sabato 8 giugno.

In banchina saranno allineati 20 superyacht compresi tra i 24 metri e i 52 circa, di cui ben 8 Southern Wind Shipyard che concorreranno per il trofeo loro dedicato, il Southern Wind Rendezvous and Trophy.

Questa edizione sarà purtroppo orfana di My Song, il Baltic 130' del socio YCCS Pier Luigi Loro Piana che, come già ampiamente riportato dai media, è andato purtroppo perduto in mare rientrando dai Caraibi. Mentre la dinamica dell'incidente è oggetto di investigazione, lo YCCS e tutta la comunità dello yacht racing esprimono vicinanza all'armatore e al team per la perdita di una barca già entrata nella storia dello yachting.

Lo yacht più lungo, con i suoi 51 metri e 70 centimetri è Q, un progetto di Ed Dubois costruito da Alloy Yachts nel 2008. Lo yacht di più recente varo è il Southern Wind 105 piedi Kiboko Tres, varato a ottobre del 2018 e al debutto in regata. Lo yacht più antico è una new entry per la LPSYR: si tratta di una goletta ad armo aurico, Mariette of 1915, lunga 39 metri e varata in quell'anno dagli scali del cantiere di Herreshoff a Bristol Rhode Island, sulla East Coast statunitense. 

Se Mariette è l'unico yacht realmente d'epoca, fa ritorno nelle acque della Costa Smeralda con un nuovo armatore Meteor, una goletta dalle linee classiche costruita in Olanda nel 2007 su progetto dello studio Dykstra Naval Architects. Allo stesso studio si deve anche il progetto per ricostruire il J Class Rainbow sulle medesime linee dell'originale del 1934, voluto da Harold Vanderbilt per difendere l'America's Cup e presente alla LPSYR. La prima settimana di giugno vedrà dunque riunita a Porto Cervo una flotta in grado di raccontare la storia e l'evoluzione del grande yachting dai primi del 1900 a oggi. 

Tra le novità di questa edizione un giorno in più di durata dell'evento, che permetterà eventuali recuperi in caso di meteo avverso piuttosto che un giorno di riposo programmato per il 6 giugno. Il programma della flotta dei Southern Wind prevede invece regate costiere quotidiane senza giorni di riposo. L'intera flotta, suddivisa in Superyacht-Cruising e Superyacht-Performance, competerà con la formula dello staggered start, partenze individuali scaglionate, il primo giorno di regate mentre dalla seconda giornata ci saranno partenze staggered solo per i Superyacht-Cruising e partenze di flotta per i Superyacht-Performance.

Negli eventi di superyacht, il programma sociale a terra ricopre un'importanza significativa: oltre all'esclusiva cena per gli armatori prevista il 5 giugno allo YCCS, e al tradizionale "after race drink" quotidiano per gli equipaggi, il 7 giugno verrà organizzato sul Molo A della marina il Sunset Party, mentre la mattina successiva 8 giugno, dichiarata Giornata Mondiale degli Oceani, è previsto il "YCCS Clean Beach Day" supportato dalla One Ocean Foundation, il progetto per la tutela del mare voluta dallo Yacht Club Costa Smeralda in occasione del suo 50° Anniversario. 

 


30/05/2019 16:03:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La Voce del Mare, un film di Fabio Dipinto sul rapporto tra l’uomo e il mare

La Voce del Mare - da un’idea di Marco Simeoni, regia di Fabio Dipinto è un film documentario (Italia, 83’) che intende raccontare, da diverse angolazioni e punti di vista, le emozioni universali e il rapporto che l’uomo ha instaurato con il mare

Vele d’epoca: Pia, Nembo II, Flora e Shahrazad vincono l’lnternational Hannibal Classic 2019

Pia del 1936 nella categoria ‘Epoca’, Nembo II del 1964 tra le ‘Classiche’, Flora nei Classici FIV e Shahrazad nella categoria ‘Sciarrelli’

Campionato Italiano Este24: vince Ricca D’Este 27 di Federica Archibugi

Con grande consistenza tattica, Ricca d’Este 27 di Federica archibugi si laurea Campione Italiano della Classe Este24, davanti a Ricca D’Este 37 di Marco Flemma, medaglia d’argento e a La Poderosa 2.0 di Roberto Ugolini, medaglia di bronzo.

Melges 20: il titolo europeo va a Brontolo di Filippo Pacinotti

Un risultato conquistato con pieno merito e con una prova di anticipo dopo una battaglia durissima con il campione uscente (e numero 1 della ranking mondiale) Russian Bogatyrs di Igor Rytov a cui va la medaglia d’argento

Alinghi primo leader della GC32 Riva Cup

Nelle cinque prove odierne, corse con un'Ora dagli 8 ai 13 nodi, il team svizzero non si è mai piazzato peggio di terzo e, ha concluso in testa con quattro punti di vantaggio sugli austriaci di Red Bull Sailing Team

Europeo Melges 20: il leader è Nika di Vladimir Prosikhin

In vetta alla graduatoria generale c'è il veterano russo Nika di Vladimir Prosikhin con lo statunitense Morgan Reeser alla tattica. Al secondo posto il connazionale e detentore del titolo europeo Russian Bogatyrs di Igor Rytov

Figaro: il Tour de Bretagne va a Alexis Loison e Frédéric Duthil

Per Giancarlo Pedote e Anthony Marchand un buon nono posto che consente alla coppia di affiatarsi in vista dei successivi impegni sull'Imoca 60

Desenzano: concluso con la vittoria di Leno2 il XII Campionato Provinciale per velisti diversamente abili

Con la vittoria della Squadra Leno 2 della Cooperativa C.D.D. Collaboriamo di Leno formata da Lucrezia Bertoletti, Ravinder Singh e dall’educatrice Emanuela Mombelli, si è conclusa XII edizione del Campionato Provinciale per velisti diversamente abil

La Fiv premia le "sue" medaglie olimpiche

Alessandra Sensini:"Le medaglie sono tanta fatica e sacrificio, allenamento intenso per tutto il quadriennio"

Offshore: finisce in tragedia il record sulla Montecarlo/Venezia

L'imbarcazione si è schiantata su una diga prima dell'arrivo ed era condotta dal pluricampione Fabio Buzzi, deceduto insieme a due piloti inglesi che lo accompagnavano nel tentativo di record

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci