mercoledí, 27 gennaio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cultura    press    the ocean race europe    vendée globe    giancarlo pedote    cambusa    vendee globe    laser    america's cup    trofeo jules verne    porti    trasporto marittimo    fiv    guardia costiera    ambiente   

LASER RADIAL

Tre prove al mondiale femminile Laser Radial

tre prove al mondiale femminile laser radial
redazione

Quinto e penultimo giorno di regate al Mondiale del singolo olimpico femminile Laser Radial a Melbourne: altre tre prove e programma ormai quasi del tutto recuperato, alla vigilia della giornata conclusiva venerdi 28. Condizioni meteo sempre impegnative per le timoniere, anche se l'intensità del vento si è attenuata: si è corso con 10-12 nodi nella prima prova, aumentato poi a 15-18 nelle successive, ma con una forte oscillazione che ha reso difficili le scelte tattiche.
 
In testa c'è l'accelerazione decisiva della supercampionessa in carica e oro olimpico di Rio 2016, l'olandese Marit Bouwemeester (1-24-10) che ha accumulato ben 24 punti di vantaggio sulle inseguitrici, che si sono avvicendate in una classifica rivoluzionata: al secondo posto c'è adesso la norvegese Line Flem Host (6-5-3 di giornata), al terzo la danese Anne Marie Rindom (bronzo di Rio 2016) (20-15-4) e al quarto la polacca Magdalena Kwasna che supera la belga Emma Plasschaert. 
 
Fuori dalla zona podio due favorite d'obbligo come l'irlandese Annalise Murphy (argento di Rio 2016) ottava anche per una partenza anticipata (UFD-2-2 di giornata), e l'inglese Alison Young decima con tre prove negative (19-33-22). Questo alternarsi di piazzamenti è indicativo della difficoltà del campo di regata, che poche veliste possono dire di aver compreso del tutto.
 
Tra le timoniere più in evidenza in questa giornata c'è l'azzurra Silvia Zennaro (Fiamme Gialle, ex olimpica a Rio 2016) che fa un balzo in classifica dal 38° al 23° posto (17° per nazione escludendo le atlete con la stessa bandiera), grazie a tre manche di vertice (12-10-6), Con altre tre prove a disposizione nel giorno conclusivo, l'atleta veneta può tentare di scalare ancora posizioni per chiudere al meglio questo Mondiale. Non brillante invece la giornata per la giovane livornese Matilda Talluri (CN Livorno) che scende al 51° posto delle flotta Gold (50-42-36 di giornata).
 
Le altre azzurre nella flotta Silver, come era prevedibile si battono per i primi posti del raggruppamento: Carolina Albano (Fiamme Gialle) è prima con 1 punto di vantaggio sulla canadese Clara Gravely, grazie a tre belle manche (5-1-10), mentre Joyce Floridia (Fiamme Gialle) è quarta a 10 punti da lei con risultati simili (1-5-15). La genovese Valentina Balbi (Yacht Club Italiano) è settima sempre della flotta Silver con risultati in crescita (22-14-5) e Francesca Frazza (FV Peschiera) è al 15° Silver (17-16-8).
 
Il campionato si chiude domani con previsioni variabili e l'intenzione di correre due o tre prove. In palio il titolo iridato nell'anno olimpico, il podio e parecchie selezioni di varie nazioni per Tokyo 2020. 

 

CAROLINA ALBANO (Timoniera Laser Radial)
"Prime due prove con vento molto instabile e oscillante, per cui era molto importante capire da dove arrivavano le raffiche per agganciarle. Nella prima regata ero in testa ma ho fatto un errore che mi è costato quattro barche chiudendo quinta. Invece la seconda l'ho vinta, riuscendo a prendere prima delle altre le pressioni distanziandosi dalla flotta. Nella terza invece ho interpretato un po' male il campo. Giornata difficile perchè qua il vento è sempre forte, campo complicato, serve sempre essere concentrati su ogni raffica."
 
JOYCE FLORIDIA (Timoniera Laser Radial)
"Prima giornata in Silver, nelle prime due regate ho fatto delle buone prime boline, ho vinto la prima prova sfruttando qualche errore di chi era davanti, mentre nell'ultima ho impostato male la chiusura della prima bolina, girando molto in ritardo e riuscendo pian piano a recuperare fino alla quindicesima posizione. Sono comunque contenta della giornata, perchè anche in Silver Fleet è sempre difficile portare a casa buone prove."

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

L'Europeo Laser Masters 2021 entra nel calendario del Circolo Vela Gargnano

In gara ci saranno gli Over 35 di tutto il Vecchio continente con un bel gruppo di ex velisti olimpici, con ancora tanta voglia di gareggiare con questo singolo, nella versione Radial anche categoria Femminile

Vendée Globe: un vincitore c'è già ed è Jean le Cam

Jean Le Cam e Damien Seguin sono i primi tra i no-foil ed entrambi autori di una corsa eccezionele - Video dei piccoli fan di Jean le Cam

Trofeo Jules Verne: timone rotto per Gitana 17 che fa rotta verso Cape Town

Non possiamo riparare un danno del genere in mare e non possiamo più usare il nostro timone. Lo abbiamo sollevato e ora stiamo navigando a babordo senza timone. Siamo al sicuro, ma non siamo in grado di andare veloce

Volando sull'acqua da Ventimiglia a Montecarlo

Varato Monaco One, il catamarano di Monaco Ports per lo shuttle service con Cala del Forte – Ventimiglia.

Vendée Globe: una poltrona per tre

Mancano solo cinque giorni, o meno di 2000 miglia, al termine della nona edizione del Vendée Globe e per i primi skipper il finale è ancora aperto

Come vincere il Vendée Globe nelle ultime 100 miglia

Secondo i calcoli al computer e le previsioni meteo, i primi skipper dovrebbero tagliare la linea mercoledì 27, in un arco temporale di poche ore. Allungata la linea di arrivo.... non si sa mai arrivassero insieme!

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci