mercoledí, 18 settembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

giancarlo pedote    guardia costiera    star    ambiente    ferretti group    attualità    barche d'epoca    press    aziende    este 24    regate    windsurf    vele d'epoca    roma giraglia    circoli velici    gc32    j24   

TROPHY

Spagna pigliatutto al The Nations Trophy

spagna pigliatutto al the nations trophy
redazione

La Spagna ha vinto la prima edizione del The Nations Trophy che è terminato oggi a Palma di Maiorca, evento organizzato dal Real Club Nautico de Palma in collaborazione con Nautor's Swan. Hanno partecipato ventotto Swan One Design provenienti da undici nazioni (Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Spagna, Svezia, Svizzera e Russia).
Il Nations Trophy, trofeo realizzato da Buccellati, maison di alta gioielleria e argenteria tra le più famose al mondo, è stato attribuito in base ai risultati odierni combinati delle due barche della stessa nazione che hanno ottenuto i migliori piazzamenti. Avendo vinto sia nella classe Swan 45 sia nella ClubSwan 42, la Spagna si è imposta con autorevolezza, con l'Italia al secondo posto e la Germania al terzo.
Leonardo Ferragamo, Chairman di Nautor's Swan, al termine della premiazione in nell'affollata terrazza del Real Club Nautico de Palma, ha espresso tutta la sua  soddisfazione per il successo della prima edizione del The Nations Trophy: "Scommessa vinta. Ringrazio tutti coloro che insieme a noi hanno creduto a questo progetto: BMW, Buccellati, Edmond de Rothschild e il Real Club Nautico de Palma. . Avevamo la ragionevole certezza che questa formula avrebbe incontrato il favore del nostro mondo. Questa prima edizione del The Nations Trophy rappresenta un passo ambizioso per il rilancio, con modalità innovative, del concetto di sfida tra nazioni nello sport della vela, che vede importanti riferimenti nel passato, uno per tutti l’Admiral's Cup, antesignana di questo format dal 1957 al 2003. La cadenza del The Nations Trophy sarà biennale. All'inizio del prossimo anno annunceremo la località dove si svolgerà il The Nations Trophy 2019."
Nell'ambito dello stesso evento le tre classi Swan One Design hanno disputato i loro campionati. Quello Europeo per le classi ClubSwan 50 e ClubSwan 42 con le vittorie rispettivamente di Earlybird e di Nadir, mentre il Campionato del Mondo Swan 45 è andato a un altro team spagnolo, quello di Porron IX.
Le regate sono state molto combattute e decise sul filo dei secondi nella migliore tradizione degli One Design: fino a questa mattina, infatti, soltanto Nadir nella classe ClubSwan 42 aveva la ragionevole certezza della vittoria, mentre nelle altre due classi si è combattuto fino all'ultimo bordo.
L'Italia, con sei imbarcazioni iscritte, è stata la nazione più rappresentata. Il bilancio finale degli azzurri vede un secondo posto nella classifica per nazioni grazie ai risultati di Cuordileone il ClubSwan 50 di Leonardo Ferragamo e del Far Star Sailing Team sul ClubSwan 42 di Lorenzo Mondo. Gli equipaggi di queste due imbarcazioni salgono anche sul terzo gradino del podio dei rispettivi campionati.
Sul fronte meteo la baia di Palma oggi ha finalmente confermato la sua fama e gli equipaggi hanno potuto così regatare con un vento tra i 12 e i 14 nodi, che ha consentito a barche ed equipaggi di esprimere tutto il loro potenziale tra le boe
 
Campionato Europeo ClubSwan 50 
Vittoria finale per i tedeschi di Earlybird, tattico l'olimpionico e vincitore di due America's Cup Jochen Schumann. Anche un pò d'Italia a bordo di Earlybird con il romano Diego Battisti in forza al team ormai da una stagione.
Al secondo posto l'equipaggio russo di Bronenosec, con una forte connotazione italiana grazie alla presenza a bordo di Alberto Barovier nel ruolo di tattico e team manager oltre a Cristian Griggio, Lorenzo De Felice e Davide Pescuma.
Terzo posto infine per Cuordileone di Leonardo Ferragamo e quarto posto per Ulika di Andrea Masi.
 
Campionato del Mondo Swan 45 
Gli spagnoli di Porron IX si laureano campione del mondo di classe, seguiti in seconda posizione dagli olandesi di Motions. Terzi a pari punti gli italiani di Aphrodite (armatore Pier Francesco Di Giuseppe). Il campionato è stato molto combattuto fino all'ultimo e il fatto che tra il primo e il terzo classificato ci siano soltanto due punti ne sono la miglior prova.
 
Campionato del Mondo ClubSwan 42 
Ancora un equipaggio spagnolo in testa alla classifica finale del Campionato Europeo della classe ClubSwan 42: il titolo continentale dunque va a Nadir di Pedro Vaquer, con un altro team spagnolo al secondo posto: Pez de Abril di Jose Maria Meseguer. Sul terzo gradino del podio sale l'equipaggio azzurro di Far Star (Lorenzo mondo l'armatore) con altri due italiani al quarto e al quinto posto: Digital Bravo di Alberto Franchi e Mela di Andrea Rossi.
 
The Nations Trophy 2017 – Risultati finali
 
The Nations Trophy 2017 (11 nazioni)
1. Spain (2)
2. Italy (6)
3. Germany (6)
 
Campionato Europeo ClubSwan 50 (11 team)
1. Earlybird (GER), Hendrik Brandis, 1+8+4+4+1+3+3+5=29
2. Bronenosec (RUS), Vladimir Liubomirov, 3+2+7+12(OCS)+4+5+1+1=35
3. Cuordileone (ITA), Leonardo Ferragamo, 2+1+5+6+9+6+4+2=35
 
Campionato del Mondo Swan 45 (9 team)
1. Porrón IX (ESP), Luís Senís, 1+1+2+4+6+8+2+5=29
2. Motions (NED), Lennard Van Oeveren, 6+5+5+3+1+1+6+4=31
3. Aphrodite (ITA), Pier Drancesco di Giuseppe, 3+9+1+5+5+3+3+2=31
 
Campionato Europeo ClubSwan 42 (8 team)
1. Nadir (ESP), Pedro Vaquer, 3+3+2+1+1+1+1+6=18
2. Pez de Abril (ESP), José María Meseguer, 1+4+6+4+2+6+2+3=28
3. Far Star (ITA), Lorenzo Mondo, 2+1+3+5+4+7+7+1=30


15/10/2017 00:15:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La Voce del Mare, un film di Fabio Dipinto sul rapporto tra l’uomo e il mare

La Voce del Mare - da un’idea di Marco Simeoni, regia di Fabio Dipinto è un film documentario (Italia, 83’) che intende raccontare, da diverse angolazioni e punti di vista, le emozioni universali e il rapporto che l’uomo ha instaurato con il mare

Vele d’epoca: Pia, Nembo II, Flora e Shahrazad vincono l’lnternational Hannibal Classic 2019

Pia del 1936 nella categoria ‘Epoca’, Nembo II del 1964 tra le ‘Classiche’, Flora nei Classici FIV e Shahrazad nella categoria ‘Sciarrelli’

Campionato Italiano Este24: vince Ricca D’Este 27 di Federica Archibugi

Con grande consistenza tattica, Ricca d’Este 27 di Federica archibugi si laurea Campione Italiano della Classe Este24, davanti a Ricca D’Este 37 di Marco Flemma, medaglia d’argento e a La Poderosa 2.0 di Roberto Ugolini, medaglia di bronzo.

Melges 20: il titolo europeo va a Brontolo di Filippo Pacinotti

Un risultato conquistato con pieno merito e con una prova di anticipo dopo una battaglia durissima con il campione uscente (e numero 1 della ranking mondiale) Russian Bogatyrs di Igor Rytov a cui va la medaglia d’argento

Alinghi primo leader della GC32 Riva Cup

Nelle cinque prove odierne, corse con un'Ora dagli 8 ai 13 nodi, il team svizzero non si è mai piazzato peggio di terzo e, ha concluso in testa con quattro punti di vantaggio sugli austriaci di Red Bull Sailing Team

Europeo Melges 20: il leader è Nika di Vladimir Prosikhin

In vetta alla graduatoria generale c'è il veterano russo Nika di Vladimir Prosikhin con lo statunitense Morgan Reeser alla tattica. Al secondo posto il connazionale e detentore del titolo europeo Russian Bogatyrs di Igor Rytov

Figaro: il Tour de Bretagne va a Alexis Loison e Frédéric Duthil

Per Giancarlo Pedote e Anthony Marchand un buon nono posto che consente alla coppia di affiatarsi in vista dei successivi impegni sull'Imoca 60

Desenzano: concluso con la vittoria di Leno2 il XII Campionato Provinciale per velisti diversamente abili

Con la vittoria della Squadra Leno 2 della Cooperativa C.D.D. Collaboriamo di Leno formata da Lucrezia Bertoletti, Ravinder Singh e dall’educatrice Emanuela Mombelli, si è conclusa XII edizione del Campionato Provinciale per velisti diversamente abil

La Fiv premia le "sue" medaglie olimpiche

Alessandra Sensini:"Le medaglie sono tanta fatica e sacrificio, allenamento intenso per tutto il quadriennio"

Offshore: finisce in tragedia il record sulla Montecarlo/Venezia

L'imbarcazione si è schiantata su una diga prima dell'arrivo ed era condotta dal pluricampione Fabio Buzzi, deceduto insieme a due piloti inglesi che lo accompagnavano nel tentativo di record

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci