sabato, 4 dicembre 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

regate    j24    campionati invernali    pirateria    optimist    cambusa    circoli velici    giancarlo pedote    vele d'epoca    vela olimpica    ilca 6    globe 5.80    mostre    transat jacques vabre    garda    dragoni    archeologia subacquea   

OFFSHORE

Raduno Internazionale barche Offshore d’Epoca - Premio barca d’epoca VBV Legend

raduno internazionale barche offshore 8217 epoca premio barca 8217 epoca vbv legend
redazione

Ad una settimana dalla conclusione di quella che può essere considerata l’edizione zero del Raduno Internazionale barche Offshore d’Epoca - Premio barca d’epoca “VBV Legend, per il Comitato Organizzatore costituito dal Club Nautico Versilia (presieduto da Roberto Brunetti), dall’Assonautica Lucca Versilia (presieduta da Alessandro Cinquini) e dal Centro Studi in Mare (con i ricercatori e storici delle competizioni di motonautica offshore Marco Bertini e Gianni Giampaoli) è tempo di bilanci e di considerazioni.
“Sondare l’interesse verso questo evento che nel passato, così come speriamo nel futuro, aveva reso Viareggio e la Versilia grandi protagoniste dell’Offshore e della Motonautica Internazionale, era il nostro obiettivo principale- hanno commentato gli Organizzatori - Per questa prima volta, infatti, non puntavamo sulla presenza numerosa in acqua ma sulla partecipazione a terra e, soprattutto, sull'ottenere un buon riscontro a livello internazionale. Considerando il numero e il livello di piloti e di meccanici italiani ed internazionali intervenuti (in modo particolare quelli americani, inglesi e francesi come Nick Vanoff, Bob Saccenti, Sonny Miller, Tim Brand-Crombie, Gale Jacoby-Petronis, Maurizio Ambrogetti, Pietro Silva, Fulvio Maria Ballabio, Moreno Di Giusto, Giovanna Spelta-Repossi, Marcello Curioni, Luca Latini, Alberto Landucci, dei figli Vincenzo e Luca del campione del mondo Vincenzo Balestrieri e di molti altri), il bilancio non può che essere stato positivo, confermandoci che la gara fra motoscafi d’altura conosciuta in tutto il mondo e organizzata nei mesi di luglio dal 1962 al ’92 riesce ancora a suscitare molto interesse. Ma quello che ci inorgoglisce e ci stimola a lavorare per l’edizione 2017 che sarà organizzata nell’anno del 60° del Club Nautico Versilia, sono stati gli attestati di stima e la volontà di intraprendere collaborazioni future ricevute dallo Yacht Club New York (il più importante club al mondo) e dal prestigioso Yacht Club de Monaco”
“A nome dello Yacht Club New York, vorrei augurare al Presidente, ai dirigenti e ai membri del Club Nautico Versilia successo e divertimento per questo evento e ringraziare gli organizzatori per aver ospitato i nostri soci lontano da casa.- ha scritto in una lettera il Commodoro dello Yacht Club New York A. Rivers Potts Jr. letta nel corso della premiazione -L’Offshre ha contribuito in modo significativo allo sviluppo e al progresso delle tecnologie, dei materiali, della progettazione degli scafi... una collaborazione veramente internazionale che attraversa molti decenni. La VBV è stata una delle più prestigiose gare dell'epoca in mare aperto con molti grandi concorrenti che hanno partecipato da tutto il mondo. Ora, questa importante gara viene ricordata e celebrata, grazie al duro lavoro e la dedizione del Club Nautico Versilia, di Marco Bertini, Gianni Giampaoli e di molti sostenitori e amici vicini e lontani. Spero sinceramente che questo sarà il primo di molti appuntamenti di successo della VBV per gli anni a venire.”
“Comunicherò ufficialmente sia al mio Confrere Console di Monaco a Firenze dott Alessandro Giusti, che alla presidenza dello YCM, la nuova volontà di collaborazione emersa in questa bella occasione, durante la festa per la rievocazione della Viareggio Bastia Viareggio e per una collaborazione sempre più attiva tra il CNV e lo YCM! - ha invece scritto Fulvio Maria Ballabio Crescenzi, Console de Monaco- Volevo ringraziare personalmente, anche a nome dello Yacht Club de Monaco e della famiglia Casiraghi (Stefano fu mio compagno di squadra con i colori nazionali Monegaschi nelle gare motonautica, correndo e vincendo sotto la bandiera dello YCM. Grazie quindi a nome di tutti noi della alta onorificenza ricevuta per le vittorie dello YCM e dei suoi due maggiori esponenti nel quadriennio 1986/ 1990 (ben tre le vittorie da noi conseguite nella più prestigiosa gara di motonautica d’altura del mondo da voi organizzata: nel 1986 e nel ’90 con Fulvio Maria Ballabio, e nel 1987 con Stefano Casiraghi). Il vostro Trofeo da noi conquistato in occasione della rievocazione della VBV sarà portato al nostro Presidente dello Yacht Club de Monaco, S.A.S.le Prince Souvrain Albert II de Monaco e al direttore dello YCM Monsieur Bernard D’Alessandri e spero di poterlo consegnare personalmente ai figli di Stefano Casiraghi, Andrea e  Pierre, ormai  grande altleta nella vela e parte attiva della direzione dello YCM. Per quanto riguarda la possibilità di celebrare come Console in collaborazione con il Console di Firenze, una serata Monaco Private Label  al vostro Circolo Nautico Versilia di Viareggio nel corso del 2017, con personaggi illustri come è nostro uso, porterò  la proposta dell‘idea direttamente a monsieur Michel Bouquier del dipartement de Finance de Monaco. Un cordiale saluto in attesa di potervi ospitare a Monaco per presentarvi oltre che il Console Giusti, la dirigenza e la nostra nuova e prestigiosa sede dello Yacht Club di Monaco ancora un ringraziamento per l’accoglienza a tutto il vostro Club, al Presidente e al suo staff. Grazie ancora della scelta di averci onorato col Trofeo VBV classic 2016.”
Forti di questi riconoscimenti e della soddisfazione dei partecipanti, il Comitato Organizzatore guarda fiducioso alle prossime edizioni ringraziando tutti coloro che hanno aiutato nell’impresa.


01/08/2016 19:57:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Giornata dura al campionato invernale di Più Vela Per Tutti

Il vento da Sud, dapprima sui 10-15 nodi, è andato via via aumentando con raffiche fino a 30 nodi. Quattro delle 16 barche in acqua si sono trovate costrette per motivi tecnici a ritirarsi

Tesori sommersi: sono 200mila i relitti censiti sui fondali di tutto il mondo

Presentata a Paestum la ricerca “Cultura e Archeologia per un turismo sostenibile di qualità. Il caso del turismo archeologico subacqueo e sue implicazioni”. Oltre 202mila relitti nel mondo, di cui 1300 censiti nei fondali italiani

Globe 580 Transat, finalmente gli Alisei!

Tutti nudi ai Tropici e i tweet da bordo sono fantastici (DON MCINTYRE (AUSTRALIA): grande notte - dammi vento vado veloce - dammi blu vado felice - dammi caldo vado nudo - dammi trekka vado ad antigua felice marinaio nudo

Garda, un "Cimento" davvero invernale

Seconda giornata del “30° Cimento Invernale” della Fraglia Vela Desenzano con vento, onde e neve

Transat Jacques Vabre: un bel 6° posto tra gli Imoca per Pedote

L’arrivo di Giancarlo Pedote e Martin Le Pape, sesti alla 15ma Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre: i primi commenti e dichiarazioni (VIDEO)

Circolo Surf Torbole: 2021, un'annata da ricordare

Il resoconto 2021 del Circolo Surf Torbole tra riconoscimenti, podi e tanti eventi foil per il 2022

Pedote: un "Rally" amichevole tra Imoca 60 per tornare a Lorient

La linea di partenza, situata nel nord dell'isola, è stata aperta il 29 novembre e lo resterà per cinque giorni. Gli equipaggi iscritti, Apicil, Maitre CoQ, Macsf, Corum e Prysmian Group, potranno passarla quando vorranno nell’arco dei 5 giorni stabiliti

Dragoni: a Sanremo vince lo svedese Karl Gustaf Lohr

Bellissimo spettacolo alle Dragon Winter Series dello Yacht Club Sanremo, svolte nel week end del 26/28 Novembre

Genova, le vele d’epoca ospiti d’onore a Yacht & Garden 2022

Dal 20 al 22 maggio 2022 si svolgerà presso il Marina Genova, porto turistico di eccellenza, la 14esima edizione di Yacht & Garden, mostra-mercato di fiori e piante del giardino mediterraneo che coniuga due grandi passioni: il verde e il mare

Cambusa: la Millefoglie di bollito di Isa Mazzocchi

La ricetta del Bollito per le occasioni speciali di Isa Mazzocchi del ristorante La Palta, stella Michelin, recupera la tradizione in una filosofia che – come affermano i giudici della Guida – le permette di spaziare tra passato, presente e futuro

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci