venerdí, 4 dicembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    giancarlo pedote    cantieristica    aziende    windsurf    trofeo jules verne    sodeb'o    orc    vela    cambusa    fincantieri   

MELGES 20

Pinta di Michael Illbruck è il nuovo campione del mondo Melges 20

pinta di michael illbruck 232 il nuovo campione del mondo melges
redazione

PINTA di Michael Illbruck, con John Kostecki alla tattica e Federico Michetti nel ruolo di trimmer, è il nuovo Campione del Mondo Melges 20.
Il successo per l’armatore tedesco di quello che è un nome leggendario nel mondo della vela, (Volvo Ocean Race, One Ton Cup, Admiral's Cup nel palmarès di Team PINTA) arriva solamente all’ultima prova dopo un match a due, giocato tutto sul filo dei nervi, con il team statunitense di PACIFIC YANKEE di Drew Freides (tattico Morgan Reeser).
L’ultima prova vede i due team separati di soli tre punti con PACIFIC YANKEE al comando; a Drew Freides spetta il compito, certo non semplice, di marcare a uomo PINTA per provare a tenerlo alle proprie spalle o anche solo fuori dai primi nove della classifica (il gioco degli scarti è a favore infatti di PACIFIC YANKEE). A meno di un minuto dallo start le due imbarcazioni sono oltre la linea con PACIFIC YANKEE che da sottovento prova a non far rientrare PINTA. PINTA riesce però a fuggire, ributtandosi nella mischia e a partire pur se in parte coperto dalla flotta. PINTA ha però subito l’occasione per scegliere il lato preferito, puntando sulla destra in favore di una rotazione del vento verso quella parte del campo di regata, mentre PACIFIC YANKEE è costretto ad allungare ancora sulla sinistra. Alla prima boa di bolina il verdetto è quasi scritto con PINTA quarto e PACIFIC YANKEE oltre la ventesima posizione.
Per PINTA la regata a quel punto è tutta in discesa, il margine su PACIFIC YANKEE più che rassicurante e PINTA deve solo attendere il passaggio sulla linea di arrivo (PINTA chiude secondo alle spalle del polacco MAG RACING) per far esplodere la propria felicità.
La gioia di Michael Illbruck al termine della regata: “E’ una sensazione fantastica, un risultato importantissimo che dedico a mio padre Willy che ha fondato oltre 40 anni fa e costruito, successo dopo successo, la storia di PINTA, che oggi continua sul Melges 20. Per noi questa prima stagione di regata con il Melges 20 doveva essere semplicemente un passo di avvicinamento verso l’obiettivo che ci eravamo prefissati, ossia il Mondiale 2017 di Newport, ma abbiamo lavorato duro e già oggi possiamo festeggiare questo incredibile successo”.
John Kostecki tattico di PINTA – “Una regata durissima, sapevamo che PACIFIC YANKEE sarebbe venuto a cercarci sin dal prepartenza, Micheal è stato bravo a difendersi e condurre sempre alla massima velocità la nostra barca. Per me vincere con PINTA ha un sapore sempre molto speciale, faccio parte di questo Team dal 1994 e oggi è un giorno di grande felicità per me e per tutta la famiglia Illbruck".
Il team polacco  di MAG RACING di Krysztof Krempec  (con il croato Tomislav Basic alla tattica) conquista il terzo gradino del podio con due eccellenti vittorie nell’ultima giornata di regata.
Il quarto posto è di WILDMAN del giovane americano Liam Kilroy, mentre il primo degli azzurri è MASCALZONE LATINO Jr. di Achille Onorato che chiude al quinto posto.
La classifica corinthian vede il successo dell’equipaggio italiano di EVINRUDE di Emanuele Savoini che precede i brasiliani di PORTOBELLO dell’armatore Cesar Gomes Neto e SPIRIT OF NERINA armata da Mirko Bargolini.
 
Classifica generale  finale dopo 8 prove con uno scarto:
  1. PINTA, Michael Illbruck (GER): 7,1,1,6,5, (32), 5,2 = pt. 27
  2. PACIFIC YANKEE, Drew Freides (USA): (6),2,5,4,2,3,12,39 = pt. 34
  3. MAG RACING, Krysztof Krempec (POL): 12,5,3,(40),22,2,1,1 = pt. 46
  4. WILDMAN, Liam Kilroy (USA): 13,4,22,1,3,(51),3,5 = pt. 51
  5. MASCALZONE LATINO Jr., Achille Onorato (ITA): 4,6,9,3,(41),4,8,26 = pt. 60
  6. CINGHIALE, Robert Wilber (GBR): 9,16,4,25,1,12,13,(35) = pt. 80
  7. OUT OF REACH, Guido Miani (MON): 18,(22),2,15,11,11,29,9 = pt. 88
  8. STIG, Alessandro Rombelli (ITA): 25,18,6,2,19,8,(26),13 = pt. 91
  9. SECTION 16, Richard Davies (SUI): 16,12,11,11,18,10,(43),15 = pt. 93
  10. RUSSIAN BOGATYRS, Igor Rytov (RUS): 1,30,15,22,27,34,6,3 = pt. 104 


28/08/2016 21:32:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: falla a bordo per Escoffier, Jean Le Cam tenta di raggiungerlo

Kevin Escoffier, che si trovava al terzo posto nel Vendée Globe posizionato a circa 550 miglia nautiche a sud di Città del Capo, ha attivato il suo segnale di soccorso

FLASH - Jean Le Cam ha avvistato Escoffier e procede al recupero

La Direzione di corsa del Vendée Globe ha dirottato sul punto del Distress di Kevin Escoffier anche Boris Herrmann, Yannick Bestaven e Sébastien Simon

Vendée Globe: Pedote supera Sam Davies ed è 10°

Pedote:"Voglio solo continuare a cercare di fare le cose bene, preservare i materiali, cosa molto importante perché la barca è la mia sicurezza e la mia sorgente di velocità"

Vendée Globe: la calma è la virtù dei Pedote

Il nostro Giancarlo Pedote sta procedendo bene e senza scosse e guadagna posizioni. Ora è decimo a 646 miglia dal leader e viaggia spedito a più di 20 nodi

Trofeo Jules Verne: Coville vola, Cammas si ritira

Thomas Coville su Sodebo Ultim 3 continua la sua discesa dell'Atlantico del Nord in questo sabato mattina, scivolando a oltre 30 nodi mentre Franck Cammas sta rientrando a Lorient dopo aver urtato un UFO

Vendée Globe: problemi (risolti) per Giancarlo Pedote

La cima “furling line” che tiene il Code 0 ancorato alla barca si è rotta, la vela ha iniziato a sbattere ed era impossibile chiuderla

Vendée Globe: per Pedote nel mirino c'è Buona Speranza

Dopo tre settimane di regate e quasi il 25% delle 21.638 miglia previste dal Vendée Globe sulla scia, Giancarlo Pedote vede la longitudine di Buona Speranza incombere all'orizzonte

Vendée Globe: Yes HE Cam! Solo Jean poteva salvare Kevin

Non poteva cadere in mani migliori. Lo ha detto lo stesso Jean: « Il est tombé dans la bonne maison ! ». Yes we Cam…. ma solo lui poteva! Disegno della bravissima Manu Guiavarch per Jean Le Cam

Ecco la prima Italia Yachts 14.98 Bellissima

E' una vera easy sailing con molti accorgimenti utili per la navigazione da soli o in equipaggio ridotto: tra queste le 8 manovre rinviate in pozzetto permettono di regolare al meglio le vele e navigare sempre in tranquillità

Vendée Globe, Charlie Dalin:"Cerco il pedale del freno"

Ancora non confermato il passaggio di Kevin Escoffier su una fregata della marina francese, la Nivose, che potrebbe incontrare Yes We Cam vicino alla Crozet o alla Kerguelens

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci