giovedí, 13 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

persico 69f    circoli velici    mini 6.50    optimist    trasporto marittimo    fiv    porti    benetti    press    salone nautico di genova    altura   

VELE D'EPOCA

La Bora rende omaggio alle Signore del Mare del 22° raduno "Città di Trieste"

la bora rende omaggio alle signore del mare del 22 176 raduno quot citt 224 di trieste quot
redazione

Si è conclusa quest’oggi sul campo di regata dello Yacht Club Adriaco di Trieste la ventiduesima edizione del Raduno Città di Trieste per yacht classici e barche d’epoca, evento che chiude il lungo triplice fine settimana di regate (iniziate con la Settimana Velica Internazionale 2019 ) organizzate dall’Adriaco.
 
Dopo la giornata di ieri in cui il Club ha rispettato in doveroso silenzio il lutto cittadino per i fatti di cronaca occorsi venerdì a Trieste, quest’oggi il Golfo ha offerto il meglio di sè con vento  di bora con raffiche fino a 27 nodi che hanno esaltato le oltre 70 imbarcazioni iscritte al consueto appuntamento di inizio ottobre, obbligando per motivi di sicurezza le più piccole passere a rientrare a terra.
 
Nella categoria delle barche d’epoca (costruite prima del 1950) la vittoria nell’unica prova disputata in questa edizione, va a Coch Y Bonhu di Paolo Zangheri (Yacht Club Rimini) che si lascia alle spalle Pia di Bruno Antonac (Pirat Portorose) e Ciao Pais di Massimo Fonda (Società Triestina della Vela).
 
La classifica delle imbarcazioni classiche (quelle costruite in legno e metallo, progettate o costruite in forma di prototipo prima del 1975) vede al primo posto del gruppo A Namib di Pietro Bianchi dello Yacht Club Parma, mentre nel gruppo B la vittoria è per il  portacolori del Club ospitante Nembo II di Nicolò De Manzini.
 
Nella speciale classifica dedicata alle imbarcazioni firmate da Carlo Sciarrelli, il successo nel gruppo A dopo un duello testa a testa fino all’ultimo metro va a Tiziana IV di Leontino Battistin (Yacht Club Adriaco) che precede Chica Boba II di Giovanni Gasparini (Compagnia della Vela Pesaro). Sono queste due barche le prime della flotta a tagliare la linea d’arrivo ai piedi del Faro della Vittoria.
Successo per lo Yacht Club Adriaco anche nel gruppo B grazie a Andromeda di Silvio Spagnul.
 
Andrea Micalli (Direttore Sportivo Yacht Club Adriaco) - “Siamo molto soddisfatti per la riuscita di questo lungo e intenso impegno organizzativo che ripaga il Club confermando la crescita costante delle competizioni per le diverse classi e categorie che si sono alternate sui nostri campi di regata in questi tre weekend di grande vela. Ringrazio a nome del Club tutti gli armatori e loro equipaggi che, con la loro presenza, hanno ripagato in pieno l’impegno organizzativo da parte dei soci dell’Adriaco, così come ringrazio tutti i partner che hanno scelto di affiancarci. Il nostro impegno non si esaurisce e prosegue già da domani con nuove idee e rinnovato entusiasmo per l’edizione 2020”.

L’impegno organizzativo dello Yacht Club Adriaco è reso possibile grazie al supporto di numerosi partners a cui va il ringraziamento del Club: Pacorini Group, Samer & Co.shipping, Eurospital, Parisi Casa di Spedizioni, Slam sono i partners istituzionali del Club a cui si aggiungono Garmin, Mate Olive Oil, Ubi Maior Italia, Autostar, Rigoni di Asiago, Bepi Tosolini, Acqua Dolomia, Cittavecchia Craft Brewery, Cantina Produttori Cormons, Vista +.
Lo Yacht Club Adriaco ha sottoscritto inoltre la Charta Smeralda e sostiene il messaggio e l’azione di One Ocean Foundation.

 


06/10/2019 23:11:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 6.50: Tanguy Bouroullec vince la prima tappa a Les Sables d'Olonne

Il migliore degli italiani è stato Federico Cuciuc, che solo in un finale al rallentatore ha perso posizioni finendo 7° tra i Proto e 15°assoluto. Giovanni Mengucci ha tagliato il traguardo al 25° posto (18° tra i Serie)

Persico 69F: a Gargnano primo giorno di "Revolution"

In evidenza alla fine della prima giornata gli equipaggi di Botticini, Gallinaro, e Caldari oltre ai fuoriclasse da Hong Kong

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Optimist, "Ora Cup Ora": conclusione con un bel vento teso da nord

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann

Benetti: ecco il Giga Yacht “Luminosity”, un ibrido di 107 metri

Ma questo Giga yacht non è solo eleganza e design: a bordo si ritrova tutta l’esperienza e il know-how costruttivo di Benetti. “Luminosity”, il più grande ibrido mai costruito ad oggi

YC Italiano e e SV Barcola e Grignano insieme sul Persico 69F

Yacht Club Italiano e Società Velica di Barcola e Grignano armano insieme un equipaggio alla Persico 69F Revolution Cup, la sfida di nuova generazione su Foil. 20 gli equipaggi al via a Gargnano dal 14 al 19 agosto

Salone Nautico di Genova: appuntamento al 1° ottobre 2020

Il ticketing online, a partire da giovedì 6 agosto attraverso il sito www.salonenautico.com, è lo strumento unico per l’acquisto dei biglietti del Salone Nautico

ASSARMATORI: vinta la prima battaglia per rilanciare l’economia del mare

“L’emergenza Covid, nella sua drammaticità, ha in queste ore provocato quella che va considerata una reazione positiva insperata: far comprenderealle Istituzioni nazionali l’importanza dell’economia e dell’industria del mare”

Optimist: prime prove per la "Ora Cup Ora"

Iniziata al Circolo Vela Arco la 25^ Ora Cup Ora, classe Optimist.Tra gli juniores in testa l’azzurra Ginevra Caracciolo, tra i più piccoli parità di punteggio nei primi tre

Ferretti: il mercato premia la qualità

Custom Line raggiunge un altro obiettivo: 4 nuovi yacht venduti in un mese. Oltre la meta, oltre l’orizzonte: sono 150 i metri totali di design e tecnologia dedicati ai quattro armatori Custom Line.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci