giovedí, 2 febbraio 2023

EMIRATES TEAM NEW ZEALAND

Emirates Team New Zealand: molto positivi i test di "Chase Zero"

emirates team new zealand molto positivi test di quot chase zero quot
redazione

Emirates Team New Zealand ha testato in acqua la sua nuovissima barca appoggio ad idrogeno e con i foil progettata per il supporto in acqua nella prossima America’s Cup. Il team ha fatto funzionare Chase Zero finora per 36 ore di navigazione con oltre 1042 km (562,6 miglia nautiche) percorsi sull'acqua, con nessun inquinamento e la sola emissione di acqua pura.

 

Il coordinatore delle operazioni di Chase Zero, Nick Burridge, che ha supervisionato il programma di operazioni in acqua, si è dichiarato impressionato dalle prestazioni di Chase Zero. "Il nostro chase boat alimentato a idrogeno è una tecnologia all'avanguardia, quindi, come facciamo con le nostre barche da regata, abbiamo proceduto con cautela nel processo di messa in servizio. Ma nel dire questo, abbiamo progredito abbastanza bene e abbiamo davvero raggiunto alcune tappe fondamentali, alcune delle quali hanno davvero superato le nostre aspettative".

 

La velocità massima del Chase Zero fino ad oggi è stata registrata a 50,3 nodi (93,16km/h) nel suo nono giorno di test, che è sempre stata l'aspettativa del progetto della barca foiling.

 

Insieme al test di velocità, l'autonomia del Chase Zero con i serbatoi pieni doveva essere testata e verificata. Si è rivelata una lunga giornata per lo skipper Chris 'Curly' Salthouse. "Abbiamo riempito i serbatoi fino al 96%, perché volevamo portare Chase Zero fuori per testare la sua autonomia di crociera e l'affidabilità allo stesso tempo. Così abbiamo deciso di circumnavigare alcune isole intorno al Golfo di Hauraki, ma non ci aspettavamo di navigare così a lungo come abbiamo fatto. Alla fine abbiamo navigato per quasi 6 ore e percorso 280 km (o 151,2 miglia nautiche) a una velocità media di 28,3 nodi e avevamo ancora circa il 10% di gas nei serbatoi". 

Per fare un semplice confronto, se Emirates Team New Zealand avesse fatto lo stesso con una normale barca appoggio di 11m con due fuoribordo da 250hp, sarebbero stati bruciati 140 litri di benzina all'ora a 28 nodi, che sarebbe equivalso a 825 litri totali. Ma una normale barca appoggio veloce di 11 metri ha solo un serbatoio di 800 litri, quindi non sarebbe nemmeno riuscita a tornare indietro o ad eguagliare l'autonomia di Chase Zero senza finire la benzina.

 

Il test di autonomia ha fornito agli ingegneri dati preziosi che sono stati analizzati e ora il team può assumere con precisione che l'autonomia di Chase Zero con quattro serbatoi pieni di 8,4 kg di idrogeno è di 330 km (o 178,19 miglia nautiche) alla velocità di crociera di 28-30 nodi di velocità della barca.

 

"Come squadra siamo molto orgogliosi di Chase Zero e sappiamo che stiamo aprendo la strada verso un futuro più pulito e privo di emissioni per la navigazione a motore nell'industria marina - ha detto Sir Stephen Tindall, Emirates Team New Zealand Sustainability Ambassador e sostenitore del progetto idrogeno – e la squadra ha fatto un lavoro incredibile accelerando su questa tecnologia in un periodo di tempo molto breve, e superando anche le loro stesse alte aspettative. Quindi c'è un futuro emozionante e più pulito davanti a noi che include diversi altri potenziali progetti NZ Hydrogen Marine in considerazione in modo che la NZ potrebbe continuare a guidare il gruppo".

 

I partner sono una componente importantissima nello sviluppo di Chase Zero, come Toyota che ha fornito le unità di pre-produzione di celle a combustibile a idrogeno  con l’esperienza maturata in 20 anni di test e sviluppo o Hiringa, che sta fornendo idrogeno verde, sviluppando infrastrutture per l'idrogeno e facilitando l'uso dell'idrogeno sul mercato.

 

Global Bus ha invece progettato e installato il treno di alimentazione a celle a combustibile a idrogeno insieme agli ingegneri meccatronici di Emirates Team New Zealand e Gurit ha lavorato con il team di progettazione di Emirates Team New Zealand per progettare strutturalmente Chase Zero.


11/05/2022 08:48:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

LNI Palermo, Our Dream: nell'aria un profumo di mare e di legalità

Il Jeanneau, un Sun Odissey 53 che diventa l’ammiraglia della flotta palermitana, è una barca che viene restituita alla collettività grazie all’affidamento alla LNI dopo la confisca alla criminalità organizzata operata dalla Guardia di Finanza di Palermo

C'è Wanax EXP Team in testa all'Invernale di Anzio/Nettuno

Ancora un bel fine settimana per Altura, J24 e Platu 25 al Campionato invernale di Anzio e Nettuno

Genova, Porto Antico: apre domani Antiqua2023

35 antiquari e 3 mostre collaterali dedicate al mare in onore di The Ocean Race - The Grand Finale

America's Cup: caschi bergamaschi per il Team Ineos

KASK, l’azienda bergamasca produttrice di caschi di alta qualità, ha firmato una partnership a lungo termine per la fornitura di caschi al challenger di America’s Cup INEOS Britannia

Concessioni demaniali: incontro Confindustria Nautica con Ministro Fitto

Confindustria Nautica ha incontrato il Ministro per gli Affari europei Raffaele Fitto nell’ambito delle consultazioni volute dal Premier Giorgia Meloni con le rappresentanze delle imprese che lavorano sul demanio

The Ocean Race: tutti insieme appassionatamente

Tutti gli IMOCA stanno cercando il varco migliore per passare i doldrum

Invernale Traiano: Tevere Remo (IRC) e Guardamago (ORC) si dividono la posta

In Regata la classifica generale sta prendendo forme diverse, con Tevere Remo Mon Ile che governa in IRC e Guardamago II leader in ORC

Taglio del nastro per Our Dream, un sogno che diventa realtà

Si è tenuta oggi a Palermo presso la Lega Navale Palermo, la presentazione di Our Dream, il Jeanneau Sun Odissey 53 piedi a vela confiscata alla criminalità organizzata che la utilizzava per traffici di stupefacenti e affidata alla LN Italiana

Partita la seconda manche del Campionato Invernale di Marina di Loano

Vento da Nord con 20 nodi alla partenza, progressivamente calato fino a 10 nodi all’arrivo, tanto sole e mare calmo per i 44 equipaggi iscritti al Campionato Invernale più frequentato della 1a Zona FIV

La "Roma per 2" compie trent'anni

La classica transtirrenica con le sue 535 miglia fino a Lipari è da sempre una prova impegnativa che mette a dura prova anche i velisti più esperti. Soldini in collegamento video:"Regata bellissima. Sarebbe bello partecipare con la flotta dei Mod 70

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci