giovedí, 6 ottobre 2022


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

regate    barcolana    meteor    alinghi    america's cup    campionati invernali    j24    rs21    optimist    platu25    vele d'epoca    kite    sport    techno293    iqfoil   

VELE D'EPOCA

Circolo Nautico Sambenedettese, gli storici 5.50 Metri Stazza Internazionale si sfidano per il Titolo italiano

circolo nautico sambenedettese gli storici 50 metri stazza internazionale si sfidano per il titolo italiano
redazione

Dal 15 al 18 settembre 2022 le storiche imbarcazioni della classe 5.50 Metri S.I. (Stazza Internazionale) si ritrovano nelle Marche presso il Circolo Nautico Sambenedettese per disputare il loro Campionato Nazionale. Questa categoria di scafi, progettati oltre 70 anni fa e già in passato classe olimpica, a dispetto del nome hanno una lunghezza di circa 9 metri e regatano con un equipaggio di tre persone. A San Benedetto del Tronto sono attese diverse imbarcazioni in legno costruite tra gli anni Cinquanta e Sessanta. 

A SAN BENEDETTO DEL TRONTO LA SFIDA DEI 5.50 

Sarà una sfida d’altri tempi quella che dal 15 al 18 settembre 2022 andrà in scena nelle acque antistanti il Circolo Nautico Sambenedettese (www.circolonautico.info) di San Benedetto del Tronto, nelle Marche, in occasione del Campionato Classe 5.50 Metri S.I. (Stazza Internazionale). Le imbarcazioni presenti si contenderanno il titolo di campione nazionale a bordo di storici scafi in legno lunghi poco più di 9 metri (5.50 non indica infatti la lunghezza, bensì il risultato della formula di stazza che consente loro di sfidarsi in tempo reale senza applicare compensi correttivi), costruiti da primari cantieri tra gli anni Cinquanta e Sessanta. Questa classe, nata nel 1949, ha prodotto in oltre 70 anni di storia circa 800 scafi diffusi in tutto il mondo ed è stata anche adottata in occasione di cinque edizioni delle Olimpiadi, da quelle tenutesi a Helsinki in Finlandia nel 1952, a quelle di Città del Messico del 1968. A San Benedetto, a seconda delle condizioni meteo (non sarà infatti possibile regatare con venti superiori a circa 20 nodi di intensità), potranno essere disputate non più di nove prove, al massimo tre al giorno tra venerdì 16 e domenica 18 settembre, e il Campionato sarà ritenuto valido anche con una sola prova completata. Per conoscere meglio questa classe, che sta tornando ad appassionare nuovi velisti, si può fare riferimento al libro “I 5.5 Metri di Stazza Internazionale” (Guido Tommasi Editore), scritto dal milanese Andrea Rossi, già Consigliere e socio dell’AIVE, l’Associazione Italiana Vele d’Epoca. 

TWINS IX ENTERPRISE, LA PORTACOLORI DEL CIRCOLO NAUTICO SAMBENEDETTESE

Difenderà i colori del Circolo Nautico Sambenedettese Twins IX Enterprise (ITA-23), scafo in legno costruito dal famoso cantiere ligure Baglietto nel 1958 su progetto di Pietro Baglietto. Dal 2015 appartiene all’architetto romano Silvana Lombardi, socio del Circolo Nautico Sambenedettese, che insieme al consorte Giovanni Barone, attivo membro di equipaggio su Twins IX Enterprise, la fa partecipare ai raduni di vele d’epoca. In quello stesso anno la barca viene sottoposta a un refitting presso il Cantiere AA Custom di Monfalcone e nel 2018 e 2019 partecipa alle regate Vele Storiche Viareggio. 

1952-2022, KUKURURU FESTEGGIA 70 ANNI

Kukururu (ITA-6), varata nel 1952 dal Cantiere Baglietto di Varazze su progetto del danese Arvid Laurin, ha inizialmente difeso i colori del Circolo Velico di Rimini, poi negli anni Novanta è entrata a fare parte della flotta di vele d’epoca dell’industriale torinese Ugo Baravalle. Dal 2007 il bolognese Giuseppe Matildi, dopo un restauro al Cantiere Navale dell’Argentario di Porto Santo Stefano, l’ha fatta partecipare a numerose regate, da Portofino al lago di Como, da Viareggio a Trieste. La più recente vittoria è quella conseguita nel 2022 alla decima edizione della Verbano Classic Regatta, sul lago Maggiore. A San Benedetto Kukururu festeggerà 70 anni dal varo.

VOLPINA, LA BARCA DEL PRESIDENTE

Volpina (ITA-33) è stata varata nel 1960 dal cantiere Baglietto di Varazze su piani di Giulio Cesare Carcano, il noto ingegnere di Mandello del Lario, sul lago Como, storico progettista della Moto Guzzi. Con lui al timone si è piazzata al terzo posto al Campionato del Mondo di Helsinki del 1961. Nel 2011 è stata rilevata dal conte romano Fabrizio Cavazza, attuale presidente della Classe Italiana 5.50. Ha regatato a Portofino, Porto Santo Stefano, sul Lago Maggiore e al Raduno Vele Storiche Viareggio. 

VIOLETTA IV

Violetta IV (ITA-21), un progetto di Pietro Baglietto dell’omonimo cantiere ligure di Varazze, è stata varata nel 1957 per conto di Gino Alquati. Regata a Sanremo e poi a Genova, ma senza brillare, e nel 1963 partecipa al Campionato Italiano con il nome di Nauta IV. Nel 1976, registrata a Savona, naviga con il nome di Bleus e nel 1985 torna Violetta IV. Dopo un periodo di disarmo a Ravenna, dal 2011 viene acquisita dal veneziano Giangiacomo Stefanon, che con il guidone del C.N. Conegliano la fa partecipare a eventi nazionali e internazionali, tra cui l’Enoshima Trophy, la Verbano Classic Regatta e le Vele Storiche Viareggio. 

MANUELA V

Manuela V (ITA-36) è stata costruita nel 1961 dal cantiere Dario Salata di Rapallo, su progetto dell’americano Raymond Hunt, per il genovese Beppe Croce, futuro primo presidente non britannico dell’ISAF (International Sailing Federation). È la "sister ship" dell’americana Minotaur, vincitrice delle Olimpiadi di Napoli del 1960. Rilevata nel 1998 dall’editore milanese Guido Tommasi, è stata sottoposta a restauro presso il Cantiere Ambrogio Bedini di Marina di Carrara. Successivamente ha partecipato al Campionato Italiano (quarta nel 2001), all’Argentario Sailing Week, Portofino Rolex Trophy, i Vintage Olimpic Games in Germania, l’Europeo, il Mondiale del 2014 e la Royal Kaag Classic Cup.


14/09/2022 12:42:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Al via la Barcolana di Trieste: 10 giorni di eventi a terra e in mare

La grande festa del mare di Trieste è stata presentata stamani, poco prima dell’alzabandiera che segna l’avvio ufficiale dell'evento

Iniziato sotto la pioggia il Memorial Ballanti-Saiani, ultima tappa di Coppa Italia Techno 293 e iQFoil

La sede dell'Adriatico Wind Club Ravenna, a Porto Corsini, è tornata a ricoprirsi di vele per l’edizione 2022 del Memorial Ballanti Saiani, evento valido come ultima tappa di Coppa Italia per i giovanissimi delle classi Techno 293 e iQFoil Youth e Junior

Barcolana inclusiva per tutti con i team Sea4All-Tiliaventum

All’edizione 2022, Tiliaventum sarà presente con Càpita, un daysailer performante e accessibile, su cui è possibile essere a bordo in autonomia con le proprie carrozzine ed avere un ruolo veramente attivo, da protagonisti anche durante la regata

RS21: a Puntalda assegnati i titoli tricolore e la RS21 Cup Yamamay

Si è regatato, con la regia della Lega Navale di San Teodoro, in condizioni di vento in crescendo: dopo le due prove del venerdì con vento medio è arrivato il maestrale toccando punte di 25/30 nodi

Fiart P54 incanta e stupisce

L’anteprima mondiale del nuovo 54 piedi al Salone Nautico di Genova

Anywave Safilens: ottimo debutto per il Frers 63 che vince il Trofeo Due Castelli e il Trofeo Bernetti

Un inizio di stagione frizzante per Anywave Safilens del Sistiana Sailing Team che è tornato a competere e vincere dopo un importante refitting

Arca SGR inizia sabato dal Warm Up al Trofeo Bernetti

Al termine della la presentazione al Salone di Genova del primo progetto al mondo di certificazione ESG del Maxi 100 Arca SGR, il Fast and Furio Sailing Team si appresta a dare il via alle proprie sfide adriatiche

America's Cup: i primi (veri) passi di Alinghi

Alinghi Red Bull Racing: il bilancio dopo i primi giorni di navigazione a Barcellona

1st RS Feva Autumn Meeting sul Garda Trentino: in testa i toscani Morandini-Scarpellini

Alla Fraglia Vela Riva iniziata venerdì una nuova manifestazione riservata ad una deriva giovanile FIV in doppio, la prima di una probabile lunga serie: l'Autumn Meeting della classe RS Feva

La bonaccia ferma la prima prova della Barcolana Maxi Trofeo Portopiccolo

Se gli equipaggi di Barcolana per il Sociale hanno portato a compimento il proprio programma gli equipaggi impegnati nella prima prova della Barcolana Maxi Trofeo Portopiccolo sono invece rientrati a terra dopo l'annullamento della prova

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci