lunedí, 22 luglio 2024

TRANSAT JACQUES VABRE

Transat Jacques Vabre: il punto sulla corsa tra poco vento e rotture

transat jacques vabre il punto sulla corsa tra poco vento rotture
redazione

Mentre gli Ultimes navigano ad alta velocità verso Capo Verde, alcuni dei Class 40 sono ancora una volta bloccati in una zona senza vento 1300 miglia dietro, a Capo Finisterre. Il che ancora una volta ha messo alla prova la loro pazienza e ha allargato ulteriormente il divario tra loro. In Imoca per la prima volta inkedOut ha preso il comando della flotta monopolizzato da Apivia fin dall'inizio!

Ultime: Capo Verde nel mirino

I quattro maxi trimarani ancora in gara continuano il loro gioco di strambate negli alisei. Tutti stanno mantenendo alte velocità, tra il 25 e i 30 nodi, e inghiottono le miglia sempre più velocemente ogni giorno. "Abbiamo coperto la distanza tra Madeira e le Canarie in meno di 24 ore e abbiamo coperto tanta distanza in 12 ore quanto abbiamo fatto nei primi due giorni di gara" ha detto Yves Le Blevec (Actual Ultim 3) questa mattina alla radio. Infatti, la flotta, ancora guidata dal Maxi Edmond de Rothschild, ha passato l'arcipelago spagnolo ieri sera e si sta dirigendo verso Capo Verde. Tutti stanno già pensando al prossimo ostacolo, i Doldrums.

La zona di convergenza intertropicale lascia ancora molte opzioni aperte e radicali e gli equipaggi dovranno scegliere come affrontarla oggi.  Lo skipper di Actual Ultim 3:”Ci stiamo dirigendo verso un punto, che raggiungeremo tra qualche ora, dove dovremo fare una scelta. Sappiamo quando dovremo prendere una decisione,  ma non sappiamo ancora quale sia. Stiamo aspettando l'ultimo momento per avere informazioni meteo il più fresche possibili  Il percorso di 7500 miglia che gli Ultimes devono percorrere è ancora lungo e pieno di insidie.

Imoca: Apivia cede il primo posto

Per la prima volta dalla partenza Apivia ha cedoto la leadership a LinkedOut che ora guida la flotta Imoca. I primi stanno continuando il loro viaggio verso Madeira in un vento che è ancora instabile a causa della cella di alta pressione. I 60 piedi sono impegnati in un vero gioco di strambate e si posizionano sul bordo della cresta dell'alta pressione. Più si avvicinano al centro dell'anticiclone più favorevole è la rotazione del vento e l'angolo ma la forza è minore. Pertanto, gli equipaggi scelgono di andare ad ovest finché sentono che il vento è abbastanza forte, e strambare a sud-sud-est per per riguadagnare pressione non appena il vento diventa troppo leggero. Sam Davies, che è stata contattata durante la sessione radio di questa mattina, ha spiegato la difficoltà. "Stiamo cercando di andare dritti e il più velocemente possibile nella giusta direzione, ma non è facile perché il vento varia tra i 10 e i 25 nodi. Dobbiamo essere vigili sulle nostre scelte di vela e sulle regolazioni!" (ndr Giancarlo Pedote è 7° a 160 miglia da LinkedOut)

 

Class40: un secondo ostacolo sulla flotta

Lo spostamento della cresta di alta pressione su Capo Finisterre ha costretto alcuni della flotta a prendere un'altra opzione. Infatti, per non rimanere bloccati in questa zona senza vento una seconda volta, dieci di loro hanno seguito la strategia adottata da Polka Dot. Altri non sono riusciti a fuggire al sud e sono costretti ad avanzare, a babordo, verso ovest per uscire fuori dalla cresta. Questo forte rallentamento a nord della flotta preannuncia grandi distacchi futuri. I primi 40 piedi stanno scappando lungo la costa di Portogallo ad alta velocità mentre la coda della flotta rimane bloccata a Capo Finisterre. In 8 ore, potrebbero esserci altre 100 miglia di separazione. In una comunicazione dalla barca nelle prime ore del mattino, Jean-Jacques Le Borgne (Les Recycleurs Bretons - Navaleo) spiega che "è stata un'altra notte difficile. Abbiamo avuto vento per due ore, poi di nuovo niente. Abbiamo dovuto cambiare le vele una decina di volte e virare secondo gli umori del poco vento che avevamo. Non vedo l'ora che arrivino gli alisei!” (ndr. Andrea Fantini sul Class 40 Guidi è 17° a 94 miglia dal leader La Manche)

 

Ocean Fifty: gioco di velocità tra le isole

250 miglia dietrogli Ultime, gli Ocean Fifty navigano alle latitudini di Madeira che stanno passando in modi diversi. Infatti, alcuni hanno deciso di optare per una rotta orientale mentre (per il momento) altri quattro hanno scelto di scivolare attraverso le isole al fine di sfruttare gli effetti del sito (accelerazione del vento tra due isole). Tuttavia, un ulteriore ostacolo si è insinuato nel loro percorso: reti da pesca alla deriva. Xavier Macaire spiega. "Siamo stati costretti a riposizionarci strambando per evitare queste reti da pesca. Questo ci ha fatto perdere un po' di tempo, ma non è un grosso problema. La cosa principale è che non ci siamo fatti prendere la mano. È successo a Erwan nel Pro Sailing Tour, e ci vogliono diverse ore per uscirne". Koesio, che è in testa dal Golfo di Biscaglia, dovrebbe raggiungere le Canarie entro la fine della giornata e ha un'altra ora o due due ore per decidere se prenderanno, come hanno fatto a Madeira, un'opzione interna o un'opzione interna o un passaggio occidentale.

 

Avarie

Il Class40 Project Rescue Ocean è diretto a Cascais per una sosta tecnica. Da giovedì mattina, alle 8.45, la barca ha rotto il giunto sferico e il raccordo superiore del timone di dritta. Dopo aver considerato uno scalo tecnico in un porto portoghese più a nord, Axel Tréhin e Frédéric Denis sono riusciti ad effettuare una riparazione di fortuna che permetterà loro di beneficiare più a lungo del vento forte. Stanno pianificando una riparazione espressa a Cascais e un ritorno alla gara il più presto possibile.

Il maxi trimarano Sodebo Ultim 3 e il suo team tecnico si sono incontrati a Funchal (Madeira) per riparare il foil di dritta, danneggiato in una collisione con un UFO 24 ore prima. Una riparazione espressa, che in poche ore ha permesso ai due Thomas di tornare in gara questa mattina alle 06:00. Anche se il Maxi Sodebo Ultim 3 non riparte con il 100% delle sue capacità, gli skipper sono motivati e le 6.500 miglia rimanenti lasciano molte opportunità.


12/11/2021 10:47:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vaurien: Marta Delli e Francesco Graziani Campioni del Mondo

Mondiale disputato sul lago di Liptov, ai piedi dei monti Tatra, tra Slovacchia e Polonia, con 55 equipaggi provenienti da tutto il mondo. Il prossimo mondiale si svolgerà in Italia sul lago di Bracciano

Mini 6.50: partita la Les Sables-Les Açores-Les Sables

In testa ai Proto la francese Marie Gendron. In gara tra i Proto anche Cecilia Zorzi (11ma) con Eki, unica barca italiana in regata

Eolie: i farmaci urgenti arriveranno con i droni

In autunno i primi test verso Vulcano e Lipari per potenziare e velocizzare i servizi di trasporto di farmaci urgenti e sacche di sangue

Confindustria Nautica: il mercato globale cresce del +11% e raggiunge i 33 miliardi di euro

Il mercato globale della nautica continua a crescere e, nell’ultimo anno[1] disponibile, è arrivato a toccare quota 33 miliardi, di cui oltre 25 miliardi solo per i superyacht

Youth Sailing World Championships: sbancano gli azzurrini della Sensini

Le medaglie d’oro italiane: Lorenzo Sirena e Alice Dessy cat misto; Federico Pilloni windsurf M; Carola Colasanto windsurf F; Lisa Vucetti e Vittorio Bonifacio 420 misto; Maria Vittoria Arseni e Antonio Pascali ILCA 6

Garda: oggi il gran finale degli Youth Sailing World Championships

La vela azzurra mantiene tre primi posti con Federico Pilloni (windsurf iQFOiL maschile), Carola Colasanto (iQFOiL femminile), Lisa Vucetti e Vittorio Bonifacio (420 Mix), più due secondi e un terzo

Garda:apre con 30 regate lo Youth Sailing World Championships

Primo giorno ricco di regate, di sole e di vento per gli Youth Sailing World Championships, il Campionato mondiale di Vela Giovanile di World Sailing, la federvela internazionale, ospitato e organizzato quest’anno in Italia sul lago di Garda

Un nuovo evento per il 2026, arriva The Ocean Race Atlantic

L'evento sarà riservato a equipaggi misti e con un forte messaggio per la salute degli oceani, su una rotta che collegherà due città simbolo

Alberto, Luca e Pablo: ecco la loro Quebec Saint Malò

ll giorno dopo la Transat Québec Saint-Malo il racconto della regata nelle parole dell'equipaggio di IBSA, composto da Alberto Bona, Luca Rossetti e Pablo Santurde del Arco

2024 Tornado World Championship: break a metà campionato

Due prove con la bavetta al mattino poi la grande festa sulla terrazza del Club Nautico Rimini

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci