sabato, 13 luglio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

quebec saint malo    regate    optimist    carthago dilecta est    pesca    ambiente    wwf    reale yacht club canottieri savoia    rs21    swan    melges 32    rs aero   

TRANSAT JACQUES VABRE

Beccaria/Bona: sulla scia di Giovanni Soldini

beccaria bona sulla scia di giovanni soldini
Roberto Imbastaro

Alberto Bona e Pablo Santurde del Arco, a bordo del Mach 40.5 IBSA, hanno tagliato il traguardo dei Class 40 al quarto posto nella 16a Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre e il loro tempo complessivo di 18 giorni, 21 ore, 22 minuti e 47 secondi ha garantito loro il terzo posto assoluto. Aggiungendosi al Musa 40 Alla Grande PIRELLI di Ambrogio Beccaria, le barche italiane conquistano un primo e un terzo posto assoluto senza precedenti.

Mentre accoglieva Bona e Santurde sul molo di Fort-de-France, in Martinica, Beccaria, che a Le Havre aveva previsto che due barche italiane sarebbero salite sul podio, oggi ha sorriso: "Abbiamo buoni sponsor che ci spingono a essere qui e a fare buone cose. Siamo buoni skipper e credo che gestiamo bene i nostri progetti. Abbiamo scelto buoni co-skipper come Nico e Pablo e abbiamo buoni sponsor. Ma questo è un evento raro e siamo molto orgogliosi. Quando io e Alberto abbiamo iniziato non avevamo sponsor e quindi siamo felici di stare qui con tante belle persone".

E ha reso omaggio al velista italiano Giovanni Soldini, uno spirito pionieristico nei Class40 che ha vinto la Transat Jacques Vabre 2007 con Pietro d'Ali e che continua a stabilire record e a gareggiare in tutto il mondo.

"Per ogni velista italiano Giovanni è una grande fonte di ispirazione. È un ragazzo meraviglioso che ha fatto grandi cose nella vela, alcune grandi avventure, catturando l'immaginazione del pubblico e del popolo della vela. È sempre lì a spingere le innovazioni con molto coraggio. E questo è fonte di ispirazione, perché a volte se si ha un po' di successo non si corrono più rischi. Ma lui continua a farlo e questo è stimolante". Ha aggiunto Beccaria.

L'asso spagnolo Pablo Santurde del Arco ha dato un grande contributo come co-skipper di Bona. Con il terzo posto nell'IBSA, estende il suo notevole record a quattro podi consecutivi in Classe 40 nella Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre.

Dopo il terzo posto con Phil Sharp nel 2017, il secondo nel 2019 con Alex Pella e la vittoria dello scorso anno su Redman con Antoine Carpentier, ieri mattina Santurde pensava che lui e Bona fossero destinati ad arrivare sesti.

Santurde ha dichiarato: "È stata una gara difficile. Ieri mattina non era affatto scontato che saremmo saliti sul podio. Sapevamo che non sarebbe stata una gara facile, la scorsa edizione eravamo in testa da Capo Verde. Penso che in generale siamo soddisfatti della nostra gara, ma una settimana fa il vento è calato e non abbiamo trovato il giusto set up per la barca, o forse non è la barca giusta per quelle condizioni. Sapevamo che sarebbe stato difficile con questi leggeri alisei. Siamo stati fortunati ad avere un po' di vento alla fine e a concludere in una buona posizione".

Santurde ha sorriso: "Sono molto soddisfatto del mio record. Mi sento molto fortunato a far parte di buoni progetti e a navigare con grandi persone. Ieri mattina pensavamo di essere finiti, di essere sesti. Durante la notte abbiamo avuto delle nuvole che ci hanno dato un buon vento in una buona direzione e siamo volati a 19kts dritti verso il traguardo!".

I francesi ex Figaristi Achille Nebout e Gildas Mahé sul 2022 Lift 40 V2 Amarris - il vincitore di Yoann Richomme dell'ultima Route du Rhum - hanno conquistato il secondo posto assoluto dopo essere arrivati terzi a Fort-de-France. Il secondo classificato, Crédit Mutuel di Ian Lipinski e Antoine Carpentier, è stato disalberato durante la prima tappa e quindi si è visto assegnare un tempo di percorrenza equivalente a quello dell'ultima barca classificata più sei ore.

Il duo francese ha rischiato di ritirarsi dopo l'infortunio di Mahé, ha ricordato Nebout: "Abbiamo pensato che fosse finita quando Gildas si è infortunato. Sembrava ignaro di ciò che stava accadendo. Ho capito che non era normale. Queste barche sono così violente. È successo tutto nello stesso momento in cui ho deciso di prendere l'opzione occidentale. Il gruppo del Sud è uscito più velocemente di quanto immaginassimo. Il tempo era molto diverso dalle previsioni. Così abbiamo scelto quella rotta. La barca si comporta bene, tranne quando sbatte contro le onde. Volevamo guadagnare sugli altri, anche se Ian ci ha dato un'idea di ciò che ci aspettava. Non avrei mai immaginato di arrivare secondo".

I britannici Alister Richardson e Brian Thomson si sono classificati quinti assoluti a solo 1 ora e 39 minuti dal podio, al termine di un'eccellente gara di guida dura sul Mach 40.4 T'quila 2019. Nell'ultima settimana hanno avuto un intenso match race con l'Everial di Edwin Le Draoulec, con il quale hanno concluso il pomeriggio a meno di 10 minuti di distanza.

"È stata una bella regata, ci siamo davvero divertiti. Abbiamo spinto molto, cercando di guidare il più possibile durante i giorni e questo fa davvero la differenza. Penso che abbiamo fatto molte cose giuste in termini di strategia. Abbiamo avuto una giornata negativa, quando abbiamo perso contro Everial, quando avevamo 15 miglia di vantaggio, ma abbiamo recuperato e anche ieri sera e stamattina abbiamo recuperato molti chilometri su di loro. Ma questa è una classe così grande, con così tanti bravi velisti, tutte queste nuove barche a prua e tutti questi ragazzi che arrivano dalla classe Figaro, il livello si alza sempre di più, quindi siamo molto contenti". Thompson ha aggiunto: "Tra me e Al siamo sicuramente il duo con l'età più avanzata - oltre 100 anni - e sono quasi certo che siamo l'unico duo senza team di terra, per questo è bello avere Sam Davies e Miranda Merron qui a prendere le nostre linee!". "Siamo molto soddisfatti". Ha detto Richardson: "Abbiamo lavorato duramente per rimanere veloci guidando a lungo e duramente e pensiamo che questo faccia la differenza. Quando sei seduto a cercare di prendere e lavorare su ogni onda e pensi 'scommetto che nessun altro sta spingendo così', tutto questo fa la differenza. E la regata che abbiamo fatto con Everial è stata davvero incredibile, è stata senza sosta per giorni e ci siamo davvero spinti l'un l'altro attraverso la flotta e abbiamo mantenuto alto il livello tra di noi".

La giovane coppia tedesca Lennart Burke e Melwin Fink (Sign For Com) ha ottenuto un eccellente 11° posto alla sua prima Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre. Prendendo un'opzione da nord, i due hanno fatto una scorpacciata di barche, passando dal 24° posto di sei giorni fa al sorpasso di oggi pomeriggio su EdenRed, timonata dal giovane francese Basile Bourgnon, che con i suoi 21 anni è il velista più giovane della flotta, poche settimane più giovane di Fink, che si è classificato secondo alla Mini Transat 2019.

P { margin-bottom: 0.21cm }


24/11/2023 10:20:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint-Malo: naufragio (e salvataggio) per Alberto Riva e Acrobatica

L’equipaggio, composto da Alberto Riva, Jean Marre e Tommaso Stella, sta bene ed è al sicuro su una nave cargo che l’ha tratto in salvo

“Route to Barcelona”: Silvestri e Paliotto (RYCC Savoia) staccano il pass per assistere alla UniCredit Youth America’s Cup

Si è svolta venerdì scorso, 5 luglio, la terza delle sette regate previste dall’iniziativa promossa da UniCredit “Route to Barcelona”

Quebec Saint Malò: Alberto Riva, Tommaso Stella e Jean Marre sbarcheranno alle Azzorre

La direzione di corsa della Quebec Saint Malò ha comunicato che la petroliera liberiana Silver Ray con a bordo i tre velisti soccorsi ieri in pieno Atlantico, farà scalo nelle isole Azzorre, per consentire lo sbarco

Quebec Saint Malò: per Ambrogio non va "alla grande", lo scafo imbarca acqua

Regata finita anche per Ambrogio Beccaria che imbarca acqua nel suo Class 40 Alla Grande Pirelli

L'87% del Mar Mediterraneo è inquinato!

Con 1,9 milioni di frammenti per mq presenta la più alta concentrazione di microplastiche mai misurata nelle profondità. L’inquinamento idrico provoca 1,4 milioni di morti premature al mondo ogni anno

Riva del Garda, Melges 32: parte benissimo il tedesco Wilma

Il team tedesco di Wilma con Nico Celon alla tattica mette da subito le cose in chiaro firmando con due vittorie le prime due prove della giornata

Moscioli in pericolo: Slow Food decide il fermo pesca

Innalzamento temperature marine: dovremo dire addio al saporito Mosciolo selvatico di Portonovo?

Prima giornata della 39a Salò Sail Meeting

Un vento debole e discontinuo ha caratterizzato la prima giornata della 39a edizione della Salò Sail Meeting, classica di metà estate per i monotipi gardesani organizzata dalla Canottieri Garda

Prima Tappa Club Swan 42 a Valencia per il Trofeo SM La Reina

Nei Club Swan 42 vince Nadir di Pedro Vaquer, mentre il podio è tutto Swan negli ORC 1

Calasetta, RS Aero: seconda giornata della 4a regata nazionale

Francesca Ramazzotti passa al comando nella classe RS Aero5 e FIlippo Vincis sta dominando negli RS Aero 6

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci