lunedí, 4 marzo 2024

TRANSAT JACQUES VABRE

Beccaria/Bona: sulla scia di Giovanni Soldini

beccaria bona sulla scia di giovanni soldini
Roberto Imbastaro

Alberto Bona e Pablo Santurde del Arco, a bordo del Mach 40.5 IBSA, hanno tagliato il traguardo dei Class 40 al quarto posto nella 16a Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre e il loro tempo complessivo di 18 giorni, 21 ore, 22 minuti e 47 secondi ha garantito loro il terzo posto assoluto. Aggiungendosi al Musa 40 Alla Grande PIRELLI di Ambrogio Beccaria, le barche italiane conquistano un primo e un terzo posto assoluto senza precedenti.

Mentre accoglieva Bona e Santurde sul molo di Fort-de-France, in Martinica, Beccaria, che a Le Havre aveva previsto che due barche italiane sarebbero salite sul podio, oggi ha sorriso: "Abbiamo buoni sponsor che ci spingono a essere qui e a fare buone cose. Siamo buoni skipper e credo che gestiamo bene i nostri progetti. Abbiamo scelto buoni co-skipper come Nico e Pablo e abbiamo buoni sponsor. Ma questo è un evento raro e siamo molto orgogliosi. Quando io e Alberto abbiamo iniziato non avevamo sponsor e quindi siamo felici di stare qui con tante belle persone".

E ha reso omaggio al velista italiano Giovanni Soldini, uno spirito pionieristico nei Class40 che ha vinto la Transat Jacques Vabre 2007 con Pietro d'Ali e che continua a stabilire record e a gareggiare in tutto il mondo.

"Per ogni velista italiano Giovanni è una grande fonte di ispirazione. È un ragazzo meraviglioso che ha fatto grandi cose nella vela, alcune grandi avventure, catturando l'immaginazione del pubblico e del popolo della vela. È sempre lì a spingere le innovazioni con molto coraggio. E questo è fonte di ispirazione, perché a volte se si ha un po' di successo non si corrono più rischi. Ma lui continua a farlo e questo è stimolante". Ha aggiunto Beccaria.

L'asso spagnolo Pablo Santurde del Arco ha dato un grande contributo come co-skipper di Bona. Con il terzo posto nell'IBSA, estende il suo notevole record a quattro podi consecutivi in Classe 40 nella Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre.

Dopo il terzo posto con Phil Sharp nel 2017, il secondo nel 2019 con Alex Pella e la vittoria dello scorso anno su Redman con Antoine Carpentier, ieri mattina Santurde pensava che lui e Bona fossero destinati ad arrivare sesti.

Santurde ha dichiarato: "È stata una gara difficile. Ieri mattina non era affatto scontato che saremmo saliti sul podio. Sapevamo che non sarebbe stata una gara facile, la scorsa edizione eravamo in testa da Capo Verde. Penso che in generale siamo soddisfatti della nostra gara, ma una settimana fa il vento è calato e non abbiamo trovato il giusto set up per la barca, o forse non è la barca giusta per quelle condizioni. Sapevamo che sarebbe stato difficile con questi leggeri alisei. Siamo stati fortunati ad avere un po' di vento alla fine e a concludere in una buona posizione".

Santurde ha sorriso: "Sono molto soddisfatto del mio record. Mi sento molto fortunato a far parte di buoni progetti e a navigare con grandi persone. Ieri mattina pensavamo di essere finiti, di essere sesti. Durante la notte abbiamo avuto delle nuvole che ci hanno dato un buon vento in una buona direzione e siamo volati a 19kts dritti verso il traguardo!".

I francesi ex Figaristi Achille Nebout e Gildas Mahé sul 2022 Lift 40 V2 Amarris - il vincitore di Yoann Richomme dell'ultima Route du Rhum - hanno conquistato il secondo posto assoluto dopo essere arrivati terzi a Fort-de-France. Il secondo classificato, Crédit Mutuel di Ian Lipinski e Antoine Carpentier, è stato disalberato durante la prima tappa e quindi si è visto assegnare un tempo di percorrenza equivalente a quello dell'ultima barca classificata più sei ore.

Il duo francese ha rischiato di ritirarsi dopo l'infortunio di Mahé, ha ricordato Nebout: "Abbiamo pensato che fosse finita quando Gildas si è infortunato. Sembrava ignaro di ciò che stava accadendo. Ho capito che non era normale. Queste barche sono così violente. È successo tutto nello stesso momento in cui ho deciso di prendere l'opzione occidentale. Il gruppo del Sud è uscito più velocemente di quanto immaginassimo. Il tempo era molto diverso dalle previsioni. Così abbiamo scelto quella rotta. La barca si comporta bene, tranne quando sbatte contro le onde. Volevamo guadagnare sugli altri, anche se Ian ci ha dato un'idea di ciò che ci aspettava. Non avrei mai immaginato di arrivare secondo".

I britannici Alister Richardson e Brian Thomson si sono classificati quinti assoluti a solo 1 ora e 39 minuti dal podio, al termine di un'eccellente gara di guida dura sul Mach 40.4 T'quila 2019. Nell'ultima settimana hanno avuto un intenso match race con l'Everial di Edwin Le Draoulec, con il quale hanno concluso il pomeriggio a meno di 10 minuti di distanza.

"È stata una bella regata, ci siamo davvero divertiti. Abbiamo spinto molto, cercando di guidare il più possibile durante i giorni e questo fa davvero la differenza. Penso che abbiamo fatto molte cose giuste in termini di strategia. Abbiamo avuto una giornata negativa, quando abbiamo perso contro Everial, quando avevamo 15 miglia di vantaggio, ma abbiamo recuperato e anche ieri sera e stamattina abbiamo recuperato molti chilometri su di loro. Ma questa è una classe così grande, con così tanti bravi velisti, tutte queste nuove barche a prua e tutti questi ragazzi che arrivano dalla classe Figaro, il livello si alza sempre di più, quindi siamo molto contenti". Thompson ha aggiunto: "Tra me e Al siamo sicuramente il duo con l'età più avanzata - oltre 100 anni - e sono quasi certo che siamo l'unico duo senza team di terra, per questo è bello avere Sam Davies e Miranda Merron qui a prendere le nostre linee!". "Siamo molto soddisfatti". Ha detto Richardson: "Abbiamo lavorato duramente per rimanere veloci guidando a lungo e duramente e pensiamo che questo faccia la differenza. Quando sei seduto a cercare di prendere e lavorare su ogni onda e pensi 'scommetto che nessun altro sta spingendo così', tutto questo fa la differenza. E la regata che abbiamo fatto con Everial è stata davvero incredibile, è stata senza sosta per giorni e ci siamo davvero spinti l'un l'altro attraverso la flotta e abbiamo mantenuto alto il livello tra di noi".

La giovane coppia tedesca Lennart Burke e Melwin Fink (Sign For Com) ha ottenuto un eccellente 11° posto alla sua prima Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre. Prendendo un'opzione da nord, i due hanno fatto una scorpacciata di barche, passando dal 24° posto di sei giorni fa al sorpasso di oggi pomeriggio su EdenRed, timonata dal giovane francese Basile Bourgnon, che con i suoi 21 anni è il velista più giovane della flotta, poche settimane più giovane di Fink, che si è classificato secondo alla Mini Transat 2019.

P { margin-bottom: 0.21cm }


24/11/2023 10:20:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: BoatOne di Alinghi Red Bull Racing lascia la Svizzera diretto in Spagna

L'AC75 di Alinghi Red Bull Racing, che quest'estate parteciperà alla 37esima Louis Vuitton America's Cup, è partito dal cantiere di Ecublens, in Svizzera, alla volta della Spagna

Sanremo: concluso il Campionato Invernale Classe Dragone

Quarto ed ultimo atto delle Dragon Winter Series, il Campionato Invernale Classe Dragone, a Sanremo, nel week end del 23/25 Febbraio

Sul Trasimeno il 51° Campionato Italiano classe Meteor

Sarà organizzato dal Club Velico Castiglionese e si prevede un'ampia partecipazione di imbarcazioni provenienti da tutta Italia

Bari: all'Invernale una giornata decisamente bagnata

La pioggia, come previsto, ha accompagnato le regate rendendo come di consueto più difficile la lettura del campo di regata per i partecipanti che hanno dovuto sfoderare tutte le loro abilità per portarle a termine nel migliore dei modi

Charles Caudrelier vince l'Arkea Ultim Challenge

Il solitario francese Charles Caudrelier, skipper del Maxi Edmond de Rothschild, ha attraversato la linea di arrivo al largo della costa di Brest, questo martedì mattina alle 8h 37mn 42s ora locale (UTC+1)

Global Solo Challenge: per Andrea Mura 376 miglia in 24 ore

È nuovamente record per Andrea Mura che venerdì 23 febbraio ha percorso 376 miglia in 24 ore a bordo di Vento di Sardegna

Arkea Ultim Challenge: secondo posto per Thomas Coville

Acclamato come un eroe a Brest, Thomas parla della corsa e dei suoi concorrenti. Un'impresa eccezionale per velisti eccezionali

Per domare un AC 40 servono campioni di Rally

Dalle dune di sabbia alle onde del mare, Alinghi Red Bull Racing accoglie i campioni del Rally Dakar Carlos Sainz Sr. e Cristina Gutierrez a Jeddah

Bologna: Slow Wine Fair 2024 chiude con 12 mila ingressi

Più del 25% di espositori rispetto al 2023 alla terza edizione della fiera dedicata al vino buono, pulito e giusto

Al via le iscrizioni alla Maxi Yacht Rolex Cup 2024

Si aprono ufficialmente oggi le iscrizioni della Maxi Yacht Rolex Cup 2024, evento organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda con la collaborazione dell’International Maxi Association (IMA) e il supporto dello storico partner Rolex

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci