lunedí, 22 luglio 2024

THE OCEAN RACE

The Ocean Race: Holcim-PRB in fuga verso est, Team Malizia ripara l'albero

the ocean race holcim prb in fuga verso est team malizia ripara albero
redazione

In questa edizione di The Ocean Race, Team Holcim-PRB di Kevin Escoffier ha scelto "Unstoppable" di Sia come canzone per le cerimonie in banchina e sul palco, e in questa fase iniziale della Leg 3 sembra essere la scelta più appropriata. 

Dopo aver vinto le prime due tappe di The Ocean Race, l'equipaggio di Holcim-PRB ha acquisito un solido vantaggio a soli quattro giorni dall'inizio della frazione, grazie a un sistema di bassa pressione e vento forte che ha tenuto dietro il resto della flotta. 

Alle 1500 UTC di giovedì, Team Holcim-PRB ha un vantaggio di oltre 300 miglia su 11th Hour Racing Team, margine che cresce di ora in ora, con Escoffier e il suo equipaggio che navigano fino a 10 nodi più veloci delle barche che inseguono. Ma non è stato facile.

"Lo stato del mare è orribile. Non è facile trovare il giusto equilibrio tra essere veloci e non rompere la barca", ha detto Escoffier. "Ora dobbiamo ancora vedercela con questo enorme sistema di bassa pressione davanti a noi. Finora siamo stati abbastanza bravi, prima alla partenza e poi posizionandoci bene e siamo stati in grado di guadagnare sempre un po' di più".

11th Hour Racing Team si è portato in seconda posizione, ma non è riuscito a rimanere agganciato allo stesso sistema meteorologico, impantanandosi nel vento più leggero. Tuttavia, la seconda posizione in classifica, dopo aver sospeso la regata per due ore dopo la partenza, è una buona posizione e il media man Amory Ross racconta che l'umore a bordo è buono. 

Una storia simile è quella di Biotherm, che si trova quasi 200 miglia più indietro, ma che sta sperimentando condizioni insolitamente leggere per essere una barca che ha messo la prua nei " Quaranta Ruggenti ". Per questi team, il ruggito del sud deve ancora arrivare. "Insolita", è il modo in cui Sam Davies ha descritto la situazione.

Altri due team, tuttavia, saranno molto più contenti delle condizioni più leggere: GUYOT environnement - Team Europe, ora in navigazione verso Città del Capo per effettuare le riparazioni strutturali alla barca; e Team Malizia, che oggi ha mandato i velisti sull'albero per rinforzarlo nella zona che ha subito danni quando una vela di prua si è staccata dal gancio, facendo sì che la drizza cerasse una fessura nella fibra di carbonio.

"Abbiamo cercato di riparare un po' il fondo, incollando alcune stecche per rinforzare l'area, in modo da poter spingere al massimo per tornare più velocemente a Città del Capo e riparare la barca in modo corretto e ricongiungerci alla flotta a Itajaì", ha spiegato lo skipper di GUYOT environnement Team Europe Ben Dutreux.

"Non so ancora se attraverso l'Oceano Meridionale o direttamente attraverso l'Atlantico. Lo scopriremo una volta arrivati a Città del Capo".

L'equipaggio di Team Malizia ha trascorso un giovedì faticoso, i velisti si sono avvicendati sull'albero con fogli di fibra di carbonio che hanno dovuto essere incollati e catalizzati per effettuare la riparazione. Sebbene il vento più leggero e le temperature più calde abbiano creato condizioni favorevoli per la riparazione, il mare mosso ha fatto oscillare l’albero come un pendolo, rendendo il lavoro complicato. 

Alle 15.00 UTC, il team stava ancora effettuando i lavori sull'albero, ma lo skipper Boris Herrmann ha dichiarato che il piano è quello di ripartire al più presto. 

Guardate le immagini di Team Malizia mentre si prepara a riparare l'albero.

"Mi sento un po' a pezzi dal punto di vista emotivo. Deluso", ha scritto lo skipper tedesco in un messaggio. "Ma le persone fantastiche che mi circondano mi indicano quale sia l'atteggiamento giusto. Non mollare e rimanere forti per realizzare il sogno di questo giro del mondo. Abbiamo pensato di tornare a Città del Capo. Sarebbe la reazione più facile. La regata potrebbe continuare da Itajai.

Adesso, però, siamo tutti d'accordo nel provare a continuare. Naturalmente ci vuole ancora più forza mentale di quanta ne richieda un'impresa del genere. Il giorno in cui arriveremo sulla banchina di Itajai sarò molto orgoglioso. Queste regate lunghe sono incredibilmente impegnative".

Tutte e cinque le barche stanno affrontando delle sfide nei primi giorni di questa gigantesca Leg 3. Tutte si stanno dimostrando inarrestabili. 


02/03/2023 19:18:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vaurien: Marta Delli e Francesco Graziani Campioni del Mondo

Mondiale disputato sul lago di Liptov, ai piedi dei monti Tatra, tra Slovacchia e Polonia, con 55 equipaggi provenienti da tutto il mondo. Il prossimo mondiale si svolgerà in Italia sul lago di Bracciano

Mini 6.50: partita la Les Sables-Les Açores-Les Sables

In testa ai Proto la francese Marie Gendron. In gara tra i Proto anche Cecilia Zorzi (11ma) con Eki, unica barca italiana in regata

Eolie: i farmaci urgenti arriveranno con i droni

In autunno i primi test verso Vulcano e Lipari per potenziare e velocizzare i servizi di trasporto di farmaci urgenti e sacche di sangue

Youth Sailing World Championships: sbancano gli azzurrini della Sensini

Le medaglie d’oro italiane: Lorenzo Sirena e Alice Dessy cat misto; Federico Pilloni windsurf M; Carola Colasanto windsurf F; Lisa Vucetti e Vittorio Bonifacio 420 misto; Maria Vittoria Arseni e Antonio Pascali ILCA 6

Confindustria Nautica: il mercato globale cresce del +11% e raggiunge i 33 miliardi di euro

Il mercato globale della nautica continua a crescere e, nell’ultimo anno[1] disponibile, è arrivato a toccare quota 33 miliardi, di cui oltre 25 miliardi solo per i superyacht

Garda: oggi il gran finale degli Youth Sailing World Championships

La vela azzurra mantiene tre primi posti con Federico Pilloni (windsurf iQFOiL maschile), Carola Colasanto (iQFOiL femminile), Lisa Vucetti e Vittorio Bonifacio (420 Mix), più due secondi e un terzo

Garda:apre con 30 regate lo Youth Sailing World Championships

Primo giorno ricco di regate, di sole e di vento per gli Youth Sailing World Championships, il Campionato mondiale di Vela Giovanile di World Sailing, la federvela internazionale, ospitato e organizzato quest’anno in Italia sul lago di Garda

Un nuovo evento per il 2026, arriva The Ocean Race Atlantic

L'evento sarà riservato a equipaggi misti e con un forte messaggio per la salute degli oceani, su una rotta che collegherà due città simbolo

Alberto, Luca e Pablo: ecco la loro Quebec Saint Malò

ll giorno dopo la Transat Québec Saint-Malo il racconto della regata nelle parole dell'equipaggio di IBSA, composto da Alberto Bona, Luca Rossetti e Pablo Santurde del Arco

2024 Tornado World Championship: break a metà campionato

Due prove con la bavetta al mattino poi la grande festa sulla terrazza del Club Nautico Rimini

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci