martedí, 20 febbraio 2024

MAXI YACHT ROLEX CUP

Porto Cervo: penultimo giorno alla Maxi Yacht Rolex Cup

porto cervo penultimo giorno alla maxi yacht rolex cup
Roberto Imbastaro

Porto Cervo, 8 settembre 2023. Quarto giorno di regata alla 33^ edizione della Maxi Yacht Rolex, che andrà a concludersi domani, 9 settembre 2023.

 

La scelta del Comitato di Regata di anticipare la partenza alle ore 11,00 in previsione di vento leggero e in calo si è rivelata corretta. La classi Maxi A e Maxi B sono partite puntualmente per le rispettive prove a bastone su un campo posizionato al largo di Porto Cervo mentre, per le restanti classi, il Comitato di Regata ha predisposto un percorso costiero che ha portato la flotta a circumnavigare in senso antiorario le isole di Mortorio e Soffi per fare poi ritorno a Porto Cervo. Il previsto calo di vento ha determinato la riduzione del percorso a 15 miglia dalle 21 previste. Il vento da nordovest di 6-7 nodi ha sfiorato la punta massima di 10 nodi nella parte meridionale del percorso costiero, mentre sul campo delle regate a bastone è risultato instabile e con repentine rotazioni a ovest, permettendo lo svolgimento di una sola prova.

Il Wally 93 Bullitt di Andrea Recordati ha ottenuto in Classe Maxi A il secondo successo consecutivo seguito da due Wallycento: Galateia e Magic Carpet 3. Al comando della classifica generale provvisoria si consolida Galateia, mentre Bullitt, grazie alla vittoria odierna, sale al secondo posto con lo stesso punteggio di Leopard 3 e My Song. Classifica dunque ancora da definire alla vigilia della giornata finale di domani.

 

Una sola prova a bastone anche per la Classe Maxi B, nella quale Bella Mente si è imposta su Pepe Cannonball. Il terzo posto è andato a Jethou, con un ritardo in tempo compensato di soli 37 secondi da Pepe Cannonball su quasi due ore e mezza di regata. In classifica generale Bella Mente è al comando con 3 punti di vantaggio su Proteus e 6 su Pepe Cannonball. 

 

La Classe Maxi C ha visto il debuttante Baltic 60 Open Season del socio YCCS Thomas Bscher interrompere la striscia di tre vittorie consecutive inanellate da Spirit of Lorina, oggi quarta. Secondo posto per Wallyno, il 60 piedi di Benoit de Froidmont, presidente dell'International Maxi Association. Terzo posto di giornata per lo Swan 601 @robas di Gerard Logel.

In classifica generale provvisoria Spirit of Lorina mantiene saldamente la testa della classifica con soli 7 punti. Seguono appaiate con 18 punti H2O, oggi dodicesima, e Oscar 3.

 

Matt Humphries, tattico di Open Season: “Oggi era una giornata complicata, con vento leggero e onda residua. In più stiamo appena iniziando a conoscere la barca e a rodarci come equipaggio, per cui siamo particolarmente soddisfatti della vittoria, è stata una bella sfida con Spirit of Lorina. Il nostro armatore ha timonato benissimo, non è facile con carene così larghe come la nostra, che devono navigare su un angolo specifico e, più in generale, ha certamente pagato l’allenamento che abbiamo svolto ieri, sfruttando la giornata di riposo”.

Tra i Multiscafi è stato il Gunboat 80 Highland Fling 18 di Lord Irvine Laidlaw a prevalere sul Gunboat 68 Convexity 2. Terzo posto per Allegra, certamente penalizzata dal vento leggero.

Il francese Loick Peyron, grande esperto di multiscafi, ha così espresso il suo sentire rispetto al comportamento di Highland Fling 18: “Oggi è stata la quarta giornata di regate e ogni giorno impariamo qualcosa di nuovo, il che è molto gratificante. Il mio ruolo a bordo è finalizzato a conoscere la barca e migliorare le prestazioni, un mix tra allenatore e floater coinvolto in svariati aspetti della regata, oggi abbiamo sperimentato la posizione dell’equipaggio con vento leggero e onda. Il nostro armatore e timoniere è entusiasta, e l’equipaggio sta facendo un ottimo lavoro, senza alcun problema”. In classifica generale provvisoria, Allegra mantiene il comando con soli due punti di vantaggio su Highland Fling 18 e Convexity 2 a pari punti. Il risultato di domani sarà decisivo per definire una classifica molto compatta.

 

Nella Classe Supermaxi, lo Swan 115 Moat di Juan Ball si è imposto sul Wally 101 Y3K di Claus-Peter Offen. Oggi il terzo posto è stato appannaggio dello Spirit Yachts 111 Geist che ha sopravanzato Inoui. Anche in questa categoria la classifica è apertissima, Y3K mantiene il comando per 1 solo punto su Moat, e 3 punti su Inoui.

Tra i J Class continua l’assolo di Svea, seguita da Velsheda e Topaz. La scarna classifica non rende però l’idea di quanto la competizione tra queste enormi imbarcazioni sia sempre molto ravvicinata. In particolare Topaz, timonata dal match racer Peter Holmberg è sempre all’attacco cercando di coprire l’avversario di turno, alla partenza di oggi è stata Svea sul bordo sinistro, mentre Velsheda è partita mure a sinistra andando subito a cercare una maggior pressione sul lato destro facendo una virata in meno, che con vento leggero offre un significativo vantaggio con yacht pesanti come i J Class. Tuttavia il vincitore finale dopo 15 miglia di regata è stato sempre lo stesso, Svea.

 

Grant Simmer, stratega su Velsheda: “È stato interessante oggi, affrontare la sfida delle arie leggere. Abbiamo fatto una buona partenza mure a sinistra, andando a destra dove ci aspettavamo un salto di vento, infatti eravamo comodamente avanti alla boa di disimpegno. In poppa Svea è più veloce e non siamo riusciti a tenerla dietro, mentre di bolina siamo abbastanza alla pari. Adoro navigare su queste barche con un equipaggio di 30 persone, è un vero esercizio di squadra, in particolare quando il vento supera i 15 nodi”. 

 

Anche domani, ultima giornata di regata con previsioni di vento leggero dai quadranti settentrionali, la partenza è stata anticipata alle ore 11,00. La premiazione è programmata per le ore 17,30.

 


08/09/2023 20:19:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Sospetto di frode per un routing nell'ultimo Vendée Globe

Secondo la stampa francese, dopo aver ricevuto degli screenshot anonimi, la Federazione Francese ha aperto un'indagine per sospetto di routing vietato e ha dato mandato ad una giuria di analizzare la veridicità dei fatti

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Invernale Bari: un vento variabile complica la giornata

Dopo tre prove in due giornate “Morgana” guida la classifica altura overall. “Folle Volo Racing” primo tra i minialtura dopo quattro prove in due giornate

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

The Ocean Race Europe 2025 partirà da Kiel, in Germania

Gli organizzatori di The Ocean Race hanno confermato che Kiel.Sailing.City ospiterà la partenza di The Ocean Race Europe durante una conferenza stampa tenutasi a Kiel mercoledì mattina. La partenza dell'evento è in programma per il 10 agosto 2025

Francesca Clapcich sarà la skipper di UpWind by MerConcept

L’UpWind by MerConcept, un team tutto al femminile parteciperà al circuito di multiscafi Ocean Fifty 2024, offrendo a un gruppo internazionale di atlete l'opportunità di competere ai più alti livelli della vela oceanica

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h recupera più di 1100 miglia

Charles Caudrelier, ancora in testa con un sostanzioso margine, è penalizzato dalla bonaccia al largo del Brasile, ma da questa sera dovrebbe ritrovare un po' di vento

Ocean Globe Race: Line Honours a Punta del Este per Pen Duick VI

Marie Tabarly: "E sì, ci sono momenti in cui ti senti piuttosto piccolo, specialmente sulla cima di un'onda alta da 7 a 10 metri, guardando l'immensità dell'oceano". Un pensiero anche per Translated9 costretto al ritiro

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci