martedí, 27 febbraio 2024

MAXI YACHT ROLEX CUP

Maxi Yacht Rolex Cup: il vento tiene e lo spettacolo è grande

maxi yacht rolex cup il vento tiene lo spettacolo 232 grande
redazione

Giornata di vela memorabile per i concorrenti della 33^ Maxi Yacht Rolex Cup. Il calo del vento previsto non si è verificato, così il terzo giorno di regata è stato praticamente perfetto, con vento da Nord di circa 14 nodi che sono saliti fino a 20 nella parte settentrionale del percorso. Mentre i J Class sono stati impegnati in due prove a bastone, tutte le altre classi hanno affrontato una prova costiera di 30 miglia, leggermente ridotte a 26 per la Classe Maxi C. Dopo una bolina fino alla boa di disimpegno, la flotta ha circumnavigato in senso antiorario le isole di Caprera, La Maddalena e Spargi, rientrando verso Porto Cervo attraverso il canale di La Maddalena e il Passo delle Bisce. Le andature al traverso e di bolina larga in molti tratti erano particolarmente spettacolari a vedersi, in particolare nel caso dei multiscafi che in alcune occasioni hanno navigato con lo scafo di sopravento leggermente sollevato dall’acqua. Nella Classe Maxi A si è imposto Bullitt, il Wally 93 del socio YCCS Andrea Recordati che in tempo compensato ha prevalso di oltre un minuto sul WallyCento Galateia e sul Botin 85 Deep Blue. In tempo reale, la prima barca al traguardo è stata FlyingNikka, che ha volato sui foil per l’intero percorso. Con il secondo posto di oggi, Galateia consolida la sua posizione al comando della classifica generale, seguita da Leopard 3 e My Song rispettivamente con 4 e 5 punti di distacco.

 

Joca Signorini, tattico di Bullitt: “Abbiamo avuto un’ottima giornata, dopo la delusione del primo giorno, siamo riusciti a fare una gran regata con un'altra buona partenza che ci ha portati a girare la boa di bolina davanti ad alcune delle barche più grandi e molto vicino a quelle che ci precedevano. Andrea [Recordati] ha fatto un ottimo lavoro al timone portando la barca al massimo del suo potenziale e l'equipaggio ha svolto delle manovre perfette. Inoltre, essendo il nostro primo evento con questo gruppo, l'equipaggio permanente ha lavorato duramente ogni giorno per assicurarsi che la barca fosse pronta per le regate. È stato un ottimo lavoro di squadra e non vediamo l'ora di affrontare le prossime regate”. Nella Classe Maxi B, il Maxi racer Bella Mente di Hap Fauth, ha vinto dominando fin dalla partenza ed estendendo il suo vantaggio su Proteus e Pepe Cannonball, rispettivamente secondo e terzo. La classifica generale provvisoria della Classe Maxi B vede appaiati con 7 punti Proteus e Bella Mente, segue Pepe Cannonball con 5 punti di distacco.

 

Queste le parole del tattico di Bella Mente, Terry Hutchinson, skipper di American Magic, la sfida del New York Yacht Club alla 37^ America’s Cup: “Siamo partiti bene, le condizioni erano abbastanza impegnative a causa del mare residuo di ieri e il vento si è rivelato un po’ più forte di quanto inizialmente previsto. Avevamo preparato la barca per vento più leggero, ma l’equipaggio ha fatto un lavoro eccellente, abbiamo girato in testa la boa di bolina. Da lì abbiamo lavorato duramente per aumentare il nostro vantaggio perché dovevamo dare a Proteus circa un minuto e mezzo per vincere in tempo compensato. Purtroppo abbiamo rotto un gennaker e in quel momento si è creata un po’ di tensione a bordo, ma nonostante questo contrattempo, è stata complessivamente una buona giornata. Devo congratularmi con Hap [Fauth] per come ha condotto la barca, in particolare nella prima bolina fino alla boa di disimpegno. Grazie a tutto l’equipaggio per i loro sforzi”.

Nella Classe Maxi C, Spirit of Lorina di Jean Pierre Barjon continua a dominare con una tripletta di primi posti, altrettanto vale per la seconda posizione, dove H2O di Riccardo de Michele ha collezionato 3 secondi posti consecutivi. Oggi terzo posto per Open Season, il Baltic 68 Café Racer di Thomas Bscher. La classifica generale vede naturalmente ai primi due posti Spirit of Lorina e H2O, in terza posizione Oscar 3.

 

Tra i Multiscafi, oggi la vittoria è andata al Gunboat 80 Highland Fling 18 di Lord Irvine Laidlaw, che si avvale delle chiamate tattiche di Cameron Appleton e dell’esperienza sui multiscafi di Loick Peyron. Secondo posto per Allegra di Adrian Keller, a soli 14 secondi in tempo compensato dal vincitore. In classifica provvisoria è al comando Allegra con quattro punti, seguono Convexity 2 a 7 punti e Highland Fling, che ieri non ha regatato, con 8 punti.

 

Nella Classe Supermaxi la vittoria di oggi è stata appannaggio di Y3K di Claus-Peter Offen, seguito da Inoui, progetto Briand di 108 piedi di Marco Vogele e Moat, Swan 115 di Juan Ball. Anche in classifica generale le prime tre posizioni restano in questa sequenza.

 

Tra i J Class continua il dominio incontrastato di Svea, vincitrice di entrambe le prove odierne tra le boe. Nella prima prova la seconda posizione è stata appannaggio di Topaz, terza Velsheda. Posizioni che si sono invertite nella seconda regata della giornata. 

 

Tim Powell di Svea ha spiegato: “Nella prima prova oggi abbiamo approfittato del match race tra Topaz e Velsheda e ci siamo portati in vantaggio, nella seconda regata nonostante una partenza difficile siamo riusciti ad avere la meglio su Topaz che ci ha tallonato. La barca sta performando bene, l’equipaggio è fantastico, Bouwe [Bekking] sta facendo un eccellente lavoro con le chiamate tattiche. Siamo felici della giornata di riposo di domani, ci siamo allenati molto prima dell’inizio dell’evento e abbiamo ancora molto lavoro da fare. Durante la prima prova abbiamo rotto il fiocco 2 per cui è stato veramente impegnativo. Ad ogni modo siamo soddisfatti dei nostri risultati, l’equipaggio sta facendo un lavoro eccezionale!” Nella Classe Maxi C regata anche Baruna of 1938, uno scafo d’epoca dalla bellezza senza tempo, frutto della matita di Olin Stephens che in quel periodo stava studiando le linee d’acqua del J Class Ranger. Chris Savage, tattico a bordo di Baruna, ci ha raccontato: "È incredibile essere qui alla Maxi Yacht Rolex Cup con Baruna, abbiamo dedicato otto anni al restauro di questa magnifica imbarcazione originariamente costruita nel 1938 e progettata nel 1937. Navigare qui in Costa Smeralda, tra le splendide Isole di La Maddalena, è un sogno che si avvera. Questa regata per noi rappresenta una tappa significativa perché ci sono le condizioni ideali per testare la barca, spingerla al limite per conoscere appieno il suo potenziale. Baruna rappresenta i maxi yacht degli anni '30, è davvero emozionante quindi regatare accanto a imbarcazioni ultra moderne e poter competere allo stesso livello tecnologico ma con una imbarcazione di un’altra epoca".

 

Domani, 7 settembre, sarà giorno di riposo, alla sera si terrà il tradizionale Rolex Gala Dinner. Il programma della Maxi Yacht Rolex Cup prevede che le regate riprendano venerdì 8 settembre alle ore 12,00. ph. Max Ranchi 

 

 

 

 


06/09/2023 21:27:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Cambusa: “Cavolo che zuppa”, i benefici dell’orto e dei legumi nella ricetta della chef Alessandra Ingegnetti

La chef de La Locanda del Mulino a Valcasotto, propone un Piatto ricco di proprietà nutritive e salutari di facile realizzazione ma di grande sapore (grazie anche al formaggio di Valcasotto)

Arkea Ultim Challenge: Edmond de Rothschild è ripartito da Horta

Dopo tre giorni di attesa a Horta, nella marina principale dell'isola di Faial, il Maxi Edmond de Rothschild ha ripreso il largo sabato 24 febbraio alle 10:45 UTC, il che equivale a una sosta di circa settantotto ore

Sanremo: concluso il Campionato Invernale Classe Dragone

Quarto ed ultimo atto delle Dragon Winter Series, il Campionato Invernale Classe Dragone, a Sanremo, nel week end del 23/25 Febbraio

Arkea Ultim Challenge: Eric Peron passa Capo Horn

Per Eric Peron, che ha l'Ultim più vecchio della flotta e senza foil, la traversata del Pacifico è stata la più veloce di tutti i concorrenti, 1 ora e 14 minuti meno di Charles Caudrelier

Arkea Ultim Challenge: riflessioni di Thomas Coville prima della sua ultima grande cavalcata verso il traguardo

Sabato notte Coville si è preso del tempo per riflettere su alcune delle cose che hanno avuto grande influenza sulla sua carriera straordinaria, sulla gara, su come si sente

Arkea Ultim Challenge: Biscaglia impraticabile, stop alle Azzorre per Caudrelier

Il team: "Una grande depressione sta bloccando la strada per Brest. Venti stabili di 40 nodi, con raffiche oltre i 50, e mari di 8 a 9 metri"

Al Salone del Vino di Torino 2024 torna la notte Rosso Barbera

14 piole incontrano 14 musicisti e 14 produttori di Barbera. Una serata tra note, vino e cucina dà il via al lungo weekend del Salone del Vino di Torino 2024

WWF, Castelporziano: al via "Operazione Capodoglio"

In occasione della Giornata Mondiale delle balene tecnici, biologi, veterinari dell’IZS Lazio e Toscana, WWF, Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa al lavoro per riportare alla luce il capodoglio spiaggiato 5 anni fa sul litorale laziale

RORC Caribbean 600: Line Honours per Leopard 3, con un pensiero all'overall

Il Farr 100 Leopard 3 di Joost Schuijff si è aggiudicato la vittoria in tempo reale per i monoscafi nella RORC Caribbean 600 e, visto il vento instabile che accompagnerà i prossimi arrivi, spera anche nella vittoria in compensato

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci