lunedí, 4 marzo 2024

ARKEA ULTIM CHALLENGE

Arkea Ultim Challenge: pensieri in libertà del grande Loïck Peyron

arkea ultim challenge pensieri in libert 224 del grande lo 239 ck peyron
Roberto Imbastaro

Dell'ARKEA ULTIM CHALLENGE - Brest ha parlato Loïck Peyron, una vera icona della vela oceanica francese, un eccezionale navigatore nonché un meraviglioso narratore di storie di mare. Ha anche un'incredibile e lunga storia di successi. Dal 2012 è stato detentore del trofeo Jules Verne per cinque anni, è stato vincitore della Route du Rhum (2014), della Transat inglese (1992, 1996, 2008), della Transat Jacques Vabre (1999, 2005) e quattro volte campione del mondo di Orma multiscafi. Peyron ne sa molto sui multiscafi di tutte le dimensioni e sulle regate intorno al mondo. E ama condividere la sua passione.  Loïck ha rilasciato questa intervista mentre Charles Caudrelier continua la sua risalita dell'Atlantico.

 

Ora che siamo oltre metà percorso, cosa ti ispira questa gara, Loïck?

Beh, ci sono state delle cose fantastiche e una grande lotta, anche se è un po' calata. La partenza è stata piuttosto emozionante nonostante le sfortune di alcuni. Il duello tra Tom (Laperche) e Charles (Caudrelier) è stato ispiratore. Quello che sorprende è vedere la traiettoria di tutti. A parte Charles, hanno avuto tutti condizioni difficili, sequenze che non favorivano le rimonte. Le differenze ora sono considerevoli ma non è sorprendente visto che le barche sono così veloci. Il problema con l'alta velocità è proprio che i divari crescono rapidamente fino a diventare divari significativi.


Charles Caudrelier ha dominato la gara ininterrottamente dal 17 gennaio. Sei impressionato dalla sua corsa intorno al mondo?

Ha un controllo molto buono, molto talento e anche una certa dose di fortuna, tutto ciò che contribuisce a consentirgli di superare molte insidie e costruire un considerevole vantaggio. Fermarsi o dover abbandonare non toglie nulla ai talenti degli skipper che hanno dovuto farlo: a questo livello di competizione, ci sono solo dei bravi navigatori. Ma meccanicamente, le sfortune degli altri lo hanno piuttosto favorito. La partnership che ha con la sua barca è la più longeva e la più comprovata. Charles conosce perfettamente la sua barca e ha il lusso di poter rallentare, di non essere costretto a spingere troppo forte.

 

Anche Franck Cammas ha parlato dell'importanza della fortuna...

Sì, a volte è l'unico parametro chiave, certamente con gli OFNI in ogni caso. Gli OFNI hanno anche bisogno di fortuna, perché a volte sono esseri viventi. Ma la fortuna è uno dei parametri totalmente ingovernabili, la preoccupazione principale su queste barche, un imponderabile che fa parte del gioco.

 

Ci sono traiettorie o scelte tattiche che ti hanno sorpreso?

Per metterlo nei termini più semplici, dobbiamo ricordare che quando una rotta è lineare, significa che è facile a bordo. Non appena c'è un cambio di rotta, tuttavia, comporta manovre e un impegno fisico molto impegnativo. Quello che è stato sorprendente è stato il passaggio a nord della Nuova Zelanda da parte di Armel Le Cléac'h. È una scelta logica ma è la prima volta che lo vediamo in una gara intorno al mondo. Queste barche sono così veloci che possono permettersi di allontanarsi dalle peggiori condizioni e soprattutto dai mari molto agitati per trovare più sicurezza. Inoltre, la ZEA è così a nord che limita un po' le opzioni, ti obbliga a prendere una rotta più lunga e a volte lontano dai luoghi che vuoi evitare. Ora non vediamo più ghiacci. Era eccitante ai suoi tempi ma era anche spaventoso!

 

I velisti danno l'impressione di reggere bene, di gestire bene la monotonia e lo stress?

Questi non sono principianti. Conoscono le rotte, le condizioni, le previsioni, sanno quando fare lo sforzo e alzare il loro gioco e prepararsi ogni volta. Su queste macchine, il nocciolo della questione è l'anticipazione, soprattutto nei momenti critici. Ma soprattutto rimangono relativamente confortevoli e "sicure" barche. Quando tutto va bene nel Pacifico, c'è tempo per riposare tra due manovre. Peccato che la connessione Starlink (che permette l'accesso a Internet) sia così scarsa nel Sud per guardare film.

 

Tom Laperche (SVR-Lazartigue) è l'unico skipper ad essersi ritirato... Sei rimasto impressionato dal suo inizio di gara?

Sapevamo già che era un grande velista, un contendente, lo aveva dimostrato da tempo. È stato una delle stelle più luminose di questo sport, da molto tempo e lo sarà ancora per molto tempo. Chiaramente Tom è incredibile! È partito con una barca rimessa in acqua solo pochi giorni prima della partenza, è partito per la sua prima volta intorno al mondo e ha mantenuto un ritmo favoloso. E la partnership che forma con la sua barca è impressionante!

 

Anche se Charles Caudrelier non batterà il record di giro del mondo (per farlo dovrebbe arrivare sabato 17 febbraio alle 0548. NdR), quale segno lascerà la sua prestazione e questa prima edizione nel mondo della vela oceanica?

Beh, innanzitutto, c'è il fatto che è una gara, per la prima volta. Per Charles, la motivazione principale è vincere la gara, finire prima del secondo classificato, non è uscito per battere un record. Ma sempre più spesso ci troviamo di fronte al paradosso della normalizzazione delle sfide. Abituarsi molto a vedere i velisti navigare da soli intorno al mondo sembra in qualche modo diminuire la percezione pubblica della performance. Ora, ciò che stanno facendo questi velisti è un grande exploit. Davvero poche persone sono capaci di guidare macchine così grandi da soli, intorno al mondo e a questa velocità considerevole.

 

Come possiamo aiutare il grande pubblico a realizzare questo?

Questo è tutto il problema della situazione in Francia dove abbiamo un pubblico che è stato ben nutrito di avventure marittime per oltre mezzo secolo. C'è una tendenza a banalizzarlo e a diventare disincantati. Ci piace quando c'è poca differenza tra loro in regata, che ci sia lotta e forse che siamo un po' meno appassionati di pura navigazione e gestione. Tuttavia, questo non toglie le qualità necessarie per essere uno di questi velisti. Forse ci vorranno diverse edizioni di questa gara per radicarsi meglio nella mente delle persone, anche se credo già che sia un successo popolare.

 

Hai già attraversato Capo Horn, come Armel (Le Cléac'h) e Thomas (Coville) questo fine settimana. Oltre al mito e alla storia che circondano il Corno, senti qualcosa di speciale quando lo attraversi?

Sì, certo perché il simbolismo è ovvio; seguiamo tutti le orme di moltissime navi che ci hanno preceduto per diversi secoli. C'è una realtà storica e geografica che rende questa "svolta a sinistra" unica. Segna la fine di un deserto marittimo, la fine di un tipo di inferno. Anche se possiamo trovare condizioni molto difficili nell'Atlantico del Sud, come quelle che ha attraversato Charles, c'è l'impressione di tornare in un cortile che conosciamo, di vedere terra dopo settimane nel cuore del Pacifico. In breve, stiamo tornando un po' alla civiltà.

 


11/02/2024 12:26:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: BoatOne di Alinghi Red Bull Racing lascia la Svizzera diretto in Spagna

L'AC75 di Alinghi Red Bull Racing, che quest'estate parteciperà alla 37esima Louis Vuitton America's Cup, è partito dal cantiere di Ecublens, in Svizzera, alla volta della Spagna

Sanremo: concluso il Campionato Invernale Classe Dragone

Quarto ed ultimo atto delle Dragon Winter Series, il Campionato Invernale Classe Dragone, a Sanremo, nel week end del 23/25 Febbraio

Sul Trasimeno il 51° Campionato Italiano classe Meteor

Sarà organizzato dal Club Velico Castiglionese e si prevede un'ampia partecipazione di imbarcazioni provenienti da tutta Italia

Bari: all'Invernale una giornata decisamente bagnata

La pioggia, come previsto, ha accompagnato le regate rendendo come di consueto più difficile la lettura del campo di regata per i partecipanti che hanno dovuto sfoderare tutte le loro abilità per portarle a termine nel migliore dei modi

Charles Caudrelier vince l'Arkea Ultim Challenge

Il solitario francese Charles Caudrelier, skipper del Maxi Edmond de Rothschild, ha attraversato la linea di arrivo al largo della costa di Brest, questo martedì mattina alle 8h 37mn 42s ora locale (UTC+1)

Global Solo Challenge: per Andrea Mura 376 miglia in 24 ore

È nuovamente record per Andrea Mura che venerdì 23 febbraio ha percorso 376 miglia in 24 ore a bordo di Vento di Sardegna

Arkea Ultim Challenge: secondo posto per Thomas Coville

Acclamato come un eroe a Brest, Thomas parla della corsa e dei suoi concorrenti. Un'impresa eccezionale per velisti eccezionali

Per domare un AC 40 servono campioni di Rally

Dalle dune di sabbia alle onde del mare, Alinghi Red Bull Racing accoglie i campioni del Rally Dakar Carlos Sainz Sr. e Cristina Gutierrez a Jeddah

Bologna: Slow Wine Fair 2024 chiude con 12 mila ingressi

Più del 25% di espositori rispetto al 2023 alla terza edizione della fiera dedicata al vino buono, pulito e giusto

Al via le iscrizioni alla Maxi Yacht Rolex Cup 2024

Si aprono ufficialmente oggi le iscrizioni della Maxi Yacht Rolex Cup 2024, evento organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda con la collaborazione dell’International Maxi Association (IMA) e il supporto dello storico partner Rolex

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci