venerdí, 15 ottobre 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

regate    veleziana    windsurf    ilca    trofeo jules verne    mini transat    campionati invernali    lega italiana vela    scuola vela    press    star    barcolana    optimist    vele d'epoca   

EVENTI

"Vita da Strega": il Premio Strega raccontato dalle foto dell'Archivio Riccardi

Un pezzo di vita italiana. Un pezzo della vita culturale italiana. Che anno dopo anno, dal 1947, vede in campo i maggiori scrittori italiani. E’ il Premio Strega. E “Vita da Strega” è l’evento che svela la storia del riconoscimento letterario italiano più ambito attraverso le straordinarie foto, alcune inedite, dell’Archivio Riccardi e il racconto di due protagonisti di oggi, Giorgio Nisini e Giovanni Greco, rispettivamente finalisti nel 2011 con “La città di Adamo” (Fazi) e nel 2012 con “Malacrianza” (Nutrimenti). Affidata all’attore Giuseppe Pestillo la lettura di brani dei due libri.
Lunedì 7 maggio alle 19.00 l’inaugurazione della mostra e la conversazione di Nisini e Greco con lo scrittore e giornalista Roberto Ippolito, nello Spazio5 in via Crescenzio 99d Roma. L’appuntamento si svolge nel pieno della competizione: solo tre giorni dopo a Benevento la presentazione dei dodici candidati dell’edizione in corso, il 13 giugno a Roma la selezione della cinquina in lizza per il successo, il 5 luglio la votazione per l’assegnazione della vittoria.
Le storiche immagini sono opera di Carlo Riccardi. Fra i volti in bianco e nero dell’Archivio diretto dal fotografo Maurizio Riccardi, proposti con la regia di Giovanni Currado, non poteva mancare il primo vincitore Ennio Flaiano con “Tempo di uccidere” (Longanesi). Così come, tra il pubblico attento, pellicce datate, sostenitori in azione, negli scatti dei decenni passati visibili nello Spazio5 ci sono suoi “successori” come una misurata Elsa Morante, un annoiato Alberto Moravia o Giorgio Bassani in veste da giurato. Per non parlare di Raffaele la Capria in posa sfoderando l’assegno da un milione. E poi si “scoprono” in situazioni insolite Pier Paolo Pasolini e Giuseppe Ungaretti.
Sono nomi che segnano 65 anni dell’editoria italiana e sono testimoni del proprio tempo. E che, con altri prestigiosi, aprono la strada ai nuovi talenti. Fra questi Giorgio Nisini che conquista un posto in prima fila con “La città di Adamo”, dopo il fortunato debutto con “La demolizione del Mammut” (Perrone). Il suo romanzo combina la capacità di incastrare gli avvenimenti con la propensione a suscitare interrogativi. C’è una domanda-tormento che attraversa tutto il libro: chi era veramente il padre del protagonista?
E quest’anno è lanciato Giovanni Greco. Il suo romanzo d’esordio “Malacrianza” è un mosaico di vicende che compongono un’unica storia, quella dell’infanzia tradita. E’ una specie di favola nera con i bambini offesi, bambini vittime. E, però, caratterizzata da una grande umanità. Dal punto di vista letterario, di particolare rilievo il passaggio dalla terza alla prima persona per descrivere in presa diretta situazioni e stati d’animo.
Nisini (nato a Viterbo nel 1974, studioso, saggista e docente di sociologia della letteratura alla Sapienza) e Greco (nato a Roma nel 1970, attore, regista, traduttore e autore di testi teatrali) ricostruiscono la loro “vita da Strega” nel dialogo con Roberto Ippolito, autore di “Evasori” e “Il Bel Paese maltrattato” (entrambi Bompiani) e direttore scientifico del festival letterario “A tutto volume” a Ragusa dal 24 al 27 maggio.
Giuseppe Pestillo (Fondi 1983), lettore delle pagine dei libri di Nisini e Greco, si è distinto al cinema con “Due vite per caso” e a teatro con” Gli innamorati immaginari”.
La “vita da Strega” degli scrittori è la vita di Maria e Goffredo Bellonci creatori del Premio, nell’ambito del loro salotto letterario, con il contributo di Guido Alberti, proprietario dell’azienda produttrice del liquore Strega, sponsor da sempre. L’Archivio Riccardi (che vanta circa un milione di scatti) con le foto in mostra conduce dentro casa Bellonci dove ancora oggi si svolge la selezione della cinquina che si contende il riconoscimento. Così è possibile, con il lavoro di Carlo Riccardi, vedere gli scaffali zeppi di libri, le terrazze animate anche da personaggi dello spettacolo come Anna Magnani, Alberto Sordi, Sylvia Koscina e Marcello Mastroianni, il corridoio inverosimilmente stipato.
E poi c’è la lavagna. La mitica lavagna sulla quale viene segnato il risultato dei candidati dopo ogni pacchetto di voti scrutinati. La mostra delle foto dell’Archivio Riccardi è un tuffo nelle gare del passato. Ma dietro quella lavagna, immancabili, ci sono le polemiche sulla composizione della giuria, i 400 letterati e lettori che formano gli Amici della domenica, come sul dominio dei grandi gruppi editoriali. Gli interrogativi trovano spazio nella conversazione fra Nisini, Greco e Ippolito. “Vita da Strega” è anche questo.


02/05/2012 23:08:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Giovani e sfacciati: i "piccoli" di Anywave Junior concludono la Barcolana

Con il progressivo peggioramento del meteo dopo la partenza il CdR ha annullto la regata per tutte le classi dalla 2 alla 7 ma come molti altri equipaggi, a causa dell’intensità del vento, a bordo di Anywave Junior la trasmissione non è stata recepita

Anywave Safilens disalbera alla Barcolana

Il Maxi di Alberto Leghissa fermato da una raffica, nessun danno all’equipaggio (ph. Max Ranchi)

Mondiale Hansa: il campione è Piotr Cichocki

Vela, a Palermo conclusi i mondiali della Classe Paralimpica Hansa. Il polacco Cichocki campione del mondo

Garda: prima edizione della BTS Green Cup

La competizione velica organizzata da BTS Biogas e Lega Navale Italiana sez. di Garda, ispirata alla sostenibilità ambientale, si disputerà nelle acque del lago di Garda il 16 ottobre

Les Voiles de Saint Tropez: chiusura nel segno di Magic Carpet Cubed

La seconda settimana di Les Voiles de Saint-Tropez per i maxi yacht si è conclusa con un vento da est che alla fine ha dato a 45 delle più grandi barche a vela del mondo un'ultima opportunità di mettere punti sul tabellone

Il Farr 80 Anemos di Marco Bono guida le Maxi Yacht Adriatic Series

Il nuovo circuito di regate Maxi Yacht Adriatic Series - creato dai club centenari Yacht Club Adriaco, Società Nautica Pietas Julia e Compagnia della Vela - entra nel vivo dopo la disputa delle prime due tappe

Trofeo Jules Verne: Dona Bertarelli e Yann Guichard ci riprovano

Dona Bertarelli e Yann Guichard sono di nuovo pronti a tentare la conquista del Trofeo Jules Verne, detenuto dal 2017 da Francis Joyon e dal suo equipaggio con un tempo di 40 giorni 23h 30' 30''

Partirà con la "Garmin Roma per 2" il Trofeo Mediterraneo Class 40

Alessandro Farassino (CNRT): "Siamo felici di questa iniziativa che apre nuovi orizzonti per la grande altura in Mediterraneo e farà il bene di tutto il movimento velico"

Arca SGR vince anche la Barcolana

Arca SGR del Fast and Furio Sailing Team conquista una delle edizioni più dure e incredibili della Barcolana tagliando il traguardo per prima sul percorso accorciato ai piedi del Castello di Miramare

Rambler 88 prende il comando a Les Voiles de Saint-Tropez

L'equipaggio di Rambler 88 si è comportato particolarmente bene, dato che oggi ha navigato con loro il team principal di Alinghi, Ernesto Bertarelli, con il quale molti, incluso Butterworth, hanno vinto e poi difeso l'America's Cup nel 2003 e nel 2007

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci