sabato, 15 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    mini 6.50    youth america's cup    cambusa    circoli velici    rs feva    persico 69f    trasporto marittimo    fiv    porti   

TRASPORTI

Trasporti: lo spettro di agitazioni per la prossima settimana

L'Autotrasporto italiano non regge più e scende in campo non più per garantire i servizi essenziali per l’emergenza Covid, come accaduto con abnegazione in queste settimane, ma per protestare sulle strade contro un governo “che parla, ma non agisce” e quindi contro le sempre più pesanti e ormai insopportabili inadempienze nei confronti della categoria. La decisione è stata assunta: e già a partire dalla prossima settimana verranno avviate su tutto il territorio nazionale azioni di protesta in escalation.
“L’unica risposta del governo – afferma Maurizio Longo, segretario nazionale di Trasportounito – è un decreto liquidità che non solo è lettera morta, ma è un vero e proprio gioco delle tre carte, in un quadro economico e normativo in cui le task force servono solo a mascherare le responsabilità politiche e l’incapacità di attuare misure pratiche di ogni dicastero".
“Le imprese di trasporto non reggono più, non hanno più liquidità e non ci stanno – sottolinea Longo – a recitare il ruolo di eroi di serie B, da dimenticare alla svelta: o si dà attuazione pratica a strumenti seri e concreti, anche quelli a costo zero, nonché a quelli indispensabili per garantire liquidità alle imprese delle quali si è riconosciuto e talora esaltato ipocritamente il ruolo strategico nel momento di difficoltà del Paese, oppure si dovranno subire le forti manifestazioni di dissenso”.
E ciò significa dare via alla protesta a partire da Roma fino a quei confini “attraverso i quali – conclude il segretario di Trasportounito – si autorizza il transito agli untori del nostro mercato e della nostra economia”.

Da tempo Conftrasporto-Confcommercio aveva lanciato l’allarme sulla difficile (e a lungo insostenibile) situazione nella quale si trovano le aziende dell’autotrasporto. “Da più di 15 giorni avevamo richiesto e avanzato proposte per dare liquidità immediata alle imprese che con il loro lavoro stanno tenendo in piedi l’Italia - ricorda il vicepresidente Paolo Uggè - I modelli erano pronti: bastava copiare quanto fatto dalla Germania e dalla Svizzera. Ma il presidente del Consiglio non ci ha voluti ascoltare”.

“Avevamo anche ipotizzato che le situazioni di disagio avrebbero potuto innescare manifestazioni di protesta organizzate da chi già nel passato aveva tentato di strumentalizzare il movimento dei forconi per proprie convenienze - spiega Uggè – Oggi si apprende che già dalla prossima settimana, venendo meno ai protocolli sull’autoregolamentazione delle iniziative di protesta, il tentativo di strumentalizzare è partito”.

“Le federazioni di settore responsabili non proclameranno alcuna iniziativa di fermo – precisa il vicepresidente di Conftrasporto – Ma proteste spontanee potrebbero verificarsi. Il Governo dovrebbe rispondere nei tempi più rapidi possibili all’emanazione di alcuni provvedimenti annunciati (costi della sicurezza, tempi di pagamento, interventi sui pedaggi autostradali, riduzione di tempi di lavoro per il personale viaggiante) oltre ad attuare gli interventi necessari ad assicurare la liquidità alle imprese, che è un problema universale per il mondo imprenditoriale”.

“Non è piacevole dover ricordare che l’avevamo detto, ma la situazione è veramente difficile. Conftrasporto si comporterà come sempre nell’interesse del Paese e delle imprese che rappresenta”, conclude il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio


21/04/2020 20:24:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Persico 69F: a Gargnano primo giorno di "Revolution"

In evidenza alla fine della prima giornata gli equipaggi di Botticini, Gallinaro, e Caldari oltre ai fuoriclasse da Hong Kong

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Optimist, "Ora Cup Ora": conclusione con un bel vento teso da nord

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann

ASSARMATORI: vinta la prima battaglia per rilanciare l’economia del mare

“L’emergenza Covid, nella sua drammaticità, ha in queste ore provocato quella che va considerata una reazione positiva insperata: far comprenderealle Istituzioni nazionali l’importanza dell’economia e dell’industria del mare”

MINI 6.50: Mengucci e Caparrotti raccontano la 1a tappa della SAS 6.50

Les Sables - Les Açores en Baie de Morlaix - Intervista a Domenico Caparrotti e a Giovanni Mengucci che ci raccontano il loro impatto con la corsa

Optimist: prime prove per la "Ora Cup Ora"

Iniziata al Circolo Vela Arco la 25^ Ora Cup Ora, classe Optimist.Tra gli juniores in testa l’azzurra Ginevra Caracciolo, tra i più piccoli parità di punteggio nei primi tre

Garda: due sole prove per la Persico 69F Revolution

A comandare oggi sulla sponda bresciana del Lago di Garda è stato il vento: le condizioni meteo, infatti, hanno rallentato il programma della Persico 69F Revolution.

Mini 6.50, Les Sables d'Olonne: partita la 2a tappa verso Roscoff

Domenico Caparrotti: "Per me è come stare all'Università"

La vela si ferma per la scomparsa di Carlo Rolandi, presidente onorario FIV

Carlo Rolandi è stato la storia stessa di quasi un secolo di Vela sportiva italiana. Nove Olimpiadi, Otto anni Presidente FIV, protagonista in Italia e nel mondo

Optimist: sul Garda vento leggero per la "Ora Cup Ora"

Domenica la conclusione; al comando tra i più piccoli Mattia Benamati (nella foto) e tra gli juniores il romano Alessandro Cirenei. Gaia Zinali passa in testa tra le femmine

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci