giovedí, 2 febbraio 2023

AMBIENTE

The Ocean Race e Archwey insieme contro il problema della plastica nei mari

the ocean race archwey insieme contro il problema della plastica nei mari
redazione

The Ocean Race, la regata in equipaggio più impegnativa al mondo, e Archwey, azienda specializzata nei materiali sostenibili, annunciano oggi una nuova partnership per ispirare l'azione contro l'inquinamento da plastica in mare.

La partnership, basata sulle finalità, combina il pluripremiato programma di sostenibilità di The Ocean Race, sviluppato con il Founding Partner 11th Hour Racing e dedicato al ripristino della salute degli oceani, con la missione di Archwey di liberare il mondo dalla plastica vergine e di sensibilizzare l'opinione pubblica sull'urgente necessità di un'economia circolare, in cui i materiali e i prodotti siano condivisi, riutilizzati, riparati e riciclati il più a lungo possibile.

In qualità di partner ufficiale della regata e di partner ufficiale di Plastic-free Ocean, Archwey aderirà a elementi chiave del lavoro di The Ocean Race per la protezione dei mari, tra cui i Summit di The Ocean Race. Questa serie di eventi, che si tengono in tutto il mondo, riunisce i decisori politici e i sostenitori degli oceani per promuovere politiche nuove e migliori per affrontare i problemi che affliggono il mondo marino ed esplorare come i diritti degli oceani possano contribuire a salvaguardarlo.

L'annuncio precede la partenza della The Ocean Race 2022-23, che prenderà il via da Alicante, in Spagna, il 15 gennaio. Durante il giro del mondo, The Ocean Race utilizzerà la sua piattaforma per sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi che affliggono l'oceano e sulle soluzioni necessarie per affrontarli all'interno degli Ocean Live Park, gli spazi dedicati agli eventi che saranno creati in nove città in tutto il mondo.

I partner lavoreranno insieme anche per dare risalto alla campagna One Blue Voice di The Ocean Race, che ha l'ambizioso obiettivo di garantire una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano entro il 2030.

Il presidente di The Ocean Race Richard Brisius ha dichiarato: "La plastica monouso ha un impatto devastante sugli oceani. Per questo siamo lieti di collaborare con Archwey, un'azienda all'avanguardia nella creazione di alternative alla plastica vergine e nella promozione dell'economia circolare. Insieme possiamo accelerare la nostra visione comune di un oceano sano".

Archwey si dedica alla lotta contro la plastica negli oceani, sperimentando materiali alternativi sostenibili per prodotti che vanno dagli appendiabiti ai prodotti farmaceutici.

Sjoerd Fauser, CEO di Archwey, ha dichiarato: "Sappiamo come vincere. Eliminando i rifiuti di plastica che finiscono negli oceani dai nostri fiumi e dalle nostre coste e utilizzando i rifiuti come elementi costitutivi di un'alternativa completamente riciclata e riciclabile, ossia BLUEWAVE®, possiamo sia fermare l'uso della plastica vergine che ripulire gli oceani". Questa è la definizione di circolarità di Archwey". Negli ultimi 18 mesi, Archwey ha eliminato e riciclato 32.500 tonnellate di rifiuti plastici.

"Con oltre 14 milioni di tonnellate di rifiuti plastici immessi nell'oceano ogni anno, non c'è un minuto da perdere nella corsa per salvare i nostri mari. The Ocean Race condivide il nostro impegno per la sostenibilità e il risanamento degli oceani. Siamo entusiasti di collaborare con loro".

La collaborazione sostiene il programma di sostenibilità Racing with Purpose di The Ocean Race, sviluppato con il partner fondatore e Premier Partner della regata 11th Hour Racing e finalizzato a migliorare la salute degli oceani con un'ampia gamma di destinatari, tra cui la promozione di azioni contro la plastica negli oceani. Ciò include la pressione sui responsabili delle politiche, la riduzione della plastica monouso nei villaggi di gara, la dotazione ai team di attrezzature scientifiche di bordo per misurare le microplastiche nell'acqua durante la regata e la sensibilizzazione dei giovani all'azione attraverso programmi di educazione che hanno raggiunto più di 180.000 studenti in tutto il mondo.

 


05/12/2022 15:05:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

LNI Palermo, Our Dream: nell'aria un profumo di mare e di legalità

Il Jeanneau, un Sun Odissey 53 che diventa l’ammiraglia della flotta palermitana, è una barca che viene restituita alla collettività grazie all’affidamento alla LNI dopo la confisca alla criminalità organizzata operata dalla Guardia di Finanza di Palermo

C'è Wanax EXP Team in testa all'Invernale di Anzio/Nettuno

Ancora un bel fine settimana per Altura, J24 e Platu 25 al Campionato invernale di Anzio e Nettuno

Genova, Porto Antico: apre domani Antiqua2023

35 antiquari e 3 mostre collaterali dedicate al mare in onore di The Ocean Race - The Grand Finale

America's Cup: caschi bergamaschi per il Team Ineos

KASK, l’azienda bergamasca produttrice di caschi di alta qualità, ha firmato una partnership a lungo termine per la fornitura di caschi al challenger di America’s Cup INEOS Britannia

Concessioni demaniali: incontro Confindustria Nautica con Ministro Fitto

Confindustria Nautica ha incontrato il Ministro per gli Affari europei Raffaele Fitto nell’ambito delle consultazioni volute dal Premier Giorgia Meloni con le rappresentanze delle imprese che lavorano sul demanio

The Ocean Race: tutti insieme appassionatamente

Tutti gli IMOCA stanno cercando il varco migliore per passare i doldrum

Invernale Traiano: Tevere Remo (IRC) e Guardamago (ORC) si dividono la posta

In Regata la classifica generale sta prendendo forme diverse, con Tevere Remo Mon Ile che governa in IRC e Guardamago II leader in ORC

Taglio del nastro per Our Dream, un sogno che diventa realtà

Si è tenuta oggi a Palermo presso la Lega Navale Palermo, la presentazione di Our Dream, il Jeanneau Sun Odissey 53 piedi a vela confiscata alla criminalità organizzata che la utilizzava per traffici di stupefacenti e affidata alla LN Italiana

La "Roma per 2" compie trent'anni

La classica transtirrenica con le sue 535 miglia fino a Lipari è da sempre una prova impegnativa che mette a dura prova anche i velisti più esperti. Soldini in collegamento video:"Regata bellissima. Sarebbe bello partecipare con la flotta dei Mod 70

Partita la seconda manche del Campionato Invernale di Marina di Loano

Vento da Nord con 20 nodi alla partenza, progressivamente calato fino a 10 nodi all’arrivo, tanto sole e mare calmo per i 44 equipaggi iscritti al Campionato Invernale più frequentato della 1a Zona FIV

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci