martedí, 29 novembre 2022

MOTH

A settembre l'Italia Cup Molveno Moth 2022

settembre italia cup molveno moth 2022
redazione

Le acque del lago di Molveno, gioiello del Parco Naturale Adamello Brenta, in cui si specchiano le Dolomiti in tutta la loro bellezza, il 3 e il 4 settembre prossimi si trasformeranno nel palcoscenico d’eccellenza per l’Italia Cup Molveno Moth 2022. La regata nazionale alla sua prima edizione, organizzata da Velica Molveno sotto l’egida della Federazione Italiana Vela, è stata fortemente voluta dal comitato dell’asd, presieduto da Iris Verlato, e dal pluripremiato Ruggero Tita, vincitore del campionato italiano categoria moth, neocampione europeo per la classe nachra 17 e ora a difendere i colori azzurri ai campionati mondiali in Canada. 

 

Dopo essersi innamorato del Lago di Molveno alcuni anni fa per la incomparabile scenografia, Tita ha scelto le sue acque cristalline come il teatro ideale per questo nuova competizione velica, di cui è ideatore e co-promotore insieme a Velica Molveno: prima regata velica in assoluto in un lago alpino e ultima delle regate nazionali a chiusura del calendario del Campionato Italiano Moth.  Una trentina tra i migliori atleti italiani della categoria Moth si sfideranno mettendo in campo le migliori abilità tecniche e strategiche per portare a casa la coppa e per regalare spettacolo ed emozioni a tutti colori che vorranno ammirare la gara da una privilegiata prima fila a bordo lago.

 

Premiato anche nel 2022 con “Cinque Vele” dalla Guida Blu, che in collaborazione con Touring Club Italiano da più di 20 anni offre una panoramica annuale sui comprensori balneari più belli e sostenibili della Penisola, il lago di Molveno raccoglie il massimo punteggio possibile per le mete lacustri e marittime all'insegna della responsabilità e della qualità ambientale, punto di forza al centro delle volontà dell’amministrazione locale e di tutti gli stakeholder coinvolti. Il lago, che deve gran parte del suo fascino proprio alla cornice naturale che lo circonda con a ovest la catena centrale del Gruppo di Brenta, a sud est il massiccio del monte Gazza e quello della Paganella, incanta i visitatori di tutto il mondo grazie alle sue acque limpide in cui si specchiano le vette delle montagne, ma non solo. A fare la differenza sono la grande accoglienza e un’offerta sempre più ampia per esperire il territorio in tutte le sue sfaccettature, soprattutto per chi ama vacanze e soggiorni active e active sport

 

E il lago torna ad essere il fulcro delle attività e dell’intrattenimento con un campionato velico dalle caratteristiche uniche che perfettamente si sposano con quelle di questo luogo d’incanto: imbarcazioni piccole e velocissime, che letteralmente “voleranno” sul tracciato di gara come insetti che si librano sull’acqua. Non a caso Moth in inglese significa appunto “falena”: con soli 30 Kg di peso e circa 8 m quadri di superficie, il moth è un’imbarcazione leggera e moderna, costruita in carbonio con tecnologie avanzate, e grazie al foil prenderà il volo sulle acque del lago di Molveno decollando in velocità.

Una barca spettacolare altamente performante che sta prendendo sempre più posto in Europa e sarà la protagonista indiscussa del primo weekend di settembre.

 

 “Il moth è l’ultimo step delle barche a vela - afferma Ruggero Tita - perché da regolamento è lasciata grande libertà alla ricerca e all’innovazione tecnologica, oltre ad essere necessaria una grandissima esperienza. Raggiunge la velocità di 60 km/h con soli 3,5 metri di lunghezza ed è quindi molto difficile da condurre, ma al tempo stesso regala emozioni incredibili sia a chi la manovra sia a chi la ammira da lontano.”

 

Iris Verlato, presidente di Velica Molveno: “Siamo convinti che questa prima edizione dell’Italia Cup Molveno Moth 2022 confermerà le previsioni di spettacolarità e di coinvolgimento di atleti e di pubblico, che ripagheranno lo sforzo importante di tutto il comitato necessario per riuscire a coordinarla e organizzarla al meglio. L’impegno profuso e la forza delle azioni messe in atto dalla nascita due anni fa dell’asd ad oggi è alla base di ciò che ci contraddistingue e che ci ha permesso di metterci in evidenza ed inserirci nel panorama della 14° zona per tenacia e intraprendenza.”

 

 

 


08/08/2022 19:07:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Campionato invernale di Roma, giornata spettacolare per l'altura

Battaglia serrata nel raggruppamento ORC Regata 2 fra Jolie Brise e Pestifera. In IRC mantengono la vetta della classifica Maia e Lysithea rispettivamente nei Crociera 1 e Crociera 2. Fra i minialtura è "Se po fa'" a tagliare prima il traguardo

Route du Rhum: penalizzato Roland Jourdain, la vittoria nella categoria Rhum Multi va a Loïc Escoffier

Nella barca di Jourdain la piombatura è risultata rotta ai controlli post regata e la conseguente penalità di 90' ha regalato la vittoria a Loïc Escoffier

Roma: Genova The Grand Finale presentato al ministro Abodi

Alla presentazione presso il Salone d’Onore del Coni hanno partecipato le più importanti autorità istituzionali e sportive

Ambrogio Beccaria ci racconta la sua Route du Rhum

Impresa straordinaria di Beccaria che al suo esordio alla Route du Rhum e alla sua prima regata su “Alla Grande – Pirelli” ha conquistato il 2° posto in Class40 attraversando l’Atlantico in 14 giorni 7 ore 23 minuti

Buona la seconda al Campionato Autunnale della Laguna di Lignano Sabbiadoro

Dopo l'annullamento del primo appuntamento del 33° Campionato Autunnale della Laguna per condizioni meteo-marine avverse, la seconda domenica in programma non ha deluso le aspettative

Hyères, Europeo ILCA 6/7: Chiavarini sesto e Benini Floriani quindicesima

ILCA 6 e ILCA 7 salutano la rassegna continentale transalpina con tanti spunti positivi e un appuntamento in territorio italiano per la prossima stagione dove il campionato si disputerà ad Andora

Come liberare in sicurezza una tartaruga

Animali marini catturati nella rete: da oggi esiste un protocollo operativo su come trattarli per liberarli limitando i danni

Giancarlo Pedote analizza la sua Route du Rhum

"Sono soddisfatto della seconda parte della regata, durante la navigazione di bolina. Avevo una buona velocità e nonostante il ritardo sono riuscito a raggiungere il gruppo"

Ma che bel Giro d'Italia hanno fatto Cecilia Zorzi e Aina Bauza!

Unico team completamente femminile in regata, Cecilia e Aina hanno lasciato il passo solo al mostro sacro Pietro D'Alì, che di Giri d'Italia ne ha macinati parecchi ai suoi tempi

Route du Rhum... e anche Alberto Bona porta a casa un bel risultato!

Giovedì 24 novembre, alle ore 15 e 34 minuti e 50 secondi ora locale (20:34:50 ora di Roma), Alberto Bona sul Class40 IBSA ha tagliato il traguardo di Pointe-à-Pitre della dodicesima edizione della Route du Rhum all'ottavo posto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci