lunedí, 10 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

persico 69f    optimist    trasporto marittimo    mini 6.50    fiv    porti    benetti    press    salone nautico di genova    altura    laser    rs feva   

ROMA PER 1/2/TUTTI

Riva di Traiano: una giornata intensa per una sicurezza ragionata in regata

riva di traiano una giornata intensa per una sicurezza ragionata in regata
redazione

Primi appuntamenti a Riva di Traiano in vista della prossima partenza, il 6 aprile, della Garmin Marine Roma per1/2/Tutti che, al momento, presenta al via 43 barche. Le ultime iscrizioni sono state, alla Riva per Tutti, quelle di Panta Rei, Sun Fast 3200 di Giovanni Carusio, e di Cygnus, First 36.7 della Marina Militare, che avrà a bordo due atleti “oceanici” di punta del Team della Marina, Giovanna Valsecchi e Andrea Pendibene.
Gli appuntamenti previsti per questa domenica 31 marzo erano due: un briefing per le emergenze in mare e la sicurezza in navigazione, tenuto dall’Ufficiale di Regata Colonnello Vincenzo Pulcini, istruttore di sopravivenza per i piloti dell’Areonautica Militare ed aerosoccorritore, e una dimostrazione pratica di apertura ed uso della zattera autogonfiabile, che  il Circolo Nautico Riva di Traiano, in collaborazione con Traiana Nautica 91 e l’ospitalità del Porto Turistico Riva di Traiano, ha organizzato in acqua all’interno del porto. 
Entrambi gli eventi che si sono succeduti hanno riscosso un ottimo successo. D’altronde i consigli di un esperto di sopravvivenza e di recuperi in mare come il Colonnello Pulcini, e la dimostrazione d’uso di un elemento come la zattera, che, ovviamente e per fortuna, difficilmente viene usata,  passando tutta la sua vita posizionata, come deve essere, in un luogo di facile accesso, riscuotono sempre un interesse che definiremmo molto più che attento. 
Tra le situazioni di stress in mare, configurate dal colonnello Pulcini, hanno riscosso attenzione soprattutto il disalberamento e il metodo di chiusura delle falle. 
In caso di disalberamento, il Colonnello Pulcini ha ricordato l’importanza di avere a bordo un semplice frullino a batterie,  indispensabile per tagliare il moncone d’albero caduto. 
“Dobbiamo avere chiaro in mente che ci sono 5/6 punti da liberare nel più breve tempo possibile – chiarisce il Colonnello Vincenzo Pulcini – mentre il mare spinge al traverso, perché è chiaro che non si disalbera con calma piatta. A quel punto troveremo sopravvento gli schiaffi delle onde e sottovento l’intero sistema che è franato in quel punto e bisogna tagliare tutto agendo in fretta. E tenendo conto che l’antenna è posta quasi sempre in cima all’albero, è indispensabile avere un satellitare dentro una sacca stagna, perché la cosa importante è cercare immediatamente di essere soccorsi”.
I suggerimenti si sono susseguiti numerosi, mentre il pubblico aumentava ed era sempre più attento. Dal quadro elettrico sezionabile ad una batteria di riserva tenuta in un luogo alto, ad un “cagnaro” anche di un solo metro quadro per chiudere dall’esterno piccole falle.
Poi ha tenuto banco l’accessibilità interna all’opera viva, preclusa specie a prua dalle cuccette e dalle vele. 
“Tutti tengono i salvagente a prua per problemi di peso – conclude Pulcini – ma è proprio lì che in regata possono avvenire le collisioni con un oggetto sommerso, non certo a poppa. Una diversa disposizione o un allenamento a sgombrare la parte prodiera velocemente saranno una sicurezza in più”. 
Il prossimo appuntamento a Riva di Traiano sarà il 5 aprile alle ore16:30, per la presentazione dei premi messi a disposizione del Title Sponsor Garmin Marine.  A seguire, alle 17:00 il briefing per gli skipper con le indicazioni di regata e il briefing meteo.  Alle 18:00 il Crew Cocktail. Poi sarà solo mare, con la partenza prevista per le ore 12:00 di sabato 6 aprile. 

 


01/04/2019 15:41:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Mini 6.50, Les Sables: Cuciuc e Mengucci nel gruppo di testa

Al momento hanno iniziato bene questa prima tappa della Les Sables –Les Açores i due romani Federico Cuciuc e Giovanni Mengucci, rispettivamente quinti nei Proto e nei Serie

Mini 6.50, partita la Les Sables - Les Açores

Al via quattro italiani: Federico Cuciuc, Luca Del Zozzo, Domenico Caparrotti e Giovanni Mengucci

Tre settimane all'Italiano d'Altura di Gaeta

YC Gaeta e Base Nautica Flavio Gioia con grande determinazione hanno affrontato le problematiche legate all’emergenza Covid 19 per onorare gli accordi presi con la FIV e con l’UVAI

E’ nato il Campionato Offshore Alto Adriatico 2020

Tre circoli, quattro regate, un nuovo Campionato. In un periodo complicato la voglia di vela ha unito il Circolo Velico Riminese, il Circolo Nautico Santa Margherita e lo Yacht Club Adriaco per un programma dal sapore tutto Adriatico

RS Feva/RS 500: sul Garda vincono i ragazzi del Savio-Ravenna e del lago di Viverone

Tre giornate di sfide, qualche problema (superato) con le bizzarrie del tempo, alla fine sette prove corse con arie medio leggere, anche se non è mancata qualche raffica del mitico "Pelèr" gardesano

Mini 6.50: Tanguy Bouroullec vince la prima tappa a Les Sables d'Olonne

Il migliore degli italiani è stato Federico Cuciuc, che solo in un finale al rallentatore ha perso posizioni finendo 7° tra i Proto e 15°assoluto. Giovanni Mengucci ha tagliato il traguardo al 25° posto (18° tra i Serie)

Ferretti Group sempre più leader in Asia Pacific

Nonostante l'emergenza COVID-19, il Gruppo ha registrato il maggior numero di ordini dal suo debutto sul fronte Asia Pacific nel 2012, consolidando la propria posizione al vertice del mercato nautico della regione

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

La Fraglia Vela Riva vince l'Italiano a squadre Optimist

La prestazione della squadra benacense, nelle acque di Follinica, è stata impeccabile, con una scia ininterrotta di successi nel Round Robin e poi 2 vittorie secche per 2-0, in semifinale con il CV Muggia, e poi in finale con il Tognazzi Marine Village

Benetti: ecco il Giga Yacht “Luminosity”, un ibrido di 107 metri

Ma questo Giga yacht non è solo eleganza e design: a bordo si ritrova tutta l’esperienza e il know-how costruttivo di Benetti. “Luminosity”, il più grande ibrido mai costruito ad oggi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci