domenica, 28 febbraio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    america's cup    regate    libri    turismo    nautica    nomine    banque populaire    maxi-tri    ambiente    the ocean race    circoli velici    este 24    scuola vela    garda    dolphin   

MELGES 32

Mondiale Melges 32: si preannuncia un gran finale sul filo del rasoio

mondiale melges 32 si preannuncia un gran finale sul filo del rasoio
redazione

Giornata di brezza leggera a Villasimius, ma nonostante questo la flotta Melges 32 riesce a completare due ulteriori regate che portano a sette il totale della serie, facendo subentrare lo scarto del peggior risultato al completamento della sesta prova. 

La classifica cambia ancora, a dimostrazione dell’omogeneità e competitività della flotta Melges 32, e dopo le prove odierne vede Caipirinha di Martin Reintjes (2-5 i parziali odierni) salire in vetta, con alle spalle Donino di Luigi Giannattasio, il quale oggi ha visto la sua scoreline, finora ineccepibile, appesantirsi a causa di un dodicesimo e di un nono piazzamento. 

Miglior barca di giornata è Wilma di Fritz Homann che, grazie alle prove di oggi (1-3 i risultati parziali) risale la classifica fino al terzo posto, a 7 punti dei leader. 

I Campioni del Mondo in carica a bordo di La Pericolosa centrano nell’ultima prova odierna il primo bullet della serie e rosicchiano punti importanti per avvicinarsi alla zona podio: l’equipaggio di Schwoerer occupa infatti il quarto posto con un solo punto in ritardo su Wilma. Chiude la top-five G-Spot di Giangiacomo Serena di Lapigio.

Nella divisione Corinthian, Homanit continua a dettare il passo, 14 punti in vantaggio rispetto ad Heat di Max Augustin e Startelekom di Waldemar Salata. 

Con una classifica estremamente compatta, il gran finale del Campionato del Mondo Melges 32 si preannuncia sul filo del rasoio: le regate riprenderanno domani alle 10.00 e il Comitato di Regata, presieduto da Maria Torrijo, avrà tempo fino alle 16.00 per portare a completamento tre prove.

 PH MAX RANCHI

 


28/08/2020 19:50:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: New Zealand ci aspetta

Peter Burling:" Alcuni dei ragazzi di Luna Rossa erano nostri compagni di squadra l'ultima volta, quindi li conosciamo bene e loro conoscono noi"

Il mattino ha "l'Oro in Coppa"

Nell'alba italiana garrisce il tricolore ad Auckland dove Luna Rossa conquista il diritto a sfidare Team New Zealand per l'America's Cup vincendo la Prada Cup con un perentorio 7 a 1 su Ineos Team UK

Garda: i Dolphin pronti ad una grande stagione

Si parte a metà marzo con “Winter & Bianchi”

Fiart Rent: 11 yacht per le tue vacanze

L’esclusivo servizio charter per scoprire il Mediterraneo a bordo di uno yacht Fiart

Luna Rossa premiata con la Prada Cup

Con la cerimonia conclusiva, avvenuta sul main stage dell’America’s Cup Village di Auckland, la PRADA Cup è stata consegnata all’equipaggio di Luna Rossa Prada Pirelli, divenuto Challenger del 36 esimo America’s Cup Match

Gitana 17: il bilancio di una stagione deludente

Per Charles Caudrelier c'è frustrazione per aver mancato l'obiettivo del Trofeo Jules Verne, ma la consapevolezza di aver imparato molto. Prossimi impegni il Fastnet e la Transat Jacques Vabre

Armel Le Cléac'h e Kevin Escoffier: che coppia per Banque Populaire XI!

Due grandi skipper per una sfida gigantesca. Il Maxi Banque Populaire XI, in acqua entro la fine di aprile, partirà il prossimo novembre sulla Transat Jacques Vabre con grandi ambizioni. A bordo, Armel Le Cléac'h sarà insieme a Kevin Escoffier

Libri: "Denecia approdi nella pandemia" di Roberto Soldatini

Il diario di bordo di Roberto Soldatini che racconta da una prospettiva unica la vita durante i primi otto mesi dell'emergenza sanitaria

America's Cup: si profila un rinvio causa Covid

La prima regata dell'America's Cup rischia di saltare. Auckland entrerà in lockdown con una allerta 3 per sette giorni dalle 6 di domani mattina, come ha dichiarato il primo ministro Jacinda Ardern

Grecia: il Canale di Corinto chiuso fino ad aprile

L'inverno del 20-21 è stato ancora più devastante dei precedenti per il Canale di Corinto. Ci sono state frane più frequenti e significative, che hanno comportato una chiusura più lunga di quelle già subite dalla struttura negli ultimi decenni

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci