martedí, 29 novembre 2022

REGATE

Mariska e Tuiga alzano insieme il Trofeo Adriaco International

mariska tuiga alzano insieme il trofeo adriaco international
redazione

Finisce con un inedito pareggio la spettacolare sfida tra Mariska e Tuiga, i due 15 metri S.I. che sono stati ospitati allo Yacht Club Adriaco per la prima edizione del Trofeo Adriaco Invitational svoltasi ieri nel Golfo di Trieste.
Non ci può essere risultato migliore e più meritato per questa “amichevole di lusso” tra due leggende e regine di bellezza ed eleganza il cui ruolo, carisma e presenza va ben oltre all’aspetto puramente agonistico, laddove comunque è stata regata vera e senza esclusione di colpi.

Due le prove disputate sul campo di regata approntato dal Comitato di regata diretto da Roberto Sponza. Nella prima prova (vento da 210 gradi di direzione e 7 nodi di intensità) dopo una partenza pari si accende il duello basato tutto sulla velocità delle barche in bolina: Tuiga con al timone il vicepresidente dello Yacht Club Adriaco Nicolò de Manzini opta per la parte sinistra del campo dopo aver scelto di stare più vicino al pin in partenza. L’imbarcazione ammiraglia dello Yacht Club de Monaco riesce così a mettere un buon margine tra sé e Mariska al passaggio della prima boa, controllando poi l’avversario nei due lati di lasco del percorso a triangolo equilatero (chiara citazione ad uno dei due percorsi previsti dal Deed of Gift di Coppa America) fin sulla linea di arrivo. 
 
Ben più accesa e dura la seconda prova che si gioca di fatto tutta in partenza: un lungo circling porta Mariska a posizionarsi sottovento a Tuiga forzandolo negli ultimi secondi e costringendolo ad uscire anticipatamente dalla linea di partenza in quello che è un eccellente quanto cinico lavoro condotto dalla timoniere e campionessa slovena Lara Poljsak con tutto il suo equipaggio. 
Finisce cosi con un successo a testa la sfida del Trofeo Adriaco Invitational, evento che ha semplicemente incantato tutti gli appassionati di vela e non solo che hanno potuto assistere a questo tuffo nel passato e nella storia della vela dei primi del 900.
 
Lara Poljsiak, timoniere di Mariska – “E’ una grande responsabilità timonare questa barca; una barca importante che richiede un grande lavoro di tutto l’equipaggio ma che ripaga di qualsiasi sforzo come nessun’altra. Grazie agli amici di Tuiga per aver accettato questa sfida e grazie a Trieste e allo Yacht Club Adriaco per averci accolto con un calore speciale che ci ha fatto sentire a casa e dove Mariska vuole tornare molto presto.”
 
Piero Fornasaro de Manzini, Presidente Yacht Club Adriaco – “Mariska e Tuiga, i loro armatori, equipaggi e Club ci hanno fatto un dono raro onorandoci della propria presenza a Trieste e allo Yacht Club Adriaco. A loro va il primo ringraziamento. Questo evento eccezionale resterà per sempre negli occhi e nel cuore non solo dei nostri soci ma di tutti coloro che hanno avuto l’occasione di navigare a bordo o di aver visto regatare questi veri e propri gioielli. Non serve aggiungere altro se non che l’Adriaco è davvero orgogliosa di aver creato questa opportunità dedicata a ricordare e celebrare un pezzo fondamentale della storia della vela mondiale nel solco di quelli che sono i valori e la visione dell'Adriaco.”


12/07/2022 01:04:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Campionato invernale di Roma, giornata spettacolare per l'altura

Battaglia serrata nel raggruppamento ORC Regata 2 fra Jolie Brise e Pestifera. In IRC mantengono la vetta della classifica Maia e Lysithea rispettivamente nei Crociera 1 e Crociera 2. Fra i minialtura è "Se po fa'" a tagliare prima il traguardo

Route du Rhum: penalizzato Roland Jourdain, la vittoria nella categoria Rhum Multi va a Loïc Escoffier

Nella barca di Jourdain la piombatura è risultata rotta ai controlli post regata e la conseguente penalità di 90' ha regalato la vittoria a Loïc Escoffier

Roma: Genova The Grand Finale presentato al ministro Abodi

Alla presentazione presso il Salone d’Onore del Coni hanno partecipato le più importanti autorità istituzionali e sportive

Ambrogio Beccaria ci racconta la sua Route du Rhum

Impresa straordinaria di Beccaria che al suo esordio alla Route du Rhum e alla sua prima regata su “Alla Grande – Pirelli” ha conquistato il 2° posto in Class40 attraversando l’Atlantico in 14 giorni 7 ore 23 minuti

Buona la seconda al Campionato Autunnale della Laguna di Lignano Sabbiadoro

Dopo l'annullamento del primo appuntamento del 33° Campionato Autunnale della Laguna per condizioni meteo-marine avverse, la seconda domenica in programma non ha deluso le aspettative

Hyères, Europeo ILCA 6/7: Chiavarini sesto e Benini Floriani quindicesima

ILCA 6 e ILCA 7 salutano la rassegna continentale transalpina con tanti spunti positivi e un appuntamento in territorio italiano per la prossima stagione dove il campionato si disputerà ad Andora

Come liberare in sicurezza una tartaruga

Animali marini catturati nella rete: da oggi esiste un protocollo operativo su come trattarli per liberarli limitando i danni

Giancarlo Pedote analizza la sua Route du Rhum

"Sono soddisfatto della seconda parte della regata, durante la navigazione di bolina. Avevo una buona velocità e nonostante il ritardo sono riuscito a raggiungere il gruppo"

Ma che bel Giro d'Italia hanno fatto Cecilia Zorzi e Aina Bauza!

Unico team completamente femminile in regata, Cecilia e Aina hanno lasciato il passo solo al mostro sacro Pietro D'Alì, che di Giri d'Italia ne ha macinati parecchi ai suoi tempi

Route du Rhum... e anche Alberto Bona porta a casa un bel risultato!

Giovedì 24 novembre, alle ore 15 e 34 minuti e 50 secondi ora locale (20:34:50 ora di Roma), Alberto Bona sul Class40 IBSA ha tagliato il traguardo di Pointe-à-Pitre della dodicesima edizione della Route du Rhum all'ottavo posto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci