mercoledí, 25 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cambusa    fincantieri    windsurf    vendee globe    press    aziende    ambiente    giancarlo pedote    solidarietà    manifestazioni    emirates team new zealand    j24    america's cup   

SKIFF

Ancora belle regate Open skiff sul Garda Trentino

ancora belle regate open skiff sul garda trentino
redazione

Un avvio di stagione perfetto per la sessantina di giovani regatanti presenti al Circolo Vela Arco, sul Garda Trentino, che in questo inizio settimana stanno trovando condizioni di vento ideali per la loro età e abilità, in occasione della prima regata nazionale della deriva semi-acrobatica "Open Skiff". Se lunedì sono state disputate quattro regate con vento piuttosto forte sui 14-16 nodi, oggi si è ripetuta la situazione soprattutto nella prima prova di giornata, mentre nelle successive il vento è andato via via calando, permettendo così anche ai più leggeri e a quelli meno esperti di navigare con più convinzione e sicurezza. La flotta, che in situazioni normali avrebbe dovuto iniziare con la prima regata a marzo, bisogna dire che in queste prime due giornate al Circolo vela Arco è stata ripagata della lunga, inusuale, nonchè pesante attesa, perchè finora il Garda Trentino ha regalato condizioni davvero bellissime per il tipo di barca e per l’età dei partecipanti. 

Con le ulteriori tre regate disputate martedì la situazione al vertice della classifica generale è leggermente cambiata con un cambio di testimone nella categoria under 13 e under 17: tra i più piccoli c’è stato un sorpasso “in rosa” ad opera della palermitana del Circolo Vela Sicilia Alice Caronna, che con due primi e un quarto di giornata è passata in testa con due punti di vantaggio sul concittadino Luigi Veniero (Vela Club Palermo). Ad un solo punto grazie ad un’ottima giornata (2-3-1) segue Matteo Attolico (LNI Procida). 

Grinta da vendere per la giovanissima arcense Nina Tripepi, in testa tra gli under 13 Prime (8-9 anni).

 

Tra gli under 17 De Felice (CN Monte Procida) dopo il poker di lunedì ha sofferto il vento più leggero e con tre sesti ha dovuto cedere la leadership a Matteo Lubrano Lavadera (LNI Procida). Ora sono 2 i punti che separano i due timonieri, che però sono tallonati da Rebecca Orsetti (LNI S. Benedetto del Tronto), che dopo il “DNF” (do not finish) di lunedì si è ripresa con un 5-2-1, che l’ha portata ad 1 solo punto dal secondo. Dopo la terza prova di giornata è arrivato un temporale, che ha rinfrescato la giornata piuttosto calda e ha costretto il Comitato di Regata FIV Federazione Italiana Vela a fermare le regate a tre sulle 4 possibili. Proprio per il cambiamento del tempo, mercoledì -ultimo giorno di regate in programma - è stato deciso di dare la partenza la mattina alle 8:30, considerando il fatto che facilmente ci sarà vento da nord mattutino. In tutte le categorie il podio è tutto da decidere.

 

Sport e turismo: mai così importante l’impegno dei circoli velici nell’organizzazione di regate

Dopo il week end appena trascorso in cui due circoli dell’Alto Garda hanno coinvolto regatanti, accompagnatori, famiglie e coach per l'Italiano Melges 24 e il Campionato Interzonale Techno 293, il Circolo Vela Arco è andato oltre, organizzando la sua prima regata, riservata ai giovanissimi, durante la settimana. Un fatto non di poco conto se si pensa alle attività commerciali e ricettive collegate, che si trovano le tanto attese presenze settimanali, grazie alle regate. Per i circoli velici, che sono tornati da poco  operativi nell’organizzazione di eventi, d’ora in poi sarà un impegno continuo tra regate nazionali e internazionali e corsi di vela, oltre all’ospitalità di tante squadre, dagli Optimist alle Classe Olimpiche, che stanno tornando sul Garda per allenarsi.

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

America's Cup: New Zealand presenta in nuovo AC75 "Te Rehutai"

Sarà lo scafo che scenderà in acqua per difendere l'America's Cup. Il nome scelto come sempre dall'Associazione per la cultura maori Ngāti Whātua Ōrākei

Vendée Globe: in serata Equatore per Pedote

Giancarlo sta finalmente navigando negli Alisei, dirigendosi ad alta velocità verso l'Equatore grazie ad una situazione metereologica molto particolare: una zona di convergenza intertropicale quasi inesistente

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

America's Cup: primi bordi per New Zealand

Bene le prime prove in acqua, la barca vola e il Team è molto soddisfatto

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: Thomson conquista l'Equatore, ma Ruyant incalza a 7 miglia

L’aggiornamento di questa mattina ci regala un duello serrato con gli immediati inseguitori, perché Thomas Ruyant è a sole 7.8 miglia da Alex Thomson e Charlie Dalin a 36.1 miglia (alle ore 10:30)

Il Vendée Globe e i suoi piccoli amici

Alex Thomson è sempre in testa e Jean Le Cam scivola in 4a posizione. A bordo con i solitari anche tanti piccoli amici che impareremo a conoscere

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Yahia, il ragazzo che non sapeva nuotare: fuggito su un barcone ora è uno skipper

Yahia è nato in Niger, paese desertico senza sbocchi sul mare e tra i più poveri del pianeta, dove ha perso tutti i familiari e da dove è scappato imbarcandosi in Libia su un mezzo di fortuna

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci