domenica, 27 novembre 2022

AMERICA'S CUP

America's Cup, ETNZ: rivoluzione "Chase Zero", barca appoggio ad idrogeno

america cup etnz rivoluzione quot chase zero quot barca appoggio ad idrogeno
redazione

Emirates Team New Zealand ha lanciato oggi ad Auckland il suo prototipo di imbarcazione foiling a idrogeno con Andrea Joy, membro del team Emirates Team New Zealand, che ha battezzato la sua 'Chase Zero' davanti a tutto il team.

 

Chase Zero è la prima barca ad essere presentata in questo ciclo di America's Cup, e si spera che possa gettare le basi per un cambiamento epocale verso un futuro più pulito e sostenibile nella navigazione a motore in tutto il mondo.

 

"Spero che potremo guardare indietro ad oggi come l'inizio di una rivoluzione delle barche a motore a idrogeno", ha detto Sir Stephen Tindall - ambasciatore della sostenibilità di ETNZ e sostenitore del progetto, prima che la barca venisse messa in acqua per la prima volta. Dopo il successo dell'innovazione del monoscafo AC75 foiling e la successiva difesa della 36a America's Cup, il CEO di Emirates Team New Zealand Grant Dalton ha detto, "Cosa succederà dopo? Come possiamo continuare a spingere i confini dell'innovazione e della tecnologia utilizzando le persone e la tecnologia disponibile a ETNZ?”

 

Con la classe AC75 già fissata per la prossima America's Cup e con una continua spinta verso un futuro più sostenibile, l'attenzione si è rapidamente spostata sulle barche da supporto in acqua. Durante la misurazione delle emissioni di carbonio dell'ultima campagna dei team per ottenere la certificazione carbonzero, era ovvio che le barche d'apoggio erano un contributo notevole alle emissioni complessive.

 

 E così è nata la sperimentazione per le barche d'appoggio a foiling alimentate a idrogeno. Le prime indicazioni ricevute suggerivano che questo non era il progetto di 12 mesi che il team stava cercando: "Ci era stato detto che qualcosa di così audace come Chase Zero avrebbe richiesto 3,5-4 anni, ma questo progetto ci ha invece effettivamente preso poco più di 9 mesi", ha detto il project manager Geoff Senior.

 

"Certamente non ci aspettavamo di lavorare così intensamente subito dopo l'AC36. Ma credo che questo faccia parte della nostra cultura e di come lavoriamo meglio a Emirates Team New Zealand, quindi è molto emozionante arrivare a questo punto, una pietra miliare per il team. 

È stato un grande sforzo per ottenere la barca costruita nella nostra struttura e poi è stato un enorme sforzo da parte del team di allestimento qui alla base, solo per ottenere tutti questi componenti di propulsione e tutti i rispettivi pezzi di hardware.

 

Non credo che ci rendiamo conto di quanto sia importante. Penso che non ci siano quasi altre barche come questa in giro. Le prossime barche come questa sono ancora molto lontane, quindi penso che una volta che sarà in acqua e funzionante, ci renderemo conto di quanto sia importante sulla scena mondiale".

 

Certamente progetti come questo non accadono per caso; Chase Zero, che navigherà a 35 nodi con una velocità massima di oltre 50 nodi, è il culmine del contributo collettivo del team e di diversi partner vitali.

 

Richard Meacham, che si è rivolto al team e ai partner al lancio, ha detto: "Non sono solo le persone di questo team, ma i partner e le relazioni che abbiamo che ci permettono di fare quello che facciamo. E quando il concetto e il piano folle è stato suggerito ad alcuni dei nostri partner qui oggi, non hanno fatto un passo indietro. C'era accordo sul fatto che se qualcosa non è difficile, allora non vale la pena farlo. Toyota, Gurit Composites, Global Bus, tra gli altri, hanno tutti contribuito in modo massiccio a Chase Zero a modo loro".

Toyota, un partner di Emirates Team New Zealand da oltre 30 anni, ha giocato un ruolo significativo nel facilitare l'acquisizione delle due celle a combustibile.

 

Neeraj Lala, CEO di Toyota NZ ha detto: "Stiamo sostenendo i nostri partner a lungo termine, Emirates Team New Zealand, fornendo loro il sistema di celle a combustibile a idrogeno come un modo per indagare le diverse applicazioni di questa tecnologia a zero emissioni. Ci siamo assicurati da Toyota Motor Corp. due unità prototipo per la prova ETNZ che erano ancora in fase di pre-produzione. Siamo entusiasti di vedere la barca andare in acqua come dimostrazione delle capacità della tecnologia a idrogeno di Toyota. Toyota è concentrata nel contribuire a far progredire la tecnologia dell'idrogeno e il suo sviluppo in Nuova Zelanda attraverso partnership commerciali, come la barca a celle a combustibile ETNZ, sotto la nostra bandiera Toyota Hydrogen Projects".

 

Chase Zero passerà ora attraverso una vasta fase di messa a punto e di test in cantiere nel corso della prossima settimana, testando e facendo funzionare i sistemi prototipo prima di essere messo in acqua nel porto di Waitematā nelle prossime settimane.

 


31/03/2022 08:15:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernale Traiano: Guardamago scopre le sue carte

L'Italia Yachts 11.98 di Massimo Romeo Piparo si rivela l'antagonista principale di Tevere Remo Mon Ile e passa a condurre in ORC. Soul Seeker e Sir Biss mantengono il primato in Crociera e Coastal

Roma: Genova The Grand Finale presentato al ministro Abodi

Alla presentazione presso il Salone d’Onore del Coni hanno partecipato le più importanti autorità istituzionali e sportive

Europeo ILCA, Hyères: giornata lunga con tre prove per donne e uomini

Ieri si sono disputate tutte le prove in programma (tre) che stanno dando una forma abbastanza delineata alle classifiche. Oggii in programma tre prove per le donne e due per gli uomini.

Buona la seconda al Campionato Autunnale della Laguna di Lignano Sabbiadoro

Dopo l'annullamento del primo appuntamento del 33° Campionato Autunnale della Laguna per condizioni meteo-marine avverse, la seconda domenica in programma non ha deluso le aspettative

Ambrogio Beccaria ci racconta la sua Route du Rhum

Impresa straordinaria di Beccaria che al suo esordio alla Route du Rhum e alla sua prima regata su “Alla Grande – Pirelli” ha conquistato il 2° posto in Class40 attraversando l’Atlantico in 14 giorni 7 ore 23 minuti

Hyères, Europeo ILCA 6/7: Chiavarini sesto e Benini Floriani quindicesima

ILCA 6 e ILCA 7 salutano la rassegna continentale transalpina con tanti spunti positivi e un appuntamento in territorio italiano per la prossima stagione dove il campionato si disputerà ad Andora

Come liberare in sicurezza una tartaruga

Animali marini catturati nella rete: da oggi esiste un protocollo operativo su come trattarli per liberarli limitando i danni

Protagonist 7.50: classifica tutta aperta all'Autunno Inverno Salodiano

La classifica generale vede al comando General Lee Ita 53 seguito ad un solo punto di distacco da Avec Plaisir Ita 19. Chiude in terza posizione Whisper Ita 50

Route du Rhum: penalizzato Roland Jourdain, la vittoria nella categoria Rhum Multi va a Loïc Escoffier

Nella barca di Jourdain la piombatura è risultata rotta ai controlli post regata e la conseguente penalità di 90' ha regalato la vittoria a Loïc Escoffier

Ma che bel Giro d'Italia hanno fatto Cecilia Zorzi e Aina Bauza!

Unico team completamente femminile in regata, Cecilia e Aina hanno lasciato il passo solo al mostro sacro Pietro D'Alì, che di Giri d'Italia ne ha macinati parecchi ai suoi tempi

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci