giovedí, 18 luglio 2024

TRANSAT JACQUES VABRE

Transat Jacque Vabre: si riparte!

transat jacque vabre si riparte
Roberto Imbastaro

Dopo il passaggio delle tempeste Ciaran e Domingos, all'inizio della prossima settimana si aprirà una finestra meteo adeguata che consentirà a tutta la flotta record di 40 IMOCA di iniziare la Transat Jacques Vabre martedì mattina.

 

Nel frattempo, i sei multiscafi Ocean Fifty e la flotta dei Class 40 riprenderanno la loro regata lunedì da Lorient, dove si erano fermati per evitare i venti di burrasca e il mare grosso.

 

La flotta ULTIM è partita domenica scorsa in perfetto orario. Superando le grandi tempeste e oggi si stanno avvicinando ai Doldrum.

 

È passata quasi una settimana dalla partenza della 16ª edizione della Transat Jacques Vabre, iniziata domenica scorsa a Le Havre. Questo periodo è trascorso con la direzione di gara e i team di gestione della regata che hanno osservato attentamente l'opportunità di far ripartire la gara per tutte le imbarcazioni che hanno subito lo stop a Le Havre o a Lorient.

 

"Il mare si sarà notevolmente calmato nel Golfo di Biscaglia e nella Manica", spiega Christian Dumard, meteorologo della regata. "Il flusso generale da ovest continua dall'Atlantico, ma le partenze dovrebbero essere completate in condizioni gestibili. Un nuovo fronte sembra destinato ad arrivare e a colpire le coste atlantiche a partire da mercoledì, ma stiamo parlando di venti di 30-35 nodi, molto meno violenti delle recenti tempeste".

 

Il programma è il seguente:

Class40 e Ocean Fifty: La regata riprenderà a Lorient lunedì mattina (6 novembre).

 

Lunedì alle 10.30 ora locale, i sei Ocean Fifty partiranno per la seconda tappa tra Lorient e Fort de France lasciando a dritta l'isola di Sal (Capo Verde). La rotta, lunga 4320 miglia, obbligherà le imbarcazioni a dirigersi verso sud non appena usciti dal Golfo di Biscaglia. La loro velocità dovrebbe consentirgli di allontanarsi dal fronte che si sposterà nel vicino Atlantico mercoledì.

 

Lunedì alle 10.45 ora locale, le barche Class40 salperanno su una rotta di 3500 miglia verso Fort de France. "Dovranno lasciare l'isola di Santa Maria (Azzorre) a dritta. Questa rotta più diretta significherà che i monoscafi dovranno attraversare il fronte, ma a differenza della tempesta Ciaran, i venti non saranno così forti e ci saranno molte più opportunità di evitarli, anche nel Golfo di Biscaglia", ha spiegato Christian Dumard.

"Le prime barche lasceranno i pontili di Lorient alle otto del mattino", ha aggiunto Francis Le Goff, direttore di gara. "La linea di partenza sarà allestita tra Talud Point a Lorient e una boa posizionata al largo a una distanza di circa un miglio, con una boa posizionata per entrambe le classi. Per evitare i venti peggiori e la profonda bonaccia prevista per l'11-12, abbiamo predisposto una boa che i velisti dovranno superare per portarsi a sud. Si tratta di Santa Maria alle Azzorre per le imbarcazioni Class40 e di un waypoint a sud per le imbarcazioni Ocean Fifty che stiamo definendo con i direttori di regata sulla base delle ultime previsioni meteo e che non limiterà troppo le opzioni degli skipper".

 

Due barche si sono ufficialmente ritirate nella classe Class40 (Movember e Acrobatica). Tre barche sono in riparazione (Crédit Mutuel, Sogestrans-Seafrigo e Dékuple) e hanno dichiarato che intendono ripartire lunedì. Per quanto riguarda P-Rêve à Perte De Vue, l'equipaggio non si è ufficialmente ritirato, ma l'imbarcazione è ancora in porto a Le Havre. "A questo punto non possiamo dare un numero preciso sul numero di barche che ripartiranno. Lo scopriremo all'ultimo momento in base all'andamento delle riparazioni", ha aggiunto Francis Le Goff. "È importante sottolineare che la linea di partenza rimarrà aperta per altre 72 ore".

 

- IMOCA: grande partenza martedì 7 novembre alle 9:30 da Le Havre

I 40 IMOCA partiranno da Le Havre martedì alle 9:30 ora locale. Lasceranno il bacino Paul Vatine a partire dalle 4 del mattino e i cancelli della chiusa a mare saranno aperti alle 4:45 fino alle 6 del mattino.

Anche il percorso di 3.750 miglia degli IMOCA lascia l'isola di Santa Maria (Azzorre) a dritta, come i Class40. "Si troveranno di fronte all'uscita dalla Manica martedì sera e mercoledì notte con 35 nodi da sud/sud-ovest e mare non superiore ai 4 metri", ha dichiarato Christian Dumard.

Come previsto per domenica scorsa, ci sarà una copertura fotografica e video completa e la partenza sarà trasmessa in diretta.

"In collaborazione con la Direzione di Regata e le classi, abbiamo calibrato i percorsi e i tempi di tutti in base alle finestre meteo per dare priorità alla sicurezza dei velisti e delle barche. Questo era il prerequisito. Allo stesso tempo, abbiamo fatto tutto il possibile per garantire che la partenza di questa superba flotta di 40 IMOCA benefici della migliore copertura mediatica possibile e non abbiamo dubbi che, ancora una volta, le immagini saranno superbe", ha concluso Gildas Gautier, co-direttore della Transat Jacques Vabre.

 

Arrivi previsti a Fort-de-France in Martinica delle 4 classi:

- ULTIM: tra il 12 novembre in serata e il 13 novembre in mattinata

- IMOCA: 17 novembre

- Ocean Fifty: 18 novembre

- Class40: 22 novembre


04/11/2023 19:09:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint Malò: Alberto Riva racconta il "botto" con il tanker Silver Ray

Resta da capire il perché della collisione che le pessime condizioni meteo giustificano solo in parte

Quebec Saint Malò: Ambrogio Beccaria si ritira ufficialmente

Non è possibile proseguire senza rischi. I problemi strutturali della barca erano noti ed affrontati con una lunga manutenzione a Portland. Ora dovranno essere analizzati con attenzione perché la "potenza è nulla senza controllo" (Pirelli dixit)

A Monfalcone la Optimist Gold Cup

La stagione di grandi eventi e regate firmate Yacht Club Monfalcone entra nel vivo con la quarta edizione della Gold Cup, la regata internazionale per la classe Optmist

Porto Cervo: Django vince la Coppa Europa Smeralda 888

Vince Django in rappresentanza del Royal Thames Yacht Club, seguito da Vamos Mi Amor e Canard a L’Orange dello Yacht Club de Monaco, rispettivamente secondo e terzo classificato

Quebec-Saint Malò: "highlander" Bona

Ibsa e Alberto Bona non hanno mollato, hanno recuperato 220 miglia in 6 giorni ed ora sono a sole 13 miglia dalla testa della corsa a 250 miglia dall'arrivo

Confindustria Nautica: il mercato globale cresce del +11% e raggiunge i 33 miliardi di euro

Il mercato globale della nautica continua a crescere e, nell’ultimo anno[1] disponibile, è arrivato a toccare quota 33 miliardi, di cui oltre 25 miliardi solo per i superyacht

Garda:apre con 30 regate lo Youth Sailing World Championships

Primo giorno ricco di regate, di sole e di vento per gli Youth Sailing World Championships, il Campionato mondiale di Vela Giovanile di World Sailing, la federvela internazionale, ospitato e organizzato quest’anno in Italia sul lago di Garda

Quebec Saint Malò: per IBSA un sesto posto non male

Dopo 14g 20h 19' 42" di navigazione, e 2800 miglia percorse, alle ore 16:34:42 del 15 luglio il Class40 IBSA ha tagliato il traguardo di questa difficile regata, tra bonacce a tempeste, vinta da Achille Nebout a bordo di Amarris

Alberto, Luca e Pablo: ecco la loro Quebec Saint Malò

ll giorno dopo la Transat Québec Saint-Malo il racconto della regata nelle parole dell'equipaggio di IBSA, composto da Alberto Bona, Luca Rossetti e Pablo Santurde del Arco

2024 Tornado World Championship: break a metà campionato

Due prove con la bavetta al mattino poi la grande festa sulla terrazza del Club Nautico Rimini

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci