venerdí, 14 maggio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vela    optimist    sport    regate    manifestazioni    persico 69f    rolex capri sailing week    pesca    circoli velici    velista dell'anno    j24    ambiente    meteor    m32    assonat   

AMBIENTE

I vincitori del concorso fotografico "Mediterraneo, un mare da scoprire"

vincitori del concorso fotografico quot mediterraneo un mare da scoprire quot
redazione

Durante la Campagna GenerAzione Mare dell’estate 2020, WWF S.U.B (Save Underwater Biodiversity, la community del WWF dedicata alla tutela della biodiversità marina che comprende amanti del mare, subacquei e diving), ha lanciato il concorso fotografico 'Mediterraneo, un mare da scoprire'patrocinato dall’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee e organizzato con la collaborazione dell’Acquario di Genova, della Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee – FIPSAS e dell’associazione 5 Terre Academy. 

 

Ora la giuria ha decretato i vincitori, premiati con il “celebre” Pandino di cartapesta che il WWF consegna ai suoi partner e testimoni più attenti alle tematiche ambientali e la pubblicazione delle foto sulla rivista Panda digitale. 

Il concorso è stata una perfetta occasione per scoprire e far conoscere la grande biodiversità marina che il Mare Nostrum ha da offrire, e sensibilizzare il pubblico in merito alle minacce, provocate dai nostri impatti, che la mettono in pericolo. 

 

Tre i grandi temi che hanno ispirato i diving, i subacquei e gli apneisti che hanno partecipato nelle diverse categorie di professionisti e amatori: 

- Il Mare e il suo ambiente - nelle sue accezioni positive e negative; 

- La grande bellezza - il fascino degli animali marini 

- Le specie rare e aliene - le specie meno avvistate del Mare Nostrum

 

Nella categoria professionisti, è Alfredo Milazzo a vincere con tre bellissimi scatti. La sua foto di una Murena intrappolata in una rete nella Riserva Marina del Plemmirio (SR), immagine testimonianza del bycatch, o cattura accidentale,  problema che purtroppo coinvolge molte specie del Mediterraneo, è quella che per la giuria rappresenta meglio “Il Mare e il suo Ambiente”. La foto di un Riccio reale (Sphaerechinus granularis) che sembra "fare a gara con il sole", fotografato a Scilla, esprime “La grande bellezza” degli animali; mentre per il tema “Le specie rare e aliene” Alfredo Milazzo vince con la foto di una Murena orientale (Enchelycore anatina), fotografata nella Riserva Marina del Plemmirio, a una profondità di 15 metri. Si tratta di una specie subtropicale ampiamente diffusa nelle acque dell'Atlantico orientale, ma relativamente pochi avvistamenti sono stati registrati nel Mediterraneo.

 

Fra gli amatori, gli scatti vincitori a pari merito per il tema “Il Mare e il suo Ambiente” sono il sub circondato da un banco di sardine fotografato al sito di immersione “L'Isola" (Livorno) da Matteo Lascar e il Polpo comune (Octopus vulgaris) di Marta Panero. Il polpo è una delle specie che deve fare i conti con i drammatici impatti della plastica: nella foto un'esca di fondo è proprio all'entrata della sua tana. Marta Panero si aggiudica il primo posto anche per gli scatti amatoriali sul tema “Specie rare e aliene”, per aver immortalato a Capo Noli (Savona, Liguria), il raro momento in cui l'opercolo di una conchiglia è chiuso. 

Vince per “La grande bellezza” (categoria amatori) la murena comune (Muraena helena) nella sua tana, circondata da talli di Caulerpa racemosa immortalata a Capo Calvo (Isola d'Elba) da Alessandra Puccini.  

 

Questi scatti selezionati dalla Giuria saranno esposti sia virtualmente che realmente attraverso collaborazioni con i media partner, in mostre dedicate e in fiere della subacquea. D La seconda edizione del concorso verrà lanciata la prossima estate. 

PROFESSIONISTI

 

Il Mare e il suo Ambiente

Alfredo Milazzo

Murena intrappolata in una rete - Riserva Marina del Plemmirio (SR) (Lingua del Gigante), 33 metri

La rete è stata calata da pescatori di frodo nella Riserva Marina del Plemmirio, in zona A - un'area di riserva integrale in cui sono vietate tutte le attività che possono recare danno o disturbo all'ambiente marino. Nella rete, sono stati trovati intrappolati anche numerosi pesci, di cui alcuni - insieme a un'aragosta, un polpo e una seppia - sono riusciti a liberarsi. Così come la murena nella foto.

Questa foto è una testimonianza del bycatch, o cattura accidentale, che coinvolge, purtroppo, molte specie del nostro Mediterraneo.

 

La Grande Bellezza

Alfredo Milazzo

Riccio reale (Sphaerechinus granularis) - Scilla, 6 metri

La foto ritrae un riccio reale, o riccio regina (Sphaerechinus granularis), "ancorato" al fondale roccioso. Questa specie, un Echinoderma, è diffusa nel Mediterraneo e nell'Atlantico, e vive sui fondali rocciosi e le praterie di posidonia, in genere fino ai 30 metri - ma è stato osservato anche fino a 100 metri di profondità. Le sue spine in genere sono tra il marrone e il viola, con le punte bianche bene in evidenza.

Questo riccio, nella sua posizione, sembra "fare a gara con il sole".

 

Le Specie Rare e Aliene

Alfredo Milazzo

Murena orientale (Enchelycore anatina) - Riserva Marina del Plemmirio, 15 metri

La foto ritrae una murena orientale (Enchelycore anatina) avvistata nella Riserva Marina del Plemmirio, nel Mar Ionio. L'esemplare nella foto è un giovane, non più lungo di 30 centimetri. Dal caratteristico colore giallo acceso, i suoi denti sono trasparenti. Come le altre murene, è un predatore "sedentario" che aspetta le sue prede nascosto nelle cavità del fondale.

Questa specie subtropicale è ampiamente diffusa nelle acque dell'Atlantico orientale, ma relativamente pochi avvistamenti sono stati registrati nel Mediterraneo. Osservata per la prima volta nel 1980 in acque israeliane, è stata registrata nel mar Ionio per la prima volta solo nel 2012. 

 

AMATORI

 

Il Mare e il suo Ambiente

Marta Panero

Polpo comune (Octopus vulgaris) - Capo Noli, 5 metri

L'immagine si compone di due elementi: il polpo e la plastica.

Il polpo è diffuso in tutto il Mediterraneo e vive nelle cavità dei fondali rocciosi, nascondendosi anche in aperture molto strette - come nel caso di questa foto. Il polpo è un animale particolarmente complesso, con i suoi tre cuori (uno principale, gli altri due vicino alle branchie) e un set di neuroni per ogni tentacolo che controlla ciascun "braccio" in modo indipendente. Specie intelligente, hanno un genoma più ampio di quello umano con 33.000 geni codificanti.Anche questa specie, come molte altre, deve fare i conti con i drammatici impatti della plastica, una delle minacce principali del nostro mare. Nella foto è ben evidente un'esca di fondo, proprio all'entrata della tana del polpo. Nel Mediterraneo, ogni anno, finiscono 570mila tonnellate di plastica da diverse fonti - e la pesca ricreativa è una di queste.

 

Matteo Lascar

Diver con gruppo di sardine (Sardina pilchardus) - sito di immersione "L'Isola" (Livorno), 30,5 metri

Nella foto è ritratto un sub circondato da un banco di sardine.

La sardina (Sardina pilchardus) è una specie gregaria che, in ogni stadio vitale, forma banchi di notevoli dimensioni, fitti e ordinati, che rimangono in profondità durante il giorno per risalire in superficie la notte per nutrirsi. In alto Adriatico, la sardina è un importante specie commerciale e questo stock è attualmente considerato sovrasfruttato. Uno dei problemi principali di questo stock è la cattura di forme postlarvali, commercialmente note come bianchetto, illegale nell'Unione Europea.

 

La Grande Bellezza

Alessandra Puccini

Murena comune (Muraena helena) e Caulerpa racemosa - Capo Calvo (Isola d'Elba), 15,6 metri

Nella foto si può vedere una murena comune (Muraena helena) nella sua tana, circondata da talli di Caulerpa racemosa.

La murena comune, o murena mediterranea, è una specie solitaria e territoriale, che in genere si trova in cavità e anfratti dei fondali rocciosi. Trascorre le ore diurne della sua tana, per poi uscire a cacciare la notte grazie al suo olfatto molto sviluppato. Questa specie è comunemente osservata con la bocca aperta, ma non è segno di aggressività - questa posizione facilita infatti la respirazione.

Di fianco alla tana della murena, sono visibili di talli di Caulerpa racemosa, un'alga verde ampiamente diffusa nelle regioni tropicali e temperato-calde. Nel Mediterraneo, però, questa specie è invasiva - e osservata per la prima volta nel 1991 in Libia (Caulerpa racemosa var. Cylindracea). Nel nostro mare, popolazioni di questa specie sviluppatesi recentemente si trovano vicino ai porti, suggerendo una sua introduzione tramite traffico navale.

Questa foto mostra la convivenza tra specie native e specie invasive nell'ecosistema marino.

 

Le Specie Rare e Aliene

Marta Panero

Opercolo di una conchiglia - Capo Noli, 7 metri

La rarità della foto è rappresentata dall'opercolo chiuso della conchiglia.

L'opercolo è una struttura calcarea o cornea che caratterizza molte - ma non tutte - lumache marine, gasteropodi (una classe di Molluschi). Attaccata al piede dell'animale, quest’ultimo usato per il movimento, questa struttura è usata come difesa da possibili predatori, chiudendo l'apertura della conchiglia e "sigillando" così l'animale all'interno.

Sebbene alcuni opercoli siano quasi traslucidi e di colore giallo-marrone, molti possono essere complessi e più colorati - possono avere una struttura concentrica, embricata, spirale, multispirale e altre ancora.


16/01/2021 13:09:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

FIV e SailGP I dettagli del programma "Inspire" a Taranto

Nel week end del 5 e 6 giugno, Taranto sarà lo stadio nautico dell’Italy Sail Grand Prix. Già dal primo giugno partirà nel capoluogo ionico ‘Inspire’, il programma di iniziative collaterali che SailGP dedica a tutti i territori toccati dal circuito

Meteor: in corso a Santa Marinella il Trofeo del Timoniere

Trofeo del Timoniere è giunto a Santa Marinella. Diavolo a 4 conduce vince la classifica provvisoria dell’ultima tappa. Oggi i vincitori anche del Trofeo Carlo d’Amelio

XXVII Campionato Italiano Este24: Ricca D’Este 27 mantiene la rotta

La seconda giornata di regate a Porto Ercole ha ribadito la consistenza di Lorenzo Rossi ed il team di Ricca D’Este27, che con due terzi ed un secondo posto, primeggia in classifica, scartando già una prova

Il "Triplete" di Giovanni Soldini

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini conquistano il primato sulla rotta originale del Fastnet. Tris di record nella Manica per il trimarano italiano. 595 miglia in 23 ore, 51 minuti e 16 secondi

Coppa Regina d’Olanda: Luduan 2.0 Asso Pigliatutto

Dopo una lunga astinenza, le barche d’altura del medio Tirreno sono tornate a regatare, sfidandosi nella 44°edizione della Coppa Regina d’Olanda

A Porto Corsini (RA) iniziata la Coppa Italia Techno 293 per il Memorial Ballanti-Saiani

Ancora forte garbino a Ravenna: iniziata la II tappa di Coppa Italia della classe giovanile Techno 293; concludono le prime tre regate solo gli atleti della categoria Techno Plus

Italiano Este 24: Ricca d'Este 26 si conferma campione

XXVII Campionato Italiano Este24 : Lorenzo Rossi con Ricca d’Este 27 è ancora Campione . Medaglia d’argento a Alessandro M. Rinaldi con il suo team CCANIENE e medaglia di bronzo a Marco Flemma con il suo Ricca d’Este 37

Soldini, altro giro altro record

Nel mirino di Giovanni ora c'è il record sul percorso originale del Fastnet. Tempo da battere:25 ore, 4 minuti e 18 secondi

Concluso a Vilamoura l’Europeo della classe olimpica 470

I titoli Maschile e Femminile alla Francia, quello Mixed a Israele. Elena Berta e Bianca Caruso chiudono quinte europee. Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò chiudono al 13° posto. Marco Gradoni e Alessandra Dubbini decimi europei

A Salò Antonio Squizzato domina la 1^ Regata Nazionale 2.4 mR

La stagione della Canottieri Garda ha preso il via l’8 e il 9 maggio nel golfo di Salò con la 1^ Regata Nazionale 2.4 mR, dominata da Antonio Squizzato

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci