mercoledí, 8 aprile 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

attualità    trasporti    pirateria    press    regate    vendee globe    fiv    solitaire du figaro    porti    guardia costiera    pesca    traghetti    j24   

ARCHEOLOGIA SUBACQUEA

Rinvenuto all'interno del porto di Messina il relitto di un piroscafo in legno

rinvenuto all interno del porto di messina il relitto di un piroscafo in legno
redazione

Nel mese di Marzo 2013 si è svolta una campagna esplorativa subacquea organizzata da Ecosfera Diving e finalizzata – con la collaborazione e l'assistenza dei reparti subacquei della Marina Militare e della Guardia Costiera - alla documentazione del relitto della Nave “Groppo”, adagiato sul fondale del porto di Messina su una batimetrica compresa tra i 40 e i 60 metri di profondità.

Nel corso di questa campagna, il team composto dal Tenente di Vascello Giuseppe Simeone (Comandante del Nucleo Operatori Subacquei della Guardia Costiera di Messina), Domenico Crisopulli (operatore subacqueo della Marina Militare) e Domenico Majolino (titolare del Diving Center Ecosfera di Messina), ha effettuato una prospezione allontanandosi dal relitto della Nave “Groppo” seguendo alcuni resti apparentemente appartenenti allo stesso, fino a giungere in prossimità del relitto della Nave Produgal (ex Ruskin). A circa 50 metri di distanza dalla murata di dritta del Produgal, è stato notato un relitto quasi del tutto insabbiato, ad una profondita compresa tra i 55 e i 62 metri, del quale sono visibili i resti della prora e della murata di dritta dove è possibile notare parte del fasciame in legno rivestito da altro materiale; a poppa è presente un ammasso di tubi, compatibili con quelli utilizzati per alimentare una caldaia, che sembra aver subito un’esplosione. Il relitto è stato documentato e rilevato, benché le reali dimensioni siano solamente intuibili in quanto gli elementi costitutivi sono solo in minima parte visibili visto che la maggior parte del relitto si trova coperto dal sedimento. Alle prime immersioni sono seguite ricerche d’archivio, nonché altre indagini con operatori e veicoli subacquei, al fine di cogliere elementi distintivi che potessero consentire una identificazione certa. Nei giorni 23 e 24 agosto 2017, sono state inoltre condotte ulteriori immersioni con il ROV (Remotely Operated Vehicle) in dotazione al Nucleo Operatori Subacquei della Guardia Costiera di Messina al fine di documentare altri utili elementi.

In base ai dati in possesso, il relitto potrebbe essere assimilabile a quello di  un piroscafo in legno del XIX sec., probabilmente utilizzato per il traghettamento tra Sicilia e Calabria.

L'ipotesi identificativa già esistente, alla quale si è pervenuti sulla base delle notizie storiche acquisite, sarà definita a breve, appena conclusi gli studi condotti dalla Soprintendenza del Mare e dalla Guardia Costiera con il Diving Center Ecosfera di Messina.

Dichiarazione del Soprintendente del Mare Sebastiano Tusa:

“Il fantastico fondale interno alla “falce” di Messina, area oggi interamente portuale, continua a incredibilmente a riservare sorprese grazie alla caparbietà dei ricercatori subacquei della Marina Militare, della Guardia Costiera e del Diving Center Ecosfera di Messina con il coordinamento tecnico-scientifico della Soprintendenza del Mare. Già alcuni anni fà questo fondale aveva restituito alla memoria il Produgal, la nave russa legata alla tragica storia del terremoto di Messina poichè furono i suoi marinai a prestare i primi soccorsi alla sofferente popolazione della città distrutta dal sisma. Oggi, nel corso di una campagna di documentazione del relitto della Nave “Groppo”, torpediniera italiana affondata il 25 maggio del 1943, adagiato sul fondale del porto ad una profondità compresa tra i 40 e i 60 metri, compaiono le sembianze di un altro relitto. A circa 50 metri di distanza dalla murata di dritta del Produgal, tra i 55 e i 62 metri, si scorgono i resti della prora e della murata di dritta in legno rivestito. Sulla base delle prime osservazioni ed analisi si tratterebbe del relitto di un piroscafo in legno ottocentesco che speriamo al più presto d’identificare”.


02/10/2017 19:02:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

DPCM 1° aprile 2020: sospesi gli allenamenti anche per gli atleti professionisti

Dpcm 1° aprile 2020: sono sospese altresì le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, all'interno degli impianti sportivi di ogni tipo

Mille per una Vela: la FIV lancia il primo trofeo interzonale di e-sailing

Cresce l'attenzione per la vela virtuale, con il riconoscimento degli e-sports da parte dello stesso Comitato Olimpico Internazionale, e il successivo passo da parte di World Sailing, la federvela mondiale, con l'introduzione dell'e-sailing

Vendée Globe, Covid-19: in quattro rischiano di non partire

Isabelle Joschke, Clément Giraud, Kojiro Shiraishi e Armel Tripon non hanno mai completato una regata oceanica e, come previsto dal bando di regata, non potranno essere alla partenza del Vendée Globe 2020

Attenzione ai tanti problemi dell'autotrasporto che potrebbero esplodere

Manca un accordo europeo sulla proroga della validità delle patenti e revisioni scadute che per ora vale solo in Italia. I pagamenti slittano a 12 mesi e il settore potrebbe realmente fermarsi

Stretto di Messina: nuova ordinanza del sindaco De Luca

L’ordinanza dal prossimo mercoledì 8/4 impone la registrazione preventiva alla banca dati gestita dal comune di Messina. Bisogna prenotarsi almeno 48 ore prima ed è necessario avere il preventivo nulla osta del sindaco del comune dove si intende andare

Viareggio: rinviato il Trofeo Ammiraglio Francese

Rinviato il XXV Trofeo Challenge Ammiraglio Giuseppe Francese, manifestazione dedicata ad un uomo che ha dato tanto alla Versilia e alla città di Viareggio. Il Club Nautico Versilia comunicherà la nuova data.

Esercitazione anti-pirateria nel Golfo di Guinea

Esercitazione anti-pirateria con la motonave “Grande Dakar”, del Gruppo Grimaldi, la Confitarma, la Marina Militare, la Guardia Costiera e la fregata “Luigi Rizzo”

Conftrasporto: ecco le necessità inderogabili del sistema marittimo portuale

Porti: stop a canoni e tassa di ancoraggio a tutto il 2020; Tir: poter circolare anche nei festivi fino a fine emergenza. Prorogare revisioni e patenti in tutta Europa

Appello di OneSails al mondo scientifico e alle istituzioni per la produzione dei DPI

Dede De Luca:"Abbiamo bisogno del supporto del mondo scientifico e delle istituzioni per certificare i nostri prodotti in tempi brevi, insieme a quello della produzione tessile per il reperimento dei materiali"

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci