giovedí, 26 aprile 2018

CLIMA

OGS in Patagonia per studiare il ghiacciaio “Perito Moreno”

Eventi meteorologici estremi, desertificazione, innalzamento del livello del mare, sono tutti fenomeni legati al riscaldamento globale. Mutamenti profondi che avvengono a ritmi incalzanti, che stanno segnando l’ambiente e in particolare il panorama delle catene montuose. I ghiacciai, veri e propri termometri terrestri, sono tra gli elementi più sensibili e vulnerabili al cambiamento climatico e ci forniscono una chiara e impietosa fotografia di ciò che sta accadendo: basta confrontare le immagini realizzate agli inizi del secolo con quelle attuali per rilevare come in tutto il mondo i fronti dei ghiacciai stanno arretrando e quanto si stanno progressivamente riducendo i loro volumi e la loro estensione.
In questo contesto il Perito Moreno, il famoso ghiacciaio situato nella parte sud-occidentale della Patagonia in Argentina, sembra mostrare invece un comportamento difforme e anomalo. Per analizzarlo, a fine novembre è in partenza una campagna scientifica della durata di circa due settimane, coordinata dall’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS, finanziata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale Italiano, che verrà svolta in stretta collaborazione con ricercatori della Università di Buenos Aires, guidati da Alejandro Tassone.
Il Perito Moreno, patrimonio mondiale dell'UNESCO, è uno dei principali ghiacciai che si origina nel “Campo de Hielo Sur” della Patagonia, e che sbocca nel Lago Argentino. Molti studi confermano che il Perito Moreno è un ghiacciaio piuttosto stabile almeno negli ultimi decenni, con fluttuazioni minime del suo fronte. Tale comportamento è peculiare perché la maggior parte degli altri ghiacciai della Patagonia hanno subito invece notevoli arretramenti. Il suo fronte più esterno, che si affaccia per oltre 60 metri in altezza sul lago, crea uno sbarramento tra il braccio meridionale del lago e quello orientale, con conseguente impedimento del flusso d'acqua. Oltre che alla peculiarità e alla bellezza di questo paesaggio, la fama del Perito Moreno è legata anche agli spettacolari e ripetuti fenomeni di rottura del fronte esterno e al conseguente deflusso d’acqua tra i due bracci del Lago Argentino, ben documentati a partire dalla prima rottura risalente al 1917. In precedenza, il fronte del ghiacciaio si trovava ad una distanza di circa 750 metri più arretrata rispetto al fronte odierno e quindi apparentemente non sussistevano questi eventi.
Cercare di capire perché e secondo quali meccanismi si stanno verificando questi grandiosi e affascinanti eventi naturali, che rappresentano una delle attrazioni principali per migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo, è dunque lo scopo dei 5 ricercatori dell’OGS in partenza in questi giorni per la Patagonia, dove avrà inizio la loro missione. In particolare, si vuole individuare se, prima del 1917, si sono già succeduti analoghi e ripetuti fenomeni di sbarramento/inondazione del Perito Moreno simili a quelli storicamente documentati nell'ultimo secolo ogni 4-5 anni.
“Questa campagna di studio, finanziata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale Italiano, verrà svolta in stretta collaborazione con ricercatori della Università di Buenos Aires, guidati da Alejandro Tassone, e prevede la realizzazione di profili batimetrici e di sismica ad alta risoluzione delle aree lacustri prossime al fronte del ghiacciaio” spiega Emanuele Lodolo, ricercatore dell’OGS e responsabile scientifico della spedizione. “Recupereremo anche campioni del sedimento attraverso carotaggi che verranno poi analizzati in laboratorio per cercare di ricostruire gli eventi che si sono succeduti per gli ultimi 1000-1500 anni in questa parte della Patagonia meridionale, e di individuare quali sono stati i fattori climatici che hanno condizionato la storia recente del ghiacciaio Perito Moreno” precisa Lodolo.
L’analisi degli eventi riconosciuti attraverso questi studi sui sedimenti e il confronto con gli attuali modelli climatici proposti per queste latitudini meridionali, potranno auspicabilmente costituire la base per formulare modelli di previsione delle dinamiche glaciali del fronte del Perito Moreno per il prossimo futuro. La conoscenza e la salvaguardia di questo patrimonio naturale, così come di altre innumerevoli bellezze sparse sul nostro pianeta, è una priorità per tutti noi.
“Quelle legate al clima sono tra le più grandi sfide che l'uomo deve fronteggiare e OGS ha da sempre un forte legame con lo studio del nostro Pianeta e della sua salute – dichiara Maria Cristina Pedicchio, Presidente dell'OGS – Siamo pertanto orgogliosi di essere parte attiva del monitoraggio di un luogo che molto potrà rivelare e predire rispetto ai cambiamenti ambientali in essere e di collaborare in quest'analisi con il sistema scientifico argentino, portando e rappresentando all'estero le conoscenze e le competenze italiane”.
“La cooperazione scientifica e tecnologica è oggi uno degli assi portanti delle relazioni bilaterali tra Italia ed Argentina. Come Farnesina esprimiamo soddisfazione per il supporto dato a questo progetto, che cofinanziamo nell’ambito del Protocollo Esecutivo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica Italia Argentina 2017-2019. Ne auspichiamo il successo, nella prospettiva dell’ulteriore sviluppo dei rapporti bilaterali” afferma il Ministro Plenipotenziario Fabrizio Nicoletti, Direttore Centrale per l’Innovazione e la Ricerca, Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.


18/11/2017 12:59:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Francesca e Giovanna, facce da Mini

La Marina Militare e l'Aeronautica militare hanno affidato i loro colori a due ottime veliste come Giovanna Valsecchi e Francesca Komatar

Luise Group: nuovi uffici a Portofino, Viareggio, Capri e Castellammare di Stabia

Il viaggio partito da Napoli nel 1847 della famiglia Luise continua dunque nei porti più importanti al mondo, con l'apertura di nuovi uffici e creando addirittura a Napoli nuovi dipartimenti tecnici

“Una Vela Senza Esclusi” diventa una tappa del progetto Sailing For Health

Tante le novità di questa edizione, a partire dalla flotta che accanto alle Azzurre 600 vedrà sfidarsi anche le nuove Hansa 303, imbarcazioni affidate dal Panathlon Club Palermo alla L.N.I. e finalizzate alla formazione atletica dei ragazzi diversabili

A Brenzone i monotipi d'acqua dolce

Nella flotta dei Dolphin vince proprio il detentore del titolo tricolore, "Fantastica" della sorelle Navoni della Fraglia Desenzano, scafo condotto da Davide Bianchini (Canottieri Garda) con ben 4 primi posti su 6 manche

VOR: Scallywag è arrivato, oggi la Itajaì In-Port Race

Scallywag è arrivato nel porto di Itajaì dopo un lungo viaggio dal Cile, e affronta una corsa contro il tempo per poter prendere parte alla ottava tappa. Gli altri sei team invece si preparano per la Itajaí In-Port Race di oggi

La Settimana Velica Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno 2018”

600 imbarcazioni, 1000 regatanti e 9 circoli velici impegnati in 15 classi di regate

Ieri Norwegian Cruise Line ha preso in consegna la Norwegian Bliss

La nuova nave di Norwegian Cruise Line debutta in Europa prima di iniziare il suo tour inaugurale intorno agli Stati Uniti. La cerimonia ufficiale di battesimo si terrà a Seattle, nello Stato di Washington

La Regata dell'Accademia Navale

Alla gara, che sarà valida anche come tappa di qualificazione per la regata “Madeira Race 950”, possono partecipare le imbarcazioni d’altura Maxi, IRC/ORC e 9.50

Lab Boat: navigare con la scienza

Lunedì a Cagliari laboratori didattici per le scuole e seminari per il pubblico

Senza vento la Bolina è più Lunga

Difficoltà in partenza per la Lunga Bolina, che ha sofferto per un vento latitante per quasi tutto il percorso

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci