lunedí, 18 novembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

campionati invernali    match race    dolphin    garda    barcolana    mini transat    mostre    premi    meteor    press    convegni    attualità    hobie cat16    circoli velici    cambusa   

J24

NotyfiMe Pilgrim vince la Regata Nazionale Trofeo J24 L.N.I.Livorno,

notyfime pilgrim vince la regata nazionale trofeo j24 livorno
redazione

Dopo la doppietta di vittorie nelle due prove disputate nella giornata d’apertura nelle acque antistanti l’Accademia Navale e Ardenza e il terzo posto nell’unica regata portata a termine in quella conclusiva, è Ita 498 Notifyme -Pilgrim armato dal Capo Flotta J24 del Lario Mauro Benfatto e timonato come sempre da Fabio Mazzoni (in equipaggio con Cesare Trioschi, Lorenzo Airoldi e Benedetto di Venosa per i colori della LNI Mandello del Lario) ad aggiudicarsi la Regata Nazionale Trofeo J24 L.N.I. Livorno, manifestazione ben organizzata nell’ambito della Settimana Velica Internazionale Accademia Navale-Città di Livorno dalla locale sezione della Lega Navale Italiana e valida come seconda tappa del Circuito Nazionale J24. 

Notifyme -Pilgrim che lo scorso anno aveva sfiorato la vittoria, ha concluso la classifica generale a pari punti (5) con Ita 212 Jamaica (CN Marina di Carrara): al J24 armato e timonato dal Vice Presidente della Classe, il carrarino Pietro Diamanti (in equipaggio con Luca Macchiarini -solitamente timoniere di Ita 202 Tally Ho di Roberta Banfo-, Paolo Governato -armatore dello storico Ita 30 Argentovivo che quest’anno festeggerà 40 anni sui campi di regata-, Edoardo Ghirlanda, Filippo Caleo e Fabrizio Ginesi), infatti, non sono bastati i due secondi posti del primo giorno e la vittoria nella terza ed ultima prova per conquistare il gradino più alto del podio.

Terzo posto (come nella passata edizione) per il giovane ma esperto equipaggio di Ita 304 Five For Fighting armato e timonato da Eugenia de Giacomo (in equipaggio con Nicola Pitanti, Marco Bruna, Lorenzo Cusimano e Luca Ceresa, 9 punti; 4,3,2 CCR Lauria).

La classifica generale stilata al termine delle tre prove (senza scarto) vede in quarta posizione il J24 dell’Accademia Navale Ita 358 Arpione timonato da Michele Potenza in equipaggio con Domenico Spoletini, Italo Paolini, Flavio Rosati e Caterina Spagnolo (14 punti; 6,4,4) seguito da Ita 489 Valhalla armato dal simpaticissimo salernitano Vincenzo Lamberti (con Giuseppe Olmeti, Antonino Chiacchiaro, Luca Vicidomini e Marco Priori co-armatore del J24 Draghetto della Flotta di Anzio, 16 punti; 3,5,8). Sesto posto per Ita 215 Mollicona armato e timonato da Angelo Crepoli con Paolo Bottari, Giovanni Lucchetti, Paolo Pugnana, Massimiliano Biagini (16 punti; 5,6,5,) seguito da Ita 173 Violenta (21 punti, 7,7,7) affidata in questa occasione dall’armatore Marco Paganini ad un gruppo di amici appartenenti al Team Vela Ordine Ingegneri di Roma capitanato dal vulcanico Alessandro Agamennone con Alberto Botti, Andrea Delle Piane e Dario Guerci. Agamennone ha ricordato che il prossimo giugno ad Alghero si svolgerà il Campionato di Vela dell’Ordine Ingegneri e verranno utilizzati proprio i J24. All’ottavo posto -ma premiato come primo team formato da componenti delle Forze Armate- Ita 421 Albireo con equipaggio interclasse dell’Accademia Navale di Livorno (25 punti; 8,8,9) che ha preceduto Ita 250 Joanna (26 punti; 10,10,6) armato da Fabrizio Dalla Casa e timonato da Eugenia Zamagna con Daniele Borghi, Giancarlo Dalmonte, Viscardo Brusori (co-armatore del J24 Magica Fata della Flotta Romagna).

Nel corso della premiazione il Presidente della Lega Navale Italiana sez. di Livorno, Col. Fabrizio Monacci, e il Capitano di Fregata Angelo Bianchi -in rappresentanza dell’Ammiraglio Comandante dell’Accademia Navale, Contrammiraglio Pierpaolo Ribuffo- dopo aver ringraziato il Comitato di Regata presieduto da Salvatore De Caro e i membri Giuseppe Cimbalo e Corrado Guelfi e tutti i partecipanti per la piacevole atmosfera creata in queste giornate, hanno sottolineato la fedeltà della Classe J24, da sempre presente alle Regate organizzate dal prestigioso Istituto di formazione della Marina Militare di Livorno. “Che bella gente si incontra per mare” ha ripetuto il Presidente Monacci “E soprattutto nella vostra Classe che ha dimostrato ancora una volta di essere coesa e vitale, agguerrita in mare ma affiatatissima a terra.” Nella serata precedente, presso il ristorante Andana degli Anelli si era svolta una piacevolissima cena per i concorrenti e i loro accompagnatori durante la quale era stato sottolineato come quasi tutti i team presenti a Livorno fossero costituiti dall’unione di più equipaggi, un bellissimo esempio della sinergia e amicizia fra le varie Flotte. 

Il Circuito Nazionale 2019 della Classe J24 che, dopo nove manche assegnerà il Trofeo J24 al miglior Timoniere-Armatore e il Trofeo Challenge Perpetuo Francesco Ciccolo al primo classificato senza considerare gli scarti, proseguirà ora con uno degli eventi più attesi della stagione: il 39° Campionato Italiano Open che si svolgerà dal 22 al 26 maggio nelle acque romagnole di Cervia Milano Marittima sotto l’attenta regia del Circolo Nautico Amici della Vela, punto di riferimento per la Classe J24 sia a terra che in mare.

Fra pochi giorni, invece, prenderà il via l’European Open Championship J24 (j24europeans2019.gr) che, organizzato dal Sailing Club di Patrasso, si svolgerà nelle acque greche dal 4 al 10 maggio: a rappresentare i colori azzurri i campioni italiani in carica de Ita 416 La Superba, il J24 del Centro Velico di Napoli della Marina Militare timonato da Ignazio Bonanno, Ita 371 J Oc Alce Nero armato e timonato dal Presidente della Classe Italiana J24 Fabio Apollonio (STV), Ita 500 Old K con Massimo Leporati (CV Cesenatico), Ita 386 Puglia Sailing Team Amfitrite con Marc Arata (SVMM), Ita 505 Jorè dei fratelli Alberto e Alessandro Errani e timonato da Marco Pantano (CNAV Cervia), Ita 216 Jumping Jack Flash con Federico Miccio e Ita 487 American Passage del Capo Flotta di Roma Paolo Rinaldi. Questi equipaggi, infatti, non hanno partecipato alla Regata labronica perché impegnati nei preparativi per la trasferta greca.

 


27/04/2019 12:33:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Jacques Vabre: per Pedote un altro tassello verso il Vendée Globe

Il foil di dritta rotto e il timone sullo stesso lato danneggiato da un urto con un oggetto sommerso hanno rallentato la corsa di Prysmian

Matteo Sericano: la mia avventura alla Mini Transat

Matteo Sericano: "E' meglio perdersi sulla strada di un viaggio impossibile che non partire mai”

Un mare di eventi per le festività natalizie in Friuli Venezia Giulia

Partirà già a fine mese il ricco cartellone di appuntamenti pensati dalle due località balneari del Friuli Venezia Giulia, Lignano Sabbiadoro e Grado, per Natale e Capodanno

XII Invernale Porto Santo Stefano: bene Iemanja di Piero De Pirro

Si è disputata ieri, 10 novembre, la seconda giornata di regate del XII Campionato Invernale di Porto Santo Stefano evento al quale partecipano 22 imbarcazioni

Invernale Fiumicino: bene Geex e Ummagumma in ORC, Mart d'Este in IRC

Grande successo per l'incontro di approfondimento sui sistemi di stazza organizzato nel pomeriggio di sabato con l'UVAI.

Venezia: l'impegno di Confcommercio/Fipe per gli esercizi dannegiati

La Fipe, Federazione italiana dei Pubblici esercizi e l'Aepe, l'Associazione dei Bar e dei Ristoranti di Venezia, sono pronte a fare la loro parte per sostenere gli imprenditori locali dopo l'acqa alta che ieri sera ha devastato la città

Chioggia: Furia Buia leader provvisorio del 43° Campionato Invernale

A Capo Horn, Arkanoè, Demon X, Furia Buia e My Way le vittorie di classe

Invernale Loano: i risultati della 2a giornata di regate

Due giornate con vento da Nord e tre prove regolarmente disputate al Campionato Invernale di Marina di Loano

Autunnale Lignano: uno spettacolo tra mare e monti

Tra mare e neve il 31° Campionato Autunnale della Laguna di Lignano: prima tappa perfetta. Marinariello, Victor X e Città di Fiume in testa nelle rispettive classi ORC, Open e Diporto

Mini Transat: il vincitore, François Jambou, impressionato da Ambrogio Beccaria

" Penso che sia il miglior marinaio che abbia mai visto"

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci