giovedí, 27 febbraio 2020

RS FEVA

Kiwi subito in testa al Mondiale RS Feva di Follonica

kiwi subito in testa al mondiale rs feva di follonica
redazione

Il Golfo di Follonica non ha tradito le aspettative e già nella prima delle tre giornate di qualifiche alle fasi finali dei Mondiali RS Feva ha offerto le condizioni tipiche del Golfo con brezza che dagli 8-9 nodi è salita via via sui 10-12 nodi di vento. Grande partecipazione e impegno dei Circoli coinvolti nella complessa organizzazione GV LNI Follonica, Club Nautico Follonica e Club Nautico Scarlino, che dalla gestione dei parcheggi a tutta l’organizzazione in mare hanno dimostrato subito esperienza ed accoglienza. Grande colpo d’occhio sulla spiaggia antistante la sede della Lega Navale di Follonica e nello specchio acqueo antistante, con le vele dal colore sgargiante giallo fluo, tipico della classe RS Feva, che hanno ulteriormente colorato la costa e il mare cristallino. 

Sicuramente diversa da altre classi la partecipazione dei familiari, venuti a Follonica in massa e decisamente organizzati per trascorrere una bella vacanza, una volta usciti i regatanti la spiaggia non si è svuotata come solitamente succede, ma sono rimasti tantissimi genitori, fratelli arrivati fino a Follonica da ogni parte del mondo proprio per la bellezza del territorio; originale e sicuramente una bella idea quella della classe RS feva di prevedere in regata anche la categoria "family” ed è così che nella flotta ci sono agguerriti papà con figlio o figlia a prua. Un clima sicuramente di festa a terra, che in acqua naturalmente si trasforma in agonismo tra i 200 regatanti, che fino a mercoledì disputeranno le regate di qualifica per formare delle tre batterie attuali, la gold, silver e bronze, in base alla classifica generale, con i migliori raggruppati insieme nelle ultime due decisive giornate. La prima giornata di gare ha visto la disputa di tre prove in rapida successione - gestite dal Presidente di regata Carmelo Paroli, che ha trovato nei colleghi ufficiali di Regata FIV un supporto preciso, rapido e proficuo: combinazione che ha fatto iniziare al meglio questo Mondiale, seguito in questa prima sua giornata anche dal Consigliere federale Domenico Foschini, responsabile dell’attività giovanile e tra i primi a credere nella potenzialità del doppio RS Feva, barca solida e divertente, che sta avendo sempre più apprezzamento da circoli e ragazzi. 

 

L’avvio di questo Campionato dei record è al momento dominato dai neozelandesi, decisi evidentemente a far valere il lungo viaggio; i kiwi occupano le prime due posizioni con parziali che non lasciano dubbi: due primi e un secondo hanno permesso di prendere il comando della classifica provvisoria a Simone Cooke e Oskar Masfen, mentre i connazionali Hyde-Fong seguono con un 1-2-4 parziali. Terza posizione ad 1 solo punto per i britannici Berry-Peters; seguono i francesi Brunel-Kuntze, protagonisti di un 10 seguito da un primo e secondo, che dopo l’applicazione dello scarto potrebbero rendere un recupero, così come per gli olandesi Huisman-Zuidema, con un decimo, ma due secondi. 

 

Per quanto riguarda i colori italiani buon avvio per i portacolori dei Circolo Nautico del Savio Torroni-Gatta, quattordicesimi e ottimi terzi in regata 3. Nella prima parte della classifica anche Werpers-d’Apote (CN Cervia), venticinquesimi. Nella categoria family in testa i britannici Nevile-Ralph e Kate; il ceko Bastar primo under 13 mentre le britanniche Clifton-Weston sono prime nella categoria “ladies”, tredicesime assolute. Fino a mercoledì previste sempre tre prove al giorno per un mondiale che ha tutte le carte in regole per rimanere nella storia per numeri, condizioni di vento e logistica, apprezzatissima da regatanti, parenti e coach.

 


23/07/2019 09:02:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

RS Aero, arriva in Italia il primo circuito di regate "RS Fun Club Contest"

Quattro tappe fra Ostia, Arco e Maccagno per la nuova deriva in singolo adatta a giovani ed adulti

Giancarlo Pedote: il sogno Vendée Globe si avvicina

Questo 2020 sarà per Giancarlo Pedote sicuramente un anno impegnativo e cruciale. L’ 8 novembre prossimo partirà da Les Sables d’ Olonne il tanto anelato Vendée Globe, giro del mondo senza scalo e senza assistenza

Soldini e Maserati pronti per la RORC Caribbean 600

Giovanni Soldini e Maserati Multi 70 sono arrivati ad Antigua, nei Caraibi, pronti per la 12a edizione della RORC Caribbean 600, che partirà il 24 febbraio alle 11.30 ora locale

Ancora tre mondiali di vela olimpica in Australia

Questa volta è il turno dei windsurf RS:X maschili (75 concorrenti) e femminili (47 concorrenti), a Sorrento (Victoria). A Melbourne il singolo femminile Laser Radial

Concluso il raduno federale Mach Race a Torre del Greco

Dal 14 al 19 febbraio si è svolto il raduno federale Match Race a Torre del Greco presso il Centro Federale Zonale del Comitato V Zona FIV a bordo delle imbarcazioni RS 21, simili a quelle che saranno utilizzate al mondiale giovanile

Mondiale RSX: Mattia Camboni parte bene

Ottimo avvio per l'azzurro Mattia Camboni (Fiamme Azzurre), primo nella ranking mondiale stagionale e campione europeo 2018, che dopo le prime tre prove nelle quali è stato molto regolare, è al 5° posto (4-4-5 di giornata)

RORC Caribbean 600: partenza sprint per Giovanni Soldini

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini sono partiti per la RORC Caribbean 600. Il trimarano italiano in testa alla flotta dei multiscafi dopo pochi minuti

Invernale Argentario: guida sempre Iemanja di Piero De Pirro

Sole e vento leggero (6 nodi) da Ovest hanno caratterizzato questa domenica di febbraio nella quale è stata disputata una sola prova

Fine settimana con cinque prove al Campionato invernale di Anzio e Nettuno

Dopo una domenica senza regate per mancanza di vento, sabato 15 e domenica 16 febbraio il Campionato invernale di Anzio e Nettuno ha ripreso il via con cinque prove disputate per J24 e Platu 25 e due prove per l’Altura

Le chiusure autostradali sul "Tronco 1" penalizzano l'industria nautica del Nord Ovest

I gravi disagi che interessano le infrastrutture stradali del Nord Ovest del Paese stanno mettendo in ginocchio l’industria nautica e le infrastrutture del territorio ligure che ne sono il naturale sbocco al mare

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci