sabato, 20 ottobre 2018


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

match race    vele d'epoca    kite    vela    melges 32    cnsm    circoli velici    campionati invernali    veleziana    star    vela paralimpica    ambiente    melges 24    porti    invernali    soldini   

MARE

L’ITS Fondazione G. Caboto e l’Istituto Massimo di Roma insieme per realizzare il progetto Making Water Techs 4.0

8217 its fondazione caboto 8217 istituto massimo di roma insieme per realizzare il progetto making water techs
redazione

Sviluppare una nuova piattaforma costruita con materiali riciclabili che, trainata da barche a vela, sia in grado di analizzare la qualità delle acque per definire e monitorare il livello di inquinamento. È questo il tema al centro di “Making Water Techs 4.0”, il progetto realizzato da 30 ragazzi dai 9 ai 16 anni dell’Istituto Massimo di Roma con il supporto dell’I.T.S. “Fondazione G. Caboto” di Gaeta.
Le innovative piattaforme, costruite dai ragazzi, offrono una possibile risposta al problema per cui l’ONU ha istituito la giornata mondiale dell’acqua: 1,8 miliardi di persone nel mondo bevono acqua contaminata e 800 bambini muoiono ogni giorno per malattie intestinali.
Il progetto ha l’obiettivo di far utilizzare ai ragazzi le nuove tecnologie per il monitoraggio dell’acqua, che consentono l’analisi di parametri quali la temperatura, la conducibilità, il PH e la torbidità. I ragazzi imparano anche a governare modelli radiocomandati di barche a vela, sui quali sono stati installati dei sensori, e consolidano le competenze trasversali quali il problem solving, il team working, la comunicazione efficace e l’area STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics).
La collaborazione tra l’Istituto Massimo e l’ITS Fondazione G. Caboto si è sviluppata nel corso di due incontri focalizzati sullo scambio: nel corso del primo, due formatori dell’ITS Fondazione G. Caboto hanno illustrato agli studenti i principi base della navigazione e alcuni aspetti relativi alla salvaguardia dell’ambiente marino, partendo dal problema della tropicalizzazione del mediterraneo.
Il secondo incontro si è svolto a Gaeta e, dopo il benvenuto da parte del Presidente, dott. Cesare d’Amico, i 30 ragazzi hanno effettuato un’uscita in mare a bordo del veliero“Signora del Vento” nel corso della quale hanno potuto testare i battellini di monitoraggio da loro realizzati; l’imbarco sulla “Signora del Vento”, nave scuola dell’Istituto Nautico Caboto e dell’ITS, ha permesso ai ragazzi di confrontarsi con l’equipaggio, dialogando con il comandante e gli ufficiali sperimentando in prima persona  le dinamiche di conduzione di una nave.
L’Istituto Massimo è la scuola dei Padri Gesuiti di Roma che dal 1873 educa i giovani alla eccellenza umana e accademica. “Da alcuni anni, l’Istituto organizza progetti per far costruire ai ragazzi fin dai 9 anni sistemi professionali avanzati (droni, robot di telepresenza, Stampanti 3D, …). I giovani sono come delle Ferrari”, afferma l’ing. Claudio Becchetti coordinatore dei corsi – “e devono avere la possibilità di correre a scuola per costruire efficacemente il loro futuro”.
L’ITS “Fondazione G. Caboto” che rappresenta un centro d’eccellenza nella formazione marittima specializzata nel nostro Paese, in grado di garantire quasi il 100% di occupazione ai circa 140 allievi formati fino ad oggi, ha deciso di partecipare attivamente al progetto Making Water Techs 4.0, destinato ai Paesi in via di sviluppo, che riprende l’argomento “Nature for Water” al centro della Giornata Mondiale dell’Acqua che si celebra oggi.
 “Oltre a formare i futuri professionisti dello shipping, l’I.T.S. Caboto svolge attività per sensibilizzare i giovani sull’importanza del mare e dell’acqua in quanto risorse fondamentali per il nostro pianeta”, ha dichiarato il Presidente dell’I.T.S. “Fondazione G. Caboto” ed ex-alunno dell’Istituto Massimo, Cesare d’Amico. “La collaborazione con l’Istituto Massimo vuole infatti avvicinare i ragazzi a temi quali la salvaguardia dell’ambiente marino e la sicurezza in navigazione. Per questo desideriamo ringraziare in maniera particolare l’Istituto Nautico Caboto di Gaeta e l’equipaggio della nave scuola ‘Signora del Vento’ per il supporto offerto e per aver partecipato con tanto entusiasmo al progetto".
Gaeta si conferma ancora una volta territorio d’eccellenza sempre attento alla formazione dei giovani professionisti del mare.



22/03/2018 16:21:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Barcolana: nella lotta tra ex la spunta Morning Glory (Spirit of Portopiccolo)

Vince Spirit of Portopiccolo, ovvero l'ex Morning Glory costruita nel 2006, davanti a CQS Tempus Fugit, ex Nicorette un 29,76 metri del 2004 e all'ex Maxi Iena Way of Live

Elements Race: Cagliari ospiterà la 3a edizione

Dopo le prime edizioni organizzate nell'Arcipelago della Maddalena, la manifestazione che unisce Vela e Off Road si sposta nel Sud della Sardegna, a Cagliari, con nuove rotte e a bordo dei GIRO 34

Olimpiadi Giovanili: arriva un altro oro con Sofia Tomasoni

Sofia Tomasoni (CV Windsurfing Club Cagliari) è la prima Campionessa Olimpica Giovanile della classe Kiteboard Twin Tip Racing femminile

Muore Ian Kiernan, l'uomo della "Mission Impossible" di pulire il Mondo

E’ morto a 78 anni portato via da un cancro un grande uomo, Ian Kiernan, velista ed ecologista, che si era dato il compito di “pulire il mondo”

Parte domenica l'Autunnale Peloritano

Prende il via domenica 21 il Campionato Autunnale Peloritano al Marina di Capo d'Orlando che riapre le sue braccia, ovvero le su banchine, ai velisti dopo il successo del Vela Cup del mese scorso

Una "Mare e Monti" per Giovanni Soldini

Giovanni Soldini e l'alpinista Hervé Barmasse faranno insieme una serie di traversate e di scalate con lo scopo di confrontare due mondi così diversi.

Garda: il Trofeo dell'Odio a Diavolasso

“Diavolasso” della scuderia velica “Ac&e-Sicurplanet” con lo skipper veronese Andrea Farina (Cn Brenzone) ha vinto la 66° edizione e del Trofeo dell’Odio, classica autunnale del Circolo Vela Gargnano.

Caorle: la stagione della vela chiude con La Cinquanta

Il 27 e 28 ottobre ultimo appuntamento con l’altura a Caorle

Viareggio, arriva in porto la flotta delle vele d’epoca

Oltre 60 barche a vela d’epoca e circa 500 membri di equipaggio stanno convergendo a Viareggio dove dal 18 al 21 ottobre si svolgerà la XIV edizione del Raduno Vele Storiche Viareggio

Melges 32 a Cagliari per giocarsi il Mondiale

Diciotto i team al via in rappresentanza di 8 Nazioni (Russia, Germania, Giappone, Norvegia, Principato di Monaco, Svizzera, Polonia, Italia) per un Campionato del Mondo assolutamemte aperto

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci