martedí, 14 luglio 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

circoli velici    garda    barche d'epoca    fiv    libri    vendée arctique    giancarlo pedote    cnsm    la duecento    pesca    vendee arctique    melges 32    maxi-tri    porti   

ALINGHI

GC32: il campione è Alinghi

gc32 il campione 232 alinghi
Roberto Imbastaro

Con l’ennesima prova di bravura, Alinghi si è aggiudicato la GC32 Oman Cup e il GC32 Racing Tour 2019. Due vittorie che vanno ad aggiungersi per il team svizzero di Ernesto Bertarelli al titolo mondiale GC32 e al primato nel circuito elvetico dei catamarani D35. 

Alla vigilia del gran finale del GC32 Racing Tour 2019, Alinghi conduceva a pari punti con Oman Air dello skipper Adam Minoprio, e dunque chiunque si fosse aggiudicato la prova avrebbe conquistato anche il circuito 2019.

Alinghi non ha sbagliato un colpo, conducendo fin dalle battute iniziali, anche se in Oman il più serio contendente è stato un po’ a sorpresa il francese Zoulou di Erik Maris. 

L’ultima giornata della GC32 Oman Cup è stata inusuale: con previsioni di vento forte e mare formato, il Presidente del Comitato Stuart Childerley ha anticipato la partenza della prima prova dalle 13 alle 10, ma alle 10 il vento era tanto leggero da posticipare l’azione alle 11.

Sfortunatamente nella prima bolina della prima regata Oman Air e Adam Minoprio commettevano un errore di valutazione, non poggiando a sufficienza e andando a collidere con Zoulou. Solo dopo alcuni minuti le due barche riuscivano a districarsi. Zoulou rimaneva a galla un tempo sufficiente per rientrare alla Al Mouj Marina ed essere alato. Intanto il team di Minoprio perdeva una prova, riuscendo a partecipare alla terza regata di giornata e vincendola. Ma poi, a causa di un vento che andava a crescere in maniera netta le ultime due prove venivano cancellate e tutti i team tornavano a terra. Tuttavia, dopo la seconda prova di giornata Alinghi era già matematicamente campione della GC32 Oman Cup.

Al termine dell’evento, Ernesto Bertarelli, skipper del D35 e del GC32 di Alinghi, ha dichiarato: "Complimenti al team per il lavoro svolto nel corso di tutta la stagione, soprattutto nei momenti chiave come quelli che hanno caratterizzato questi ultimi giorni. Complimenti anche a Zoulou, il team di Erik Maris, che firma un bel secondo posto in Oman. Il GC32 Racing Tour è il circuito di regate di catamarani monotipo più impegnativo al mondo. Questo si traduce in regate sempre che sono sempre molto intense e combattute. Per vincere non bisogna trascurare neanche il più piccolo particolare e questo è quello che il nostro team fa ogni giorno. Abbiamo vinto il GC32 Racing Tour 2019, siamo i campioni del mondo in carica sempre in questa classe e abbiamo vinto il nostro ottavo D35 Trophy in 16 stagioni sul lago di Ginevra. Quest'anno abbiamo realizzato una tripletta raggiungendo tutti i nostri obiettivi. É fantastico."

“Sono davvero felice di chiudere così la stagione, è bello vincere.” Ha detto il timoniere di Alinghi Arnaud Psarofaghis. “Ci siamo battuti tutto l’anno con Oman Air, e anche il resto della flotta è diventato sempre più competitivo. Abbiamo cercato di stare davanti a tutti, ma sono tutti bravi e hanno imparato in fretta. L’anno prossimo sarà davvero interessante.”

Il Team Director di Alinghi Pierre-Yves Jorand ha aggiunto: “Siamo riusciti a raggiungere tutti i nostri obiettivi quest’anno. Non è dipeso dalla fortuna, ma dal fatto che abbiamo un equipaggio e uno shore team molto forti. Dopo una collisione sono riusciti a farci rientrare già il giorno successivo. E’ un gioco di squadra e abbiamo un gran supporto in Svizzera, soprattutto da parte di Ernesto Bertarelli che ci ha aiutato per molti anni. Ci piace lavorare insieme, combattere e anche vincere insieme.”

Una delle chiavi del successo di Alinghi è senza dubbio l’esperienza, con un gruppo che naviga insieme sui multiscafi da oltre due decenni, anche se nel corso del tempo si sono aggiunte forze nuove come il timoniere  Psarofaghis, il tattico Nicolas Charbonnier, e Bryan Mettraux o Timothé Lapauw. “I vecchi saggi e i giovani con la loro energia e forza, è un mix che funziona bene.” Conclude Jorand. 

Da parte sua Adam Minoprio si è scusato molto con Erik Maris e l’equipaggio di Zoulou. “Volevamo passare dietro ma eravamo troppo vicini, abbiamo rovinato la loro e la nostra giornata finale. E’ stata una mossa sciocca, non c’era spazio e non avrei dovuto nemmeno pensarci. Questa settimana non abbiamo avuto fortuna e, come al solito, Alinghi ha regatato benissimo, sono il team di riferimento e si meritano di vincere. Congratulazioni a loro.”

Malgrado una settimana non proprio felice, Oman Air ha concluso il GC32 Racing Tour 2019 in seconda piazza overall e Minoprio si è detto speranzoso di far meglio nel 2020. “E’ il circuito migliore che c’è. Le barche sono veloci e divertenti.”

Erik Maris è tornato a terra con un atteggiamento filosofico, e fortunatamente senza conseguenze, visto che il contatto con Oman Air è avvenuto immediatamente sotto a dove era seduto. Maris ha una lunga esperienza su barche veloci e anche su macchine da corsa dove gli incidenti sono rari ma possono accadere, come in ogni sport ad alte prestazioni. “Persino Adam Minoprio sbaglia, quindi la prossima volta che toccherà a me saremo pari!”Ha dichiarato con spirito il francese.

Zoulou ha ricevuto la media del punteggio per le prove dell’ultimo giorno, concludendo al secondo posto assoluto 9,1 punti dietro ad Alinghi e 7,9 davanti a Red Bull Sailing Team, ma una bella consolazione per il team di Maris è la vittoria nel campionato Owner-Driver 2019. 

In terza piazza hanno concluso gli olimpionici austriaci Roman Hagara e Hans-Peter Steinacher su Red Bull Sailing Team, che si sono quindi assicurati l’ultimo gradino del podio della stagione. “Abbiamo migliorato nel corso di tutto l’anno, una cosa positiva per un gruppo nuovo che all’inizio aveva qualche problema.” Ha spiegato Roman Hagara. “Ma abbiamo recuperato bene su Alinghi e Oman Air.”

Le matricole del GC32 Racing Tour, Black Star Sailing Team in Oman hanno chiuso al quinto posto, ma lo skipper svizzero Christian Zuerrer si è detto felice del risultato, sperando di mantenere lo stesso equipaggio anche per il 2020 con il timoniere kiwi Chris Steele. “Abbiamo fatto grandi passi avanti perchè adesso riusciamo a stare nella pancia della flotta e non nelle retrovie.”

Il Manager del GC32 Racing Tour Christian Scherrer ha chiuso dicendo: “Vorrei ringraziare tutti i team che hanno preso parte al GC32 Racing Tour 2019, al mio team, a tutti i nostri partner e agli organizzatori locali. Speriamo che la stagione 2020 sia altrettanto positiva, con team vecchi e nuovi e con nuove località che annunceremo a breve.” 

 

 


09/11/2019 17:22:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

L'estate di Lignano tra buon vino, cibo e navigazione

Navigazione verso Marano e Aquileia con degustazioni dei prodotti della Strada del Vino e dei Sapori FVG

Caorle: venerdì 10 luglio parte "La Duecento"

La prima regata offshore italiana in periodo Covid sarà La Duecento, organizzata dal Circolo Nautico Santa Margherita lungo la rotta Caorle-Grado-Sansego e ritorno dal 10 al 12 luglio 2020

Il Governo "affonda" i porti turistici

Assomarinas: è inaccettabile, ancora una volta nel Decreto Rilancio il Governo ignora i problemi dei porti turistici

Caorle: tutti i vincitori de "La Duecento"

Con l’arrivo di Sheherazade di Nevio Zagaria alle 21:20 di sabato 11 luglio, vincitore del Trofeo Soligo Never Give Up, si è conclusa ufficialmente la ventiseiesima edizione de La Duecento, la prima regata offshore italiana in tempi Covid

Vendée Arctique: nella piatta lotta tra Beyou e Dalin

Qualche problema per Giancarlo Pedote che si difende e festeggio in solitario i suoi 9 anni di matrimonio con Stefania

Melges 32 World League: la prima giornata del 2020 è un gioco di equilibri

Secondo weekend italiano di regate e stavolta i protagonisti sono gli equipaggi della Classe Melges 32 che, da ieri fino a sabato, sono impegnati nella prima frazione delle Melges World League 2020 a Malcesine.

L'ottusità della burocrazia blocca la vela sul lago di Bracciano

Iniziativa della Federvela del Lazio per sbloccare la situazione delle regate a Bracciano: il presidente FIV IV Zona Giuseppe D'Amico scrive a Zingaretti. Il caso di una norma del 2014 interpretata male che blocca le regate

Vendée-Arctique: Giancarlo Pedote studia per il Vendée Globe

Un'intervista rilasciata questa mattina mentre si avvia verso il waypoint Gallimard guadagnando posizioni. Ora è 10°

Scuole Vela FIV 2020: i primi numeri sono positivi

Le Scuole Vela FIV hanno iniziato da un paio di settimane la loro attività, e nonostante il periodo particolare e una stagione annunciata come difficile, i primi numeri che arrivano dai Circoli Velici in tutta Italia sono positivi

Caorle, La Duecento: Line Honours per Hagar V

La prima imbarcazione assoluta e della categoria XTutti al traguardo è stata Hagar V, Scuderia 65 nuovissimo, dell’armatore alto-atesino Gregor Stimpfl con Sergio Blosi, Lorenzo Tonini, Silvio Santoni, Samuele Nicolettis e Nevio Sabadin

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci