lunedí, 13 luglio 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

circoli velici    libri    vendée arctique    giancarlo pedote    garda    cnsm    la duecento    pesca    vendee arctique    melges 32    maxi-tri    fiv    porti    turismo    scuola vela   

KITE

Dai Circoli - Il Club Vela Portocivitanova vola alto nel mondo della Formula Kite

Denominata per le sue caratteristiche anche "la bocca del vento” poiché è proprio qui che si incanala e soffia più forte nell'istmo di terra proteso sul Mar Tirreno Meridionale, Gizzeria è uno dei migliori luoghi nel Mediterraneo per praticare sport d’acqua acrobatici, come appunto il Kitesurf e la neo disciplina olimpica “Hydrofoil Formula Kite”. E proprio a Gizzeria, a partire da domani, gli specialisti del Club Vela Portocivitanova, Irene Tari e Mario Calbucci, si alleneranno fino a domenica in attesa di iniziare lo stage federale Formula Kite che si svolgerà presso il Circolo Velico HangLoose dal 21 al 23 luglio prossimi.

Il più esperto Calbucci, da anni al vertice della categoria volante per antonomasia, sarà mentore della promessa juniores Tari, da appena 3 anni nel mondo delle tavole con gli aquiloni e già più volte al top in Italia, che da pochi mesi si cimenta con la nuova e complessa tavola munita di foil. “Un impegno con un forte valore strategico”, fanno sapere i dirigenti della società civitanovese, dato che al Circolo Velico Hangloose, dal 24 al 28 luglio, andrà in scena la “2019 PorsheKiteFoil World Series Gizzeria”, prima tappa della Coppa del Mondo KiteFoil durante la quale i due kiter marchigiani si confronteranno con i migliori concorrenti al mondo (sia maschili che femminili), tra cui spiccano i campioni mondiali in carica Formula Kite, e cioè il francese Nicholas Parlier e la statunitense Daniela Moroz.

Romagnolo di nascita e civitanovese adottivo, Mario Calbucci, già campione italiano 2018 per la classe Kite Hydrofoil e quinto nel ranking mondiale Formula Kite, è uno degli atleti più promettenti di tutto il panorama italiano e a Gizzeria punta a dare filo da torcere ai competitor più titolati: “dal mio punto di vista sarà un evento carico di emozioni, anche perché rientro prepotentemente in pista dopo il lungo stop imposto dall’infortunio alla schiena. Questo tipo di manifestazione mi permetterà di capire come sto realmente con la preparazione fisica ed essendo questo un campionato dove si può sperimentare l’attrezzatura tecnica da registrare alle prossime Olimpiadi di Parigi 2024, è arrivato finalmente il momento di mettere alla prova un foil che ho sviluppato personalmente, assieme a un produttore italiano, e verificarne così l’efficacia che la versatilità”.

“Il livello in acqua sarà altissimo – conclude – e intendo prima di tutto confermare le performance del Garda. Ho grande rispetto di tutti i concorrenti, sono onorato di potermi confrontare con loro ma non temo nessuno. In ogni nuova gara vi è sempre un outsider e il mio obiettivo per questa prima tappa del Campionato Mondiale KiteFoil è quello di rientrare fra i primi cinque. Dopo il secondo posto raggiunto ai recenti Formula Kite Asian Championship in Cina, chiudere nei top five sarebbe un ottimo risultato”.

Le prossime regate di Mario Calbucci:

• Campionato Italiano Classi Olimpiche – lago di Garda, 11/14 settembre

• Campionato Europeo Formula Kite – Torre Grande, 24/29 settembre

• Campionato Nord-Americano e Caraibico – San Francisco (USA), 21- 25 agosto

• World Beach Games – Doha (Qatar), 09 - 15 ottobre

Invece per Irene Tari si tratterà della prima esperienza internazionale nella nuova categoria. L’atleta sta partecipando al Campionato Italiano Formula Kite 2019 dove, nella tappa di Calambrone, ha chiuso 11esima overall e prima femminile lo scorso fine settimana. Alle prese con un format piuttosto impegnativo, il suo l’obiettivo principale sarà quello di partecipare facendo una bella figura pur sapendo di non poter ambire subito ai vertici della classifica. “L’evento servirà – sottolinea il CVP – soprattutto a prendere le misure con le fortissime avversarie straniere, a cominciare dalla amica e rivale Sofia Tommasoni”.

“Ho iniziato il KiteFoil quest’anno e dal punto di vista tecnico gli ultimi risultati raggiunti a Calambrone mi consentono di affermare che i miglioramenti sono costanti e giorno dopo giorno acquisisco sempre più confidenza con il nuovo mezzo – la dichiarazione dell’atleta sud pontina - Gizzeria segnerà il mio debutto internazionale, dove ci sarà sicuramente da imparare tanto. Saranno presenti le più forti atlete del mondo con un’esperienza anni luce distante dalla mia ma sono comunque determinata a dare il massimo e farò tesoro di ogni minuto di gara. Ritroverò inoltre Sofia Tommasoni, anche lei per la prima volta in Hydrofoil, il confronto con lei darà ulteriore carica ma anche un senso di famigliarità alla mia gara”.

Le prossime regate di Irene Tari:


• Campionato Italiano Classi Olimpiche – Lago di Garda, 11/14 settembre

• Campionato Europeo Formula Kite – Torre Grande, 24/29 settembre

• 5^ tappa Campionato Italiano Kite Foil – Gallipoli, 25/27 ottobre


16/07/2019 15:36:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

L'estate di Lignano tra buon vino, cibo e navigazione

Navigazione verso Marano e Aquileia con degustazioni dei prodotti della Strada del Vino e dei Sapori FVG

Caorle: venerdì 10 luglio parte "La Duecento"

La prima regata offshore italiana in periodo Covid sarà La Duecento, organizzata dal Circolo Nautico Santa Margherita lungo la rotta Caorle-Grado-Sansego e ritorno dal 10 al 12 luglio 2020

Il Governo "affonda" i porti turistici

Assomarinas: è inaccettabile, ancora una volta nel Decreto Rilancio il Governo ignora i problemi dei porti turistici

Caorle: tutti i vincitori de "La Duecento"

Con l’arrivo di Sheherazade di Nevio Zagaria alle 21:20 di sabato 11 luglio, vincitore del Trofeo Soligo Never Give Up, si è conclusa ufficialmente la ventiseiesima edizione de La Duecento, la prima regata offshore italiana in tempi Covid

Vendée Arctique: nella piatta lotta tra Beyou e Dalin

Qualche problema per Giancarlo Pedote che si difende e festeggio in solitario i suoi 9 anni di matrimonio con Stefania

Melges 32 World League: la prima giornata del 2020 è un gioco di equilibri

Secondo weekend italiano di regate e stavolta i protagonisti sono gli equipaggi della Classe Melges 32 che, da ieri fino a sabato, sono impegnati nella prima frazione delle Melges World League 2020 a Malcesine.

Liguria: operatori in fuga dai porti

Merlo, Federlogistica-Conftrasporto: “Fino a fine emergenza pedaggi autostradali alle AdSP per mantenere competitività"

L'ottusità della burocrazia blocca la vela sul lago di Bracciano

Iniziativa della Federvela del Lazio per sbloccare la situazione delle regate a Bracciano: il presidente FIV IV Zona Giuseppe D'Amico scrive a Zingaretti. Il caso di una norma del 2014 interpretata male che blocca le regate

Conerissimo: vince Interceptor di Luca Mosca

Grande successo ad Ancona per la “Conerissimo”, la costiera lungo le bellezze del Conero che ha inaugurato la stagione post lockdown

Optimist: concluso il VI Trofeo Ezio Astorri

La vittoria per il sesto anno consecutivo al CVTLP -Scuola Vela Mankin. Sei le regate disputate nelle acque del lago di Massaciuccoli da sessanta giovani timonieri.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci