martedí, 1 dicembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

cantieristica    vendee globe    aziende    giancarlo pedote    windsurf    trofeo jules verne    sodeb'o    orc    vela    cambusa    fincantieri    press   

KITE

Dai Circoli - Il Club Vela Portocivitanova vola alto nel mondo della Formula Kite

Denominata per le sue caratteristiche anche "la bocca del vento” poiché è proprio qui che si incanala e soffia più forte nell'istmo di terra proteso sul Mar Tirreno Meridionale, Gizzeria è uno dei migliori luoghi nel Mediterraneo per praticare sport d’acqua acrobatici, come appunto il Kitesurf e la neo disciplina olimpica “Hydrofoil Formula Kite”. E proprio a Gizzeria, a partire da domani, gli specialisti del Club Vela Portocivitanova, Irene Tari e Mario Calbucci, si alleneranno fino a domenica in attesa di iniziare lo stage federale Formula Kite che si svolgerà presso il Circolo Velico HangLoose dal 21 al 23 luglio prossimi.

Il più esperto Calbucci, da anni al vertice della categoria volante per antonomasia, sarà mentore della promessa juniores Tari, da appena 3 anni nel mondo delle tavole con gli aquiloni e già più volte al top in Italia, che da pochi mesi si cimenta con la nuova e complessa tavola munita di foil. “Un impegno con un forte valore strategico”, fanno sapere i dirigenti della società civitanovese, dato che al Circolo Velico Hangloose, dal 24 al 28 luglio, andrà in scena la “2019 PorsheKiteFoil World Series Gizzeria”, prima tappa della Coppa del Mondo KiteFoil durante la quale i due kiter marchigiani si confronteranno con i migliori concorrenti al mondo (sia maschili che femminili), tra cui spiccano i campioni mondiali in carica Formula Kite, e cioè il francese Nicholas Parlier e la statunitense Daniela Moroz.

Romagnolo di nascita e civitanovese adottivo, Mario Calbucci, già campione italiano 2018 per la classe Kite Hydrofoil e quinto nel ranking mondiale Formula Kite, è uno degli atleti più promettenti di tutto il panorama italiano e a Gizzeria punta a dare filo da torcere ai competitor più titolati: “dal mio punto di vista sarà un evento carico di emozioni, anche perché rientro prepotentemente in pista dopo il lungo stop imposto dall’infortunio alla schiena. Questo tipo di manifestazione mi permetterà di capire come sto realmente con la preparazione fisica ed essendo questo un campionato dove si può sperimentare l’attrezzatura tecnica da registrare alle prossime Olimpiadi di Parigi 2024, è arrivato finalmente il momento di mettere alla prova un foil che ho sviluppato personalmente, assieme a un produttore italiano, e verificarne così l’efficacia che la versatilità”.

“Il livello in acqua sarà altissimo – conclude – e intendo prima di tutto confermare le performance del Garda. Ho grande rispetto di tutti i concorrenti, sono onorato di potermi confrontare con loro ma non temo nessuno. In ogni nuova gara vi è sempre un outsider e il mio obiettivo per questa prima tappa del Campionato Mondiale KiteFoil è quello di rientrare fra i primi cinque. Dopo il secondo posto raggiunto ai recenti Formula Kite Asian Championship in Cina, chiudere nei top five sarebbe un ottimo risultato”.

Le prossime regate di Mario Calbucci:

• Campionato Italiano Classi Olimpiche – lago di Garda, 11/14 settembre

• Campionato Europeo Formula Kite – Torre Grande, 24/29 settembre

• Campionato Nord-Americano e Caraibico – San Francisco (USA), 21- 25 agosto

• World Beach Games – Doha (Qatar), 09 - 15 ottobre

Invece per Irene Tari si tratterà della prima esperienza internazionale nella nuova categoria. L’atleta sta partecipando al Campionato Italiano Formula Kite 2019 dove, nella tappa di Calambrone, ha chiuso 11esima overall e prima femminile lo scorso fine settimana. Alle prese con un format piuttosto impegnativo, il suo l’obiettivo principale sarà quello di partecipare facendo una bella figura pur sapendo di non poter ambire subito ai vertici della classifica. “L’evento servirà – sottolinea il CVP – soprattutto a prendere le misure con le fortissime avversarie straniere, a cominciare dalla amica e rivale Sofia Tommasoni”.

“Ho iniziato il KiteFoil quest’anno e dal punto di vista tecnico gli ultimi risultati raggiunti a Calambrone mi consentono di affermare che i miglioramenti sono costanti e giorno dopo giorno acquisisco sempre più confidenza con il nuovo mezzo – la dichiarazione dell’atleta sud pontina - Gizzeria segnerà il mio debutto internazionale, dove ci sarà sicuramente da imparare tanto. Saranno presenti le più forti atlete del mondo con un’esperienza anni luce distante dalla mia ma sono comunque determinata a dare il massimo e farò tesoro di ogni minuto di gara. Ritroverò inoltre Sofia Tommasoni, anche lei per la prima volta in Hydrofoil, il confronto con lei darà ulteriore carica ma anche un senso di famigliarità alla mia gara”.

Le prossime regate di Irene Tari:


• Campionato Italiano Classi Olimpiche – Lago di Garda, 11/14 settembre

• Campionato Europeo Formula Kite – Torre Grande, 24/29 settembre

• 5^ tappa Campionato Italiano Kite Foil – Gallipoli, 25/27 ottobre


16/07/2019 15:36:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: falla a bordo per Escoffier, Jean Le Cam tenta di raggiungerlo

Kevin Escoffier, che si trovava al terzo posto nel Vendée Globe posizionato a circa 550 miglia nautiche a sud di Città del Capo, ha attivato il suo segnale di soccorso

FLASH - Jean Le Cam ha avvistato Escoffier e procede al recupero

La Direzione di corsa del Vendée Globe ha dirottato sul punto del Distress di Kevin Escoffier anche Boris Herrmann, Yannick Bestaven e Sébastien Simon

Alghero: per 110 studenti il battesimo della vela

Il Covid non ferma la vela, ad Alghero 100 studenti hanno debuttato in barca

Vendée Globe: Pedote supera Sam Davies ed è 10°

Pedote:"Voglio solo continuare a cercare di fare le cose bene, preservare i materiali, cosa molto importante perché la barca è la mia sicurezza e la mia sorgente di velocità"

Vendée Globe: la calma è la virtù dei Pedote

Il nostro Giancarlo Pedote sta procedendo bene e senza scosse e guadagna posizioni. Ora è decimo a 646 miglia dal leader e viaggia spedito a più di 20 nodi

Vendée Globe: così parlò Jean Le Cam

"Per me il bello di essere vecchio è che più si è vecchi più si ha esperienza. Più cose stupide hai fatto quando sei più giovane e, quando ne hai fatte tante, allora impari cosa non fare"

Trofeo Jules Verne: Coville vola, Cammas si ritira

Thomas Coville su Sodebo Ultim 3 continua la sua discesa dell'Atlantico del Nord in questo sabato mattina, scivolando a oltre 30 nodi mentre Franck Cammas sta rientrando a Lorient dopo aver urtato un UFO

Italia: ecco i migliori ristoranti del Gambero Rosso

2650 locali recensiti in tutta Italia. Quattro big conquistano le Tre forchette. E’ calabrese il Cuoco emergente dell’anno. Il Premio ristoratore dell’anno a una famiglia orientale di Milano

Vendée Globe: per Pedote nel mirino c'è Buona Speranza

Dopo tre settimane di regate e quasi il 25% delle 21.638 miglia previste dal Vendée Globe sulla scia, Giancarlo Pedote vede la longitudine di Buona Speranza incombere all'orizzonte

Altre tre prove in Portogallo per l'Europeo del windsurf olimpico

Giornata opaca per Mattia Camboni (10-8-10) che comunque è 4° in generale. 13° Carlo Ciabatti (5-22-21) e 16° Daniele Benedetti (7-9-5). 6° Giorgia Speciale (8-12-6), 8° Marta Maggetti in ripresa (3-6-4)

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci