giovedí, 18 luglio 2024

VELE D'EPOCA

Spettacolo ad Imperia per le Vele d'Epoca

spettacolo ad imperia per le vele epoca
redazione

Una mattina che è iniziata in un clima di serietà, per rispetto alle imbarcazioni battenti bandiera inglese che, messe le bandiere nazionali a mezz’asta e il drappo nero, sono rimaste al loro ormeggio. È proseguita poi con un crescendo che, nel corso della giornata, ha visto la flotta rientrare in porto dopo il primo giorno di regata inseguita da raffiche di maestrale a oltre 30 nodi.
Ma andando in ordine: questa mattina, dopo il briefing del comitato di regata, le barche hanno lasciato il loro ormeggio verso le 11 per recarsi sul campo di regata. Intanto in Calata Anselmi, dove è passato a portare il suo saluto anche il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, il Sindaco Claudio Scajola ha deciso di ammainare la bandiera cittadina a mezz’asta come forma di rispetto per il sentito lutto che ha colpito i tanti partecipanti inglesi e, quindi, anche per sottolineare il grande debito della vela nei confronti di quella che è, a tutti gli effetti, la culla e la patria dello yachting mondiale.
 
In mare, intanto, il comitato di regata ha scelto un percorso di circa 10 miglia e con la flotta divisa in sette Classi e in due partenze separate. Prima i grandi e poi i piccoli, lungo una linea di partenza che, al momento dello start, era interessata da mare lungo abbastanza formato e un vento da 60° tra i 6 e gli 8 nodi di intensità. Una situazione abbastanza complicata con più mare che vento. Dopo la boa di disimpegno, le barche più veloci hanno iniziato il loro bordeggio verso le varie boe di percorso, in condizioni sempre di vento leggero. Notevole il triello tra i velocissimi P-Class Chips, Corinthian e Olympian (una delle classi dell’Universal Rule messa a punto nel 1903 da Nathanael Herreshoff e che ha dato vita agli scafi che, insieme ai J class, hanno disputato l’America’s Cup dal 1914 al 1937. L’obiettivo di Herreshof era quello di mettere un freno al gigantismo che affliggeva le barche di Coppa America e che aveva raggiunto l’apice con il suo Reliance, defender nel 1903 contro Shamrock III di Thomas Lipton. È così quindi che nacque la Universal Rule, che comprendeva nove classi, con rating decrescente da 88 a 17 piedi e identificate con altrettante lettere (da J a S). Ad avere la meglio sui tre, Corinthian che è stato anche il primo di tutta la flotta a tagliare la linea di arrivo in tempo reale.
Nel mentre, il vento è inziato ad aumentare per raggiungere in pochi minuti ben 30/32 nodi di intensità, con raffiche registrate fino a 37. Ma la cosa più impressionante è stata la velocità con cui è arrivata l’onda, con frangenti che hanno raggiunto i 5/6 metri di altezza e motivo per cui alcune barche hanno riportato alcune avarie, niente di serio a parte per il NY40 Rowdy che ci rimesso la penna dell’albero e che si è necessariamente ritirato.
 
Le regate proseguono domani mentre la banchina di Calata Anselmi inizia a riempirsi in vista degli appuntamenti sociali della serata di oggi: alle 18.30 Piero Maranghi e Leonardo Piccinini presentano Almanacco di bellezza, il libro tratto dalla trasmissione in onda ogni giorno su Classica HD (Sky, canale 136). Alla presentazione interverranno la giornalista Lucia Scajola e il produttore e manager discografico Stefano Senardi. L’evento apre il ricco programma di appuntamenti pomeridiani e serali che avrà il suo culmine nello spettacolo “La Luna sulle Vele d’Epoca” e nello spettacolo pirotecnico di sabato sera nel bacino portuale Borgo Marina.

 


09/09/2022 20:13:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Quebec Saint Malò: Alberto Riva racconta il "botto" con il tanker Silver Ray

Resta da capire il perché della collisione che le pessime condizioni meteo giustificano solo in parte

Quebec Saint Malò: Ambrogio Beccaria si ritira ufficialmente

Non è possibile proseguire senza rischi. I problemi strutturali della barca erano noti ed affrontati con una lunga manutenzione a Portland. Ora dovranno essere analizzati con attenzione perché la "potenza è nulla senza controllo" (Pirelli dixit)

A Monfalcone la Optimist Gold Cup

La stagione di grandi eventi e regate firmate Yacht Club Monfalcone entra nel vivo con la quarta edizione della Gold Cup, la regata internazionale per la classe Optmist

Porto Cervo: Django vince la Coppa Europa Smeralda 888

Vince Django in rappresentanza del Royal Thames Yacht Club, seguito da Vamos Mi Amor e Canard a L’Orange dello Yacht Club de Monaco, rispettivamente secondo e terzo classificato

Quebec-Saint Malò: "highlander" Bona

Ibsa e Alberto Bona non hanno mollato, hanno recuperato 220 miglia in 6 giorni ed ora sono a sole 13 miglia dalla testa della corsa a 250 miglia dall'arrivo

Confindustria Nautica: il mercato globale cresce del +11% e raggiunge i 33 miliardi di euro

Il mercato globale della nautica continua a crescere e, nell’ultimo anno[1] disponibile, è arrivato a toccare quota 33 miliardi, di cui oltre 25 miliardi solo per i superyacht

Garda:apre con 30 regate lo Youth Sailing World Championships

Primo giorno ricco di regate, di sole e di vento per gli Youth Sailing World Championships, il Campionato mondiale di Vela Giovanile di World Sailing, la federvela internazionale, ospitato e organizzato quest’anno in Italia sul lago di Garda

Quebec Saint Malò: per IBSA un sesto posto non male

Dopo 14g 20h 19' 42" di navigazione, e 2800 miglia percorse, alle ore 16:34:42 del 15 luglio il Class40 IBSA ha tagliato il traguardo di questa difficile regata, tra bonacce a tempeste, vinta da Achille Nebout a bordo di Amarris

Alberto, Luca e Pablo: ecco la loro Quebec Saint Malò

ll giorno dopo la Transat Québec Saint-Malo il racconto della regata nelle parole dell'equipaggio di IBSA, composto da Alberto Bona, Luca Rossetti e Pablo Santurde del Arco

2024 Tornado World Championship: break a metà campionato

Due prove con la bavetta al mattino poi la grande festa sulla terrazza del Club Nautico Rimini

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci