venerdí, 26 febbraio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

nautica    libri    nomine    banque populaire    maxi-tri    ambiente    the ocean race    circoli velici    este 24    scuola vela    america's cup    garda    dolphin    luna rossa    maxi    vela olimpica   

TEAM

Vitamina Sailing Team: il bilancio del 2018

vitamina sailing team il bilancio del 2018
Redazione

Con la conclusione domenica scorsa del Melges 40 Grand Prix di Lanzarote (isole Canarie), ultimo evento agonistico del 2018, il Vitamina Sailing Team archivia un'intensa annata di vela divisa tra le classi M32, il catamarano con cui ha partecipato alle Cetilar® Sailing Series, e Melges 40, il moderno e spettacolare monotipo firmato dal cantiere Melges Performance Sailboats su un progetto dello spagnolo Marcelino Botin.

Il team capitanato dall'imprenditore Andrea Lacorte, fondatore e Presidente della casa farmaceutica toscana PharmaNutra SPA, partner della squadra grazie ai due brand Cetilar® e SiderAL®, ha chiuso l'appuntamento di Lanzarote in terza posizione dietro lo scafo giapponese Sikon e all'italiano Stig di Rombelli, vincitore di tappa e anche del Melges 40 Grand Prix 2018. Un circuito che lo stesso Vitamina Cetilar® - portato da Lacorte con il triestino Gabriele Benussi alla tattica - ha terminato quarto, pari punti con Dynamiq Synergy.

Dieci, come da programma, le regate disputate alle Canarie nell'arco di quattro giorni, in condizioni meteomarine pressoché perfette (vento tra i 10 e 18 nodi d'intensità, con onda formata) e con la presenza in acqua di grandi nomi della vela internazionale, che hanno dato vita a prove combattute e avvincenti, su un campo di regata che non ha tradito le attese.

"La stagione in Melges 40 è stata un'esperienza bellissima, perché pur essendo una classe che vive ancora una fase iniziale, il livello dei competitors è davvero molto alto e professionale, con team strutturati ed equipaggi formati da veri fuoriclasse", ha dichiarato Andrea Lacorte. "Parliamo di una barca complicata, per top team, e all'inizio abbiamo pagato la mancanza di esperienza, essendo arrivati nella flotta per ultimi. Nel corso della stagione ci siamo dati da fare e negli ultimi due appuntamenti dell'anno i risultati sono arrivati. Navigare alle Canarie è stato bello ed impegnativo, perché le condizioni sono diverse rispetto al Mediterraneo, una magnifica esperienza di vita e di marineria. Torneremo lì a gennaio, per riprendere l'attività, poi la stagione si svilupperà con una serie di eventi in Italia, quindi avremo modo di navigare parecchio anche nelle nostre acque, cosa che fa sempre piacere".

Il team infatti tornerà attivo dal 24 al 27 gennaio, per il Winter Warm Up. Seguiranno una serie di sessioni di allenamento a febbraio e poi, dal 21 al 24 marzo, il primo appuntamento del Melges 40 Grand Prix 2019, sempre alle Canarie, circuito che dovrebbe svilupparsi su un totale di cinque appuntamenti.

Per Vitamina Sailing - in regata per i colori dello Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa e del Porto di Pisa -  sarà la seconda stagione a bordo dell'avveniristico monotipo di casa Melges, a cui si affiancherà anche la partecipazione al circuito Europeo 2019 del catamarano M32, che dopo la vittoria del 2017, quest'anno si è concluso con il secondo posto assoluto di Vitamina Veloce SiderAL®, primo nella speciale classifica Corinthian, dopo le tappe di Valencia, Marina di Pisa, Kristiansand (NOR), Aarhus (DEN), Gargnano (lago di Garda) e Trieste.

"Per quanto riguarda la stagione M32, sono parzialmente soddisfatto: non abbiamo vinto il circuito Europeo, perché i primi sono dei professionisti veri e chiaramente la performance non può essere la stessa, ma siamo risultati i migliori tra i Corinthian, con l'armatore al timone, ed è un risultato che premia l'impegno di tutta la squadra", conclude Lacorte. "Navigare con questi catamarani resta una grande esperienza di mare che regala tanto divertimento e inoltre abbiamo portato il nostro brand SiderAL® in giro per l'Europa. Purtroppo la classe è stata gestita in modo interlocutorio, tanto che ci saranno cambiamenti importanti per l'anno prossimo, con un management diverso e una maggiore e migliore promozione tra gli appassionati".

 


15/11/2018 18:46:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: Ineos tenta di non arrendersi anzitempo

Ineos Team nervoso, ma riesce a prendere il suo primo punto nella seconda prova dopo che nella prima aveva messo in cascina solo due penalità Luna Rossa conduce ora 5 a 1

America's Cup: New Zealand ci aspetta

Peter Burling:" Alcuni dei ragazzi di Luna Rossa erano nostri compagni di squadra l'ultima volta, quindi li conosciamo bene e loro conoscono noi"

Il mattino ha "l'Oro in Coppa"

Nell'alba italiana garrisce il tricolore ad Auckland dove Luna Rossa conquista il diritto a sfidare Team New Zealand per l'America's Cup vincendo la Prada Cup con un perentorio 7 a 1 su Ineos Team UK

Week-end decisivo per la Prada Cup

Dopo cinque giorni di pausa si torna in acqua questa notte alle 4:00 ora italiana per un week-end di regate che potrebbe essere decisivo

Tokio 2020: Federvela indica i primi tre equipaggi

Il Consiglio FIV conferma le scelte del DT e del Presidente. Ecco i primi tre equipaggi per la vela proposti al CONI:- 470 maschile: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò - ILCA 6: Silvia Zennaro - Nacra 17: Ruggero Tita e Caterina Banti

Garda: i Dolphin pronti ad una grande stagione

Si parte a metà marzo con “Winter & Bianchi”

Genova: finale di The Ocean Race Europe!

Come succederà per il giro del mondo 2022-23, Genova sarà finale della prima edizione di The Ocean Race Europe il prossimo giugno

Luna Rossa premiata con la Prada Cup

Con la cerimonia conclusiva, avvenuta sul main stage dell’America’s Cup Village di Auckland, la PRADA Cup è stata consegnata all’equipaggio di Luna Rossa Prada Pirelli, divenuto Challenger del 36 esimo America’s Cup Match

Nasce il Maxi Yacht Adriatic Series (MYAS) il nuovo circuito per i Maxi

La stagione velica 2021 si presenta con una novità dedicata alla vela maxi. Si chiama Maxi Yacht Adriatic Series (MYAS) il nuovo circuito che nasce dalla stretta collaborazione tra Trieste e Venezia

Gitana 17: il bilancio di una stagione deludente

Per Charles Caudrelier c'è frustrazione per aver mancato l'obiettivo del Trofeo Jules Verne, ma la consapevolezza di aver imparato molto. Prossimi impegni il Fastnet e la Transat Jacques Vabre

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci