giovedí, 25 febbraio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

circoli velici    este 24    scuola vela    maxi-tri    america's cup    garda    dolphin    luna rossa    maxi    vela olimpica    the ocean race    team    press    fiv   

VENDEE GLOBE

Vendée Globe: fatica e lacrime per l'immensa Pip Hare

vend 233 globe fatica lacrime per immensa pip hare
Roberto Imbastaro

Pip Hare, arrivata ieri sera a Les Sables d'Olonne, accolta da Jean Le Cam che ha speso per lei parole bellissime,  dopo aver tagliato il traguardo alle 00:57, torna in conferenza stampa sulla sua gara e sui suoi obiettivi per la prossima edizione.


Come ti senti al 19° posto nel Vendée Globe?

L'unica parola per qualificarlo è incredibile.

 

Qual era il suo obiettivo sportivo quando ha preso il via l'8 novembre?

Ho pensato che fosse importante avere un obiettivo sportivo in questo Vendée Globe, ma doveva anche essere basato sull'età della barca. Essendo uno skipper britannico, il mio obiettivo era di fare un tempo migliore di quello di Ellen MacArthur nel 2000, che era di 94 giorni.

 

Hai raggiunto questo obiettivo?

Per una parte della gara ho pensato di farlo. Avrei potuto, so dove ho perso tempo, dove ho guadagnato tempo e finalmente non sono lontano da questa meta. Non ho rimpianti, ho iniziato con niente. All'inizio ho fatto un prestito personale in banca. Ho fatto il meglio che potevo nel tempo che mi era stato assegnato.

 

Il tuo atteggiamento ha impressionato tutti, sei così anche nella vita reale o era specifico del Vendée Globe?

Mi piace pensare che sia la Pip di tutti i giorni. È soprattutto questa grande gioia e soddisfazione di essere su questa corsa. Penso che siano stati i tre mesi migliori della mia vita.

 

Hai comunicato molto durante la gara, è stata una strategia?

È sempre stata un po' una strategia per me perché vengo da una regione dell'Inghilterra dove non ci sono molte persone che navigano. Scrivevo ai miei amici di tutte le mie esperienze di navigazione. Penso che sia molto importante farlo per aumentare il profilo delle regate oceaniche, per facilitare l'accesso agli sponsor e anche per condividere e aprire la strada ad altri skipper.

 

Cosa c'è dopo?

Mi piacerebbe essere lì nel 2024 con i foil!

 

Su quale barca vorresti essere nel 2024?

Ci sono molte discussioni, ma se potessi avere accesso a una barca della generazione 2016, sarebbe fantastico. Il pensiero va alle barche del 2016 prima di tutto per ragioni finanziarie, ma anche perché non mi vedo su una di queste barche di ultima generazione. È troppo lontano dal modo in cui so navigare, trovo che lo skipper sia troppo distaccato dalla sua barca.

 

Sei consapevole dell'impatto che hai avuto sul pubblico?

Sapevo che c'era molto impatto, i miei genitori me ne hanno parlato. Ho sempre comunicato tramite whatsapp, ma non ero sui social network quindi non ne ero particolarmente consapevole.

 

Cosa avresti voluto sapere prima di questo Vendée Globe?

Ho capito che la risalita dell'Oceano Atlantico era molto complicata da un punto di vista fisico, ma anche mentale, quindi c'è molto da imparare da quel lato. Mi sono anche resa conto che non ero così elastica come pensavo di essere in termini di capacità. Per esempio, quando ho danneggiato il mio timone, mi ci è voluto molto tempo per recuperare.

 

Per quanto riguarda i file meteo, avete avuto domande sul valore di tutta questa tecnologia?

Usiamo tutti più o meno lo stesso software, ma è vero che mi sono sempre affidato ai vecchi sistemi. Soprattutto nell'ultima settimana, i sistemi erano imprevedibili, quindi abbiamo dovuto usare anche i vecchi metodi. Dobbiamo usare entrambi e soprattutto il buon senso per sapere quanto siamo a nostro agio sulle nostre barche.

 

Com'è stata diversa la tua navigazione su una barca di 20 anni più vecchia rispetto alle prime?

Con Didac, abbiamo avuto discussioni, ci siamo detti che ci dovrebbero essere due categorie in questa gara, quelli che avevano un abitacolo e quelli che non lo avevano. Rispetto agli altri davanti, era molto più fisico. Per esempio, per dare una mano di terzaroli, ho dovuto fare il giro della barca quattro volte, per regolare le vele di prua. Ogni volta dovevo andare a prua del sistema di avvolgimento, quindi dovevo uscire. Era più faticoso. Ma quello che ho capito è che nell'Oceano del Sud, quando quelli davanti dovevano rallentare, potevo spingere la mia barca. Mi è piaciuto molto!

 

Avete trovato i vostri limiti? Hai intenzione di superarli di nuovo?

Si può sempre spingere di più. C'è sempre una vocina dentro di me che mi dice di andare oltre.

 

Hai versato molte lacrime in questa gara?

Ho versato molte lacrime in questa corsa, ma non sono una che si commisera. Ciò che mi rende più triste è non poter condividere questo oggi con la mia famiglia e gli amici che non possono essere qui.

 

Ti senti parte di una nuova famiglia nella classe IMOCA?

All'inizio è stato molto complicato per me, non mi sentivo membro di una nuova famiglia nella classe IMOCA.

 

@font-face {font-family:"MS 明朝"; panose-1:0 0 0 0 0 0 0 0 0 0; mso-font-charset:128; mso-generic-font-family:roman; mso-font-format:other; mso-font-pitch:fixed; mso-font-signature:1 134676480 16 0 131072 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:"Cambria Math"; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:Cambria; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}.MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}div.WordSection1 {page:WordSection1;}


12/02/2021 14:57:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: si regata sabato dopo una giornata vergognosa

l tentativo di ACE di forzare la mano e procrastinare le regate conclusive dell’America’s Cup è fallito, anche perché, a termini di regolamento, Luna Rossa avrebbe richiesto la vittoria a tavolino

America's Cup: Ineos tenta di non arrendersi anzitempo

Ineos Team nervoso, ma riesce a prendere il suo primo punto nella seconda prova dopo che nella prima aveva messo in cascina solo due penalità Luna Rossa conduce ora 5 a 1

America's Cup: New Zealand ci aspetta

Peter Burling:" Alcuni dei ragazzi di Luna Rossa erano nostri compagni di squadra l'ultima volta, quindi li conosciamo bene e loro conoscono noi"

Il mattino ha "l'Oro in Coppa"

Nell'alba italiana garrisce il tricolore ad Auckland dove Luna Rossa conquista il diritto a sfidare Team New Zealand per l'America's Cup vincendo la Prada Cup con un perentorio 7 a 1 su Ineos Team UK

Week-end decisivo per la Prada Cup

Dopo cinque giorni di pausa si torna in acqua questa notte alle 4:00 ora italiana per un week-end di regate che potrebbe essere decisivo

Tokio 2020: Federvela indica i primi tre equipaggi

Il Consiglio FIV conferma le scelte del DT e del Presidente. Ecco i primi tre equipaggi per la vela proposti al CONI:- 470 maschile: Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò - ILCA 6: Silvia Zennaro - Nacra 17: Ruggero Tita e Caterina Banti

Garda: i Dolphin pronti ad una grande stagione

Si parte a metà marzo con “Winter & Bianchi”

Vitamina Sailing tra Club Swan 36 e catamarani M32

Il Vitamina Sailing team è pronto a tornare in azione per affrontare una stagione di regate ancora più ricca di appuntamenti in giro per l’Europa

Genova: finale di The Ocean Race Europe!

Come succederà per il giro del mondo 2022-23, Genova sarà finale della prima edizione di The Ocean Race Europe il prossimo giugno

Luna Rossa premiata con la Prada Cup

Con la cerimonia conclusiva, avvenuta sul main stage dell’America’s Cup Village di Auckland, la PRADA Cup è stata consegnata all’equipaggio di Luna Rossa Prada Pirelli, divenuto Challenger del 36 esimo America’s Cup Match

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci