venerdí, 7 maggio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

regate    vela olimpica    windsurf    attualità    giancarlo pedote    este 24    pershing    the ocean race    garda    vele d'epoca    sailgp    press    j70   

VENDEE GLOBE

Vendée Globe: fatica e lacrime per l'immensa Pip Hare

vend 233 globe fatica lacrime per immensa pip hare
Roberto Imbastaro

Pip Hare, arrivata ieri sera a Les Sables d'Olonne, accolta da Jean Le Cam che ha speso per lei parole bellissime,  dopo aver tagliato il traguardo alle 00:57, torna in conferenza stampa sulla sua gara e sui suoi obiettivi per la prossima edizione.


Come ti senti al 19° posto nel Vendée Globe?

L'unica parola per qualificarlo è incredibile.

 

Qual era il suo obiettivo sportivo quando ha preso il via l'8 novembre?

Ho pensato che fosse importante avere un obiettivo sportivo in questo Vendée Globe, ma doveva anche essere basato sull'età della barca. Essendo uno skipper britannico, il mio obiettivo era di fare un tempo migliore di quello di Ellen MacArthur nel 2000, che era di 94 giorni.

 

Hai raggiunto questo obiettivo?

Per una parte della gara ho pensato di farlo. Avrei potuto, so dove ho perso tempo, dove ho guadagnato tempo e finalmente non sono lontano da questa meta. Non ho rimpianti, ho iniziato con niente. All'inizio ho fatto un prestito personale in banca. Ho fatto il meglio che potevo nel tempo che mi era stato assegnato.

 

Il tuo atteggiamento ha impressionato tutti, sei così anche nella vita reale o era specifico del Vendée Globe?

Mi piace pensare che sia la Pip di tutti i giorni. È soprattutto questa grande gioia e soddisfazione di essere su questa corsa. Penso che siano stati i tre mesi migliori della mia vita.

 

Hai comunicato molto durante la gara, è stata una strategia?

È sempre stata un po' una strategia per me perché vengo da una regione dell'Inghilterra dove non ci sono molte persone che navigano. Scrivevo ai miei amici di tutte le mie esperienze di navigazione. Penso che sia molto importante farlo per aumentare il profilo delle regate oceaniche, per facilitare l'accesso agli sponsor e anche per condividere e aprire la strada ad altri skipper.

 

Cosa c'è dopo?

Mi piacerebbe essere lì nel 2024 con i foil!

 

Su quale barca vorresti essere nel 2024?

Ci sono molte discussioni, ma se potessi avere accesso a una barca della generazione 2016, sarebbe fantastico. Il pensiero va alle barche del 2016 prima di tutto per ragioni finanziarie, ma anche perché non mi vedo su una di queste barche di ultima generazione. È troppo lontano dal modo in cui so navigare, trovo che lo skipper sia troppo distaccato dalla sua barca.

 

Sei consapevole dell'impatto che hai avuto sul pubblico?

Sapevo che c'era molto impatto, i miei genitori me ne hanno parlato. Ho sempre comunicato tramite whatsapp, ma non ero sui social network quindi non ne ero particolarmente consapevole.

 

Cosa avresti voluto sapere prima di questo Vendée Globe?

Ho capito che la risalita dell'Oceano Atlantico era molto complicata da un punto di vista fisico, ma anche mentale, quindi c'è molto da imparare da quel lato. Mi sono anche resa conto che non ero così elastica come pensavo di essere in termini di capacità. Per esempio, quando ho danneggiato il mio timone, mi ci è voluto molto tempo per recuperare.

 

Per quanto riguarda i file meteo, avete avuto domande sul valore di tutta questa tecnologia?

Usiamo tutti più o meno lo stesso software, ma è vero che mi sono sempre affidato ai vecchi sistemi. Soprattutto nell'ultima settimana, i sistemi erano imprevedibili, quindi abbiamo dovuto usare anche i vecchi metodi. Dobbiamo usare entrambi e soprattutto il buon senso per sapere quanto siamo a nostro agio sulle nostre barche.

 

Com'è stata diversa la tua navigazione su una barca di 20 anni più vecchia rispetto alle prime?

Con Didac, abbiamo avuto discussioni, ci siamo detti che ci dovrebbero essere due categorie in questa gara, quelli che avevano un abitacolo e quelli che non lo avevano. Rispetto agli altri davanti, era molto più fisico. Per esempio, per dare una mano di terzaroli, ho dovuto fare il giro della barca quattro volte, per regolare le vele di prua. Ogni volta dovevo andare a prua del sistema di avvolgimento, quindi dovevo uscire. Era più faticoso. Ma quello che ho capito è che nell'Oceano del Sud, quando quelli davanti dovevano rallentare, potevo spingere la mia barca. Mi è piaciuto molto!

 

Avete trovato i vostri limiti? Hai intenzione di superarli di nuovo?

Si può sempre spingere di più. C'è sempre una vocina dentro di me che mi dice di andare oltre.

 

Hai versato molte lacrime in questa gara?

Ho versato molte lacrime in questa corsa, ma non sono una che si commisera. Ciò che mi rende più triste è non poter condividere questo oggi con la mia famiglia e gli amici che non possono essere qui.

 

Ti senti parte di una nuova famiglia nella classe IMOCA?

All'inizio è stato molto complicato per me, non mi sentivo membro di una nuova famiglia nella classe IMOCA.

 

@font-face {font-family:"MS 明朝"; panose-1:0 0 0 0 0 0 0 0 0 0; mso-font-charset:128; mso-generic-font-family:roman; mso-font-format:other; mso-font-pitch:fixed; mso-font-signature:1 134676480 16 0 131072 0;}@font-face {font-family:Verdana; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:"Cambria Math"; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}@font-face {font-family:Cambria; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;}p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}.MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}div.WordSection1 {page:WordSection1;}


12/02/2021 14:57:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Il Campionato Nazionale Tirreno Minialtura-Sportboat fa tappa a Torre del Greco

Sono quindici le barche attese per le regate di domani, sabato 1 maggio e domenica (quattro sono quelle del Circolo di casa)

J/70 Cup 2021, si inizia con una prova: Aniene Young leader del Day 1

Ha preso il via oggi la prima tappa della J/70 Cup 2021, evento organizzato dalla J/70 Italian Class grazie all'ospitalità dello Yacht Club Nettuno e del Marina di Nettuno

Windsurf: Marta Maggetti stacca un biglietto per Tokio

L'atleta sarda si è rivelata la più continua nella sua classe e ha confermato il suo diritto a rappresentare l'Italia a Tokio anche nel corso dell'ultimo mondiale RS:X di Cadice

Caorle, partenza con nebbia per La Duecento

A pochi minuti dallo start, un’improvvisa fitta nebbia ha investito il mare di Caorle rendendo invisibile per alcuni minuti la linea di partenza, costringendo il Comitato di Regata presieduto da Sandro Fabietti ad issare l’intelligenza

Caorle, "La Duecento": Hagar über alles

Hagar primo al traguardo assoluto e XTutti, Hauraki X2, Nessuno negli Open650

SailGP, i dettagli del progetto Inspire a Taranto

Dal primo giugno partirà nel capoluogo ionico ‘Inspire’, il programma di iniziative collaterali che SailGP dedica a tutti i territori toccati dal circuito per lasciare un’eredità positiva alle generazioni future

Gaeta, Trofeo Stendardo: tutti i vincitori

Vincenzo Addessi, presidente dello Yacht Club Gaeta: “Gaeta si fatta desiderare, forse anche lei ha risentito della pandemia, ma i miei amici armatori non ci hanno tradito, sono venuti numerosi e ottimamente preparati"

La vela paralimpica si prepara sul Garda

Terminato il Raduno Classe 2.4mR alla Fraglia Vela Malcesine

Young Azzurra vince il Grand Prix 1.1 della Persico 69F Cup

Si è concluso oggi il Grand Prix 1.1 della Persico 69F Cup e Young Azzurra conquista la vittoria della prima tappa del circuito

Concluse sul Garda Trentino la Torbole ILCA Spring Cup e la 29er Easter regatta

Tra pioggia, qualche raggio di sole e vento che è soffiato per periodi molto brevi, concluse sul Garda Trentino le prime regate internazionali delle classi ILCA e 29er che hanno aperto ufficialmente la stagione della grande vela sul lag

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci