sabato, 22 febbraio 2020

ROMA PER 1/2/TUTTI

Roma per 1: il "veterano" Oscar Campagnola teme la bonaccia più del vento

roma per il quot veterano quot oscar campagnola teme la bonaccia pi 249 del vento
redazione

A poco più di due settimane e mezzo dalla partenza della "Roma per 1", sono quattro i solitari che hanno deciso di affrontare la sfida delle 535 miglia della Transtirrenica Riva di Traiano/Lipari/Riva di Traiano. C’è Francesco Cerina, con il suo Giro 34 "Alfa", Luciano Marotto, sul Sun Fast 3600 "Loli Fast", il francese Michel Cohen, oramai un habitué con il suo Figaro 2 "Tintorel", ed infine, sul suo Comfortina 42 "Fair Lady Blue", il decano della regata, quell’Oscar Campagnola, ricco di età ed esperienza, che è stato presente fin dalla prima edizione in solitario del 2014. 
“Si è vero, sono incontestabilmente il veterano della Roma per 1, ma non ho disputato tutte le edizioni. Ne ho purtroppo saltata una, quindi per me questa sarà la quinta volta che affronto le 535 miglia in solitario. Le affronterò come ho sempre fatto, non avendo velleità di vittoria, principalmente con il piacere di misurarsi, innanzitutto con il mare e poi con la barca, per cercare di portarla nel migliore dei modi. Non dico che sarà rilassante, perché è un impegno abbastanza duro, però è sempre una bella regata e una bella impresa arrivare in fondo”. 
Quali sono a tuo avviso i punti più duri della regata?
“La difficoltà maggiore c’è quando cala il vento e lì lo stress è enorme. Perché finché c’è il vento, anche forte, c’è il tempo di programmare e riposarsi, mentre quando il vento cala bisogna stare assolutamente svegli, cercare di prendere i refoli nel miglior modo possibile, cercare di stare all’erta per qualsiasi possibile cambiamento che può avvenire. Devo dire che ogni volta che ho perso qualcosa, l’ho persa sempre nelle bonacce”. 
Un consiglio a chi volesse partecipare per la prima volta a questa regata?
“Di preparare bene la barca e di avere, chiaramente, un po’ di esperienza in solitario. Perché un conto è andare in solitario per un giorno ed un conto è prevedere una regata in solitario di una settimana. Però, se ci si conosce bene e si conosce bene la barca, non ci sono problemi”.

La Garmin Marine Roma per 1/2/Tutti partirà il 6 aprile e vede già 30 barche iscritte per questa regata che è la prima e la più complicata delle regate del Campionato Italiano Offshore, ma che, con un coefficiente di 3.0, risulta fondamentale per chi ha velleità di vittoria. 
Sono iniziati, intanto, i preparativi per garantire la massima sicurezza in regata. Nei prossimi giorni, il 23 e 24 marzo,  si svolgerà il corso di sopravvivenza in mareconforme alle regole World Sailing c/o il centro di Anzio Tecno Italia Safety and Survival Training.
Il 31 marzo, poi, alle ore 10:15, ci sarà il Training su Emergenze mediche a bordo, Sicurezza in mare e Dimostrazione abbandono nave e apertura zattera. Per qualsiasi informazione scrivere a cnrt@cnrt.it . 
La Garmin premierà con i suoi apparati tutti i vincitori di regata. In particolare, proprio per i solitari, in premio consisterà in un inReach Explorer SE, che offre la possibilità di inviare messaggi bidirezionali via satellite e garantisce una navigazione outdoor affidabile basata su mappe. inReach Explorer+ è il dispositivo multifunzione più performante della Garmin, fornisce funzioni GPS con cartografia TOPO precaricata visualizzabile su un display a colori.
Per tutte le altre regate (Roma per 2, Roma per Tutti, Riva per 2 e Riva per Tutti), il vincitore riceverà un inReach Mini, il comunicatore satellitare più compatto e leggero di sempre. In soli 100 grammi, inReach Mini offre messaggistica con copertura globale e SOS interattivi, oltre a una navigazione GPS essenziale. inReach Mini può essere associato a uno smartphone, a un tablet o a un dispositivo compatibile della linea outdoor di Garmin, in modo da accedere a mappe topografiche, immagini aeree a colori e ad altre utili funzioni.
 
-----------------
 
La regata 
La Roma per 1/2/Tutti parte da Riva di Traiano ed affronta dopo 110 miglia un cancello posto a Ventotene per poi doppiare Lipari lasciandola sulla sinistra. Nessun cancello previsto nella risalita.Miglia totali 535
 
La Riva per 2/tutti parte da Riva di Traiano e compie il periplo dell’isola di Ventotene che viene lasciata a dritta per rientrare verso Riva di TraianoLe rilevazioni dei passaggi saranno effettuate a cura del Circolo Velico Ventotene, da anni impegnato anch’esso nella grande altura con la splendida regata Carthago Dilecta Est, che unisce da venti anni le due sponde del Mediterraneo.  Miglia totali 218 
 
Il Tracking verrà certificato dalla YBTracking con la garanzia, da parte della società inglese, di uno scostamento massimo certificato dei dati di circa 11 metri. Ogni barca potrà verificare la propria traccia e, se necessario, correggere un eventuale errore, dato che saranno anche evidenziate le zone interdette, così come potrà verificare la posizione di tutti i competitors. Uno strumento di grande trasparenza, ma anche un supporto alla navigazione oltre che come accertamento dei fatti in caso di necessità. Le zone di interdizione alla navigazione davanti a Ladispoli e Nettuno/Torre Astura da sempre sono difficili da gestire ed anche pericolose, perché  utilizzate come poligono di tiro dal Ministero della Difesa ed il tracking sarà un valido supporto. 
 
La piombatura dei motori delle barche avverrà con un sistema basato su una concatenazione di due cavetti piombati e codificati che attraversano “un anello cedevole intermedio”, ovvero un sigillo di ceralacca resistente sino a circa tre kg. di trazione destinato poi a cedere e permettere così un rapido inserimento della marcia avanti. Sarà possibile sia restare in folle, sia inserire la retromarcia, ma non inserire la marcia avanti senza lasciare traccia. In caso di necessità la rottura sarà immediata al superamento della trazione massima tollerata e questo garantirà una notevole sicurezza in caso di pericolo improvviso grazie alla velocità d’azione.
 
I corsi di Safety and Survival Training  verranno effettuati nei giorni 23/24 febbraio e 23/24 marzo presso il Centro Addestramento Soccorso e Sopravvivenza di Anzio della TECNO ITALIA SAFETY AND SURVIVAL TRAINING. Per chi dovesse solo rinnovare il certificato, sarà necessaria la frequenza alla prima delle due giornate.


21/03/2019 09:43:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

La Carnival Race torna allo Yacht Club Sanremo

Dopo un anno, a Marina degli Aregai, torna la Carnival Race per le classi 420 e 470. Diventato ormai un appuntamento tradizionale, ha quest’anno raggiunto un numero di iscritti record, più di 170 equipaggi da 9 Nazioni

Caorle: aperte le iscrizioni alle regate offshore del CNSM

Sono aperte le iscrizioni alle regate offshore del CNSM che compongono il Trofeo Caorle X2 XTutti: La Ottanta (4-5 aprile), La Duecento (1-3 maggio), La Cinquecento Trofeo Pellegrini (31 maggio-6 giugno) e La Cinquanta (24-25 ottobre)

Riva di Traiano: un anticipo d'estate ferma l'Invernale

Giornata estiva perfetta per prendere il sole ma non per regatare. Il 1° marzo si ritorna in acqua

Il Velista dell’Anno FIV in programma il 24 marzo a Villa Miani - Roma

Il 24 marzo a Villa Miani – Roma, 5 finalisti d’eccezione si contenderanno il titolo di Velista dell’Anno FIV 2019. Saranno assegnati anche il premio per il miglior Timoniere - Armatore dell’anno e quello di Barca dell’Anno

Route du The: Joyon sta per battere il record di Soldini

Dopo 32 giorni di navigazione e dopo aver navigato per 16.000 miglia in acqua con una media di quasi 21 nodi, Joyon e il suo equipaggio sono pronti a battere di circa 4 giorni il record

Garda: Autunno-Inverno in rosa grazie a Lorenza Mariani

Un golfo salodiano in versione quasi primaverile, vento costante attorno ai 6-7 nodi, e la Autunno-Inverno della Canottieri Garda del presidente Marco Maroni, manda in scena tre belle regate

Giovanni Soldini e Maserati concludono la seconda prova nella Caribbean Multihull Challenge

Il trimarano Argo conquista il primo posto con soli 2 minuti di scarto su Maserati Multi 70

Rotta del The, Francis Joyon fa il record

IDEC ha battuto il record precedentemente detenuto da Giovanni Soldini (Maserati) di 4 giorni, 3 ore, 0 minuti e 26 secondi

Caribbean Multihull Challenge: una nassa ferma Soldini

Il Team di Maserati Multi 70 costretto a ritirarsi dalla prima prova, partirà oggi la seconda gara

Caribbean Multihull Challenge: per Soldini buona la terza

Maserati vince la terza prova della Caribbean Multihull Challenge con soli 26" di vantaggio su Argo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci