sabato, 15 agosto 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

optimist    mini 6.50    youth america's cup    cambusa    circoli velici    rs feva    persico 69f    trasporto marittimo    fiv    porti   

RECORD

Per Francis Joyon è record sulla Mauritius Route

per francis joyon 232 record sulla mauritius route
Roberto Imbastaro

Francis Joyon ha battuto il suo record stabilito dieci anni fa in questo tratto della Route to the Indies, chiamata Mauritius Route, e lo ha fatto apparentemente con estrema facilità. 19 giorni, 18 ore, 14 minuti e 45 secondi, ovvero un miglioramento di 6 giorni e 10 ore rispetto a dieci anni fa. La Mauritius Route è partita da Port Louis in Bretagna, ed è una parte di quel giro del mondo che Francis conosce molto bene avendo navigato qui molte volte da solo e in equipaggio. La rotta, questa volta, lo ha portato sull'Oceano Indiano con tutte le sue difficoltà verso un altro Port Louis, la capitale di Mauritius.

8950 miglia di navigazione sulla carta, che per Francis si sono trasformate in quasi 11.000 miglia percorse effettivamente, a una media di 23,2 nodi. Questa performance ha soddisfatto lo skipper, che è stato felice di arrivare con il suo IDEC SPORT in perfette condizioni. Si è detto contento della rotta seguita e del tempo impiegato, che gli permetterà di rispettare l'impegnativo programma dell'Asian Tour, che lo vedrà navigare su altre magiche rotte nei prossimi mesi.

 

Un'opportunità meteo tutt'altro che ideale

"Per questo record, ho avuto due cose che mi hanno pesato in testa - ha detto al traguardo il vincitore dell'ultima Route du Rhum e detentore del trofeo Jules Verne - la pressione di ottenere un buon risultato, e quella di rispettare i tempi per non rovinare il programma del Tour asiatico, che ci porterà in Vietnam e poi in Cina. Non volevo guastare tutto arrivando qui in ritardo". Questa semplice affermazione, fatta con la sua solita modestia, nasconde l'insaziabile appetito di Francis di correre contro il tempo e di preoccuparsi anche di tutti gli elementi che compongono il suo programma. All'inizio, il 19 ottobre, questo record era tutt'altro che una certezza: "La nostra opportunità meteo era tutt'altro che ideale -  ha detto Joyon - come poi confermato, nei giorni e nelle settimane successive, non c'era nulla di veramente interessante. Però avevamo bisogno di partire per rispettare il calendario del programma velico asiatico".

Ci sono voluti poco più di 7 giorni e 2 ore per arrivare all'Equatore. Un 'tempo medio', secondo lo skipper, considerando i tempi che ha raggiunto negli ultimi anni navigando da solo o con un equipaggio. Ma questo significava già che era più di un giorno avanti rispetto al record nel 2009.


Una lunga deviazione per aggirare l'anticiclone di St Helena

L'anticiclone di Sant'Elena si estendeva fino alla costa del Brasile ed era una sfida enorme, ma che Francis è stato in grado di affrontare. I venti alisei di SE hanno spinto IDEC SPORT molto a ovest, con una lunga deviazione dalle calme che solitamente bloccano il percorso nel mezzo dell'Atlantico meridionale. IDEC SPORT si è diretto verso sud-ovest, lontano dal percorso diretto, perdendo un po' di tempo. L'undicesimo giorno di regata, era a poche miglia dietro il suo record (fino a 27), perché la vecchia IDEC nel 2009 era stata in grado di tracciare un rotta molto più performante attraverso l'Atlantico meridionale.

Una traversata transatlantica ad alta velocità

Qui c’è stata però la svolta, perché con l'aiuto del suo routier Christian Dumard, Francis ha notato che si stava sviluppando un potente sistema di basse pressioni al largo delle coste dell'Uruguay, che gli avrebbe permesso di arrivare alle stesse velocità raggiunte in equipaggio durante il suo riuscito tentativo del Trofeo Jules Verne nel 2017. "Sono partito davanti alla bassa pressione che si muoveva rapidamente verso est. Christian e io pensavamo che sarebbe caduta rapidamente e che avrei dovuto aspettare molte ore prima che comparisse un secondo sistema, che era anch'esso bello forte. Ma con il passare delle ore, sono riuscito a rimanere sul bordo nord dove era forte il flusso di aria da NW e IDEC SPORT si è comportato in modo straordinario, facendo registrare giorni di navigazione di oltre 600 miglia, riuscendo a convincermi che c'era la possibilità di rimanere insieme a quel sistema fino in fondo. Questo significava un guadagno di due giorni per il Capo di Buona Speranza e così ho tenuto duro". È difficile immaginare lo sforzo che ci c’è voluto per raggiungere questo obiettivo timonando da solo. Il routier Christian Dumard è ammirato da questa impresa. "Francis si è trovato con venti forti e variabili, superiori ai trenta nodi e, soprattutto, con un mare mosso dal basso. Ma è riuscito a rimanere insieme alla perturbazione regolando l'angolo del vento alla barca e trascorrendo molto tempo al timone per posizionare il suo trimarano gigante sulla cresta delle enormi onde dell'Oceano Meridionale”. "E' raro che si sia in grado di approfittare di un sistema meteo così a lungo -  ha concluso Francis -  ma eravamo già riusciti a farlo con l'equipaggio di IDEC SPORT nel Trofeo Jules Verne". Francis ammette di aver sofferto vedendo la sua barca soffrire. "Lei saltava di onda in onda, facendo rumori che non avevo mai sentito prima. La notte prima del Capo di Buona Speranza è stata la peggiore con onde altissime Ed io ero stanco, ma determinato ad andare avanti come ho fatto”.

 


09/11/2019 14:47:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Persico 69F: a Gargnano primo giorno di "Revolution"

In evidenza alla fine della prima giornata gli equipaggi di Botticini, Gallinaro, e Caldari oltre ai fuoriclasse da Hong Kong

Caos istituzionale e il porto di Venezia soffre

La Venezia Port community chiede di quali poteri possa disporre il neonominato Commissario all'Autorità di Sistema Portuale e quali confini circoscrivano la cosiddetta ordinaria gestione

Optimist, "Ora Cup Ora": conclusione con un bel vento teso da nord

Nella categoria juniores la spunta il campione britannico Santiago Sesto Cosby; la napoletana Caracciolo vince tra le femmine Tra i più piccoli netta vittoria di Mattia Benamati; rimonta della rivana Berteotti, che supera la tedesca Brinkmann

ASSARMATORI: vinta la prima battaglia per rilanciare l’economia del mare

“L’emergenza Covid, nella sua drammaticità, ha in queste ore provocato quella che va considerata una reazione positiva insperata: far comprenderealle Istituzioni nazionali l’importanza dell’economia e dell’industria del mare”

Optimist: prime prove per la "Ora Cup Ora"

Iniziata al Circolo Vela Arco la 25^ Ora Cup Ora, classe Optimist.Tra gli juniores in testa l’azzurra Ginevra Caracciolo, tra i più piccoli parità di punteggio nei primi tre

MINI 6.50: Mengucci e Caparrotti raccontano la 1a tappa della SAS 6.50

Les Sables - Les Açores en Baie de Morlaix - Intervista a Domenico Caparrotti e a Giovanni Mengucci che ci raccontano il loro impatto con la corsa

Garda: due sole prove per la Persico 69F Revolution

A comandare oggi sulla sponda bresciana del Lago di Garda è stato il vento: le condizioni meteo, infatti, hanno rallentato il programma della Persico 69F Revolution.

Mini 6.50, Les Sables d'Olonne: partita la 2a tappa verso Roscoff

Domenico Caparrotti: "Per me è come stare all'Università"

La vela si ferma per la scomparsa di Carlo Rolandi, presidente onorario FIV

Carlo Rolandi è stato la storia stessa di quasi un secolo di Vela sportiva italiana. Nove Olimpiadi, Otto anni Presidente FIV, protagonista in Italia e nel mondo

Optimist: sul Garda vento leggero per la "Ora Cup Ora"

Domenica la conclusione; al comando tra i più piccoli Mattia Benamati (nella foto) e tra gli juniores il romano Alessandro Cirenei. Gaia Zinali passa in testa tra le femmine

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci