lunedí, 23 settembre 2019


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

tp52    the ocean race    rs:x    circoli velici    dolphin    melges 24    regate    salone nautico di genova    optimist    yacht club costa smeralda    millevele    imoca 60   

YACHT CLUB ITALIANO

Lo Yacht Club Italiano lancia YCI – HERITAGE, la targa oro per le barche

lo yacht club italiano lancia yci 8211 heritage la targa oro per le barche
redazione


Il prossimo 4 maggio, al porticciolo Duca degli Abruzzi, vi sarà il varo di Rabbit, lo splendido progetto di Dick Carter; vincitore del Fastnet del 1965, questo scafo di 37 piedi è ritornato allo splendore originale grazie alla passione di un socio, già armatore di un altro scafo del progettista americano. Dick Carter, è stato un disegnatore di barche innovative e velocissime negli anni ‘60 e ‘70 (Tina, Red Rooster, Ydra, Naif, Juno TT, e Benbow per citarne alcune), proprio Rabbit è stata la barca che lo ha reso celebre, lanciando Carter nell’olimpo dei progettisti fino a quel momento dominato da S&S.
Con il varo di Rabbit e approfittando della presenza di Dick Carter che sarà presente alla cerimonia, lo Yacht Club Italiano presenterà YCI HERITAGE, un registro delle barche che hanno fatto la storia dello yachting. Molte, infatti, sono le barche che hanno segnato la storia della navigazione con il guidone dello Yacht Club Italiano a riva. Progettisti famosi hanno affrontato il difficile compito di disegnare scafi innovativi nell’ambito di regolamenti di stazza che offrivano spunti per uscire dagli schemi, ma anche slanci e sistemi di propulsione, in antitesi ai dettami dalle consuetudini dell’ingegneria navale. E tanti sono stati gli armatori rimasti affascinati dalle sfide intellettuali che i progettisti offrivano loro per essere vincenti o semplicemente per distinguersi. Ma non solo. La leggerezza delle linee, l’eleganza delle forme, l’equilibrio dei piani velici o delle sovrastrutture, la qualità dei materiali di costruzione e la sobrietà degli allestimenti sono sempre stati nelle aspirazioni di importanti armatori soci dello Yacht Club Italiano.
Con Yci Heritage, si vuole pertanto accendere un faro su quel patrimonio artistico galleggiante, troppo spesso abbandonato e/o dimenticato. Un patrimonio i cui valori principali stanno nella passione per il mare, nella cultura e nel rispetto della tradizione. Valorizzare il passato, dunque, per ritrovare il futuro.
Dick (all’anagrafe Richard E.) Carter è nato a Nashua, nel New Hampshire, città dove era situata l’azienda cartaria fondata dal nonno; ha iniziato abbastanza giovane ad andare in barca, anche se la passione è nata in lui e in suo fratello John in modo autonomo, nessuno dei genitori era velista.
Dopo molti anni di regate in deriva, soprattutto con gli International 14’, nel 1962 ha acquistato un Medallist, un 33 piedi disegnato da Bill Trip costruito in vetroresina in Olanda, con il quale cominciò subito a fare regate d’altura, a partire dal SORC; il Medallist lo portò ad essere in contatto con Betrand Imbert, un francese che aveva una barca gemella in Francia, che lo invitò a fare con lui, sul suo Medallist che si chiamava Astrolabe, il Fastnet del 1963. Poco prima della partenza Imbert si fece male, sicché al Fastnet Carter fu l’unico skipper a bordo.
La fatica fatta per tenere in rotta il Medallist nel ritorno dal Fastnet a Plymouth, fatto con forte vento portante e mare formato, lo spinse a pensare come dovesse essere una barca d’altura per essere facile da timonare in quelle condizioni e più in generale come disegnare una barca competitiva per le regate d’altura; il risultato fu Rabbit, costruito nel 1965 da Frans Maas in Olanda. Il successo di Rabbit nelle regate inglesi dell’estate 1965 gli portò la richiesta di Ed Stettinius, un americano all’epoca residente in Francia, per una barca basata sulla filosofia progettuale di Rabbit ma più grande, con un rating il più vicino possibile a 22 piedi che era il limite della One Ton Cup.
Questa barca fu il Tina, che vinse piuttosto facilmente la OTC del 1966 in Danimarca; dalla vittoria derivarono la richiesta di Frans Maas, che aveva costruito anche Tina, di poterne avviare una produzione in serie, e quella di Hans Beilken, il velaio, che voleva un One Tonner per cercare di vincere l’edizione del 1967. Il risultato fu Optimist, che vinse nel 1967 e anche nel 1968; Carter intanto aveva disegnato per sé e fatto costruire sempre da Maas un II Classe RORC che potesse disputare l’Admiral’s Cup – il Rabbit II, che si comportò molto bene all’Admiral’s Cup del 1967. 
Da lì la carriera di progettista decollò: Red Rooster, Noryema VGX, Gitana V, Caligù IV, Orca, Benbow, Aggressive, Ydra, Frigate, Mabelle, Naif, Vendredi 13 per la Transatlantica in solitario, Juno TT, la serie dei Carter 33, 37, 39, l’elenco è lungo, molto lungo, sino alla metà degli anni Ottanta quando l’interesse per la progettazione scemò, anche per l’arrivo sulla scena di barche sempre più leggere che non erano più in linea con le sue idee sulle imbarcazioni d’altura, e la Carter Offshore venne chiusa.


02/05/2018 18:08:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vele d’epoca: Pia, Nembo II, Flora e Shahrazad vincono l’lnternational Hannibal Classic 2019

Pia del 1936 nella categoria ‘Epoca’, Nembo II del 1964 tra le ‘Classiche’, Flora nei Classici FIV e Shahrazad nella categoria ‘Sciarrelli’

Campionato Italiano Este24: vince Ricca D’Este 27 di Federica Archibugi

Con grande consistenza tattica, Ricca d’Este 27 di Federica archibugi si laurea Campione Italiano della Classe Este24, davanti a Ricca D’Este 37 di Marco Flemma, medaglia d’argento e a La Poderosa 2.0 di Roberto Ugolini, medaglia di bronzo.

Offshore: finisce in tragedia il record sulla Montecarlo/Venezia

L'imbarcazione si è schiantata su una diga prima dell'arrivo ed era condotta dal pluricampione Fabio Buzzi, deceduto insieme a due piloti inglesi che lo accompagnavano nel tentativo di record

Figaro: il Tour de Bretagne va a Alexis Loison e Frédéric Duthil

Per Giancarlo Pedote e Anthony Marchand un buon nono posto che consente alla coppia di affiatarsi in vista dei successivi impegni sull'Imoca 60

Il Cantiere Postiglione riporta in mare lo storico yacht in legno “Grazia II”

È stato varato venerdì scorso, 6 settembre 2019, Grazia II, yacht a motore interamente in legno costruito nello storico cantiere Chris Craft negli anni Sessanta

CAMBUSA - BIWA: Sassicaia Tenuta San Guido miglior vino italiano 2019

Al secondo posto il Barolo Monvigliero DOCG di Burlotto seguito da Terminum Gewurztraminen vendemmia tardva. L’ELENCO DEI MIGLIORI 50 VINI ITALIANI SELEZIONATI DA UNA GIURIA INTERNAZIONALE (by First&Food)

Pedote e Marchand verso la Transat Jacques Vabre

I due sembrano essere una coppia che non scoppia e si sono concentrati soprattutto ad affinare la fiducia reciproca e la visione comune in regata

Parte il Dèfi Azimut, con in acqua Prysmian di Pedote

Giancarlo Pedote ritorno sul suo imoca con ANtony MArchand dopo l'esperienza sui Figaro 3

Salone Genova: visite a bordo della fregata "Alpino"

In occasione della cerimonia inaugurale e per tutta la durata del Salone, la fregata "Alpino" della Marina militare, sarà ormeggiata nel porto di Genova presso il Molo Doria di Levante

CNRT: 10 giorni alla Roma Giraglia

Parte da Civitavecchia una delle regate più belle del Mediterraneo, con 255 miglia da percorrere tra il fascino discreto delle isole toscane

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci