venerdí, 24 gennaio 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

j24    vela olimpica    press    regate    assonat    seatec    campionati invernali    convegni    premi    porti    optimist    fincantieri    campionato invernale riva di traiano    cape2rio    giovanni soldini    circoli velici   

YACHT CLUB ITALIANO

Lo Yacht Club Italiano lancia YCI – HERITAGE, la targa oro per le barche

lo yacht club italiano lancia yci 8211 heritage la targa oro per le barche
redazione


Il prossimo 4 maggio, al porticciolo Duca degli Abruzzi, vi sarà il varo di Rabbit, lo splendido progetto di Dick Carter; vincitore del Fastnet del 1965, questo scafo di 37 piedi è ritornato allo splendore originale grazie alla passione di un socio, già armatore di un altro scafo del progettista americano. Dick Carter, è stato un disegnatore di barche innovative e velocissime negli anni ‘60 e ‘70 (Tina, Red Rooster, Ydra, Naif, Juno TT, e Benbow per citarne alcune), proprio Rabbit è stata la barca che lo ha reso celebre, lanciando Carter nell’olimpo dei progettisti fino a quel momento dominato da S&S.
Con il varo di Rabbit e approfittando della presenza di Dick Carter che sarà presente alla cerimonia, lo Yacht Club Italiano presenterà YCI HERITAGE, un registro delle barche che hanno fatto la storia dello yachting. Molte, infatti, sono le barche che hanno segnato la storia della navigazione con il guidone dello Yacht Club Italiano a riva. Progettisti famosi hanno affrontato il difficile compito di disegnare scafi innovativi nell’ambito di regolamenti di stazza che offrivano spunti per uscire dagli schemi, ma anche slanci e sistemi di propulsione, in antitesi ai dettami dalle consuetudini dell’ingegneria navale. E tanti sono stati gli armatori rimasti affascinati dalle sfide intellettuali che i progettisti offrivano loro per essere vincenti o semplicemente per distinguersi. Ma non solo. La leggerezza delle linee, l’eleganza delle forme, l’equilibrio dei piani velici o delle sovrastrutture, la qualità dei materiali di costruzione e la sobrietà degli allestimenti sono sempre stati nelle aspirazioni di importanti armatori soci dello Yacht Club Italiano.
Con Yci Heritage, si vuole pertanto accendere un faro su quel patrimonio artistico galleggiante, troppo spesso abbandonato e/o dimenticato. Un patrimonio i cui valori principali stanno nella passione per il mare, nella cultura e nel rispetto della tradizione. Valorizzare il passato, dunque, per ritrovare il futuro.
Dick (all’anagrafe Richard E.) Carter è nato a Nashua, nel New Hampshire, città dove era situata l’azienda cartaria fondata dal nonno; ha iniziato abbastanza giovane ad andare in barca, anche se la passione è nata in lui e in suo fratello John in modo autonomo, nessuno dei genitori era velista.
Dopo molti anni di regate in deriva, soprattutto con gli International 14’, nel 1962 ha acquistato un Medallist, un 33 piedi disegnato da Bill Trip costruito in vetroresina in Olanda, con il quale cominciò subito a fare regate d’altura, a partire dal SORC; il Medallist lo portò ad essere in contatto con Betrand Imbert, un francese che aveva una barca gemella in Francia, che lo invitò a fare con lui, sul suo Medallist che si chiamava Astrolabe, il Fastnet del 1963. Poco prima della partenza Imbert si fece male, sicché al Fastnet Carter fu l’unico skipper a bordo.
La fatica fatta per tenere in rotta il Medallist nel ritorno dal Fastnet a Plymouth, fatto con forte vento portante e mare formato, lo spinse a pensare come dovesse essere una barca d’altura per essere facile da timonare in quelle condizioni e più in generale come disegnare una barca competitiva per le regate d’altura; il risultato fu Rabbit, costruito nel 1965 da Frans Maas in Olanda. Il successo di Rabbit nelle regate inglesi dell’estate 1965 gli portò la richiesta di Ed Stettinius, un americano all’epoca residente in Francia, per una barca basata sulla filosofia progettuale di Rabbit ma più grande, con un rating il più vicino possibile a 22 piedi che era il limite della One Ton Cup.
Questa barca fu il Tina, che vinse piuttosto facilmente la OTC del 1966 in Danimarca; dalla vittoria derivarono la richiesta di Frans Maas, che aveva costruito anche Tina, di poterne avviare una produzione in serie, e quella di Hans Beilken, il velaio, che voleva un One Tonner per cercare di vincere l’edizione del 1967. Il risultato fu Optimist, che vinse nel 1967 e anche nel 1968; Carter intanto aveva disegnato per sé e fatto costruire sempre da Maas un II Classe RORC che potesse disputare l’Admiral’s Cup – il Rabbit II, che si comportò molto bene all’Admiral’s Cup del 1967. 
Da lì la carriera di progettista decollò: Red Rooster, Noryema VGX, Gitana V, Caligù IV, Orca, Benbow, Aggressive, Ydra, Frigate, Mabelle, Naif, Vendredi 13 per la Transatlantica in solitario, Juno TT, la serie dei Carter 33, 37, 39, l’elenco è lungo, molto lungo, sino alla metà degli anni Ottanta quando l’interesse per la progettazione scemò, anche per l’arrivo sulla scena di barche sempre più leggere che non erano più in linea con le sue idee sulle imbarcazioni d’altura, e la Carter Offshore venne chiusa.


02/05/2018 18:08:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Invernale Traiano: Tevere Remo non fa sconti

Mon Ile inizia il 2020 vincendo. Sempre potente in tempo reale Ars Una, mentre crescono messa a punto e prestazioni per Luduan 2.0. In Crociera, brilla Soul Seeker e nella Coastal Race Bagherang Evo in equipaggio e Toi e Moi in doppio

Presentata a Roma la "Garmin Marine Roma per 2"

Partenza sabato 4 aprile. Novità di quest'anno l'apertura ai solitari anche nella "Riva", con percorso Riva di Traiano/Ventotene/Riva di traiano

Vela Olimpica: da lunedì 20 a Miami le Hempel World Cup Series

Sono già a Miami, in Florida (USA) i velisti azzurri delle classi olimpiche in doppio 470 maschile e femminile, in vista della tappa di World Cup che apre l'anno dei Giochi di Tokyo 2020

Cape2Rio: Giovanni Soldini fa l'analisi della regata

Maserati Multi 70 e Giovanni Soldini tagliano il traguardo della Cape2Rio 2020. Il Team italiano termina la regata in 8 giorni, 3 ore, 9 minuti e 34 secondi. Giovanni Soldini: «È stata una regata molto combattuta fino alla fine»

Incontro EBI EMSA sulle strategia UE per la nautica da diporto

L'incontro si è svolto presso la sede di Lisbona dell'EMSA con la delegazione dell'EBI composta da Philip Easthill, Segretario Generale dell'EBI e Stefano Pagani Isnardi, Responsabile del Dipartimento Ricerca di Confindustria Nautica

Mondiale Optimist 2020: pubblicato il Bando di Regata

A poco più di sei mesi dall'appuntamento più atteso del calendario di vela giovanile 2020 l'organizzazione dell'evento ha pubblicato il bando della regata che sarà ospitata dall'1 all'11 luglio a Riva del Garda dalla Fraglia Vela Riva

Varese: il 25 gennaio il convegno "Tra Legno e Acqua"

Al via il 7° Convegno sulle barche d’epoca, Varese nuovamente ‘capitale’ nazionale della nautica vintage

Riprende l'Invernale dell'Argentario con Ari Bada ancora al comando

Prima regata del nuovo anno per il 43° Campionato Invernale dell’Argentario

I circoli della LegaVela si riuniscono a Bari

Roberto de Felice: "Un importante momento di confronto per la definizione delle strategie per rafforzare il senso di appartenza al club"

Le "Eco" delle Università correranno a Gargnano sul Garda

Sul Garda il Campionato Internazionale di "1001 Vela Cup" con le carene in materiali eco-compatibili progettate, costruite e condotte dagli studenti di mezza Europa

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci