domenica, 22 settembre 2019

PRESS

Cambusa: a Napoli il tocco orientale di Mame Ostrichina

cambusa napoli il tocco orientale di mame ostrichina
Redazione

Ci sono l'estetica giapponese, la cucina sostenibile, la conoscenza della biodinamica, la filosofia, l'astrologia, le pratiche dell’esplorazione del sé nell'idea che ha portato alla nascita di Mame Ostrichina, nuovo indirizzo nel cuore di Napoli. Non un ristorante tout court, ma uno spazio di pensiero dove il cibo è inteso come esperienza di gusto, ma anche come occasione di meditazione e viatico di conoscenza. Da Mame Ostrichina si viene per la cena, ma anche per incontrare e condividere valori e conoscenze. L’anima del progetto è Monica Neri, napoletana, una laurea in Business Administration a Parigi, tre anni vissuti in Giappone, un primo ristorante di cucina giapponese, Kukai, realizzato con il fratello Massimiliano, e un percorso personale nutrito di letture, viaggi e ricerche, dal buddismo zen alla filosofia occidentale. 

Mame Ostrichina è il luogo dove accolgo i miei ospiti e dove declino la mia idea di ospitalità. Dove esprimo l’esigenza di condividere nuove semantiche, cioè nuove visioni valoriali” 

 

Nei vicoli stretti della Napoli vicereale, a pochi passi dal Teatro di San Carlo e dal Palazzo Reale, Mame ostrichina è uno spazio costruito con amore dove l’estetica giapponese incontra il design contemporaneo, dove nulla è stato lasciato al caso: una manciata di tavoli e una cucina a vista in una scatola di cristallo, colori tenui, riposanti, fiori freschi. Sui tavoli un menu essenziale.

 

A Mame Ostrichina c’è molta attenzione alla materia prima che acquistiamo e alla cura con cui prepariamo ogni piatto in menu. I piatti seguono il ritmo della natura, lo stato d’animo del momento, non sono pensati per restare in eterno. Crediamo che ciò che li rende straordinari sia proprio il loro senso di caducità, la poetica dell’effimero che caratterizza tutta l’estetica del Sol Levante”.

 

Cenare da Mame significa credere in concetti come responsabilità, consapevolezza, sensibilità. Responsabilità verso l’Ambiente, consapevolezza profonda di quello che mangiamo, sensibilità verso ciò che è bello e ciò che ci fa bene. La cucina di Mame è creativa, rispettosa, fresca, poco o per nulla manipolata; è bella nella sua composizione, capace di far bene; predilige ingredienti naturali, provenienti possibilmente da colture biodinamiche; carni e pesci di allevamento sono banditi come anche altri ingredienti di provenienza industriale confezionati in packaging a forte impatto ambientale. “Credo nel cibo come nutrimento del corpo e dell’anima, come esperienza estetica e di piacere”.

 

Mame ostrichina è un progetto che si compone di due parti: 

Mame è il seme che germoglia, lo spazio dedicato alla “fioritura personale”, dove hanno luogo incontri, meditazioni, laboratori, seminari, serate tematiche come le Mindful dinner.

Ostrichina, come l’edificio che nel 1817 Ferdinando IV di Borbone volle per il pranzo dei suoi ospiti sulle rive del Real lago del Fusaro di fronte alla Casina di caccia costruita dal Vanvitelli, è lo spazio dove si cena. 

 

Mame Ostrichina è in via Carlo de Cesare, 52

 


04/07/2019 23:14:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vele d’epoca: Pia, Nembo II, Flora e Shahrazad vincono l’lnternational Hannibal Classic 2019

Pia del 1936 nella categoria ‘Epoca’, Nembo II del 1964 tra le ‘Classiche’, Flora nei Classici FIV e Shahrazad nella categoria ‘Sciarrelli’

Campionato Italiano Este24: vince Ricca D’Este 27 di Federica Archibugi

Con grande consistenza tattica, Ricca d’Este 27 di Federica archibugi si laurea Campione Italiano della Classe Este24, davanti a Ricca D’Este 37 di Marco Flemma, medaglia d’argento e a La Poderosa 2.0 di Roberto Ugolini, medaglia di bronzo.

Offshore: finisce in tragedia il record sulla Montecarlo/Venezia

L'imbarcazione si è schiantata su una diga prima dell'arrivo ed era condotta dal pluricampione Fabio Buzzi, deceduto insieme a due piloti inglesi che lo accompagnavano nel tentativo di record

Figaro: il Tour de Bretagne va a Alexis Loison e Frédéric Duthil

Per Giancarlo Pedote e Anthony Marchand un buon nono posto che consente alla coppia di affiatarsi in vista dei successivi impegni sull'Imoca 60

Concluso sul Garda il CICO 2019

Gli atleti delle dieci classi olimpiche riprenderanno adesso il loro cammino versoTokyo 2020, che passerà prima dalla conquista della qualifica per la nazione laddove manca, e del tanto ambito posto in squadra

Il Cantiere Postiglione riporta in mare lo storico yacht in legno “Grazia II”

È stato varato venerdì scorso, 6 settembre 2019, Grazia II, yacht a motore interamente in legno costruito nello storico cantiere Chris Craft negli anni Sessanta

Alinghi vince la GC32 Riva Cup sul filo di lana

Questa è stata la seconda vittoria della stagione per il team di Ernesto Bertarelli dopo la conquista del mondiale di Lagos in Portogallo a giugno

CNRT: 10 giorni alla Roma Giraglia

Parte da Civitavecchia una delle regate più belle del Mediterraneo, con 255 miglia da percorrere tra il fascino discreto delle isole toscane

CAMBUSA - BIWA: Sassicaia Tenuta San Guido miglior vino italiano 2019

Al secondo posto il Barolo Monvigliero DOCG di Burlotto seguito da Terminum Gewurztraminen vendemmia tardva. L’ELENCO DEI MIGLIORI 50 VINI ITALIANI SELEZIONATI DA UNA GIURIA INTERNAZIONALE (by First&Food)

Pedote e Marchand verso la Transat Jacques Vabre

I due sembrano essere una coppia che non scoppia e si sono concentrati soprattutto ad affinare la fiducia reciproca e la visione comune in regata

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci