sabato, 23 gennaio 2021

AZIENDE

3FL: la veleria romana punta al mercato dell'Optimist

3fl la veleria romana punta al mercato dell optimist
redazione

La veleria 3FL saildesign punta a conquistare la sua fetta di mercato nel mondo delle derive. L’azienda fondata da Francesco Cruciani, che dal 1996 ad oggi ha prodotto vele per barche da regata di successo nel settore del monotipo e dell’altura, ha deciso di investire sui giovani lanciando un nuovo progetto dedicato al mondo dell’Optimist. Già presente nelle derive One Design con la produzione di vele per le classi 470, Finn, Vaurien con Niccolò Bertola due volte campione del Mondo, Snipe, Flying Dutchman, la classe paralimpica 2.4 e Star, nel loft di Fiumicino si lavora da oltre un anno sull’imbarcazione giovanile.
E’ lo stesso Francesco Cruciani, coadiuvato dal giovane ingegnere e istruttore Daniele Ricci, a disegnare le vele dei miniskipper. “Ci stiamo dedicando a questa nuova linea di vele per la deriva giovanile più diffusa al mondo. E’ un mercato difficile – ha commentato Daniele Ricci - ma stiamo avendo le nostre prime soddisfazioni. Nella scorsa stagione gli atleti del Tognazzi Marine Village hanno vinto con le nostre vele il Campionato Italiano a squadre e nei giorni scorsi Alessandro Cirinei e Tommaso Cucinotta con le nostre vele Medium e Small hanno vinto le qualificazioni per il Campionato Italiano individuale rispettivamente nella categoria Juniores e Cadetti”.
Prossime sfide saranno il Meeting Internazionale del Garda in programma ad Agosto e successivamente il campionato italiano, sempre sul lago di Garda.

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: su e giù dai foil Luna Rossa batte Patriot

E’ stata una giornata complessa ma allo stesso tempo rivelatrice per i tre Challenger impegnati nei Round Robin della PRADA Cup per le difficili condizioni di vento leggero che hanno costretto spesso gli AC75 a scendere dai foil

Luna Rossa: salvi per il rotto della ...scuffia

Ma nonostante le apparenze la barca si è comportata bene. Contro Ineos annullata una prima regata che Luna Rossa stava conducendo e contro American Magic è stata una regata al buio per il mancato funzionamento del Racing Software

America's Cup: Patriot rientrerà solo per le semifinali

Le riparazioni del carbonio saranno effettuare in parte utilizzando boat builders locali per ricostruire i pannelli rovinati, in parte con lo shore team che si occuperà delle finiture

I vincitori del concorso fotografico "Mediterraneo, un mare da scoprire"

la giuria ha decretato i vincitori, premiati con il “celebre” Pandino di cartapesta che il WWF consegna ai suoi partner e testimoni più attenti alle tematiche ambientali e la pubblicazione delle foto sulla rivista Panda digitale

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

Young Azzurra si prepara per gli impegni sportivi del 2021

Il team sarà impegnato nella Youth Foiling World Cup e nel circuito di regate della Persico 69F Cup

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

Trofeo Jules Verne: timone rotto per Gitana 17 che fa rotta verso Cape Town

Non possiamo riparare un danno del genere in mare e non possiamo più usare il nostro timone. Lo abbiamo sollevato e ora stiamo navigando a babordo senza timone. Siamo al sicuro, ma non siamo in grado di andare veloce

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci