martedí, 21 maggio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

leggi e regolamenti    class 40    vele d'epoca    maxi    star    protagonist    orc    manifestazioni    kite    este 24    optimist    tre golfi    altura    cnsm    la cinquecento    rs aero    politica    assonat    finn    nomine   

WWF

Il futuro della pesca artigianale nel mondo si discute in questi giorni a Roma

il futuro della pesca artigianale nel mondo si discute in questi giorni roma
redazione

Oltre 200 pescatori artigianali, associazioni di pesca, ONG e rappresentanti dei governi di oltre 40 paesi si sono riuniti a Roma lo scorso fine settimana al "Vertice sulla piccola pesca (SSF)", per evidenziare il ruolo delle comunità costiere nella produzione alimentare globale e chiedere un maggiore sostegno per migliorare la loro sostenibilità e benessere sociale. L'evento è stato organizzato dall'IPC Working Group on Fisheries,  SSF Hub e la piattaforma  Mediterranean Friends of SSF coordinata da GFCM (General Fisheries Commission for the Mediterranean) e WWF con il sostegno della FAO, per celebrare l'Anno Internazionale della Pesca Artigianale e dell'Acquacoltura (IYAFA 2022). Il WWF Italia, con il progetto Pescare Oggi per Domani, e gli eventi estivi dedicati alla piccola pesca, si è unito alle celebrazioni per dare risalto al ruolo dei pescatori artigianali, difensori del mare nostrum e della nostra economia.

 

L’evento dello scorso weekend ha fatto da apertura alla 35esima sessione del Comitato Pesca (Committee of Fisheries - COFI) della FAO e tra i suoi obiettivi quello di promuovere il dialogo e la collaborazione tra i pescatori artigianali, gli allevatori di pesce, i lavoratori del settore della pesca, i governi e altri stakeholder chiave della filiera della pesca, anche per rafforzare la loro capacità di migliorare la sostenibilità della pesca, il loro sviluppo sociale e il loro benessere. 

 

In occasione di questo vertice e avvalendosi della presenza di oltre 20 pescatori provenienti dai paesi del Mediterraneo e del Mar Nero, la GFCM e il WWF, a nome della piattaforma Friends of SSF, hanno tenuto una sessione sui bisogni e le sfide affrontate dai pescatori artigianali della regione. Gli impatti dei cambiamenti climatici come l'aumento della temperatura del mare e l'aumento delle specie non autoctone, l'inquinamento marino, la concorrenza con la pesca industriale e ricreativa, la necessità di infrastrutture, l'urgenza di migliorare le condizioni di lavoro (anche per le donne), la necessità di garantire la redditività economica del settore attraverso catene del valore efficaci ed eque, nonché la mancanza di ricambio generazionale nel settore sono i punti di attenzione sollevati dai pescatori. Alla luce di queste richieste e delle conseguenze che il settore sta ancora registrando a seguito della pandemia da Covid-19, il Piano d'azione regionale per la piccola pesca nel Mediterraneo e nel Mar Nero (RPOA-SSF) rimane un impegno politico essenziale che necessita di una urgente e piena attuazione. 

 

I pescatori presenti, inclusa una rappresentanza italiana invitata dal WWF, hanno espresso la loro disponibilità a unire le forze, innovare, provare nuove soluzioni e imparare e scambiare esperienze tra loro. Chiedono però anche maggiore sostegno e rafforzamento delle capacità e presenza nelle sedi decisionali. 

 

Ed è proprio per rispondere a queste necessità e supportare l’attuazione del Piano d’Azione Regionale anche in Italia che il WWF è stato impegnato negli ultimi 5 anni con il progetto Pescare Oggi per Domani, attraverso il quale ha promosso un approccio di cogestione che valorizza il ruolo e il contributo dei pescatori artigianali, degli enti di ricerca, delle Aree Marine Protette e delle autorità locali.

 

“Il Mar Mediterraneo è per cultura e tradizione il ‘regno” della pesca artigianale. Qui e nel Mar Nero le attività di piccola pesca costiera, che coinvolgono piccole imbarcazioni con un ridotto livello di catture al giorno, rappresentano l’83% delle flotte totali e coinvolgono circa 127mila addetti. Si tratta di attività di origine familiare e attorno a questo settore si sostengono intere comunità e paesi. Incontri come quello appena avvenuto hanno la possibilità di promuovere la cooperazione tra pescatori, ONG e governi di diversi paesi, aumentare la rappresentanza del settore nelle sedi decisionali e trovare insieme le soluzioni per garantire un futuro sostenibile alla piccola pesca, come la cogestione delle risorse,” afferma Giulia Prato, Responsabile Mare del WWF Italia. “Per noi questo è il modo più efficace per ripristinare gli stock ittici, proteggere la biodiversità marina e garantire migliori mezzi di sussistenza per i pescatori e le loro famiglie in Italia e in tutto il Mediterraneo. Per questo chiediamo che le misure previste dal Piano d’Azione Regionale per la Piccola Pesca siano pienamente implementate in Italia e che in particolare la cogestione venga formalmente inquadrata nella legislazione nazionale”.

 

Nel corso di un anno così importante per questo settore il WWF Italia ha rilanciato i risultati del progetto Pescare Oggi per Domani, raccontando le esperienze dei pescatori che hanno scelto di partecipare ai tavoli di co-gestione della pesca e hanno adottato soluzioni innovative per rendere le proprie pratiche  più sostenibili dal punto di vista ecologico e socio-economico. Un cambiamento di cui essi sono il punto centrale per favorire un percorso di maggiore sostenibilità della pesca in tutto il Mediterraneo e che deve essere pienamente supportato dalle istituzioni poiché porterà maggior benessere agli ecosistemi, ai pescatori e al mercato stesso.

 


06/09/2022 13:17:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Este 24 all'Argentario per il Campionato Italiano

La Classe Este 24 è pronta per il suo 30° Campionato Italiano nelle acque dell’Argentario, a Porto Santo Stefano, dove già è stata protagonista nel week end di fine aprile in occasione della Coastal Race

41° Trofeo Rosa dei Venti: vittoria per Demon X

Demon X si aggiudica il 41° Trofeo Rosa dei Venti organizzato al Villaggio del Pescatore - Duino Aurisina - dalla Società Nautica Laguna.Anywave jr vince il Trofeo Bolina Sail con l’equipaggio più giovane e con più donne a bordo

Caorle: è festa grande per "La Cinquecento"

Dal 26 maggio al 1 giugno andrà in scena la 50°edizione de La Cinquecento Trofeo Pellegrini, la classicissima prova offshore sulla rotta Caorle-Sansego-Isole Tremiti-Sansego e ritorno. Tante le iniziative che coinvolgono la città

A Viareggio il VI Trofeo Seven Stars- Memorial Puosi

Appuntamento nel week end a Viareggio per un classico appuntamento voluto dalla famiglia Mugnaini e riservato alle Star e ai Finn

Porto Rotondo: al Nox Oceani gli RS Aero

RS Aero: dalla nazionale di Porto Rotondo alla regata Internazionale di Cannobio nel prossimo week end

Sugar 3 di Ott Kikkas vince il Campionato ORC del Mediterraneo

Ott Kikkas:"Abbiamo partecipato con un equipaggio misto estone e italiano che ha fatto un lavoro fantastico, sono davvero soddisfatto di loro, in particolare delle nostre leggende a bordo come Sandro Montefusco e Matteo Ivaldi"

Tre Golfi: il riscatto di Arca SGR

Dopo una battaglia senza esclusioni di colpi durata quasi 20 ore il maxi 100 italiano Arca SGR del Fast and Furio Sailing Team trionfa alle Regata dei Tre Golfi conquistando in un vero e proprio fotofinish la line honours dell’edizione 2024

Community della Spezia: in quattro punti un serio progetto di rilancio del porto

La Community portuale della Spezia rilancia e lo fa tracciando i quattro obiettivi strategici per i quali si impegna a lottare in stretta simbiosi con l’Autorità di Sistema Portuale e lanciando un preciso segnale: “basta parole, è il momento dei fatti”

Sardinia Challenge: a Villasimius il Trofeo Kinder e la Coppa Italia WingFoil

Dal 23 al 26 maggio prossimi, Villasimius ospita il Sardinia Challenge, una serie di eventi legati al mondo della vela che comincia con la terza tappa del Trofeo Kinder Joy of Moving - Coppa Touring

Draghetto di Enrico de Crescenzo è il 30° Campione Italiano ESTE 24

La barca del C.C.ANIENE, conferma la forza del sodalizio capitolino in questa classe, prendendo l’eredità di Ridecosì e di Aniene Young, predecessori vincenti di quattro titoli italiani

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci