lunedí, 4 marzo 2024

CATAMARANI

C-Cat 62: la vela scopre nuovi spazi

cat 62 la vela scopre nuovi spazi
redazione

Stile, grinta e charme sono gli ingredienti del nuovo C-Catamarans 62, che implementa verso l’alto la gamma di C- Catamarans che tanto successo ha riscosso con il C-Cat 37, in campo nazionale ed internazionale.

 

Il Cantiere di Roma, che ha progetti di espansione in ambito della flotta, ha ampliato la rosa dei nomi dei progettisti, nella ricerca continua una forte caratterizzazione, performance e gradimento da parte di un pubblico sempre più attento anche nell’ambito dei catamarani.  Ecco che a Marc Lombard, indiscusso progettista francese, si aggiunge Enrico Contreas, firma universalmente riconosciuta nell’ambito del multiscafi veloci, papà di tanti modelli di successo tra i quali il celeberrimo Mattia S, a mettere il sigillo sul progetto del nuovo C-Catamarans 62 insieme a Luigi Cirillo. Un lavoro a più mani con i designer Marco Amadio e Marco Rogolino che, oltre ad un accurato lavoro sulla coperta, hanno reso gli interni abitabili e gradevoli come una casa: moderni, luminosi e accoglienti per immaginare di vivere in mare per lunghi periodi.

 

Ci sono voluti parecchi mesi di lavoro per arrivare ad un risultato che ha visto più volte modificare il progetto nei dettagli, nel corso dei lavori, per ottenere un risultato finale di sicuro effetto, che rispondesse a tutte le aspettative, le indicazioni e la visione dello Studio Tecnico del cantiere.

 

“Il C-Cat 62 è il compendio di una lunga serie di disegni e costruzioni, a partire dagli studi del Mattia 56 “sbandato” il mitico catamarano che ha battuto tutti nelle acque caraibiche e da “Spirito di Stella” scelto per portare un messaggio a Papa Francesco, dal Palazzo di Vetro dell’Onu. Ecco, il C- Cat 62 piedi è l’espressione del connubio perfetto tra il design italiano  la fruibilità degli spazi, la velocità, la maneggevolezza sulle onde ed il comfort anche nelle lunghe navigazioni” dice il progettista Enrico Contreas.

 

Fin da subito è stato chiaro l’obiettivo: offrire all’armatore un catamarano che dal primo sguardo mostrasse linee sportive e potenti, in grado di sviluppare una buona velocità di crociera e di massima, previsti 12 nodi a motore e 25 nodi a vela. Il  piano velico è stato studiato per essere efficiente e di facile gestione, per manovrare la barca con estrema facilità e rendere piacevole e divertente la navigazione in qualsiasi condizione. Le linee degli scafi sono filanti e sottili, mentre la coperta risulta libera e ottimizzata nelle manovre affinché siano tutte ergonomicamente ben fruibili. Le timonerie rialzate, nella tuga,  sono sistemate in modo da rendere al meglio la visuale a chi governa il catamarano, liberando lo spazio in pozzetto. Sarebbe meglio definire questo ultimo spazio un vero salone open air che, una volta aperta la vetrata, diventa un funzionale e gradevole open space con il quadrato. Senza soluzione di continuità. Con una semplice occhiata si intuisce la moderna eleganza degli interni, leggeri alla vista e completi per essere vissuti come una vera casa. E così anche le cabine, complete di librerie, armadi, piani di appoggio, senza essere ridondanti. Lo stesso per i bagni. Ogni ambiente risulta molto luminoso, grazie alle ampie finestrature sulle fiancate e in coperta. Tutte a filo. “ La ricerca della semplicità è da sempre la chiave della leggerezza nella costruzione navale made in Italy, l'utilizzo di pannellatura in sandwhich alveolare Nomex con finiture di pregio in legni Alpi e Tabu caratterizza tutta la linea degli interni C-Cat “ dice il senior designer Marco Amadio.

Oltre ad essere accattivante per chi lasciando il monoscafo è in cerca di spazi più confortevoli, il C – Cat 62 , grazie alle sue caratteristiche, strizza l’occhio a chi medita il grande passo dal mondo del motore a quello della vela, per prestazioni in termini di velocità, abitabilità, semplicità di conduzione e manovra.

Il nuovo C- Cat 62 viene proposto in due versioni: St.Barth, come evoca il nome della bella isola, più modaiola, ricca e completa negli interni, e Antigua, elegantemente sportiva anche negli interni, che lima i pesi a favore della velocità.  

 

Marco Amadio:  progettista navale, direttore didattico del master di Yacht Design di Roma e membro della giuria MYDA e QUALITECK del SEATEC oggi è impegnato nella direzione tecnica del cantiere e nella progettazione nel comparto automotive che da diversi anni porta avanti parallelamente. Infatti ad oggi capo centro stile della Viride, società Torinese impegnata nella costruzione di veicoli elettrici , insegnate anche nel Master di Torino in Car Design.

 

Enrico Contreas: è artefice della storia dei multiscafi in Italia. Nel 1970 fonda la Mattia & Cecco e nel 1971 viene varato il primo Mattia, catamarano in legno di 4,90 metri. Il 1978 vede volare sull’acqua il Mattia S, che diventa una classe  riconosciuta dalla FIV e numerosa in tutta Europa. Quindi è la volta del Mattia T11, un veloce trimarano per la crociera che vince molte regate e nel 1982  ad Enrico  viene assegnato il Compasso d’Oro per il design del Mattia S. La carriera di Contreas annovera ancora una lunga lista di barche di successo, tra le quali quelle già citate nel comunicato.

 







I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: BoatOne di Alinghi Red Bull Racing lascia la Svizzera diretto in Spagna

L'AC75 di Alinghi Red Bull Racing, che quest'estate parteciperà alla 37esima Louis Vuitton America's Cup, è partito dal cantiere di Ecublens, in Svizzera, alla volta della Spagna

Sanremo: concluso il Campionato Invernale Classe Dragone

Quarto ed ultimo atto delle Dragon Winter Series, il Campionato Invernale Classe Dragone, a Sanremo, nel week end del 23/25 Febbraio

Sul Trasimeno il 51° Campionato Italiano classe Meteor

Sarà organizzato dal Club Velico Castiglionese e si prevede un'ampia partecipazione di imbarcazioni provenienti da tutta Italia

Bari: all'Invernale una giornata decisamente bagnata

La pioggia, come previsto, ha accompagnato le regate rendendo come di consueto più difficile la lettura del campo di regata per i partecipanti che hanno dovuto sfoderare tutte le loro abilità per portarle a termine nel migliore dei modi

Charles Caudrelier vince l'Arkea Ultim Challenge

Il solitario francese Charles Caudrelier, skipper del Maxi Edmond de Rothschild, ha attraversato la linea di arrivo al largo della costa di Brest, questo martedì mattina alle 8h 37mn 42s ora locale (UTC+1)

Global Solo Challenge: per Andrea Mura 376 miglia in 24 ore

È nuovamente record per Andrea Mura che venerdì 23 febbraio ha percorso 376 miglia in 24 ore a bordo di Vento di Sardegna

Arkea Ultim Challenge: secondo posto per Thomas Coville

Acclamato come un eroe a Brest, Thomas parla della corsa e dei suoi concorrenti. Un'impresa eccezionale per velisti eccezionali

Per domare un AC 40 servono campioni di Rally

Dalle dune di sabbia alle onde del mare, Alinghi Red Bull Racing accoglie i campioni del Rally Dakar Carlos Sainz Sr. e Cristina Gutierrez a Jeddah

Bologna: Slow Wine Fair 2024 chiude con 12 mila ingressi

Più del 25% di espositori rispetto al 2023 alla terza edizione della fiera dedicata al vino buono, pulito e giusto

Al via le iscrizioni alla Maxi Yacht Rolex Cup 2024

Si aprono ufficialmente oggi le iscrizioni della Maxi Yacht Rolex Cup 2024, evento organizzato dallo Yacht Club Costa Smeralda con la collaborazione dell’International Maxi Association (IMA) e il supporto dello storico partner Rolex

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci