giovedí, 22 febbraio 2024


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

manifestazioni    rorc caribbean 600    star    arkea ultim challenge    cambusa    fiv    press    ambiente    altura    ilca    campionati invernali    global solo challenge   

CATAMARANI

Ad Noordzij e Bastiaan Tentij vincono il Martinique Cata Raid 2024

ad noordzij bastiaan tentij vincono il martinique cata raid 2024
redazione

Mare aperto finalmente! Per questo ultimo giorno di gara, le condizioni meteorologiche hanno permesso al comitato di regata di offrire finalmente un percorso al di fuori della Baia di Robert. Quindi si parte per una regata di quindici miglia: una partenza di fronte al circolo nautico Wind Force a Le Robert, una lunga tratta a favore del vento fino all'isolotto Loup Garou, una tratta di bolina avanti e indietro per virare una boa vicino alla "Petite Caye" prima di tornare a favore del vento nella baia dove è giudicato il traguardo.

Nicolas Gillet e Nicolas Poix (Socoveam Amnizi) erano particolarmente felici questa mattina di prendere il largo. Amano questo campo di gioco e navigano come pesci in acqua. In questa gara finale, i Nico hanno dominato la corsa, padroneggiando il loro cat dall'inizio alla fine: una supremazia che non ha subito sfide.

Gurvan Bontemps e Fred Moreau (French Caribbean - Stickerman), grandi animatori della settimana, hanno concluso il percorso al secondo posto, precedendo Matthieu Marfaing e James Melvin (Cirrus - MM Sailing).

Ad Noordzij e Bastiaan Tentij (HorseRidingSpain), vincitori nella classe F18.

Quindi è stata la coppia olandese di Ad Noordzij e Bastiaan Tentij a emergere nella classifica generale di questo Martinique Cata Raid 2024; una vittoria costruita su una combinazione di grande velocità in poppa e sottovento, una buona gestione del rischio e, soprattutto, una consistenza impressionante. Per Ad, la vela è soprattutto un hobby. Imprenditore indipendente, lavora come consulente per società di investimento: "Spesso prendo decisioni difficili in condizioni difficili! La gestione del rischio è ciò che faccio ogni giorno. Il Martinique Cata Raid di questa settimana è un ottimo esempio di gestione del rischio!"

Per quanto riguarda Bastiaan, è un concorrente abituale. Skipper professionista per molti anni, ha smesso quasi 10 anni fa: "Ora ho un lavoro, una famiglia e figli, ma mi diverto ancora a tornare in acqua!" Soprattutto, Bastiaan non ha perso nulla del suo talento. "Ho riscoperto l'F18, che è molto evoluto, ed è fantastico poter riscoprire questo sport, poiché ho imparato molte cose nuove.

Ad e Bastiaan si conoscono da poco meno di 15 anni, ma questa è solo la terza volta che navigano insieme. "È la nostra prima volta a Martinica in questa magnifica Baie du Robert e la nostra prima vittoria," si entusiasma Bastiaan. Siamo un po' delusi di non aver circumnavigato l'isola, ma abbiamo avuto una settimana meravigliosa di competizione con uno standard molto alto e equipaggi molto vicini tutto il tempo. Ci hanno reso la vita difficile sull'acqua!

Penso che abbiamo commesso meno errori e siamo stati forse un po' più fortunati perché siamo stati risparmiati dalle rotture. Questo è il piccolo aiuto di cui hai bisogno a volte per vincere. Siamo stati anche in grado di gestire bene le nostre regate, 'rilassarci' quando necessario, non correre rischi inutili e spingere forte quando dovevamo!

Siamo stati un po' fortunati a superare gli inconvenienti tecnici, la barca va bene, noi stiamo bene, tranne le mie mani, ma sì, questa settimana a Martinica è stata incredibile. Torneremo sicuramente!"

Yohan Debauque e Barbara Mazoyer, vincitori nella classe F16.

Nella classe F16, la suspense era innegabilmente meno insopportabile. Yohan Debauque e Barbara Mazoyer erano ben avanti in classifica, avendo vinto tutte le regate disputate contro Peter Vaes - Charlotte Dekien, tranne quella di giornata! "Abbiamo comunque finito nelle loro derive: è stata una bella immagine!" sorride Yohan. Yohan e un altro concorrente, Tom, che vorrei ringraziare molto, hanno trascorso la maggior parte della serata a riparare la barca in modo che potessero ripartire questa mattina. "Ieri sera, Barbara stava per rinunciare. Questo scontro è stato come l'ultima goccia dopo una settimana molto complicata e tecnicamente impegnativa". La nostra sfida più grande," continua Barbara, "era assicurarci che la barca potesse reggere, ma sì, siamo felici, è stata una grande regata.

I due giovani velisti, entrambi sotto i trent'anni, lasciano la Martinica con il titolo di vincitori nella categoria F16 in tasca.

Yohan Debauque e Barbara Mazoyer, vincitori nella classe F16:

"Le onde erano abbastanza impressionanti, ma dopo 5 giorni siamo abbastanza abituati ad affrontare condizioni meteorologiche difficili. Ero già venuto a fare questo giro della Martinica nella classe F18 nel 2020. Questa volta, avevamo un formato diverso nella Baia di Robert, in un F16, con Barbara che non aveva mai navigato su un F16 prima d'ora. È la nostra seconda volta a veleggiare insieme, quindi c'è ancora molto da sistemare, ma è stato divertentissimo. Stavamo cominciando a prenderci la mano nelle ultime gare. Abbiamo lavorato molto sulla barca e abbiamo ottenuto dei risultati, il che è soddisfacente."

Ad Noordzij e Bastiaan Tentj (HorseRidingSpain), vincitori nella classe F18:

"Siamo partiti malissimo. Poi, a favore del vento, abbiamo recuperato un po' di terreno, ma non così tanto, eravamo probabilmente all'ottavo o nono posto. Era caldo là fuori con delle onde grosse. Siamo rimasti vicini sulla tratta di bolina e poi Bastiaan ha cominciato a fare dei calcoli...

Entrati nel canale, abbiamo issato il gennaker e siamo letteralmente volati! Abbiamo finito appena dietro Matthieu [Marfaing e James Mervil], che erano quarti; Gurvan e Fred erano secondi, così il lavoro era fatto! Adoro davvero queste condizioni, non ho bisogno di andare sulle giostre per provare questo tipo di sensazione, devo solo salire sulla mia barca!

Vincere qui è stata una sorpresa enorme per noi, davvero! Siamo venuti qui senza sapere cosa aspettarci, pensavamo di fare il Tour de la Martinique. Ci piacciono le regate di lunga distanza; amo quello, ma siamo passati a un formato di gara più 'tradizionale'. Il primo giorno, con il nostro settimo posto, pensavamo di essere nel posto giusto, e il giorno successivo, abbiamo fatto gare di 2 e 1! Qualcosa è successo in quel momento! Anche gli altri hanno avuto gare peggiori con problemi tecnici. Siamo stati completamente risparmiati da questi problemi; abbiamo lavorato molto sulla nostra preparazione in anticipo controllando tutta l'attrezzatura e abbiamo anche visto alcuni concorrenti spingere un po' troppo forte, prendendo rischi sugli scogli, cosa che non è successa per noi."

Gurvan Bontemps e Fred Moreau (French Caribbean - Stickerman), secondi nella gara di oggi e secondi nella classifica generale F18:

"Oggi, il nostro destino non era solo nelle nostre mani. È stata una grande regata, siamo partiti molto bene e sapevamo che dovevamo mettere tre posti tra noi e Ad e Bastiaan. Siamo arrivati terzi a Îlet du Loup Garou e il nostro avversario era decimo in quel momento. Sulla lunga tratta di bolina, non siamo rimasti delusi; c'era vento e onde. Ce l'abbiamo fatta abbastanza bene, tornando su Matthieu Marfaing e James Melvil, che abbiamo superato al segnale, prima di fermarci. Potevamo vedere i Nicos davanti, iper-motivati. Abbiamo preferito prendercela comoda. Dietro di loro, Ad e Bastiaan erano più forti delle altre barche intorno a loro e sono tornati; noi siamo arrivati secondi e loro quarti: una grande regata ma non sufficiente per risalire la classifica generale.

Siamo davvero felici di essere qui, con l'accoglienza e l'atmosfera della Martinica, che è sempre eccellente. Fredo ed io non veleggiavamo insieme da 5 anni, quindi avevamo bisogno di riprendere il ritmo. Avevamo anche un nuovo spinnaker, che dovevamo imparare a usare al meglio, e avevamo ancora parecchi piccoli problemi: una barra del timone piegata, derive strappate, una pinna rotta, una scotta del gennaker che ha ceduto ieri... Tutti hanno avuto i loro contrattempi, ma alla fine, con tutti questi ostacoli, siamo molto felici di aver raggiunto questo ottimo secondo posto!

Non abbiamo mai veleggiato con 15 nodi di vento e molte onde: è stato un magnifico Martinique Cata Raid 2024: da rifare!"

Nicolas Gillet e Nicolas Poix (Socoveam Amnizi), vincitori della gara di oggi e terzi nella classifica generale:

"Siamo così felici! Siamo partiti bene. Abbiamo concluso bene la tratta di bolina e poi abbiamo preso il comando, che non abbiamo mai ceduto. In bolina, eravamo veloci, a nostro agio e senza troppo stress. Sono davvero contento di questa edizione! Gli organizzatori hanno fatto le scelte giuste per questa settimana, anche se ci piace veleggiare all'aperto. Devo ammettere che stamattina ero davvero entusiasta, perché questo tipo di navigazione è ciò che a Nico e a me piace davvero.

Siamo arrivati sul podio al terzo posto, come lo scorso anno, ma con un livello molto più alto quest'anno. Ancora una volta, è fantastico e Nico l'ha gestito davvero bene, è stato forte oggi e abbiamo fatto molti progressi quest'anno."

 

 


28/01/2024 14:45:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Arkea Ultim Challenge: Banque Populaire arrivata a Rio con due timoni rotti

Armel Le Cléach ha raccontato dell'impatto con un tronco per il timone di destra del suo Ultim, e poi di un cedimento del timone centrale, cosa che ha reso impossibile continuare a navigare

Arkea Ultim Challenge: danni al timone di Banque Populaire

Secondo il team "sono in corso diverse opzioni per diagnosticare i danni e valutare come affrontare il resto della gara". Le Cléac'h sta dirigendosi verso un porto brasiliano

Arkea Ultim Challenge: due forti perturbazioni preoccupano Charles Caudrelier

Charles Caudrelier (Edmond de Rothschild): "Non sacrificherò il lavoro del team solo per impazienza. Stiamo parlando di 8 metri, 8,50 metri di mare con un vento previsto da 35-40 nodi, il che significa piuttosto 45-50 nodi e 70 in raffiche"

Arkea Ultim Challenge: Armel Le Cléac'h riparte da Rio

Dopo poco più di 48 ore di sosta Armel Le Cléac'h e Banque Populaire XI sono tornati in pista. Hanno lasciato Rio poco dopo le 16:30 UTC e ha ripreso la gara in 3a posizione. Gli skipper parlano del grande rumore a bordo (come in una discoteca)

Trieste incontra Sir Robin Knox-Johnston

Sir Robin Knox-Johnston, uno dei velisti oceanici più amati e conosciuti al mondo, arriva a Trieste con i suoi incredibili racconti di mare

La FIV indica quattro equipaggi per Parigi 2024

Sono Lorenzo Brando Chiavarini (ILCA 7), Marta Maggetti (iQFOIL F), Nicolò Renna (iQFOIL M), CAterina Banti e Ruggero Tita (Nacra 17). Le scelte FIV verranno ora sottoposte al Comitato Olimpico Nazionale Italiano per l’approvazione finale

Lavagna: tutti i vincitori del 48° Invernale del Tigullio

Diciassette prove, tre mesi e sei week end di confronti in acqua, trentadue imbarcazioni iscritte per il 48° Campionato Invernale Golfo del Tigullio

2024 ILCA senior European Championships: primo giorno di prove solo per ILCA 6

Primo giorno di prove per gli ILCA senior European Championships 2024 di Atene in Grecia. Il vento non è stato clemente e ha costretto ad annullare due prove per gli ILCA 7 mentre le ragazze sugli ILCA 6 sono riuscite a disputare almeno una prova

S&You e Wanderfun vincono l’Autunno Inverno Salodiano 2023-2024

Concluso il Campionato invernale Protagonist della Canottieri Garda, per la prima volta in gara anche la classe Fun

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci