martedí, 27 febbraio 2024

AMERICA'S CUP

America's Cup: prima regata a Barcellona con "contorno" di pattini a vela

america cup prima regata barcellona con quot contorno quot di pattini vela
red

È raro che i velisti professionisti guardino una barca e dicano: "Come funziona?" Ma a Barcellona esiste un'imbarcazione di questo tipo: il Patín de Vela, o più comunemente Patín Catalán, un catamarano di 18 piedi di lunghezza, lanciato dalla spiaggia e con un baglio di 5,24 piedi, molto popolare, che non ha timone, né tavola centrale, né boma ed è controllato da minuscole regolazioni della randa a coda di rondine e dall'uso sapiente del peso del corpo per governarlo.

Quando a settembre i velisti arriveranno a Vilanova i La Geltrú per la prima Regata Preliminare della 37a America's Cup, i veloci AC40 avranno molta compagnia in acqua, dato che 210 di queste favolose derive sono state confermate per la regata "Pati Catala de Vela" - un record storico, tutti riuniti nel porto di mare, con varo dalle spiagge vicine, per quello che promette di essere uno spettacolo straordinario. I 210 velisti iscritti alla regata, che si svolgerà il 16 e 17 settembre 2023, rappresenteranno un totale di 27 club, con velisti provenienti dall'Andalusia, dalla Catalogna, da Valencia, dalla Germania, dall'Austria e dal Belgio. Una forte rappresentanza femminile sarà presente alla regata con 17 donne confermate - ancora una volta un numero record per il Pati Catala de Vela.

Per Gerard Esteva, lui stesso velista del Patín de Vela, ex presidente dell'Associazione Internazionale degli Armatori di Pattini a Vela (ADIPAV) e presidente dell'Unione delle Federazioni Sportive della Catalogna (UFEC), si tratta di un momento importante per la classe, che si presenta a un pubblico mondiale: "L'opportunità offerta dalla direzione della 37a America's Cup segnerà un prima e un dopo nella storia del Patín de Vela, con la promozione della classe su scala mondiale. Tutti i velisti sono molto entusiasti di questa esibizione del Patín de Vela ed è per questo, credo, che c'è stato questo record storico di iscrizioni. Speriamo di fare una bella figura con il mondo intero".

Per cinque giorni alla settimana, il Pati Vela Club de Barcelona organizza regate, a mezzogiorno, con queste imbarcazioni pure lanciate al largo della Barceloneta e di Badalona, mentre le regate del fine settimana sono molto popolari e molto combattute. Le origini del Patín de Vela risalgono agli anni Settanta dell'Ottocento e alla spiaggia di Badalona, dove i pescatori si mettevano in piedi su due scafi e remavano per controllare le reti, ma all'inizio del XX secolo le pagaie, simili a quelle dei canoisti moderni, furono sostituite dai remi e le imbarcazioni furono adattate per il tempo libero e, a volte, per le gare, con l'equipaggio seduto a remare.

 

Nel 1942 i fratelli Mongé, provenienti dalla Catalogna, iniziarono a sperimentare alberi e vele in legno, posizionando il piede dell'albero molto in avanti e introducendo la randa a coda di rondine. L'aggiunta di una rastrelliera d'acciaio a poppa, una caratteristica che è presente ancora oggi, permetteva alla randa senza stecche di essere scuffiata largamente ma, soprattutto, di essere appiattita per il lavoro di bolina. Con l'evolversi della tecnica, si sono sviluppate anche le linee di controllo e, sulle imbarcazioni di oggi, i "pattini" di Patín de Vela sono dotati di una serie di sistemi di controllo che possono modificare la tensione dello strallo di prua su ogni muretto (le barche hanno due stralli, uno montato su ogni scafo) per controllare la curvatura dell'albero e aiutare la direzione.

Ogni anno vengono costruiti circa 40 "pattini" e, sebbene le imbarcazioni originali fossero costruite interamente in legno (scafo e albero), oggi hanno preso piede i pattini ibridi, con galleggianti in vetroresina, coperta in legno e albero in alluminio.

 

Il fattore principale per il controllo di queste barche è il peso del corpo. Il singolo velista si muove attraverso i cinque raggi che sostengono gli scafi, spostandosi in avanti per alzarsi e in poppa per allontanarsi. Lo stile di navigazione si è naturalmente adattato con il passare del tempo: nei primi video, infatti, si vedono i marinai stare in piedi e fare precariamente un passo avanti e indietro. Oggi, i marinai di queste affascinanti imbarcazioni si trovano più spesso sdraiati sulle cinque assi dello scafo e compiono piccoli movimenti del corpo e "strisciate" per spostare la distribuzione. Nelle arie più leggere esiste ancora una bella tecnica di bilanciamento in piedi mentre si vola sullo scafo di prua, che si rivela molto veloce di bolina con minuscole regolazioni sulla randa per mantenere l'imbarcazione a un'andatura ottimale.

Tutti i sistemi di controllo riconducono al "piano", un'area situata a metà dell'imbarcazione tra gli scafi e le traverse che consente di effettuare le regolazioni cruciali del cunningham e dello strallo a volo libero, mentre la scotta della randa viene alimentata in avanti e regolata da poppa dell'albero, in modo che il timoniere possa continuare a guardare in avanti. È una barca che premia la tecnica: molti velisti hanno trascorso una vita a perfezionare il loro equilibrio e il loro controllo e le regate sono veloci e disperatamente combattute per tutta la flotta.

 

Una curiosità nata dall'innovazione in Catalogna, la classe Patín de Vela ha flotte anche in Francia, Olanda e Belgio, ma la loro unicità nel mondo della vela le rende barche straordinarie da vedere in acqua e ispira molte discussioni su come questi velisti altamente qualificati, che navigano nella forma più pura dello sport, controllino le loro imbarcazioni con tale destrezza.

 

Un fenomeno che non sfugge a Grant Dalton, CEO dell'America's Cup Events:

"Ad essere sincero, sto ancora cercando di capire come facciano a navigare senza timone e senza tavola centrale: per me è un concetto unico e non vedo l'ora di incontrare i velisti e di osservare la loro tecnica a Vilanova i La Geltrú a settembre. Credo che si tratti di una flotta record di 210 imbarcazioni, quindi sarà una regata molto speciale che offrirà molti spunti di discussione non solo alla flotta e agli spettatori, ma anche ai team dell'America's Cup. Mi piacerebbe pensare di poterne navigare una, ma immagino che ci voglia molta dedizione e pratica per diventare bravi. Sono barche affascinanti e non vediamo l'ora di accoglierle nella prima Regata Preliminare della 37a America's Cup".

 

Le iscrizioni sono chiuse per la Exhibition Race del "Pati Catala de Vela", che si svolgerà dal 16 al 17 settembre, organizzata dal Club Pati Vela Barcelona, dal Club de Mar Vilanova e dal Club Maritim Cubelles.


14/08/2023 09:59:00 © riproduzione riservata






I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Cambusa: l’hamburger gourmet ha un nuovo Re, Daniele Barra del pub Excalibur di Revello

È giunta alla 6a edizione la sfida di Burger Battle Italia, un contest che da mesi vedeva coinvolti i migliori chef specializzati in hamburger gourmet per contendersi un posto alla finalissima, svoltasi ieri 19 Febbraio al Beer&Food Attraction di Rimini

Cambusa: “Cavolo che zuppa”, i benefici dell’orto e dei legumi nella ricetta della chef Alessandra Ingegnetti

La chef de La Locanda del Mulino a Valcasotto, propone un Piatto ricco di proprietà nutritive e salutari di facile realizzazione ma di grande sapore (grazie anche al formaggio di Valcasotto)

Arkea Ultim Challenge: Edmond de Rothschild è ripartito da Horta

Dopo tre giorni di attesa a Horta, nella marina principale dell'isola di Faial, il Maxi Edmond de Rothschild ha ripreso il largo sabato 24 febbraio alle 10:45 UTC, il che equivale a una sosta di circa settantotto ore

Sanremo: concluso il Campionato Invernale Classe Dragone

Quarto ed ultimo atto delle Dragon Winter Series, il Campionato Invernale Classe Dragone, a Sanremo, nel week end del 23/25 Febbraio

Arkea Ultim Challenge: Eric Peron passa Capo Horn

Per Eric Peron, che ha l'Ultim più vecchio della flotta e senza foil, la traversata del Pacifico è stata la più veloce di tutti i concorrenti, 1 ora e 14 minuti meno di Charles Caudrelier

Arkea Ultim Challenge: riflessioni di Thomas Coville prima della sua ultima grande cavalcata verso il traguardo

Sabato notte Coville si è preso del tempo per riflettere su alcune delle cose che hanno avuto grande influenza sulla sua carriera straordinaria, sulla gara, su come si sente

Arkea Ultim Challenge: Biscaglia impraticabile, stop alle Azzorre per Caudrelier

Il team: "Una grande depressione sta bloccando la strada per Brest. Venti stabili di 40 nodi, con raffiche oltre i 50, e mari di 8 a 9 metri"

Al Salone del Vino di Torino 2024 torna la notte Rosso Barbera

14 piole incontrano 14 musicisti e 14 produttori di Barbera. Una serata tra note, vino e cucina dà il via al lungo weekend del Salone del Vino di Torino 2024

WWF, Castelporziano: al via "Operazione Capodoglio"

In occasione della Giornata Mondiale delle balene tecnici, biologi, veterinari dell’IZS Lazio e Toscana, WWF, Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa al lavoro per riportare alla luce il capodoglio spiaggiato 5 anni fa sul litorale laziale

RORC Caribbean 600: Line Honours per Leopard 3, con un pensiero all'overall

Il Farr 100 Leopard 3 di Joost Schuijff si è aggiudicato la vittoria in tempo reale per i monoscafi nella RORC Caribbean 600 e, visto il vento instabile che accompagnerà i prossimi arrivi, spera anche nella vittoria in compensato

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci