venerdí, 25 aprile 2014


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

extreme 40    420    regate    meteo    volvo ocean race    platu25    vela oceanica    transat ag2r    vela olimpica    windsurf    29er    byte c    garda    este 24    rc44    press    circoli velici    rolex china sea race   

VOLVO OCEAN RACE

VOR: partita l’ultima tappa da Lorient a Galway

vor partita 8217 ultima tappa da lorient galway
redazione

VELA - In un assaggio di quello che attende i sei team nelle prossime 36/40 ore, la flotta ha coperto le 6,5 miglia del percorso costiero in condizioni di vento teso con velocità delle barche che hanno raggiunto e superato i 20 nodi. Una gioia per l’incredibile numero di spettatori che hanno affollato le acque bretoni e assistito a un prologo tirato come sempre e condotto dagli spagnoli di Team Telefónica fin dalle prime battute. PUMA Ocean Racing powered by BERG è stato il solo team che è riuscito a rimanere nella loro scia, lasciando gli altri quattro equipaggi a oltre un minuto di distacco sull’ultima boa.


Nelle fasi di partenza un atteggiamento molto aggressivo di CAMPER with Emirates Team New Zealand ha comportato una penalità per il team ispano/neozelandese che lo ha relegato in ultima posizione, ma grazie a delle ottime manovre e una buona lettura del campo di regata CAMPER è riuscito a recuperare, fino a portarsi in terza posizione mentre i leader della classifica generale, i francesi di Groupama, che possono contare su un solido margine di 25 punti, hanno scelto un approccio più cauto restando nelle retrovie, consci che le prossime ore offriranno loro delle condizioni di navigazione con vento forte perfette per il loro mezzo.


Prima di lasciare la banchina di Lorient, lo skipper transalpino Cammas si è detto contento delle previsioni meteo favorevoli per la sua barca ma altrettanto conscio dell’abilità e dell’esperienza dei suo rivali. “Queste condizioni sono certamente non male per la nostra barca, ma la rotta da seguire è molto diretta, quasi in linea e tutte le barche sono molto veloci. Se dovessimo avere un problema, potremmo ancora perdere molte miglia, quindi di sicuro c’è un po’ di tensione.”


Prima di poter far rotta diretta verso l’isola verde, tuttavia, i sei team si sono diretti a sud, per passare l’isola di Belle Ile a circa 25 miglia e poter quindi entrare in modalità “oceanica” con un vento da sud-ovest che si prevede nella notte possa salire fino a 20/30 nodi, condizioni assolutamente perfette per far rendere ai meglio i potenti Volvo Open 70.


Una situazione che impegnerà a fondo gli uomini, come dichiarato dallo skipper americano Ken Read, di PUMA Ocean Racing powered by BERG: “Il nostro piano è di far riposare una o due persone di tanto in tanto, però di certo sarà un lavoro senza sosta. Con le condizioni previste, sarà un lungo traverso con vento che favorisce Groupama sulla carta, però dovremo essere noi a fare in modo di controllarli. Vedremo. Con una tappa così, credo che navigheremo tutti molto vicini, mi sorprenderebbe se qualche team decidesse di separarsi lateralmente dal resto della flotta.”


Sebbene sia uno sprint lungo solo 550 miglia, la nona tappa metterà sul campo ancora una volta diverse sfide alla flotta, la prima già questa notte con una zona di esclusione alla navigazione al largo della punta nord-ovest della Francia. E’ probabile che i team decidano di passarla da sud, costretti ad evitare l’intenso traffico marittimo reso ancor più pericoloso dal buio della notte. Poi, un fronte freddo che staziona fra la Francia e l’Irlanda potrebbe rendere le cose ulteriormente complesse, con i suoi temporali e colpi di vento locali da affrontare con cautela. Nell’approccio alla piattaforma continentale dell’atlantico settentrionale, poi, sarà il mare formato prodotto da una profonda depressione a dare filo da torcere agli equipaggi. Si prevede che la flotta possa raggiungere il celeberrimo Fastnet, il punto più meridionale dell’Irlanda, già lunedì in tarda mattinata. Da quel punto, la rotta è una linea diritta verso le Aran, un gruppo di tre isole che segnano l’ingresso nella baia di Galway, con le sue imponenti rocce. Il faro di Eiragh, al limite occidentale delle Aran, dovrà essere lasciato a dritta e costituirà l’ultimo punto fisso obbligato prima che la flotta possa finalmente puntare sulla linea del traguardo di Galway, dove le ultime previsioni indicano che i primi potrebbero giungere dalle prime ore del mattino di martedì.


La situazione attuale di classifica è caratterizzata dalla presenza di un favorito ma anche di tre aspiranti al podio, che potrebbe esser alla loro portata. Matematicamente, infatti, ai francesi di Groupama basterà finire quarti per assicurarsi il titolo e le condizioni previste potrebbero favorire la barca di Franck Cammas. Alle spalle dei leader, tuttavia, ci sono tre barche separate da soli sei punti PUMA di Ken Read, CAMPER di Chris Nicholson e Telefónica di Iker Martínez, che senza dubbio daranno il tutto per tutto per riuscire a salire sul secondo gradino del podio. Al vincitore della tappa andranno 30 punti (25, 20, 15, 10 e 5 agli altri), che però non saranno gli ultimi, resterà ancora infatti la regata in-port di Galway del prossimo 7 luglio, che chiuderà ufficialmente la Volvo Ocean Race 2011/12 e che metterà in palio gli ultimi punti.

 

Sul sito web www.volvooceanrace.com si potrà seguire la navigazione dei sei team passo passo, con lo strumento della cartografia live che sarà aggiornata ogni 60 secondi.

Al primo report delle ore 15, la testa della flotta è sempre occupata da Team Telefónica, seguita a brevissima distanza da CAMPER, Groupama e PUMA. Poco più attardati, in quinta e sesta posizione, Abu Dhabi e Team Sanya. Tutti i team navigano sul piede dei 18/19 nodi e si apprestano a passare Belle Ile.

 

Posizioni alle ore 15 italiane del 1 luglio:

1. Team Telefónica, a 490,5 miglia da Galway

2. CAMPER with Emirates Team New Zealand, +0,6

3. Groupama sailing team, +0,7

4. PUMA Ocean Racing powered by BERG, +0,9

5. Abu Dhabi Ocean Racing, +1,4

6. Team Sanya, +1,6

 

Classifica Volvo Ocean Race 2011-12 dopo undici prove:

1. Groupama sailing team, 225 punti

2. PUMA Ocean Racing powered by BERG, 200

3. CAMPER with Emirates Team New Zealand, 196

4. Team Telefónica, 194

5. Abu Dhabi Ocean Racing, 124

6. Team Sanya, 40


N.B. Nel corso della nona tappa proseguiranno i collegamenti in diretta con le sei barche, che potranno essere seguiti come di consueto sul canale Livestream o sulla home page del sito www.volvooceanrace.com

Questo il programma delle dirette:


Domenica 1 luglio:

20.00 – Team Sanya

20.30 – Abu Dhabi Ocean Racing

21.00 – Telefónica

21.30 – CAMPER with Emirates Team New Zealand

22.00 – PUMA Ocean Racing powered by BERG

22.30 – Groupama sailing team


Lunedì 2 luglio:

02.00 – 10 minuti di collegamento con la barca leader

11.00 – Abu Dhabi

11.30  – PUMA

12.00 – CAMPER

12.30 – Telefónica

13.00 – Groupama

13.30 – Sanya

20.00 – PUMA

20.30 – Abu Dhabi

21.00 – Telefónica

21.30 – CAMPER

22.00 – Sanya

22.30 – Groupama


Martedì 3 luglio:

02.00 – 10 minuti di collegamento con la barca leader

Nota: le dirette continueranno anche nella giornata di martedì nel caso le barche fossero ancora in mare.


01/07/2012 16.44.00 © riproduzione riservata







I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Rolex China Sea Race: vince Ragamuffin

Il 90 piedi di Syd Fischer ha dominato questa edizione fin dalla partenza da Hong Kong e ha terminato la gara in 57 ore 31 minuti e 18 secondi

Rolex China, vince Neil Pryde:"In vita mia non ho mai navigato, ho sempre gareggiato"

Sabato mattina, Hi Fi è stata la terza barca a completare il percorso di 565 miglia da Hong Kong a Subic Bay, nelle Filippine, dopo una intensa competizione con il TP 52 lo statunitense Lucky - ph. K. Arrigo/Rolex

Pasquavela: Vanitè, Muzyka 2, Vulcano, Low Noise e La Superba i vincitori

L'ultimo giorno di regate, caratterizzato da venti sui 12 nodi di intensità che sono andati poi a diminuire nel corso della giornata, ha consentito di disputare 2 prove sia per le classi d'Altura che per i J24 - ph. J.R. Taylor

Concluso lo Stintino Funboard Event

Verso le 13 Eolo ha inziato a soffiare con la sufficiente intensità (tra i 12 e i 16 nodi) da Libeccio e si è dato così il via alle danze delle batterie dei regatanti - ph. Roberto Pintus

L'Italia domina al 32° meeting del Garda Optimist

Davide Duchi - atleta della Fraglia Vela Riva - vince il 32° Meeting del Garda Optimist. Tra i cadetti conquista il gradino più alto del podio Francesco Novelli

Hyeres: un acuto della Tartaglini nella prima giornata di regate

Oltre a Flavia Tartaglini (una vittoria su tre regate), sono andati discretamente anche Filippo Baldassarri e Giulia Conti e Francesca Clapcich

Parte il 25 aprile la Palermo/Salina

Pochi giorni alla partenza della Onehundredandthirtymiles, seconda prova del Campionato Italiano Offshore, organizzata da Palermo a Salina dal Centro Universitario Sportivo

Torbole: Pasqua con il Campionato Europeo Techno 293

Si è chiuso ieri il Techno 293 Garda Lake Trophy con le vittorie di Nikita Prozorov (Under 17), Riccardo Renna (Under 15) e Edoardo Tanas (under 13)

Un "quasi Maestrale" esalta lo "Stintino funboard event"

Un vento da Ponente, quasi Maestrale ha iniziato a soffiare intenso, con punte fino a 20 nodi, in alcuni punti del percorso proprio nel momento in cui sono iniziate le batterie del primo tabellone

Pasquavela: i leader sono Aurora, Vag 2, Low Noise e Europa 2

Si è conclusa oggi la terza giornata della 27a edizione di Pasquavela organizzata dallo Yacht Club Santo Stefano, riservata a imbarcazioni d’altura delle classi IRC, ORCi e monotipi J24