domenica, 29 novembre 2020


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

vendee globe    giancarlo pedote    windsurf    trofeo jules verne    sodeb'o    orc    vela    cambusa    fincantieri    press    aziende    ambiente   

VENDEE GLOBE

Vendée Globe: in testa c'è l'Oro paralimpico Damien Seguin

vend 233 globe in testa 232 oro paralimpico damien seguin
redazione

La doppia medaglia d'oro paralimpica (nel singolo 2.4mR) della Francia e vincitore del Tour de France a la Voile del 2017 Damien Seguin guida la flotta delle 33 barche del Vendée Globe, in quanto le prime classifiche favoriscono un gruppo di IMOCA di vecchia generazione, che regatano verso sud ovest attraverso il Golfo di Biscaglia in direzione di Capo Finisterre.

Mentre le più veloci imbarcazioni con i foil di ultima generazione hanno lavorato ieri sera e nella prima parte della mattinata su una rotta più a nord-ovest, Damien Seguin, Maxime Sorel (V e B Mayenne) e il veterano Jean Le Cam (Yes We Cam!) hanno un piccolo vantaggio nella classifica del pomeriggio. Ma ci si aspetta che la cosa non duri, perché navigheranno più a lungo in una zona nord-sud con venti più leggeri.

Seguin, nato senza la mano sinistra, ha ottenuto successi in quasi tutte le discipline costiere e d'altura, compresa la Class40, prima di affrontare questo Vendée Globe sulla barca che Eric Bellion ha portato al nono posto l'ultima volta. Nei suoi preparativi per il giro del mondo è stato aiutato dal veterano Jean Le Cam, che ora è a circa sette miglia di distanza dal talentuoso e competitivo 41enne leader della regata.

Dopo l'emozione, anzi per alcuni la pura euforia, di essere finalmente sul campo di regata del giro del mondo in solitaria, la prima giornata intera di questo Vendée Globe ha offerto qualche ora di vento più leggero permettendo ai velisti di riposare, di fare il punto della situazione, di lavorare sulla loro lista di lavoro e di prepararsi ad un fronte moderatamente brutto che porterà venti forti e mari agitati durante la notte tra martedì e mercoledì.

Nico Troussel su Corum L'Épargne, progettata da Juan K, continua ad essere il più veloce tra i foil che questo lunedì pomeriggio, a circa 50-60 miglia nautiche ad ovest, regatano con la stessa angolazione, con una velocità simile, in pieno sole e con un'aria più leggera sulla cresta di un’alta pressione.

Troussel, due volte vincitore de La Soltaire du Figaro, ha preceduto di oltre sette miglia la britannica Sam Davies, che sta andando bene nella sua Initiatives Coeur. Nessuno dei due skipper sembrava aver sofferto alcuni intoppi  notturni - piccoli problemi tecnici - che costano miglia. Sia Jérémie Beyou (Charal) che Alex Thomson (HUGO BOSS) hanno preso delle reti da pesca sulle loro varie appendici. Lo skipper britannico ha avuto una battaglia notturna con la sua vela di prua J3 quando si è staccata una scotta. Thomas Ruyant (LinkedOut) ha riferito di aver perso 15 miglia quando una vela si è incattivita.

Parlando dei forti venti di martedì, Christian Dumard, esperto meteorologo della regata, riferisce: "Si prevedono raffiche di vento superiori ai 40 nodi, con mare incrociato e onde che raggiungeranno i 5 metri nella notte di martedì. L'intera flotta cambierà rotta per dirigersi verso SW nella corrente d'aria di NW prima della cresta dell'alta pressione. I venti diventeranno più leggeri man mano che avanzeranno verso la Spagna. Per i leader, sarà importante trovare la strada verso sud, senza farsi prendere dal panico in queste condizioni più calme. Il momento preciso in cui cambieranno direzione sarà cruciale. C'è quindi la scelta ora di continuare verso sud con un rischio maggiore di rimanere bloccati in arie leggere al largo della Spagna, insieme allo svantaggio di raggiungere il fronte dopo quelli più a ovest, ma d'altra parte, le condizioni saranno più tranquille per allora. Chi decide di andare più a ovest ha meno probabilità di rimanere intrappolato nelle arie leggere, ma affronta un fronte più violento con il rischio che comporta per la propria attrezzatura.  Senza dubbio, tutti cercheranno il loro personale compromesso tra la rotta più veloce, senza dubbio più dura per la barca e lo skipper e una traiettoria verso sud, che probabilmente sarà più gentile con entrambi".

Danni in cima all’albero per Fabrice Amedeo, che dovrebbe tornare sul campo di gara domani mattina dopo aver fatto una virata a U ed essere tornato al molo di Les Sables d'Olonne con la marea delle 07:00 di questa mattina. Un pitstop veloce non è stato possibile perché dopo aver riparato i danni al gennaker sono emersi ulteriori problemi.


09/11/2020 21:24:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Vendée Globe: ancora non chiari i problemi di Hugo Boss; acqua a bordo (risolta) per Pedote

Hugo Boss procede lentamente e gli ingegneri sperano di poter riparare il danno in corsa. Per Pedote un'infiltrazione d'acqua dovuta ad una trappa del ballast

Vendée Globe: Thomson si ferma per tentare la riparazione

Guai grandi e piccoli per tutta la flotta. Anche il leader, Thomas Ruyant è dovuto salire in testa d'albero

Alghero: per 110 studenti il battesimo della vela

Il Covid non ferma la vela, ad Alghero 100 studenti hanno debuttato in barca

Vendèe Globe: match race tra Dalin e Ruyant verso l'Indiano

Per Pedote un 13° posto nel gruppo degli inseguitori. Un controllo alla barca rivela che è assolutamente pronta per il Grande Sud (foto on board Prysmian Group)

Vendée Globe: la calma è la virtù dei Pedote

Il nostro Giancarlo Pedote sta procedendo bene e senza scosse e guadagna posizioni. Ora è decimo a 646 miglia dal leader e viaggia spedito a più di 20 nodi

Europeo Windsurf RS:X a Vilamoura (POR)

Cinque azzurri presenti, tre uomini e due donne. Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Carlo Ciabatti nella flotta maschile.Marta Maggetti e Giorgia Speciale in quella femminile

Vendée Globe: così parlò Jean Le Cam

"Per me il bello di essere vecchio è che più si è vecchi più si ha esperienza. Più cose stupide hai fatto quando sei più giovane e, quando ne hai fatte tante, allora impari cosa non fare"

Trofeo Jules Verne: Coville vola, Cammas si ritira

Thomas Coville su Sodebo Ultim 3 continua la sua discesa dell'Atlantico del Nord in questo sabato mattina, scivolando a oltre 30 nodi mentre Franck Cammas sta rientrando a Lorient dopo aver urtato un UFO

Italia: ecco i migliori ristoranti del Gambero Rosso

2650 locali recensiti in tutta Italia. Quattro big conquistano le Tre forchette. E’ calabrese il Cuoco emergente dell’anno. Il Premio ristoratore dell’anno a una famiglia orientale di Milano

Ma... adottare un delfino per Natale?

Sulla pagina del sito del Centro Ricerca Cetacei troverete tante idee per i regali natalizi da oggettistica, alle adozioni di delfini, all'aggiornato libro di delfini e balene d'Italia e voucher per esperienze a bordo

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci