domenica, 24 gennaio 2021


ARGOMENTI
IN EVIDENZA

laser    cambusa    america's cup    press    vendée globe    trofeo jules verne    porti    trasporto marittimo    fiv    guardia costiera    ambiente    yacht club costa smeralda    nomine    young azzurra   

FIV

Luca Coslovich vince il primo trofeo interzonale di e-sailing FIV

luca coslovich vince il primo trofeo interzonale di sailing fiv
redazione

Con uno spettacolare rush conclusivo tra Finale (tra 19 concorrenti) e Medal Race tra i top-10, va in archivio la regata di vela virtuale MILLE PER UNA VELA, promossa e organizzata dalla Federazione Italiana Vela nei giorni del lockdown. Un successo che è il caso di definire senza precedenti: i numeri infatti dicono che questa è stata la regata e-sailing più affollata al mondo. 
 
Oltre ai 1700 partecipanti da tutte le 15 Zone FIV, ai quali si sono aggiunti i 9 campioni azzurri e di Luna Rossa nel giorno conclusivo, l'evento è stato un successo di pubblico, con migliaia di persone raggiunte, interazioni e visualizzazioni delle dirette commentate delle regate.
 
IL PODIO
Dopo la Medal il vincitore di MILLE PER UNA VELA è risultato Luca Coslovich (nickname SNPJ Luca56124), appena 16 anni e decisamente nativo digitale, bronzo Mondiale e-sailing in carica, che ha battuto proprio Filippo Lanfranchi (Velista71) che è il campione mondiale in carica. Al terzo posto uno strepitoso Giuseppe D’Amato (Peppe D'Amato 470 ITA9), giovane del Circolo Vela Bari.
 
LA FINALE
La finale si è disputata domenica 26 aprile alle 10. Ai 10 finalisti qualificati dopo Batterie, Ripescaggi e Semifinali, si sono aggiunti nove campioni della vela aggiunti alla Finale. Nascosti sotto uno pseudonimo di un grande navigatore della storia, sono entrati in gara quattro atleti della Squadra Nazionale di vela olimpica e cinque componenti dell’equipaggio di Luna Rossa Prada Pirelli Team. 
 
Le regate sullo schermo hanno confermato che sui campi di Virtual Regatta gli equilibri possono cambiare. I vari big come Ruggero Tita, Max Sirena, Francesco Bruni, velisti che in acque reali nessuno vorrebbe avere come rivali, hanno sofferto contro gli esperti della vela elettronica, nonostante molti degli aspetti tra i due sport siano assai simili (l'importanza della partenza, la capacità di leggere il vento, la tattica, le manovre, le regole). 
 
Dei nove campioni solo due sono riusciti a conquistare la Medal Race: Gianmarco Togni (prodiere della classe olimpica 49er) e Umberto Molineris (ex 49er a sua volta, e oggi nel team Luna Rossa), che hanno poi chiuso rispettivamente all'8° e al 10° posto, mentre gli atti otto sono tutti specialisti del software di simulazione adottato da World Sailing e FIV fin come piattaforma ufficiale per questo e-sport.
 
La classifica della finale:

https://sailranks.com/v/regattas/1372

 

Luca Coslovich, il vincitore:
"All'inizio ero emozionato, quasi come al Mondiale a Bermuda, poi mi sono calmato e alla fine sono contento, è andata bene. La tensione da scaricare è uno dei punti importanti delle regate virtuali."
 
Max Sirena (Skipper Luna Rossa):
"Molto divertente, una gran bella iniziativa. Certo la vela virtuale e quella reale sono diverse, su una barca vera non basta schiacciare un tasto per fermarti o manovrare, però alcune dinamiche sul campo di regata sono molto simili. Per la tattica, forse sarebbe bello rendere il campo di regata più imprevedibile con più salti di vento. E' un ottimo allenamento per la testa, devi prendere decisioni in gran fretta."
 
Francesco Ettorre (Presidente FIV): 
"Sono molto felice del successo di questa iniziativa. Oltre a essere particolarmente adatta al periodo che stiamo vivendo, la vela virtuale sta crescendo molto e sta creando anche punti di contatto la passione su cui si basa quella reale. L'Italia esprime il primo e il terzo e-sailor a livello mondiale, e i numeri di questa regata lo confermano. Grazie a tutti e alla prossima, sperando anche che tutti i velisti possano presto tornare in acqua!"

 









I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

Luna Rossa: salvi per il rotto della ...scuffia

Ma nonostante le apparenze la barca si è comportata bene. Contro Ineos annullata una prima regata che Luna Rossa stava conducendo e contro American Magic è stata una regata al buio per il mancato funzionamento del Racing Software

America's Cup: Patriot rientrerà solo per le semifinali

Le riparazioni del carbonio saranno effettuare in parte utilizzando boat builders locali per ricostruire i pannelli rovinati, in parte con lo shore team che si occuperà delle finiture

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

Young Azzurra si prepara per gli impegni sportivi del 2021

Il team sarà impegnato nella Youth Foiling World Cup e nel circuito di regate della Persico 69F Cup

Trofeo Jules Verne: timone rotto per Gitana 17 che fa rotta verso Cape Town

Non possiamo riparare un danno del genere in mare e non possiamo più usare il nostro timone. Lo abbiamo sollevato e ora stiamo navigando a babordo senza timone. Siamo al sicuro, ma non siamo in grado di andare veloce

Itama, grandi emozioni

Contatto diretto con il mare, look mediterraneo e nuove motorizzazioni rafforzano il rinnovamento della gamma Itama

Antonini Navi: UP40 Crossover prende forma!

Procede spedita la costruzione della prima unità UP40 di Antonini Navi, i cui lavori sono iniziati on spec i primi di dicembre scorso. La sua versione Crossover si migliora con una soluzione open dell’area poppiera, assecondando le richieste del mercato.

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci