sabato, 23 gennaio 2021

VELA OLIMPICA

Kieler Woche: Nacra 17, Ruggero Tita e Caterina Banti aumentano il vantaggio

kieler woche nacra 17 ruggero tita caterina banti aumentano il vantaggio
Roberto Imbastaro

Arriva il vento forte a Kiel, dai 15 nodi delle prime regate si è arrivati fino a 25 con raffiche a 30 nodi sul finire del programma. Una giornata ricca di prove che ha regalato fatiche e soddisfazioni ai velisti e spettacolo al pubblico, che sta seguendo sulla rete le regate in diretta streaming.


Continua il buon comportamento dei velisti azzurri presenti a Kiel: con una sola giornata di regate ancora da disputare, abbiamo cinque equipaggi nella top-10 delle classifiche in tre classi. Si rafforza il primato in testa alla classifica del catamarano misto foiling Nacra 17 per Ruggero Tita e Caterina banti (Fiamme Gialle - CC Aniene), mentre nel singolo Laser Alessio Spadoni (6) e Giovanni Coccoluto (8) sono tra i primi dieci, e infine nell'acrobatico 49er FX femminile le giovani Jana Germani e e Giorga Bertuzzi (Sirena-FV Malcesine), si difendono alla grande nella giornata di ventone, e pur perdendo il posto sul podio mantengono un ottimo 7° posto.

Anche il DT azzurro Michele Marchesini alla fine della terza giornata della Kieler Woche, resta prudente e ripete la massima di ieri: "Un'altra giornata difficile, e ancora positiva per noi. Restiamo concentrati."

 

Nacra 17 catamarano misto foiling (25 equipaggi), 3 team italiani
Quattro regate corse, tre delle quali vinte trionfalmente: Ruggero Tita e Caterina Banti (Fiamme Gialle-Aniene) sembrano tornati la coppia imprendibile vista in gran parte del quadriennio. La tripletta che ha chiuso la loro giornata (7-1-1-1) ha lasciato a distanza tutti i fortissimi rivali (comprese due delle tre medaglie olimpiche di Rio 2016). I primi inseguitori degli azzurri sono gli inglesi Gimson e Burnet, secondi staccati di 12 punti. Terzi i tedeschi Kohlhoff-Stuhlemmer a 21 punti. Su alti livelli anche Vittorio Bissaro e Maelle Frascari (Fiamme Azzurre-Aniene), che sono al 6° posto (11-4-5-4 i piazzamenti di giornata) a soli 16 punti dal podio.
Sfortunati nel finale di giornata i giovani Gianluigi Ugolini e Maria Giubilei (Compagnia della Vela di Roma), costretti al ritiro nella terza prova per la rottura del bompresso, avaria che gli ha impedito anche di partire per la quarta e ultima manche del giorno. Sono al 12° posto e solo questo contrattempo impedisce di vedere tutti e tre i catamarani italiani nei primi 10 della classifica.

Laser Standard maschile (totale 105 iscritti), 9 timonieri italiani
La grande flotta di Laser ha iniziato le finali con cinque dei sei timonieri azzurri promossi nella categoria Gold (i migliori 40 dopo le qualifiche). Tre prove molto fisiche in condizioni dure che hanno ridisegnato la classifica. In testa ora c'è l'inglese Beckett, davanti al tedesco Buhl e all'altro inglese Hanson, tutti in soli 5 punti. Una grande giornata (4-8-2 di manche) consente ad Alessio Spadoni (Aniene) di scalare la classifica dal 13° al 6° posto assoluto. Più dura con il vento forte per Giovanni Coccoluto (Fiamme Gialle) che però si difende (13-24-18) e chiude la giornata all'8° posto. 16° Marco Gallo (Fiamme Gialle) (17-16-15 di giornata), 20° Gianmarco Planchesteiner (Fiamme Gialle) (24-17-17), 27° Dimitri Peroni (FV Malcesine) (18-27-30). Unico in flotta Silver è Matteo Paulon (YC Cannigione), 54° assoluto (17-15-7 di flotta).

 

49er FX doppio acrobatico femminile (52 equipaggi), 4 team italiani

Quattro regate impegnative anche per le ragazze della deriva acrobatica, con tutti e tre gli equipagi italiani in flotta Gold. Volano in testa le tedesche Lutz e Beucke, appena davanti alle statunitensi Roble e Shea, grandi protagoniste di giornata con due primi e un secondo e alle inglesi Dobson e Tidey, tutte atlete abituate al vento forte. Le giovani azzurre Jana Germani e Giorga Bertuzzi (Sirena-FV Malcesine) che erano terze, non sono crollate e hanno retto il confronto, superando anche un brutto inizio di giornata senza farsi condizionare e restando regolari (26-7-7-7), e adesso sono al 7° in generale a 13 punti dal podio. Per loro Kiel resta molto positiva. Appena fuori dalla top-ten (11°) Alexandra Stalder e Silvia Speri (CN Bardolino-FV Peschiera) (14-11-6-10 di giornata). Si difendono anche Carlotta Omari e Matilda Distefano (Fiamme Gialle-Triestina Vela), specialiste con vento leggero, che sono al 18° posto (13-12-26-13).

Laser Radial femminile (57 iscritte), 4 timoniere italiane
Terzetto di testa con piccoli aggiustamenti: sempre prima Marit Bouwemeester, seconda la danese Anne-Marie Rindom che supera l'ungherese Maria Erdi, terza. Le azzurre: 17° posto per Silvia Zennaro (Fiamme Gialle) che resta in ombra (20-36-25 di giornata), 20° Carolina Albano (Fiamme Gialle) più in palla (13-16-21), 22° Joyce Floridia (Fiamme Gialle) (22-24-18) e sempre 36° Francesca Frazza (FV Riva) (42-42-36).

49er doppio acrobatico maschile (56 equipaggi), 4 equipaggi italiani
Sempre primi i danesi Jonas Warrer e Jacob Precht Jensen, secondi gliolandesi Lambriex e Vugt e terzi i francesi Roual e Amoros.
Due dei quattro equipaggi azzurri in Finale con la flotta Gold dei migliori: al 18° posto Uberto Crivelli Visconti e Leonardo Chistè (Marina Militare-FV Riva) con prove in miglioramento (21-16-14-10), 21° Simone Ferrarese e Jimmy Togni (CV Bari-Marina Militare) (24-15-17-11).
Nella flotta Silver (due sole prove disputate) i due equipaggi giovani alle prime esperienze internazionali: 28° Matteo Barison e Nicola Torchio (FV Malcesine-SG Salò) (2-7), e 36° Marco Anessi e Edoardo Gamba (AN Sebina-FV Malcesine) (13-RET).

Domenica 13 settembre la Kieler Woche 2020 chiude con due prove in programma per tutte le classi, il programma parte dalle 9:30 per la classe 49er FX, quindi alle 10:00 sarà la volta dei Laser Standard maschili e Radial femminili, poi alle 10:30 tocca ai Nacra 17 e alle 11:00 ai 49er maschili.

 


12/09/2020 20:12:00 © riproduzione riservata








I PIU' LETTI
DELLA SETTIMANA

America's Cup: su e giù dai foil Luna Rossa batte Patriot

E’ stata una giornata complessa ma allo stesso tempo rivelatrice per i tre Challenger impegnati nei Round Robin della PRADA Cup per le difficili condizioni di vento leggero che hanno costretto spesso gli AC75 a scendere dai foil

Luna Rossa: salvi per il rotto della ...scuffia

Ma nonostante le apparenze la barca si è comportata bene. Contro Ineos annullata una prima regata che Luna Rossa stava conducendo e contro American Magic è stata una regata al buio per il mancato funzionamento del Racing Software

America's Cup: Patriot rientrerà solo per le semifinali

Le riparazioni del carbonio saranno effettuare in parte utilizzando boat builders locali per ricostruire i pannelli rovinati, in parte con lo shore team che si occuperà delle finiture

I vincitori del concorso fotografico "Mediterraneo, un mare da scoprire"

la giuria ha decretato i vincitori, premiati con il “celebre” Pandino di cartapesta che il WWF consegna ai suoi partner e testimoni più attenti alle tematiche ambientali e la pubblicazione delle foto sulla rivista Panda digitale

America's Cup: nuovo programma per le eliminatorie della Prada Cup

Qualora INEOS TEAM UK dovesse vincere la regata di sabato, la prova di domenica sarà ridondante in quanto sarà già il primo classificato dei gironi eliminatori e accederà direttamente alla finale della PRADA Cup

America's Cup: in acqua con il terrore di una nuova scuffia

Nel caso una barca si ribalti durante una regata gli Umpires potranno fermare la prova subito dopo e il punto verrà assegnato all’avversario, senza aspettare che la barca riceva aiuti esterni

Vendée Globe: la roulette russa dell'Aliseo

Con l'evoluzione dell'anticiclone, sembra sempre più evidente che non sarà così facile e veloce per i leader collegarsi al treno a bassa pressione proveniente da ovest, con l'obiettivo di raggiungere alle Azzorre il SW favorevole

Young Azzurra si prepara per gli impegni sportivi del 2021

Il team sarà impegnato nella Youth Foiling World Cup e nel circuito di regate della Persico 69F Cup

America's Cup: Ineos vince ma Luna Rossa ci ha provato

E’ stata una regata davvero spettacolare: la leadership è cambiata ben nove volte: un match race a 40 nodi con incroci ravvicinati, ingaggi, proteste. Tutto quello che si chiede a barche ed equipaggi dell’America’s Cup

Itama, grandi emozioni

Contatto diretto con il mare, look mediterraneo e nuove motorizzazioni rafforzano il rinnovamento della gamma Itama

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e pubblicità.  Approfondisci